LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

La nuova strada di S. Ilario dagli anni 60 dello scorso secolo ad oggi
02-03-2010
Angela Comenale Pinto

Per risolvere il problema della viabilit di S. Ilario esistono diverse soluzioni, gi studiate in passato, ma il Comune porta avanti un progetto che, oltre a lasciare senza strada la maggior parte degli abitanti, quello a maggior impatto paesaggistico ed ambientale.

1882
Viene realizzata una strada carrabile da Nervi a S. Ilario, grazie allimpegno politico ed economico di Bernardo Marsano, che contribuisce personalmente a finanziare la realizzazione della strada.
Bernardo Marsano era uomo politico attento e ricettivo alle emergenti istanze sociali della sua regione. Lo interessarono tre grandi problemi: listruzione dei contadini, la costruzione di una strada carrabile da Nervi a S. Ilario e lacquedotto per portare lacqua dal Monte Cordona, bosco della Fontanassa, fino alle <> di SantIlario. Tre obiettivi che riusc a portare a pieno compimento prima di morire. (L. Viacava, G. Roberto, 1982)

Anni 60-70
A S. Ilario i coltivatori e i floricoltori, avvertendo lesigenza di una viabilit che consenta il trasporto dei materiali con un trattore o con una motocarrozzetta ai terreni non serviti dalla strada costruita nel 1882, propongono di prolungare la strada che proviene da Sessarego (Bogliasco) per servire tutto il paese, che si sviluppa a Nord-Ovest dellIstituto Agrario B. Marsano.

Non c alcuno che diventi promotore di questa idea.

1980
Ottantotto coltivatori (48 coltivatori diretti e 40 coltivatori part time) di S. Ilario , assistiti dal Consorzio Agricolo Zona 1 di Genova, chiedono il miglioramento della viabilit:
I coltivatori diretti della parte alta di S. Ilario, nellintendimento di migliorare le condizioni di viabilit e soprattutto di lavoro, chiedono di rendere agibili con mezzi agricoli gli itinerari segnati rendendo cos pi agibili gli accessi ai terreni situati in scomode posizioni, oggi a malapena accessibili pedonalmente e con faticosi trasporti a spalle di materiali e concimi.
Gli itinerari stessi aiuterebbero gli agricoltori a salvaguardare il patrimonio di muri a secco e fasce olivicole

1981 (Soluzione A)
Gli ingegneri Dapelo, Di Sefano, Mazzone , dello studio Mazzone Urgeghe, ingegneri associati, progettano una strada che segue il tracciato delle mulattiere esistenti.
AllIstituto Marsano di S. Ilario perviene una richiesta di cessione di piccole aree ai confini delle propriet dellIstituto per consentire lattuazione del progetto.
Nel Verbale n. 87 del Consiglio dIstituto dellIstituto Marsano del 20 febbraio 1981 si legge:
Adattamento delle strade pedonali: Via della Fossa dei Carboni, Via dei Tasso, Via superiore dei Penchi, Via Ravano, Via Poggetto di Sopra, Via della Serra di Musanega, Via Poggetto, Via Pianello, Via dei Gerolami, Via Lastrego.
Parere favorevole e trasmissione di tutti gli atti al Ministero competente per la ratifica della delibera.

Il progetto non viene mai realizzato.

1993 (Soluzione B)
Viene messo a punto un nuovo progetto di viabilit, che, anche in questo caso, prevede ladattamento di percorsi esistenti. Nuovamente perviene allIstituto la richiesta di piccole aree ai confini delle propriet lasciate alla Scuola da Bernardo Marsano nel 1882.
Nel verbale n. 259 del Consiglio dIstituto dellIstituto Marsano del 28 gennaio 1993 si legge:
Parere favorevole allunanimit e trasmissione al superiore Ministero degli atti necessari allottenimento dellautorizzazione alla cessione delle aree interessate.

Il progetto non viene mai realizzato

1993-1997
Viene effettuato durante lamministrazione Sansa uno studio di fattibilit per la realizzazione di 8 cremagliere.

Le cremagliere non vengono realizzate

2005
Lamministrazione Comunale esprime parere favorevole per la realizzazione di un impianto meccanizzato di risalita a S. Ilario da Via alla Strada della Scuola dAgricoltura a Via dei Tasso.

2007-2008
Viene realizzata una strada che soddisfa lesigenza di un esiguo numero di abitanti di S. Ilario, nella zona di S. Rocco, mentre il grosso nucleo del paese continua a vivere nel disagio di non avere una viabilit adeguata.

2008 (Soluzione C)
All Istituto per lAgricoltura B. Marsano perviene il progetto di una strada diretta a Sud Est dellIstituto ( il paese a Nord Ovest), che potrebbe servire pochissime famiglie e che taglierebbe in due lo storico podere Costigliolo dove sorge la Scuola Agraria fondata da Bernardo Marsano nel 1882.
La strada verrebbe realizzata con i Fondi di Sviluppo Rurale e danneggerebbe lunica realt rurale di rilievo dellarea interessata.
Il Consiglio dIstituto chiede di prendere in esame un tracciato che, pur rispondendo alla legittima esigenza di una viabilit adeguata, non danneggi un bene che per il suo valore paesaggistico, (storico, culturale, agricolo, naturalistico, ecologico), rappresenta una risorsa preziosa per tutta la Comunit. Vengono perci indicate alcune alternative con la disponibilit, gi dimostrata in passato, a cedere quelle piccole superfici di terreno, al confine della propriet, necessarie ad ampliare i percorsi gi esistenti che seguono le curve di livello e che risponderebbero finalmente al bisogno pi volte manifestato dagli abitanti di una viabilit adeguata.

2009
Il nuovo progetto che perviene allIstituto con la minaccia di un esproprio, manifestata dal Sindaco Marta Vincenzi durante unassemblea pubblica, ricalca il progetto del 2008, con notevole danno al patrimonio paesaggistico dellarea.
Gli organi collegiali dellIstituto per lAgricoltura e lAmbiente B. Marsano, consapevoli della responsabilit morale nella tutela di un patrimonio che appartiene alla Comunit, si preoccupano di diffondere la conoscenza delle caratteristiche pregevoli del bene che verrebbe irrimediabilmente danneggiato.

Il 28 maggio la Soprintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggistici della Liguria esprime parere negativo in merito alla nuova viabilit per incompatibilit del progetto di strada del Comune con le esigenze di tutela del sito.

Nella notte tra il 14 e il 15 luglio ignoti tagliano 18 piante di vecchie cultivar locali liguri a rischio di estinzione, raccolte e propagate con un paziente lavoro iniziato da pi di dieci anni in collaborazione con agricoltori e vivaisti, in linea con la Convenzione Internazionale di Rio de Janeiro del 1992 per la conservazione della biodiversit, proprio nel Campo Catalogo dove lultimo progetto prevede il passaggio della strada.

Il 21 luglio 2009 la Soprintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggistici della Liguria avvia un procedimento di vincolo dellarea.

Il 30 settembre 2009 viene deliberata la spesa di 950.000 per la nuova viabilit di SantIlario (collegamento tra Via alla Scuola dAgricoltura, Via del Pianello e Via Ravano- 1 lotto).

Il 17 novembre 2009 con deliberazione del Consiglio Comunale n.85, esecutiva ai sensi di legge stata adottata la Variante al Piano Urbanistico Comunale, con la quale, nellAmbito Speciale di Conservazione n. 76, SantIlario, tra le Funzioni Ammesse sono inclusi:
alberghi, residenze turistico alberghiere, servizi pubblici e privati, esercizi commerciali fino a 250 mq, pubblici esercizi, connettivo urbano (funzioni minute di servizio alla persona e allimpresa proprie del tessuto urbano, quali studi professionali, agenzie di viaggi, istituti di credito, assicurazioni, agenzie di noleggio, agenzie immobiliari e finanziarie, sedi di rappresentanza , pag. 27 di Modifiche di attuazione delle norme del PUC), parcheggi pubblici e privati, viabilit secondaria purch compatibile sotto il profilo ambientale;
Nella relazione illustrativa urbanistica si precisa a pag. 22 che Nello specifico queste norme riguardano le zone dove la funzione alberghi presente tra le funzioni ammesse e prevedono maggiori opportunit di intervento, sulle strutture alberghiere esistenti, per quanto riguarda gli ampliamenti volumetrici volti alla riqualificazione e allincremento dellofferta ricettiva. Anche per la nuova costruzione, in tali zone, viene agevolata la realizzazione di alberghi escludendo lobbligo del recupero di S.A. laddove previsto.



news

09-11-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 09 NOVEMBRE 2018

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

Archivio news