LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

I 7 EX MINISTRI DELLA CULTURA PER L’AQUILA: più risorse ed un piano organico
00-00-0000





E’ stato presentato questa mattina, alla Camera dei Deputati, l’appello per la ricostruzione del Centro storico dell’Aquila, promosso dall’Onorevole Giovanna Melandri, e sottoscritto da Alberto Ronchey, Domenico Fisichella, Antonio Paolucci, Walter Veltroni, Giuliano Urbani, Rocco Buttiglione, che, nelle precedenti legislature, hanno ricoperto il ruolo di Ministro per i Beni e le Attività Culturali.

Alla presenza del Sindaco dell’Aquila, Massimo Cialente e della Presidente della Provincia, Stefania Pezzopane, i sette ex Ministri hanno ribadito la necessità di individuare, quanto prima, un piano organico, ancora mancante, per avviare la fase di ricostruzione del centro storico dell’Aquila, seriamente compromesso dal sisma. E, rivolgendosi al Governo e all’attuale Ministro, On. Sandro Bondi, hanno chiesto che fossero immediatamente individuate le risorse necessarie a finanziare tale piano, senza affidarsi e attendere ancora l’eventuale generosità dei paesi che, in occasione dello scorso G8, si impegnarono a finanziare il recupero del patrimonio storico dell’Aquila.

In tal senso, la parola d’ordine condivisa da tutti è stata “urgenza”. Urgenza, di ridare alla comunità aquilana quell’identità comunitaria e culturale che è il grande “apporto dell’idea di città alla storia nazionale ed universale”, come sostenuto da Fisichella. Urgenza di comprendere che “il recupero dei singoli monumenti ha poco senso - ha detto Buttiglione citando Benjamin - se non è inserita in quell’unità di contesto che sola rende l’arte umana ed umanizzante”.

Urgenza di lavoro insieme, maggioranza ed opposizione, “per dare risposte concrete ad una comunità ferita, restituendogli quella normalità di vita di cui ha bisogno”, ha detto Veltroni.

Urgenza di ricostruire il tessuto della città affinché anche le nuove generazioni non smarriscano il legame con l’Aquila storica, identificandosi, magari, nel profilo anonimo della New Town”, come ha detto Paolucci.

Ma urgenza anche - ha spiegato Urbani – “di individuare risorse che consentano una pianificazione delle ricostruzioni che sia continuativa e ininterrotta nel medio e nel lungo periodo.”.

E sull’inadeguatezza di quanto stanziato sino ad ora sono intervenuti i due Amministratori locali, richiamando l’attenzione sui costi e sugli sprechi di una gestione solo conservativa e non anche ricostruttiva del centro storico della città. Ha tirato le somme dei lavori Giovanna Melandri, che, citando Giorgio La Pira, ha sottolineato quanto “una città sia qualcosa di “vivo” proprio perché esprime l’identificazione dei luoghi con la storia, i sentimenti e l’anima di chi vi vive e vi si riconosce.”. E ha lanciato un preoccupato allarme “per il grave stallo nel quale versa la ricostruzione del capoluogo abruzzese”.

Per cercare di reagire alla tragedia, gli ex Ministri della Cultura hanno, dunque, concordato nel richiedere al Governo di individuare immediatamente le risorse necessarie nel bilancio ordinario dello Stato, e se non fosse sufficiente anche ricorrendo ad una tassa di scopo una tantum. I lavori si sono chiusi accogliendo l’invito della Presidente Pezzopane che, ringraziando i Ministri per l’impegno, ha proposto loro di ritrovarsi tutti e sette a L’Aquila per quello che potrebbe essere “un G7 della Cultura; certamente più domestico di quello celebrato qualche mese fa, ma, forse, più risolutivo”.


Per informazioni:
0667608826
In allegato il testo dell'appello


APPELLO PER L’AQUILA
“Le città sono vive!”, era solito ripetere Giorgio La Pira, che nella sua esperienza di
ambasciatore della pace nel mondo elaborò quella che successivamente sarebbe stata
riconosciuta come una vera e propria “teologia dei luoghi”. Per il Sindaco di Firenze le città, più
che delle costruzioni, erano delle incarnazioni, dove i caratteri formali dell’urbanistica e quelli
ideali della storia si fondevano insieme, per rendere un’unica testimonianza alla bellezza della
vita e del bene comune.
Il terribile sisma che ha colpito lo scorso 6 aprile L’Aquila, ha reso nuovamente attuale la
riflessione di La Pira. Di fronte alla disperazione di centinaia di famiglie, colpite nei loro affetti
e private delle proprie case, nulla può essere detto e tutto deve passare in secondo piano. Ma è
l’immagine dei monumenti cittadini, colpiti o distrutti, e del tessuto edilizio che li avvolge che
più di ogni altra esprime quel dramma, quella precarietà che trascende il singolo dolore e
diventa sofferenza collettiva di un’intera comunità. A tutti noi restano impressi i fotogrammi
della “Chiesa delle anime sante”, con la sua cupola rovinata a terra, del campanile di San
Bernardino in gran parte crollato, della Basilica di Collemaggio tragicamente colpita in tutta la
parte del transetto, dei crolli del Castello cinquecentesco, simboli dell’identità storica della
città, di una città ora in ginocchio. Questo, oltre ad addolorarci, può ricordarci anche la forza e
l’importanza che l’identità collettiva può avere per uscire dal dramma individuale. Jung ci
insegna quanto, nella nostra esistenza, contino i simboli collettivi, appiglio e misura intorno ai
quali impariamo a conoscerci ed a riconoscerci. Così come un simbolo può esprimere il dramma
di una comunità ferita, la sua ricostruzione può rappresentarne il desiderio di rinascita. La
nostra riflessione, allora, deve trasformarsi necessariamente in una presa d’atto delle nostre
responsabilità e del nostro dovere di agire. Dopo il momento del pianto e del lutto per L’Aquila
deve partire la fase della ricostruzione ed accanto all’emergenza umanitaria è arrivato il
momento di mettere a fuoco un’altra urgenza: quella della salvaguardia e del recupero del
patrimonio storico e artistico. Non si può dimenticare, peraltro, che per la prima volta, nel caso
di L’Aquila non sono singoli monumenti ad essere stati abbattuti, ma l’intero impianto
monumentale ed istituzionale di una città capoluogo. Non si tratta soltanto di far sì che non
vada perduta una parte cospicua delle nostre ricchezze, ma vuol dire prima di tutto salvare
quella che è la ricchezza di un’intera comunità. Perlomeno in un duplice senso. Per prima cosa
salvare il patrimonio urbanistico, artistico e museale di una città vuol dire mettere al sicuro
parte di quella ricchezza da cui quella città potrà ripartire. In secondo luogo, recuperare la
storia e l’arte di una città vuol dire salvaguardarne l’anima. Questo imporrà, necessariamente,
un approccio ricostruttivo più complesso ed articolato che non potrà prescindere da questa
valutazione.
Noi tutti, che in diversi momenti storici abbiamo ricoperto ruoli di responsabilità nella
salvaguardia del patrimonio storico artistico italiano, sappiamo bene quanto difficile sia far
quadrare il bilancio (anche quello ordinario) del MIBAC e comprendiamo le difficoltà anche
dell’attuale Ministro, ma è proprio per questo che ci sentiamo in dovere di opporci alla linea
avanzata da alcuni politici circa la non opportunità di ricorrere a finanziamenti straordinari.
Di fronte a situazioni straordinarie è doveroso, se non è possibile in altro modo, ricorrere a
misure straordinarie. Per questo
CHIEDIAMO
al Presidente del Consiglio dei Ministri,
al Ministro per i Beni e le Attività Culturali On. Sandro Bondi,
ed a tutto il Governo di individuare le risorse straordinarie necessarie alla ricostruzione
dell'Aquila storica e di non escludere l’opportunità di introdurre una tassa di scopo una tantum
senza attendere il sostegno di altri Stati che, se verrà, sarà gradito ed importante, ma che non
può rappresentare l’unica speranza di rinascita di questa straordinaria città monumentale.
ROCCO BUTTIGLIONE, DOMENICO FISICHELLA, GIOVANNA MELANDRI, ANTONIO PAOLUCCI, ALBERTO RONCHEY, GIULIANO
URBANI, WALTER VELTRONI



news

01-03-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 01 marzo 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news