LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

RIFORMA GELMINI L’ISTRUZIONE STORICO-ARTISTICA ALLO SBARAGLIO
07-03-2010
Gerardo Pecci

Nel lontano 28 maggio 1960, un grande storico dell’arte classica, Ranuccio Bianchi Bandinelli, scrisse una lettera in cui esprimeva tutta la propria amarezza nei confronti dell’amministrazione delle Antichit e Belle Arti. Con essa si dimise da componente del Consiglio Superiore delle Antichit e Belle Arti. Nel testo si pu leggere che tutti coloro che hanno sensibilit storica e artistica e senso della decenza e che si preoccupano anche dell’importanza che nel nostro Paese assume l’elemento turistico, sanno, in Italia e purtroppo anche fuori d’Italia, che l’Italia si sta distruggendo giorno per giorno, e che tale distruzione […] nella maggior parte dei casi conseguenza del prevalere degli interessi della speculazione privata e della grossolanit culturale della attuale classe politica. Parole dolorose, vive, che hanno quasi mezzo secolo eppure sembrano essere state scritte oggi. E proprio di recente, il prof. Salvatore Settis, disgustato dal pressappochismo politico e dalla sostanziale vanificazione del suo ruolo di Presidente del Consiglio Superiore dei Beni Culturali ha fatto lo stesso passo del prof. Bianchi Bandinelli, dimettendosi dallo stesso organo. Ancora una volta la politica appare infischiarsene della cultura, della scuola, del futuro dei giovani. La recente contro-riforma della scuola secondaria superiore del ministro Gelmini finir per penalizzare pesantemente proprio il settore della formazione scolastica ad indirizzo classico, artistico e turistico. E tali nefaste conseguenze si faranno sentire in modo incisivo anche in Campania, una terra ricca di beni culturali di immenso valore, come ad esempio i siti archeologici di Paestum, Ercolano e Pompei. Da alcuni giorni sono stati pubblicati dal Ministero dell’Istruzione i quadri orario delle materie scolastiche relative al riassetto dei licei e dell’istruzione tecnica e professionale italiana. Il quadro totalmente sconfortante: per la sparizione totale della storia dell’arte negli Istituti Professionali ad indirizzo turistico; per la mancata introduzione della storia dell’arte nei primi due anni del liceo classico, che pure era stata pi volte promessa dagli organi politici. Sparisce anche il liceo artistico ad indirizzo “rilievo e catalogazione”, gi Progetto Michelangelo, accompagnato dalla totale e gravissima sparizione, negli ultimi tre anni di corso, della disciplina “catalogazione dei beni culturali”. Una scelta scellerata che non solo penalizza gli insegnanti di storia dell’arte, con conseguente e inammissibile perdita di posti di lavoro, anche nella nostra provincia di Salerno, ma elimina un’esperienza formativa preziosa – addirittura non impartita nelle universit - per i giovani che si cimentavano nella catalogazione del nostro immenso patrimonio culturale, spesso in collaborazione con le Soprintendenze per i Beni Culturali di diverso tipo, dando vita a quella rete di conoscenze, competenze ed esperienze, dalla quale sperare in un migl ior utilizzo del nostro territorio, anche in termini di economia del turismo, in termini di turismo culturale, visto che turisti di ogni angolo del mondo vengono da noi per vedere i resti di Paestum, Velia, Pompei , Napoli, Ercolano… E pensare che anche il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, aveva scritto una lettera in difesa della storia dell’arte, indirizzata alla Presidenza dell’ANISA (Associazione Nazionale Insegnanti di Storia dell’Arte) e che erano state raccolte pi di 4200 firme perch la storia dell’arte venisse rafforzata o quanto meno mantenuta in vita, anche negli istituti professionali ad indirizzo turistico! Evidentemente i beni culturali, la nostra ricchezza maggiore, non hanno peso nella vita politica italiana e una sana politica della cultura non vale di fronte ad altri interessi, di natura speculativa e ragionieristica: la cultura evidentemente non porta voti e non argomento di propaganda elettorale. Non un carrozzone elettorale. E lo stia mo constatando anche qui, in provincia di Salerno, in vista della prossima campagna “politica”, elettorale, quella relativa alle amministrative. Una vera disfatta per l’Italia e per il Mezzogiorno in particolare! Paradossalmente, la Francia, invece, guardando al “vecchio” modello italiano gentiliano, proprio in questi ultimi mesi ha inserito la storia dell’arte come materia di studio obbligatoria negli istituti superiori avendone constatato l’altissimo valore formativo. Allora, come la mettiamo? Forse in Italia il bene pubblico non pi un valore.



news

15-12-2017
Seconda interrogazione parlamentare su libere riproduzioni: il caso di Palermo

15-12-2017
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 15 DICEMBRE 2017

13-12-2017
Interrogazione parlamentare su libere riproduzioni. I casi di Napoli e Palermo

06-12-2017
Premio Silvia Dell'Orso 2017

03-12-2017
Novità editoriale - La struttura del paesaggio. Una sperimentazione multidisciplinare per il Piano della Toscana

22-11-2017
Fotografie libere. Lettera di utenti dell'ACS di Palermo al Ministro Franceschini

22-11-2017
COMUNICATO di Cunsta, della Società italiana di Storia della Critica dell'Arte e della Consulta di Topografia Antica sulla Biblioteca di Palazzo Venezia

20-11-2017
Intervento di Enzo Borsellino sulla mostra di Bernini

13-11-2017
Maestri: Emiliani ricorda Edoardo Detti

01-11-2017
Nella sezione Interventi e recensioni un nuovo intervento di Vittorio Emiliani sulla legge sfasciaparchi

01-11-2017
A un anno dal terremoto, dossier di Emergenza Cultura

29-10-2017
Petizione per salvare il Museo d'Arte Orientale dalla chiusura

20-10-2017
Crollo Santa Croce, l'esperto:INTERVISTA - "Da anni chiediamo fondi per consolidare pietre, inascoltati"

20-10-2017
Bonsanti sul passaggio di Schmidt da Firenze a Vienna

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

30-08-2017
Settis sui servizi aggiuntivi nei musei

29-08-2017
Carla Di Francesco il nuovo Segretario Generale - MIBACT

25-08-2017
Fotografie libere per i beni culturali: nel dettaglio le novit apportate dalla nuova norma

21-08-2017
Appello di sessanta storici dell'arte del MiBACT per la messa in sicurezza e la salvaguardia del patrimonio monumentale degli Appennini devastato dagli eventi sismici del 2016

19-08-2017
Dal 29 agosto foto libere in archivi e biblioteche

19-08-2017
Cosenza, brucia casa nel centro storico: tre persone muoiono intrappolate. Distrutte decine di opere d'arte

12-08-2017
Antonio Lampis, nuovo direttore generale dei musei del MiBACT

06-08-2017
L'appello al Presidente Mattarella: i beni culturali non sono commerciali. Come aderire

04-08-2017
Istat: mappa rischi naturali in Italia

03-08-2017
APPELLO - COSA SI NASCONDE NELLA LEGGE ANNUALE PER IL MERCATO E LA CONCORRENZA

31-07-2017
Su eddyburg intervento di Maria Pia Guermandi sulle sentenze del Consiglio di Stato e su Bagnoli- Stadio di Roma

31-07-2017
Comunicato EC Il Colosseo senza tutela: sulle recenti sentenze del Consiglio di Stato

30-07-2017
Dal blog di Giuliano Volpe: alcuni interventi recenti

Archivio news