LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

La cultura della domenica
23-02-2010
Francesco Floccia

Il fitto elenco stilato da Leandro Janni nell’intervento “Spro Loco” in Patrimoniosos (16/2/2010) relativo a musei, mostre, iniziative filosofico-devozional-cultural-eno-etno/folk-artistico-gastronomiche che da qualche tempo a questa parte l’Italia delle istituzioni centrali e locali mette in cantiere, divulga e vuole che abbiano luogo sempre pi soventi e diffuse altro non che l’esito della pressante ricerca da parte della politica di attrarre e far girare turisti in ogni dove, momento e circostanza. Di per s musei di varia natura, “festival dell’architettura o dello sport o della barzelletta”, “concorsi di design e di moda” , “corsi di cucina” o “concorsi di poesia” (stralcio dal dettagliato elenco test citato) male non fanno alla popolazione italiana che sicuramente – in grandissima parte – mostra di avere, come una volta si diceva, ‘fame di cultura’. Ma il problema che offrendo all’opinione pubblica tante varie e sfaccettate occasioni di svago si punta a riempire il tempo libero dei cittadini con qualsivoglia attrazione piuttosto che fornire loro formazione, notizie, capacit e attitudine allo studio, alla riflessione, alla conoscenza essenziale del nostro passato. La sensazione che si ha che non la cultura come bisogno primario bens le manifestazioni d’arte e di spettacolo come incentivo allo sviluppo economico della nazione sia l’unica ragione di tanto attivismo tra fiere, mostre, festival, sagre, giornate pro-arte che Ministeri di varie competenze o pro-loco dal genuino entusiasmo promuovono al fine di smuovere svago, turismo, folle di visitatori. E’ un’epoca quella presente in cui non si produce arte ma in cui si vuole invece che sia l’arte a produrre economia: i grandi successi di pubblico che hanno per esempio i motor show fra tante categorie di popolazione (giovani, meno giovani, incliti o popolo) dipende dal fatto che l’automobile un oggetto attuale, in piena vitalit di sviluppo, fonte di interessanti prodotti tecnologi ci e di quotidiana notoriet. La confidenza col tema rende di forte richiamo ogni manifestazione che riguardi l’argomento: l’auto si usa, si personalizza, si decora, si disegna, si sogna ma soprattutto un oggetto che passionalmente la societ e l’industria crea, realizza, migliora sentendolo vivo e attuale. Invece la cultura – quella convenzionalmente intesa ossia artistica, archeologica, antropologica, monumental-architettonica o finanche quella religiosa o letteraria – chi la pratica ancora, chi la conosce, chi se ne avvale senza remore per formarsi la personalit, per arricchirsi lo spirito, per affinare la propria sensibilit e coscienza civica? Pochissimi, forse. La nazione Italia, nel suo complesso, oggi non pare produrre nuova cultura artistica, in nessun campo. Quella in vetrina (la cultura dei tempi passati) viene utilizzata come richiamo turistico, quella nuova viene pilotata su temi ben precisi e ripetuti: bellezza s, graffiti no; arte contemporanea s ma non troppo. Pertanto il nume Caravaggio, crocifissi, tele secentesche, grandi nomi del passato a volont; temi di contenuto sociale - che se fossero temi di cronaca farebbero tanto gossip - guai ad affrontarli nell’arte o nei moderni media espressivi e di conoscenza. Alla societ italiana, da un po’ di tempo, manca il presupposto che l’arte si fa concretamente rendendo cos finalmente e di nuovo creativa l’intera comunit nazionale e non viceversa: l’arte non un prodotto che solo perch confezionato attira pubblico facendo cos diventare economicamente pi ricca e colta la societ. Si lasci pertanto spazio a tutti di inventarsi liberamente ogni forma d’arte senza voler sempre e comunque ufficializzarne tramite eventi istituzionali qualsivoglia espressione creativa o di costume nate spontaneamente dalla mente di un‘artista’. Le cosiddette “Attivit Culturali” che caratterizzano da anni nella dicitura statale le finalit istituzionali del Mibac hanno dato purtroppo la stura ai tanti festival, rassegne, sagre e iniziative di ogni sorta con la pretesa che siffatte manifestazioni di per s facciano appunto cultura pubblica e nazionale. Non cos giacch si ha chiara la sensazione che al di fuori di tali occasioni festivaliere e di circostanza l’Italia viva altri comportamenti, ideali, modi di essere.

16/2/2010



news

15-12-2017
Seconda interrogazione parlamentare su libere riproduzioni: il caso di Palermo

15-12-2017
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 15 DICEMBRE 2017

13-12-2017
Interrogazione parlamentare su libere riproduzioni. I casi di Napoli e Palermo

06-12-2017
Premio Silvia Dell'Orso 2017

03-12-2017
Novità editoriale - La struttura del paesaggio. Una sperimentazione multidisciplinare per il Piano della Toscana

22-11-2017
Fotografie libere. Lettera di utenti dell'ACS di Palermo al Ministro Franceschini

22-11-2017
COMUNICATO di Cunsta, della Società italiana di Storia della Critica dell'Arte e della Consulta di Topografia Antica sulla Biblioteca di Palazzo Venezia

20-11-2017
Intervento di Enzo Borsellino sulla mostra di Bernini

13-11-2017
Maestri: Emiliani ricorda Edoardo Detti

01-11-2017
Nella sezione Interventi e recensioni un nuovo intervento di Vittorio Emiliani sulla legge sfasciaparchi

01-11-2017
A un anno dal terremoto, dossier di Emergenza Cultura

29-10-2017
Petizione per salvare il Museo d'Arte Orientale dalla chiusura

20-10-2017
Crollo Santa Croce, l'esperto:INTERVISTA - "Da anni chiediamo fondi per consolidare pietre, inascoltati"

20-10-2017
Bonsanti sul passaggio di Schmidt da Firenze a Vienna

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

30-08-2017
Settis sui servizi aggiuntivi nei musei

29-08-2017
Carla Di Francesco il nuovo Segretario Generale - MIBACT

25-08-2017
Fotografie libere per i beni culturali: nel dettaglio le novit apportate dalla nuova norma

21-08-2017
Appello di sessanta storici dell'arte del MiBACT per la messa in sicurezza e la salvaguardia del patrimonio monumentale degli Appennini devastato dagli eventi sismici del 2016

19-08-2017
Dal 29 agosto foto libere in archivi e biblioteche

19-08-2017
Cosenza, brucia casa nel centro storico: tre persone muoiono intrappolate. Distrutte decine di opere d'arte

12-08-2017
Antonio Lampis, nuovo direttore generale dei musei del MiBACT

06-08-2017
L'appello al Presidente Mattarella: i beni culturali non sono commerciali. Come aderire

04-08-2017
Istat: mappa rischi naturali in Italia

03-08-2017
APPELLO - COSA SI NASCONDE NELLA LEGGE ANNUALE PER IL MERCATO E LA CONCORRENZA

31-07-2017
Su eddyburg intervento di Maria Pia Guermandi sulle sentenze del Consiglio di Stato e su Bagnoli- Stadio di Roma

31-07-2017
Comunicato EC Il Colosseo senza tutela: sulle recenti sentenze del Consiglio di Stato

30-07-2017
Dal blog di Giuliano Volpe: alcuni interventi recenti

Archivio news