LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Progettazione in materia di tutela ambientale e paesaggistica
04-01-2010
Antonio Bruno

Abbiamo tutti letto sulla stampa http://www.ilpaesenuovo.it/index.php?option=com_content&view=article&id=11175:poli-bortone-in-ritardo-la-redazione-del-piano-paesaggistico&catid=18&Itemid=53 le parole della Senatrice Adriana Poli Bortone rivolte all’Assessore Regionale Prof.ssa Angela Barbanente che qui riporto: “Nell’auspicio che in tempi brevissimi la Regione provveda, appare quanto mai utile ed interessante la proposta dell’ing. De Fabrizio, presidente dell’ordine degli ingegneri di Lecce, di surrogare i comuni e supportarli, di fatto, istituendo la Commissione del paesaggio. Le singole province, con l’ausilio degli ordini degli ingegneri e degli architetti, potrebbero provvedere in tempi molto rapidi, evitando, cos, un danno formidabile allo sviluppo del territorio pugliese, per il quale ancora una volta dimostrato che una cosa la teoria, altra cosa l’approvazione, con tempi e modalit dovute, di strumenti di programmazione territoriale. Lasciare ancora alle Sovrai ntendenze l’espressione di un parere preventivo vincolante – conclude la senatrice - significa rinunciare ancora una volta a sapersi proporre come protagonisti responsabili dello sviluppo del territorio”. Pur apprezzando l’attenzione e la sensibilit su questi temi delicati e fondamentali del nostro territorio della Senatrice Adriana Poli Bortone sono costretto a rammentare a me stesso che la Legge 7/1/1976 n. 3, successivamente modificata dalla Legge 10/2/1992 n. 152, attribuisce ai Dottori Agronomi e ai Dottori Forestali le seguenti competenze: art. 2, comma 1, lettera r) "lo studio, la progettazione, la direzione, la sorveglianza, la misura, la stima, la contabilit ed il collaudo di lavori inerenti alla pianificazione territoriale ed ai piani ecologici per la tutela dell'ambiente; la valutazione di impatto ambientale ed il successivo monitoraggio per quanto attiene agli effetti sulla flora e la fauna; i piani paesaggistici ed ambientali, per lo sviluppo degli ambiti naturali ed extraurbani; i piani ecologici e i rilevamenti del patrimonio agricolo e forestale" art. 2 comma 2, lettera z) " il recupero paesaggistico e naturalistico; la conservazione di territori rurali , agricoli e forestali; il recupero di cave e discariche naturali" Dunque, rientra nelle competenze dei Dottori Agronomi e Forestali, nei limiti di quanto sopra prescritto, la progettazione in materia di tutela ambientale e paesaggistica. Non risulta, peraltro, dalla previsione normativa richiamata alcuna preclusione ove si tratti di zona soggetta a vincolo paesaggistico; anzi, la norma parla espressamente di piani paesaggistici e ambientali e di recupero paesaggistico e naturalistico. Giova ricordare, inoltre, che la ratio della sottoposizione di una zona a vincolo paesaggistico, comporta la sottoposizione di determinate aree alla tutela di alcuni interessi generali, come quello paesaggistico ( o anche idrico, idrogeologico, storico e simili) con la conseguenza che l'esecuzione di opere edilizie sia subordinata all'autorizzazione ed al nullaosta dell'autorit preposta alla cura dell'interesse considerato. Ne deriva, pertanto, che rimessa alle autorit competenti la valutazione del rispetto del vincolo paesaggistico, nel rilascio o meno del nullaosta e dell'autorizzazione. In ogni caso sar l'autorit competente preposta a ritenere se l'opera realizzata sia o meno rispettosa del vincolo. Non si pu, pertanto, ritenere necessaria una competenza specifica in caso di area sottoposta a vincolo, rientrando espressamente in quelle previste dalla citata legge professionale. In particolare, la legge 8/8/1985 n. 431 recante "Disposizioni urgenti per la tutela delle zone di particolare interesse ambientale ", all'art. 1 ter prevede che siano le regioni ad individuare le aree in cui vietata ogni modificazione dell'assetto del territorio nonch qualsiasi opera edilizia, con esclusione degli interventi di manutenzione ordinaria, straordinaria, di consolidamento stativo e di restauro conservativo che non alterino lo stato dei luoghi e l'aspetto esteriore degli edifici "" Non vi alcuna prescrizione normativa, pertanto, che impedisca a dottori agronomi e forestali di firmare progetti ambientali e pratiche ambientali, nel rispetto delle competenze di cui al citato art. 2 comma 2 della legge professionale; n costituisce un limite il fatto che l'opera debba essere realizzata in area sottoposta a vincolo. Infine a proposito della richiesta fatta dall’Ing. De Fabrizio Presidente dell’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Lecce del tutto evidente che un ausilio nell’ eventuale costituzione di una da lui auspicata Commissione del Paesaggio dovrebbe arrivare dall’Ordine dei Dottori Agronomi e dei Dottori Forestali che per legge hanno la competenza professionale in materia di Progettazione in materia di tutela ambientale e paesaggistica. Far questa proposta all’Ordine di Lecce di cui mi onoro essere Consigliere affinch la Federazione Regionale si faccia portatrice di tale istanza.



news

21-05-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 21 maggio 2019

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

Archivio news