LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

La cultura della domenica
23-02-2010
Francesco Floccia

Il fitto elenco stilato da Leandro Janni nell’intervento “Spro Loco” in Patrimoniosos (16/2/2010) relativo a musei, mostre, iniziative filosofico-devozional-cultural-eno-etno/folk-artistico-gastronomiche che da qualche tempo a questa parte l’Italia delle istituzioni centrali e locali mette in cantiere, divulga e vuole che abbiano luogo sempre pi soventi e diffuse altro non che l’esito della pressante ricerca da parte della politica di attrarre e far girare turisti in ogni dove, momento e circostanza. Di per s musei di varia natura, “festival dell’architettura o dello sport o della barzelletta”, “concorsi di design e di moda” , “corsi di cucina” o “concorsi di poesia” (stralcio dal dettagliato elenco test citato) male non fanno alla popolazione italiana che sicuramente – in grandissima parte – mostra di avere, come una volta si diceva, ‘fame di cultura’. Ma il problema che offrendo all’opinione pubblica tante varie e sfaccettate occasioni di svago si punta a riempire il tempo libero dei cittadini con qualsivoglia attrazione piuttosto che fornire loro formazione, notizie, capacit e attitudine allo studio, alla riflessione, alla conoscenza essenziale del nostro passato. La sensazione che si ha che non la cultura come bisogno primario bens le manifestazioni d’arte e di spettacolo come incentivo allo sviluppo economico della nazione sia l’unica ragione di tanto attivismo tra fiere, mostre, festival, sagre, giornate pro-arte che Ministeri di varie competenze o pro-loco dal genuino entusiasmo promuovono al fine di smuovere svago, turismo, folle di visitatori. E’ un’epoca quella presente in cui non si produce arte ma in cui si vuole invece che sia l’arte a produrre economia: i grandi successi di pubblico che hanno per esempio i motor show fra tante categorie di popolazione (giovani, meno giovani, incliti o popolo) dipende dal fatto che l’automobile un oggetto attuale, in piena vitalit di sviluppo, fonte di interessanti prodotti tecnologi ci e di quotidiana notoriet. La confidenza col tema rende di forte richiamo ogni manifestazione che riguardi l’argomento: l’auto si usa, si personalizza, si decora, si disegna, si sogna ma soprattutto un oggetto che passionalmente la societ e l’industria crea, realizza, migliora sentendolo vivo e attuale. Invece la cultura – quella convenzionalmente intesa ossia artistica, archeologica, antropologica, monumental-architettonica o finanche quella religiosa o letteraria – chi la pratica ancora, chi la conosce, chi se ne avvale senza remore per formarsi la personalit, per arricchirsi lo spirito, per affinare la propria sensibilit e coscienza civica? Pochissimi, forse. La nazione Italia, nel suo complesso, oggi non pare produrre nuova cultura artistica, in nessun campo. Quella in vetrina (la cultura dei tempi passati) viene utilizzata come richiamo turistico, quella nuova viene pilotata su temi ben precisi e ripetuti: bellezza s, graffiti no; arte contemporanea s ma non troppo. Pertanto il nume Caravaggio, crocifissi, tele secentesche, grandi nomi del passato a volont; temi di contenuto sociale - che se fossero temi di cronaca farebbero tanto gossip - guai ad affrontarli nell’arte o nei moderni media espressivi e di conoscenza. Alla societ italiana, da un po’ di tempo, manca il presupposto che l’arte si fa concretamente rendendo cos finalmente e di nuovo creativa l’intera comunit nazionale e non viceversa: l’arte non un prodotto che solo perch confezionato attira pubblico facendo cos diventare economicamente pi ricca e colta la societ. Si lasci pertanto spazio a tutti di inventarsi liberamente ogni forma d’arte senza voler sempre e comunque ufficializzarne tramite eventi istituzionali qualsivoglia espressione creativa o di costume nate spontaneamente dalla mente di un‘artista’. Le cosiddette “Attivit Culturali” che caratterizzano da anni nella dicitura statale le finalit istituzionali del Mibac hanno dato purtroppo la stura ai tanti festival, rassegne, sagre e iniziative di ogni sorta con la pretesa che siffatte manifestazioni di per s facciano appunto cultura pubblica e nazionale. Non cos giacch si ha chiara la sensazione che al di fuori di tali occasioni festivaliere e di circostanza l’Italia viva altri comportamenti, ideali, modi di essere.

16/2/2010



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news