LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

La cultura degli “Istituti” e quella “liquida”
00-00-0000
Francesco Floccia

Grandi polemiche in queste ore sulla stampa per l’abrogazione dei finanziamenti pubblici a una fitta lista di Istituti Culturali italiani attuata da parte del Ministero dell’Economia: lo stesso ministro Bondi si dichiara contro “i tagli indiscriminati alla cultura” (varie notizie web). Ma nel 2010 ancora l’”Istituto culturale” a rappresentare la scienza, il sapere, la ufficialit e la severit di ci che appunto si chiama – oggi - “Cultura”? E’ noto il concetto abbastanza recente di “cultura liquida”: “La cultura di oggi fatta di offerte, non di norme. Come aveva gi notato Pierre Bourdieu, la cultura vive di seduzione, non di disciplina normativa, di pubbliche relazioni, non di elaborazione di politiche” (vedi: “spazioblog.progettoculturale, Zygmunt Bauman – Avvenire, 21 febbraio 2010”). “L’elemento ludico nella cultura moderna” citato da Johan Huizinga (“Homo ludens”, Leida 1938) da considerarsi tuttora vivo e dinamicamente proficuo per produrre o acquisire notizie, n ozioni, inedite o svelate sicch la gente comune, l’opinione pubblica nel suo complesso, grazie a tanta informazione da pi parti intercettata, riceve comunque molteplici conoscenze che diventano inevitabilmente ‘cultura’ per tutti. Al di l degli “Istituti” dalle finalit culturali la societ italiana ha un numero alto di fonti di apprendimento (radio, tv, web, carta stampata, scambi interpersonali, il capillare sistema di comunicazione pubblica e privata) che consentono a chiunque lo voglia di accedere liberamente e secondo il proprio stile di vita a tutto ci che suole definirsi, seppur incompletamente, cultura: possesso di nozioni e soprattutto modo di essere intimo e palese. I musei italiani in grande maggioranza hanno un numero scarso di visitatori salvo riempirsi in rade circostanze ma sempre grazie a massicci battages pubblicitari: necessitano allora le postazioni storiche rappresentate da strutture culturali seppur ufficiali, dotte e severe oppure bene mettere da parte per un p di tempo, come disse Erasmo da Rotterdam, il “Sapiente…silenzioso e accigliato” che ”non solo non ha nessuna pratica delle cose pi comuni, ma lontano le mille miglia dalle opinioni e dalle istituzioni popolari”? (vedi E. da R.., “Elogio della pazzia”, Einaudi editore 1964, pp. 40-41). Probabilmente la societ italiana nel suo complesso alla ricerca di nuovi sistemi di apprendimento e diffusione di cultura e con quella attualmente definibile “liquida” sta sperimentando una cosa nuova. Non devono essere i “tagli” quindi ad allarmare la politica ma deve invece suscitare interesse la vivace e spontanea attenzione che l’opinione pubblica ha nei riguardi di tutto ci che stimolo per una propria individuale capacit creativa e di immediata accessibilit alla conoscenza.

30/5/2010
Francesco Floccia



news

16-11-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 16 NOVEMBRE 2018

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

Archivio news