LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

MUSEO DELLA FARMACIA DI CARLETTO BERGAGLIO GAVI (AL)
29-03-2010
Renato Bino

Il Museo della Farmacia di Carletto Bergaglio, attualmente custodito in una casa privata di proprietà degli eredi (moglie senza figli), e' una raccolta, unica nel suo genere che C.Bergaglio, gaviese, storico della sua città e farmacista per quarant'anni in Portacomaro (AT), di attrezzi medici e farmaceutici e di pubblicazioni storiche del settore, unici al mondo. Nella raccolta di cui sopra sono custoditi reperti di inestimabile valore venale e culturale che risalgono al 2/300 fino al finire del secolo scorso. Inutile dire che tale raccolta, nel settore della storia della farmacia,è assolutamente ben nota e diversi sono stati i tentativi di acquisto sia dei singoli pezzi che dell'intero museo da parte di privati ed enti, mentre chi è preposto alla tutela istituzionale dei beni culturali in questo "Bel Paese" non mi risulta, nonostante sia dettagliatamente al corrente della presenza di tale struttura unica in Italia e probabilmente in tutta Europa, abbia fatto pi ù di tanto.....anzi. Il Dott. Carletto Bergaglio che ha speso l'intera esistanza per raccogliere a sue spese reperti, ripeto, unici al mondo ha lasciato detto alla moglie (che è nata nel 1926) che vuole regalare l'intera collezione alla comunità Gaviese senza nulla pretendere. Unica condizione che i suoi "gioielli" rimanessero a Gavi e fossero posti sotto il vincolo della Sopraintendenza dei Beni Culturali dello Stato. La "Fortezza di Gavi" sembrava il sito più idoneo per coniugare entrambe le situazioni. Questa possibilità è stata portata avanti dell'Associazione "Amici del Forte di Gavi" la cui principale e più visibile attività quella di aver raccolto una schiera di volontari appassionati del Territorio e del Forte che fungono da guide ausiliarie con buon successo, contribuendo in maniera significativa all'incremento dei visitatori della maestosa fortezza genovese del XVII secolo. Nell'ultima assemblea, a cui ho partecipato in qualità, appunto, di guida volontaria, del forte il ns. Presidente ha comunicato ufficialmente alla vedova del nostro illustre concittadino che (certo non per colpa sua che è un volontario come noi) per motivi di incompatibilità e di giurisdizione tra gli allestimenti museali ed i beni architettonici non è possibile intraprendere la strada che tutti noi gaviesi, amanti del ns. patrimonio culturale, ci saremmo auspicati. Tale impossibilità di "allestimento" alla fortezza, che mi sembra poter ricondurre alla "tragedia" della Burocrazia di questo Sta to e fors'anche alla volontà o meglio alla "non volontà" di taluni funzionari di questo Stato stesso, porterà alla perdita di un patrimonio inestimabile. La vedova, dicevo, ha 84 anni e finchè vivrà vorrà mantenere, ne sono certo, la raccolta a Gavi, ancorche' non visibile per non "tradire" la volontà ripetutamente espressagli dal marito quand'era in vita. Ma quando non ci sarà più i suoi eredi, che sono lontani parenti, che non hanno nessun legame con Gavi, cosa faranno? Le richieste, ovviamente, non mancano e sarebbe anche umano cedere alla tentazione di vendere singoli pezzi, assolutamente unici. La mia ultima possibilità è quella di costituire un'associazione che possa cercare di smuovere la sensibilità di chi potesse, eventualmente, aiutarmi/ci. Sono abbastanza pessimista tenuto anche presente che, nonostante gli unici due giornalisti di Gavi perfettamente al corrente di questa "definitiva" risposta sul non- futuro del "Museo della Farmacia di Gavi" (gia' segnalato in "allestimento" dalla Guida Touring), non ne abbiano dato pubblca notizia, anche se nessun divieto formale, sull'argomento, fosse stato espresso in sede assembleare dell'Associazione "Amici del Forte". Stante ciò chi volesse aiutarmi/ci è pregato di mettersi in contatto con il sottoscritto. Renato Bino - gaviese.



news

01-03-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 01 marzo 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news