LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

PANIGAI: VECCHI DUBBI SULLA NUOVA PIAZZA
17-12-2009
Alberto Pavan

Partono i lavori, ma il progetto ignora la storicit del borgo Se un qualche poeta si cimentasse a scrivere una Panigaliade, dovrebbe ora cantare il secondo assedio al castello malamente destato dalla sua secolare, arcadica quiete. Gli assedianti, sotto il vessillo di un progetto esecutivo firmato dallarchitetto Massimo Augusto Redigonda, si sentono illuministicamente chiamati a valorizzare il borgo (come se Panigai dallalto dei suoi 800 anni di storia e della sua rustica bellezza avesse poco valore), gli assediati conoscono e amano il borgo da una vita e, per quel misto di meticolosa conoscenza storica e di amore che fa scorgere e gustare la bellezza anche al di l di ci che luccica, si oppongono a qualsiasi intervento che possa snaturare lessenza di Panigai. Gi nel 2005 il Comune di Pravisdomini propose un progetto di recupero del borgo a firma del medesimo architetto che incontr la strenua, ma costruttiva opposizione di un gruppo di Amici di Panigai, appoggiati dalle delegazioni locali del FAI (Fondo Italiano per lAmbiente) e di Italia Nostra, dal Consorzio Castelli e dal gruppo consiliare di opposizione, che vollero porre allattenzione delle istituzioni competenti e dellopinione pubblica la necessit di intervenire sul borgo con rispetto assoluto. La campagna incontr lattenzione e la sollecitudine della Soprintendenza regionale che, in tempi rapidi, promulg un vincolo diretto sulla Chiesa di San Giuliano e un vincolo di rispetto sullintero borgo, a eccezione ahim - del suolo stradale, provvedimenti che asserirono in modo fermo e istituzionale che Panigai ha un valore storico e artistico cos com e che, qualora sintendesse intervenire, lo si dovrebbe fare nel senso della conservazione. Il progetto di allora fu ridimensionato, ma il tempo passa e le amministrazioni politiche cambiano: il gruppo allora allopposizione e ora al potere s convinto che il borgo merita i fasti di una nuova piazza. Si rimuova allora lalberello dal posto in cui le mappe sei e settecentesche del castello hanno sempre segnalato la presenza di un noglaro; si rimpiazzi la modesta fontana con una pi vistosa a tre salti, che ben poco ha a che fare con le vecchie fontane di campagna, ma soprattutto via quello scomodo accesso alla Chiesa, anchesso documentato dalle mappe sempre nel medesimo posto, e si lasci spazio a un sagrato sopraelevato con due rampe di scale laterali, mentre, da che mondo mondo, laccesso esterno di una chiesa in asse con il Santissimo! Ma tutto questo formalmente ottempera alle disposizioni della Soprintendenza e pare dar lustro al borgo, anche se idee e forme sono ben lungi dal far pensare a un progetto pensato esclusivamente per Panigai e fortificato dallo studio delle testimonianze che ancora consentono di ricostruirne la storia. La conoscenza del luogo pare qualcosa di accessorio a tal punto che, quando si sfogliano le cartelle del progetto, larchitetto, al quale gli autoctoni del Comune goffamente non hanno prestato soccorso, persevera a chiamare la piazzetta pre de Bortoli, con buona pace del gesuita pre Bortolo di Panigai il cui nome chi a Panigai suole andare e sostare legge a chiare lettere Visto che dal primo assedio a Panigai scaturito un innegabile miglioramento del progetto, forse anche queste osservazioni non cadranno inascoltate e Panigai potr ancora conservare la sua personalit. Queste osservazioni non intendono boicottare un desiderio di novit e di miglioramento, ma invitare chi esercita il diritto di intervenire sul patrimonio a considerare con umilt che trattare con un borgo medievale - come recita con legittimo orgoglio la targa marrone apposta dal Comune allingresso del paesello - significa anche pensare in termini di restauro e a ricordare quindi ci che Cesare Brandi, autorit indiscussa nella riflessione sullintervento sulle opere darte, scrisse: Il restauro deve mirare al ristabilimento dellunit potenziale dellopera darte, purch ci sia possibile senza commettere un falso artistico o un falso storico, e senza cancellare ogni traccia del passaggio dellopera darte nel tempo.



news

15-12-2017
Seconda interrogazione parlamentare su libere riproduzioni: il caso di Palermo

15-12-2017
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 15 DICEMBRE 2017

13-12-2017
Interrogazione parlamentare su libere riproduzioni. I casi di Napoli e Palermo

06-12-2017
Premio Silvia Dell'Orso 2017

03-12-2017
Novità editoriale - La struttura del paesaggio. Una sperimentazione multidisciplinare per il Piano della Toscana

22-11-2017
Fotografie libere. Lettera di utenti dell'ACS di Palermo al Ministro Franceschini

22-11-2017
COMUNICATO di Cunsta, della Società italiana di Storia della Critica dell'Arte e della Consulta di Topografia Antica sulla Biblioteca di Palazzo Venezia

20-11-2017
Intervento di Enzo Borsellino sulla mostra di Bernini

13-11-2017
Maestri: Emiliani ricorda Edoardo Detti

01-11-2017
Nella sezione Interventi e recensioni un nuovo intervento di Vittorio Emiliani sulla legge sfasciaparchi

01-11-2017
A un anno dal terremoto, dossier di Emergenza Cultura

29-10-2017
Petizione per salvare il Museo d'Arte Orientale dalla chiusura

20-10-2017
Crollo Santa Croce, l'esperto:INTERVISTA - "Da anni chiediamo fondi per consolidare pietre, inascoltati"

20-10-2017
Bonsanti sul passaggio di Schmidt da Firenze a Vienna

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

30-08-2017
Settis sui servizi aggiuntivi nei musei

29-08-2017
Carla Di Francesco il nuovo Segretario Generale - MIBACT

25-08-2017
Fotografie libere per i beni culturali: nel dettaglio le novit apportate dalla nuova norma

21-08-2017
Appello di sessanta storici dell'arte del MiBACT per la messa in sicurezza e la salvaguardia del patrimonio monumentale degli Appennini devastato dagli eventi sismici del 2016

19-08-2017
Dal 29 agosto foto libere in archivi e biblioteche

19-08-2017
Cosenza, brucia casa nel centro storico: tre persone muoiono intrappolate. Distrutte decine di opere d'arte

12-08-2017
Antonio Lampis, nuovo direttore generale dei musei del MiBACT

06-08-2017
L'appello al Presidente Mattarella: i beni culturali non sono commerciali. Come aderire

04-08-2017
Istat: mappa rischi naturali in Italia

03-08-2017
APPELLO - COSA SI NASCONDE NELLA LEGGE ANNUALE PER IL MERCATO E LA CONCORRENZA

31-07-2017
Su eddyburg intervento di Maria Pia Guermandi sulle sentenze del Consiglio di Stato e su Bagnoli- Stadio di Roma

31-07-2017
Comunicato EC Il Colosseo senza tutela: sulle recenti sentenze del Consiglio di Stato

30-07-2017
Dal blog di Giuliano Volpe: alcuni interventi recenti

Archivio news