LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

ELAZIONE NUCLEO CC TUTELA -Palazzo Litta - 4 febbraio 2010 - Attività Nucleo CC Tutela Patrimonio Culturale di Monza
04-02-2010
Andrea Lari

Ministero per i Beni e le Attività Culturali
Comando Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale
- Nucleo di Monza -
Viale Brianza, 2 - Villa Reale
tel. 039/2303997 – 039/2300741 fax 039/2304606
(e-mail: tpcmznu@carabinieri.it)


ATTIVITA’ OPERATIVA 2009


1. GENERALITA’

La Regione Lombardia costituisce territorio-ponte rispetto al cuore economico finanziario della Comunità Europea con una spiccata propensione allo scambio commerciale e culturale di respiro internazionale. In Regione sono presenti i più importanti scali aeroportuali internazionali del Nord Italia e le frontiere terrestri con la Svizzera, nazione con la quale l’Italia ha solo recentemente stipulato trattati bilaterali per il rientro, in regime di reciprocità, dei beni culturali illecitamente esportati ed oggetto di fattispecie penali riconosciute.
In tale ottica non è infrequente constatare come i reati concernenti le opere d’arte e i beni culturali concorrano con fattispecie di reati contro la pubblica amministrazione e leggi speciali doganali e fiscali (Es. contrabbando di reperti archeologici provenienti prevalentemente dall’area dello Scudo centrale asiatico, Medio Oriente e Sud-America, riciclaggio denaro provento di altri reati di natura fiscale, mancata osservanza dei vincoli da parte degli enti locali, omissioni o abusi di atti d’ufficio legati alle prescrizioni di tutela diretta o indiretta).
È altresì frequente l’esportazione illecita di opere d’arte, mentre il reato più perseguito è la ricettazione, per lo più commessa da collezionisti, mercanti d’arte ed antiquari spesso con la presenza di intermediari, veri faccendieri, ben inseriti nel settore.
Nel corso del 2009, anno del “Quarantennale del Comando Carabinieri T.P.C.”, le attività si sono concentrate, in particolare, nel rintraccio e recupero di importanti opere d’arte compendio di furti anche lontani nel tempo, riprendendo il filo di indagini anche datate. Il reato di contraffazione di opere d’arte è parimenti presente nelle attività d’indagine condotte da questo Nucleo.



a) Furti (Dati SED)
I furti denunciati nell’anno 2009 sono stati 106, un calo complessivo di 28 rispetto allo scorso anno 2008. Obiettivi principali sono stati: enti pubblici (6 furti), chiese (40 furti), privati (58 furti), musei (2 furti).

FURTILOMBARDIA 2008 2009
134 106

FURTILOMBARDIA 2009
MUSEI 2
ENTI PUBBLICI 6
CHIESE 40
PRIVATI 58
TOTALE 106


Le province più colpite risultano essere: Milano, Brescia, Bergamo e Cremona, in particolare privati e chiese delle Alpi e Prealpi lombarde.
Tipologie di oggetti maggiormente trafugati sono: dipinti, sculture (in particolare lignee),ebanisteria nonchè beni librari e archivistici

FURTI IN LOMBARDIA SUDDIVISI PER PROVINCIA

FURTI NELLE PROVINCIE LOMBARDE SUDDIVISI PER TIPOLOGIA

OGGETTI TRAFUGATI SUDDIVISI PER MATERIA
ARMI ARTISTICHE 0
ARTE TESSILE 13
BENI LIBRARI 95
EBANISTERIA 146
FILATELIA 0
GRAFICA 21
MISCELLANEA 189
NUMISMATICA 0
OGGETTI CHIESASTICI 64
OREFICERIA 1
OROLOGI 16
PITTURA 207
REPERTI ARCHEOLOGICI 1
SCULTURA 193
STRUMENTI MUSICALI 0
VASELLAME 59

TOTALE 1005

Dall’analisi si constata pertanto il trend tendente al decremento del fenomeno legato a più fattori:
- costante attività di sensibilizzazione pubblica, (Diocesi, Scuole, Fondazioni, Associazioni di Categoria, Enti Locali e privati);
- congiuntura economica (minore domanda quindi minore offerta criminale);
- maggiore presenza di tecnologia per la sicurezza;
- presenza di rappresentante del Nucleo CC TPC all’interno della Commissione Regionale per l’accreditamento museale (controllo e verifica dello status giuridico dei beni d’arte oggetto di acquisizioni e/o donazioni)
- attività di catalogazione di enti e istituti ecclesiastici in costante aumento.

b) Scavi clandestini
Nell’anno 2009 il fenomeno non è stato riscontrato nell’area Lombarda. Si rimane tuttavia in stretto contatto con tutti i funzionari della Soprintendenza per i Beni Archeologici di Milano, competente per territorio. Aree di interesse operativo per la specifica problematica comunque risultano, da sempre, essere quelle della Lomellina Pavese e dei dintorni di Lodi Vecchia, zone a coltivazione stagionale ed a risaia, costituenti cosiddetta “riserva archeologica”.

2. ATTIVITA’ OPERATIVA DEL NUCLEO TPC DI MONZA (MB)

L’attività operativa dell’anno 2009 ha visto i Carabinieri del Nucleo T.P.C. di Monza deferire in stato di libertà nr. 73 individui e procedere ad 1 arresto. Sono stati sequestrati e recuperati complessivamente nr. 879 opere d’arte e beni culturali (in particolare nr. 321 archeologia, nr. 217 paleontologia, nr. 301 antiquariali, archivistici e librari e nr. 40 falsi). L’importo complessivo dei valori dei beni culturali recuperati e sottratti al mercato illecito è il seguente: Euro 4.853.000. complessivi per i beni archivistici, antiquariali ed archeologici; Euro 10.043.000 per quelli risultati contraffatti e falsificati.
Le attività d’indagine sono state coordinate da varie Procure della Repubblica lombarde e del territorio nazionale nonchè dalla D.D.A. di Milano. La collaborazione e la cooperazione con i Reparti territoriali e specializzati dell’Arma dei Carabinieri nonché delle altre FF.PP. è stata piena e fattiva.

3. CONSIDERAZIONI

a) archeologia e paleontologia

Nel decorso 2009 i risultati di mirate attività di indagine ed i conseguenti sequestri e recuperi di beni archeologici provenienti dall’estero, hanno dato conferma di un fenomeno, quello del contrabbando e ricettazione di beni culturali provenienti da Paesi stranieri, in costante e notevole crescita.
La Regione Lombardia, in tal senso, è crocevia delle rotte internazionali dell’illecito: essa rappresenta non solo terra di transito ma anche di destinazione definitiva. I numerosi, notevoli ed economicamente rilevanti beni di natura archeologica esteri, sequestrati dai Carabinieri del Nucleo di Monza, sono sempre più oggetto di illecita acquisizione da parte di mercanti e collezionisti senza scrupoli, movimentati da intermediari e faccendieri di livello internazionale, avvalendosi anche di soggetti ben inseriti nel settore dell’arte e case d’asta compiacenti.
Va inoltre aggiunto che tali beni culturali provenienti dall’estero hanno anche consentito operazioni non trasparenti di movimentazione di capitali ed in ultima istanza il concretizzarsi del reato di riciclaggio attraverso più passaggi di compravendita.
Le rotte dell’illecito, evidenziate nell’anno 2009 sono state le seguenti:
1. beni culturali di natura archeologica provenienti dallo Scudo centrale asiatico e Medio Oriente;
2. beni culturali di natura archeologica provenienti dalla Cina;
3. beni culturali di natura archeologica provenienti dal Sud America .
Stretti e costanti sono i contatti con tutte le dogane terrestri ed aeroportuali presenti in Lombardia ed in Nord Italia; efficace e particolarmente apprezzato è il rapporto con il Museo Nazionale d’Arte Orientale di Roma, che fornisce il supporto tecnico scientifico alle indagini.
Nell’anno 2009 questo Nucleo ha proseguito le attività di indagine finalizzate al contrasto del fenomeno poco conosciuto e perseguito della illecita detenzione e commercializzazione di materiale paleontologico.

b) antiquariato, beni librari ed archivistici

Nell’anno 2009 il settore è stato monitorato con una costante attività di sensibilizzazione pubblica, in particolar modo nei confronti di Diocesi, Fondazioni, Associazioni di Categoria, Enti Locali e privati. I militari del Nucleo di Monza hanno iniziato e condotto a termine nell’anno importanti attività di indagine, concentrando, come citato, gli sforzi operativi sulla ricerca dei più importanti beni culturali trafugati in Lombardia , soprattutto ecclesiastici, di rilevante significato e valore storico-culturale-artistico.
In particolare sono da segnalare:
1) il recupero di un dipinto saccheggiato in Lastra Signa dai nazisti durante la II° Guerra Mondiale, “Figura femminile “ di Justus Sustermans, restituito alla Diocesi di Assisi ;
2) il recupero in Maastricht (NL) del notevole dipinto di Giorgio Morandi ; “ Natura morta con bottiglie”, trafugato in Milano ai danni di privato in data 15 agosto 1972 ed inserito nel Bollettino delle opere d’arte da ricercare , n.21,pag.176;
3) il recupero del dipinto dal titolo “ Il suicidio di Lucrezia” opera di Lucas Cranach, compendio di rapina a mano armata nei confronti di privato, perpetrata in Palermo in data 30 settembre 1989;
4) il recupero di importante dipinto opera maestro Giacomo Parolini ( 1663-1733) trafugato da Basilica Santa Maria in Vado (FE) 26 aprile 1994 ( inserito nel Bollettino delle opere arte da ricercare, n.17 pag. 81);
5) il recupero di importante dipinto opera maestro Giovanni Battista Discepoli detto “Zoppo di Lugano “ (1595-1654) trafugato da Castello Durini , immobile dichiarato “Monumento Nazionale” in data 23 giugno 1984 ( inserito nel sito Arma Carabinieri dei beni culturali illecitamente sottratti da ricercare).
Per quanto concerne il settore dei beni librari ed archivistici, lo stesso è stato costantemente monitorato, così da ottenere il sequestro ed il recupero di centinaia di beni, trafugati dagli Archivi di Stato ed ecclesiastici della Lombardia.

c) contraffazione e falsificazione

Il Nucleo nell’anno 2009 ha continuato a concentrare le sue attività d’indagine sulle opere falsificate e contraffatte di alcuni artisti importanti che costituiscono una buona fetta di mercato dell’arte contemporanea italiana ed internazionale individuando e riuscendo così a sottrarre dal mercato lecito opere “asseritamente” uniche, già presenti nel circuito dei passaggi di compravendita per valori di milioni di Euro.
Gli esiti delle numerose indagini svolte, i dati statistici pervenuti e le acquisizioni informative confermano che la specifica attività criminosa è in continua espansione, per una concomitante serie di cause, alcune di carattere “tecnico”, concernenti in particolare le modalità di riproduzione seriale proprie dell’arte contemporanea, altre connesse con la congiuntura economica, che spinge gli acquirenti di opere d’arte a investire risorse rivolgendosi a un mercato talvolta “disinvolto”, altre ricollegabili a debolezze intrinseche del circuito artistico-commerciale. In particolare, l’analisi qualitativa evidenzia un’amplissima diffusione del fenomeno soprattutto per l’arte contemporanea (scultura, grafica, pittura), pur con una netta ripresa dell’attività anche in campo archeologico.
Nello specifico settore il Comando CC TPC ha perciò affinato l’attività di contrasto, continuando a rivolgere l’attenzione non tanto alle singole evenienze del mercato, ma alle filiere organizzate che dalla produzione arrivano sino alla commercializzazione.

e) tutela siti UNESCO e di interesse storico-culturale

Costante è stato il controllo ed il monitoraggio dei siti Unesco presenti in Regione Lombardia, condotto anche grazie all’ausilio del Nucleo Elicotteri Carabinieri di Orio al Serio (BG). In merito non sono state rilevate situazioni particolari.
Alla stessa stregua è importante segnalare la collaborazione con il Museo della 1° Guerra Mondiale di “Temù e Colico” finalizzata al controllo dei siti storici e delle trincee di alta quota della Grande Guerra, testimonianze di immani sacrifici e di elevati valori: grazie a tale collaborazione,ed all’intervento ed alla sensibilità della Regione Lombardia si è arrivati in data 4 novembre 2008 alla approvazione della prima legge regionale di tutela e valorizzazione dei siti della “ Grande Guerra”.







news

25-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news