LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Maglie ferita nel suo patrimonio architettonico, nel silenzio della Soprintendenza!
30-12-2009
Oreste Caroppo

Via Diaz, abbattuto un edificio in pietra leccese e distrutto il suo grande agrumeto


E un Natale da terremotati quello che si vive quest'anno nel rione del Sacro Cuore a Maglie, di fronte ai ruderi e alle macerie del belledificio in pietra leccese e del suo vasto agrumeto, selvaggiamente sradicato, ubicati nel largo della Scuola Elementare Giulio De Giuseppe. La costruzione in gradevole stile lineare stata semiabbattuta proprio alle porte del Natale, palesando cos, nello sfarzo e nel calore delle festivit ferite, tutto lincomprensibile accanimento nei confronti del nostro patrimonio architettonico e urbano, sacrificato per la costruzione dellennesimo avvilente condominio. Cos esordisce la dura lettera di denuncia scritta dal presidente del Movimento per La Rinascita del Salento, Oreste Caroppo. Non si contestano certo le ditte costruttrici, che ricevute le dovute autorizzazione comunali procedono nel loro naturale lavoro, ma le scelte amministrative che hanno permesso e avallato tutto ci! Le scelte di chi chiamato ad armonizzare le vocazioni di singoli cittadini e imprese, con linteresse collettivo, la tutela della nostra identit, leleganza e la bellezza urbana della Citt. Il vecchio edifico ed il suo prezioso polmone verde, rappresentato dal caratteristico grande agrumeto di notevole interesse etnoantropologico e culturale, oltre che ambientale, sorgevano ai confini del centro storico di Maglie, in un quartiere della zona B quasi interamente caratterizzato dalla presenza di edifici in pura pietra leccese. Motivo di forte scandalo questa autorizzata demolizione, sia perch ledificio ricade, per la sua collocazione, nella ovvia fascia di rispetto del centro storico, zona A, sia per la peculiarit dellintera area di ubicazione; ledificio andava pertanto tutelato sia in s, sia per tutelare, con esso, il prezioso contesto urbanistico univoco circostante. E potremmo fermarci al buon senso per auspicare queste dovute cautele, se non fosse che lautorizzazione data viola anche una delibera del 2002 del consiglio comunale di Maglie, con la quale lamministrazione si era preoccupata di tutelare proprio quella tipologia di abitazioni ricadenti in zona B, cui si deve ascrivere la costruzione oggi abbattuta. Si legge in quella delibera, infatti, che Maglie ha una importanza particolare in quanto ritenuta il pi grande centro con edifici realizzati in pietra di Cursi o leccese anche detta -. E sicuramente una caratteristica degna di nota, non solo per lestensione della parte edificata con questa tipologia, ma anche per le linee degli stessi edifici con architettura gentile e lineare che impreziosiscono i palazzi e le singole costruzioni. E un patrimonio che bisogna salvaguardare per il rispetto che dobbiamo avere nei confronti di quelli che verranno. A Maglie anche le zone B sono edificate in pietra leccese come le stesse case del centro storico. A volte con maggior pregio. Eventuali trasformazioni edilizie, demolizioni e ricostruzioni potranno essere autorizzate a condizione che non siano alterati gli aspetti architettonici ambientali e per i prospetti su strada sia fatto uso della pietra di Cursi o similari. Costi amministrativi per produrre carta straccia, dunque, quelli spesi per giungere a quella delibera tanto illuminata quanto disattesa! E alla luce della delibera del 2002, ci si chiede, non doveva la Soprintendenza preposta alla salvaguardia dei Beni Architettonici, avviare le procedure di censimento, vincolo e tutela del patrimonio magliese delle abitazioni in pietra leccese del centro storico e della sua zona B, patrimonio riconosciuto in detta delibera? Ci nonostante, a nulla sono valse le tante telefonate, le mail, le raccomandate con dettagliati studi, con cui diversi cittadini hanno sollecitato quell'ente preposto, al fine di scongiurare questo schiaffo alla Citt, l'ennesimo al suo patrimonio architettonico in pietra leccese: come non ricordare la recente distruzione del pergolato monumentale in pietra di localit Policarita e con esso i recentissimi abbattimenti di diverse preziose e ormai rarissime antiche casette rurali a tegole nella stessa bella contrada, sacrificata, in questi giorni, immolata, alla speculazione edilizia pi selvaggia, poich priva di alcun rispetto per gli stili architettonici identitari e tradizionali di Maglie e della sua campagna, cui sarebbe stato doveroso attenersi! C' dunque in tutto questo una grave, una gravissima assenza, che non possiamo pi tacere; quella della Soprintendenza di Lecce al Paesaggio e ai Beni Architettonici, appunto detta; ma questo caso magliese solo la punta di un iceberg ormai troppo grande per non essere visto e denunciato, e quanto sta avvenendo nel Salento, con le autorizzazioni ottenute ad occhi chiusi da criminosi mega parchi eolici e fotovoltaici, devastanti del territorio e del paesaggio, lo dimostra oltremodo e oltre ogni dubbio! Se solo la Soprintendenza soprintendesse davvero, come suo dovere istituzionale, non sarebbero necessari mille comitati sorti tra i cittadini a difesa del paesaggio, n articoli come questo! Abbiamo bisogno tutti di una Soprintendenza che sappia sbattere i pugni sul tavolo quando serve, contro le amministrazioni troppo permissive, non di un ufficio che si limita ad esprimere pareri, spesso neppure vincolanti! Ma la speranza l'ultima a morire e tutti i comitati, le associazioni e i cittadini che amano il Salento sperano ancora di poter guardare a questo Ente Statale davvero con nuova stima e rinnovata fiducia per il bene di tutti e di tutto il nostro territorio!



news

13-12-2017
Interrogazione parlamentare su libere riproduzioni. I casi di Napoli e Palermo

08-12-2017
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 08 DICEMBRE 2017

06-12-2017
Premio Silvia Dell'Orso 2017

03-12-2017
Novità editoriale - La struttura del paesaggio. Una sperimentazione multidisciplinare per il Piano della Toscana

22-11-2017
Fotografie libere. Lettera di utenti dell'ACS di Palermo al Ministro Franceschini

22-11-2017
COMUNICATO di Cunsta, della Società italiana di Storia della Critica dell'Arte e della Consulta di Topografia Antica sulla Biblioteca di Palazzo Venezia

20-11-2017
Intervento di Enzo Borsellino sulla mostra di Bernini

13-11-2017
Maestri: Emiliani ricorda Edoardo Detti

01-11-2017
Nella sezione Interventi e recensioni un nuovo intervento di Vittorio Emiliani sulla legge sfasciaparchi

01-11-2017
A un anno dal terremoto, dossier di Emergenza Cultura

29-10-2017
Petizione per salvare il Museo d'Arte Orientale dalla chiusura

20-10-2017
Crollo Santa Croce, l'esperto:INTERVISTA - "Da anni chiediamo fondi per consolidare pietre, inascoltati"

20-10-2017
Bonsanti sul passaggio di Schmidt da Firenze a Vienna

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

30-08-2017
Settis sui servizi aggiuntivi nei musei

29-08-2017
Carla Di Francesco il nuovo Segretario Generale - MIBACT

25-08-2017
Fotografie libere per i beni culturali: nel dettaglio le novit apportate dalla nuova norma

21-08-2017
Appello di sessanta storici dell'arte del MiBACT per la messa in sicurezza e la salvaguardia del patrimonio monumentale degli Appennini devastato dagli eventi sismici del 2016

19-08-2017
Dal 29 agosto foto libere in archivi e biblioteche

19-08-2017
Cosenza, brucia casa nel centro storico: tre persone muoiono intrappolate. Distrutte decine di opere d'arte

12-08-2017
Antonio Lampis, nuovo direttore generale dei musei del MiBACT

06-08-2017
L'appello al Presidente Mattarella: i beni culturali non sono commerciali. Come aderire

04-08-2017
Istat: mappa rischi naturali in Italia

03-08-2017
APPELLO - COSA SI NASCONDE NELLA LEGGE ANNUALE PER IL MERCATO E LA CONCORRENZA

31-07-2017
Su eddyburg intervento di Maria Pia Guermandi sulle sentenze del Consiglio di Stato e su Bagnoli- Stadio di Roma

31-07-2017
Comunicato EC Il Colosseo senza tutela: sulle recenti sentenze del Consiglio di Stato

30-07-2017
Dal blog di Giuliano Volpe: alcuni interventi recenti

27-07-2017
MiBACT, presto protocollo di collaborazione con le citt darte per gestione flussi turistici

Archivio news