LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

ALLA SCOPERTA DEL TESORO SOMMERSO DI PIAZZA DEL PLEBISCITO
08-02-2010
Angelo Forgione

ALLA SCOPERTA DEL TESORO SOMMERSO DI PIAZZA DEL PLEBISCITO

Nella piazza "giace" un costoso maxischermo mai utilizzato

VIDEO-DENUNCIA: http://www.youtube.com/watch?v=nx9JWCO4Cyo

(Nel caso di utilizzo delle foto ESCLUSIVE allegate si prega di citare la fonte)

Un'appendice esterna del teatro "San Carlo" appena restaurato resta inutilizzata. E si trova proprio sotto la pavimentazione di Piazza del Plebiscito. C ma non si vede, o meglio si potrebbe vedere se fosse usato. E tocca ritornare a parlare dellimpianto di illuminazione dei monumenti realizzato da Valerio Maioli Group neutralizzato da una manutenzione scellerata che ha lasciato il Plebiscito e Castel dellOvo al buio. Limpianto, che non riguarda solo lilluminazione monumentale, ha un suo corredo multimediale anchesso abbandonato, ma in un posto davvero insospettabile.

Per rendersene conto baster farsi un giro in Piazza del Plebiscito e posizionarsi tra i due monumenti equestri dedicati a Carlo e Ferdinando di Borbone. Tra di essi, sotto ai nostri piedi, sar possibile notare delle botole apparentemente insignificanti ma che in realt nascondono un grande spreco tra i tanti di quellimpianto avveniristico firmato Maioli. Sotto il livello della pavimentazione giace un maxischermo in fibra speciale di circa 180 metri quadri che, tramite una struttura oleodinamica in acciaio zincato ed alluminio, consentirebbe di proiettare in diretta gli spettacoli del Teatro San Carlo o altre manifestazioni. Dei bracci telescopici per il sollevamento della struttura dal basso non vengono azionati dal 2001, cos come quello che si trova qualche decina di metri in direzione Palazzo Reale che servirebbe da supporto al sofisticato videoproiettore in dotazione con lenti anamorfiche. Completa lattrezzatura un rack di amplificazione con relative casse acustiche. Tutto sprecato e custodito un po in magazzino, un po sotto la piazza.

Le foto esclusive, dagli scavi alla consegna, si riferiscono ai lavori di installazione datati appunto 2001, quando il maxischermo fu pensato per ottenere una reale integrazione della cittadinanza con gli eventi culturali della citt. Occasione mai sfruttata!!!

La regia audio-video, sempre firmata Maioli, proprio alle spalle del palco del San Carlo, recuperata e utile per le produzioni multimediali del massimo partenopeo. Unica anchessa grazie ad un joystick che permette di comandare in remoto le telecamere senza arrecare disturbo sonoro alle rappresentazioni teatrali. Grazie alla fibra ottica che scorreva tra il teatro e il maxi-schermo era possibile registrare gli eventi e le rappresentazioni all'interno del Teatro San Carlo e diffonderle in piazza del Plebiscito, ma anche nei ricoveri per gli anziani secondo le previsioni di allargamento del progetto. Un grande progetto sotto il profilo sociale: la cultura sarebbe uscita dal massimo partenopeo e sarebbe stata offerta alla cittadinanza, cosa che non mai avvenuta.

Il rilancio della citt passa anche attraverso la cultura e invece ai napoletani preclusa anche la possibilit esistente di fruirne. Riflettori spenti sulla cultura e luci spente sui monumenti dunque, e loscurit avvolge la speranza di una Napoli possibile.

Il Movimento V.A.N.T.O. chiede che, essendo stati spesi dei soldi per dare ai napoletani una grande opportunit culturale, lo schermo venga riattivato e si possa godere di alcuni spettacoli del teatro "San Carlo" attraverso la tecnologia esistente.


Per quanto riguarda l'iiluminazione della piazza, lAssessore al Turismo Valeria Valente ci fa sapere con protocollo n.70/U del 18 Gennaio 2010 che stato predisposto dal Servizio Illuminazione Pubblica un progetto per potenziare limpianto esistente d'intesa con la Soprintendenza ai Beni Architettonici. Si prevedono il riutilizzo dei percorsi del precedente impianto, il ripristino dei corpi illuminanti installati nella piazza e la realizzazione di una nuova illuminazione in Via Cesario Console con candelabri e senza sospensioni.

Il progetto prevede lilluminazione della Basilica di San Francesco di Paola, del colonnato e delle sculture sovrastanti, di Palazzo Reale, dei palazzi Salerno, della Foresteria, alloccorrenza, anche dei fabbricati di Pizzofalcone, ma non si parla delle statue equestri dei sovrani borbonici.
Tempi non precisati per una prima prova di accensione dopo la quale sar bandita una gara europea per lindividuazione della ditta che curer lintervento previsto, nelle migliori previsioni, nel giro dei prossimi dodici mesi.

Ma una riflessione sorge spontanea: era certamente pi efficace ed economico aver cura dellimpianto di Valerio Maioli con una buona manutenzione e non lasciarlo morire. Ma visto che ci non stato, perch non si richiesto un intervento di ripristino pi celere da parte di chi lha realizzato invece di delegare qualcun altro a far rimetter mano ad un impianto da lui conosciuto?
Angelo Forgione
Movimento V.A.N.T.O.
(Valorizzazione Autentica Napoletanit a Tutela dell'Orgoglio)
Rappresentante per la citt di Napoli del Parlamento delle Due Sicilie

http://www.youtube.com/watch?v=nx9JWCO4Cyo


news

22-10-2017
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 22 OTTOBRE 2017

20-10-2017
Crollo Santa Croce, l\'esperto:INTERVISTA - \"Da anni chiediamo fondi per consolidare pietre, inascoltati\"

20-10-2017
Bonsanti sul passaggio di Schmidt da Firenze a Vienna

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

30-08-2017
Settis sui servizi aggiuntivi nei musei

29-08-2017
Carla Di Francesco il nuovo Segretario Generale - MIBACT

25-08-2017
Fotografie libere per i beni culturali: nel dettaglio le novit apportate dalla nuova norma

21-08-2017
Appello di sessanta storici dell'arte del MiBACT per la messa in sicurezza e la salvaguardia del patrimonio monumentale degli Appennini devastato dagli eventi sismici del 2016

19-08-2017
Dal 29 agosto foto libere in archivi e biblioteche

19-08-2017
Cosenza, brucia casa nel centro storico: tre persone muoiono intrappolate. Distrutte decine di opere d'arte

12-08-2017
Antonio Lampis, nuovo direttore generale dei musei del MiBACT

06-08-2017
L'appello al Presidente Mattarella: i beni culturali non sono commerciali. Come aderire

04-08-2017
Istat: mappa rischi naturali in Italia

03-08-2017
APPELLO - COSA SI NASCONDE NELLA LEGGE ANNUALE PER IL MERCATO E LA CONCORRENZA

31-07-2017
Su eddyburg intervento di Maria Pia Guermandi sulle sentenze del Consiglio di Stato e su Bagnoli- Stadio di Roma

31-07-2017
Comunicato EC Il Colosseo senza tutela: sulle recenti sentenze del Consiglio di Stato

30-07-2017
Dal blog di Giuliano Volpe: alcuni interventi recenti

27-07-2017
MiBACT, presto protocollo di collaborazione con le citt darte per gestione flussi turistici

26-07-2017
Franceschini in audizione alla Commissione Cultura del Senato

25-07-2017
Franceschini domani in audizione alla Commissione Cultura del Senato

25-07-2017
Franceschini: Musei italiani verso il record di 50 milioni di ingressi

25-07-2017
COLOSSEO, oggi conferenza stampa di Franceschini

20-07-2017
Questa legge contro i parchi e le aree protette, fermatela: appello di Italia Nostra alla Commissione Ambiente del Senato

18-07-2017
CAMERA DEI DEPUTATI - COMMISSIONE PERIFERIE - Audizione esperti (Bovini e Settis)

15-07-2017
Ricordo di Giovanni Pieraccini, di Vittorio Emiliani

12-07-2017
Comunicato di API-MIBACT sui Responsbili d'Area nelle Soprintendenze Archeologia, Belle Arti, Paesaggio

11-07-2017
Rassegna Stampa di TERRITORIALMENTE sul patrimonio territoriale della Toscana

10-07-2017
Il tradimento della Regione Toscana nella politica sui fiumi

Archivio news