LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

ALLA SCOPERTA DEL TESORO SOMMERSO DI PIAZZA DEL PLEBISCITO
08-02-2010
Angelo Forgione

ALLA SCOPERTA DEL TESORO SOMMERSO DI PIAZZA DEL PLEBISCITO

Nella piazza "giace" un costoso maxischermo mai utilizzato

VIDEO-DENUNCIA: http://www.youtube.com/watch?v=nx9JWCO4Cyo

(Nel caso di utilizzo delle foto ESCLUSIVE allegate si prega di citare la fonte)

Un'appendice esterna del teatro "San Carlo" appena restaurato resta inutilizzata. E si trova proprio sotto la pavimentazione di Piazza del Plebiscito. C ma non si vede, o meglio si potrebbe vedere se fosse usato. E tocca ritornare a parlare dellimpianto di illuminazione dei monumenti realizzato da Valerio Maioli Group neutralizzato da una manutenzione scellerata che ha lasciato il Plebiscito e Castel dellOvo al buio. Limpianto, che non riguarda solo lilluminazione monumentale, ha un suo corredo multimediale anchesso abbandonato, ma in un posto davvero insospettabile.

Per rendersene conto baster farsi un giro in Piazza del Plebiscito e posizionarsi tra i due monumenti equestri dedicati a Carlo e Ferdinando di Borbone. Tra di essi, sotto ai nostri piedi, sar possibile notare delle botole apparentemente insignificanti ma che in realt nascondono un grande spreco tra i tanti di quellimpianto avveniristico firmato Maioli. Sotto il livello della pavimentazione giace un maxischermo in fibra speciale di circa 180 metri quadri che, tramite una struttura oleodinamica in acciaio zincato ed alluminio, consentirebbe di proiettare in diretta gli spettacoli del Teatro San Carlo o altre manifestazioni. Dei bracci telescopici per il sollevamento della struttura dal basso non vengono azionati dal 2001, cos come quello che si trova qualche decina di metri in direzione Palazzo Reale che servirebbe da supporto al sofisticato videoproiettore in dotazione con lenti anamorfiche. Completa lattrezzatura un rack di amplificazione con relative casse acustiche. Tutto sprecato e custodito un po in magazzino, un po sotto la piazza.

Le foto esclusive, dagli scavi alla consegna, si riferiscono ai lavori di installazione datati appunto 2001, quando il maxischermo fu pensato per ottenere una reale integrazione della cittadinanza con gli eventi culturali della citt. Occasione mai sfruttata!!!

La regia audio-video, sempre firmata Maioli, proprio alle spalle del palco del San Carlo, recuperata e utile per le produzioni multimediali del massimo partenopeo. Unica anchessa grazie ad un joystick che permette di comandare in remoto le telecamere senza arrecare disturbo sonoro alle rappresentazioni teatrali. Grazie alla fibra ottica che scorreva tra il teatro e il maxi-schermo era possibile registrare gli eventi e le rappresentazioni all'interno del Teatro San Carlo e diffonderle in piazza del Plebiscito, ma anche nei ricoveri per gli anziani secondo le previsioni di allargamento del progetto. Un grande progetto sotto il profilo sociale: la cultura sarebbe uscita dal massimo partenopeo e sarebbe stata offerta alla cittadinanza, cosa che non mai avvenuta.

Il rilancio della citt passa anche attraverso la cultura e invece ai napoletani preclusa anche la possibilit esistente di fruirne. Riflettori spenti sulla cultura e luci spente sui monumenti dunque, e loscurit avvolge la speranza di una Napoli possibile.

Il Movimento V.A.N.T.O. chiede che, essendo stati spesi dei soldi per dare ai napoletani una grande opportunit culturale, lo schermo venga riattivato e si possa godere di alcuni spettacoli del teatro "San Carlo" attraverso la tecnologia esistente.


Per quanto riguarda l'iiluminazione della piazza, lAssessore al Turismo Valeria Valente ci fa sapere con protocollo n.70/U del 18 Gennaio 2010 che stato predisposto dal Servizio Illuminazione Pubblica un progetto per potenziare limpianto esistente d'intesa con la Soprintendenza ai Beni Architettonici. Si prevedono il riutilizzo dei percorsi del precedente impianto, il ripristino dei corpi illuminanti installati nella piazza e la realizzazione di una nuova illuminazione in Via Cesario Console con candelabri e senza sospensioni.

Il progetto prevede lilluminazione della Basilica di San Francesco di Paola, del colonnato e delle sculture sovrastanti, di Palazzo Reale, dei palazzi Salerno, della Foresteria, alloccorrenza, anche dei fabbricati di Pizzofalcone, ma non si parla delle statue equestri dei sovrani borbonici.
Tempi non precisati per una prima prova di accensione dopo la quale sar bandita una gara europea per lindividuazione della ditta che curer lintervento previsto, nelle migliori previsioni, nel giro dei prossimi dodici mesi.

Ma una riflessione sorge spontanea: era certamente pi efficace ed economico aver cura dellimpianto di Valerio Maioli con una buona manutenzione e non lasciarlo morire. Ma visto che ci non stato, perch non si richiesto un intervento di ripristino pi celere da parte di chi lha realizzato invece di delegare qualcun altro a far rimetter mano ad un impianto da lui conosciuto?
Angelo Forgione
Movimento V.A.N.T.O.
(Valorizzazione Autentica Napoletanit a Tutela dell'Orgoglio)
Rappresentante per la citt di Napoli del Parlamento delle Due Sicilie

http://www.youtube.com/watch?v=nx9JWCO4Cyo


news

23-05-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 23 maggio 2019

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

Archivio news