LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Ghedi (Bs): in vendita lultimo resto di Palazzo Orsini
15-06-2010
Matteo Ferrari

Nel centro storico di Ghedi (Bs) si conservano, in un grave stato di degrado, gli ultimi resti del palazzo costruito tra la fine del XV e gli inizi del XVI secolo per Nicol III Orsini, allepoca comandante dellesercito della Repubblica di Venezia. Le fonti iconografiche e darchivio restituiscono limmagine di un edificio ricco ed imponente composto da un lungo corpo di fabbrica, caratterizzato da un porticato sormontato da un loggiato, e da due ali di pi ridotte dimensioni, forse destinate a funzioni di servizio. Al suo interno erano cicli pittorici dedicati alla celebrazione del proprietario e della sua illustre famiglia, la cui realizzazione fu affidata almeno in parte a Girolamo Romanino, che qui lasci la sua prima opera documentata. Nel corso dellOttocento il palazzo fu progressivamente demolito, mentre parte dei suoi apparati pittorici e scultorei, rimossi e messi sul mercato, furono ceduti a musei locali (Pinacoteca Tosio-Martinengo, Fondazione Ugo da Como) ed europei (Victoria & Albert Museum di Londra, Magyar Szpmvszeti Mzeum di Budapest).
Dopo decenni di incurie, dellantica struttura rimane oggi solo una delle ali, un fabbricato in apparenza anonimo e privo di pregio, la cui propriet divisa tra il Comune ed un privato. Nel 2007, alla notizia di una possibile demolizione, il Gruppo archeologico di Ghedi era intervenuto sollecitando la Soprintendenza ad apporre un vincolo di tutela allimmobile, in virt della sua rilevanza storica e culturale. La situazione sembr evolvere positivamente. Richiamata dalla Soprintendenza al rispetto delle disposizioni di tutela dei Beni culturali stabilite dal D.l.vo 42/2004, lAmministrazione sigl una convenzione con il privato per la cessione alla propriet pubblica della porzione dellimmobile in suo possesso, in cambio di volumetrie esterne edificabili. Nel frattempo matur anche un progetto di recupero del fabbricato, per la creazione di un centro di documentazione sulla storia locale da porre al servizio in primo luogo delle vicine strutture scolastiche.
Da alcuni mesi, per, un cartello di messa in vendita pende dalle mura delledificio cinquecentesco. Infatti, la nuova amministrazione, non ritenendo prioritari lacquisizione e il restauro dei resti del palazzo, ha lasciato scadere la convenzione con il privato che, a questo punto, pu disporre a suo piacere dellimmobile. Il Gruppo Archeologico di Ghedi cos intervenuto una seconda volta, chiedendo chiarimenti allAmministrazione e riproponendo lopportunit di apporre un pi stringente vincolo di tutela alla Soprintendenza per i Beni architettonici e paesaggistici per le provincie di Brescia, Cremona e Mantova. Ad oggi, lassenza di repliche da parte dei due Enti accresce la preoccupazione per la sorte dellultimo frammento di Palazzo Orsini, forse destinato a consumarsi nello stato di abbandona in cui versa attualmente.


Matteo Ferrari (Gruppo Archeologico di Ghedi)



news

16-02-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 16 febbraio 2018

14-02-2018
Consulta Universitaria Nazionale per la Storia dell'Arte e la Società Italiana di Storia della Critica d'Arte manifestano la loro piena solidarietà a Christian Greco

14-02-2018
NOTA DEL COMITATO SCIENTIFICO DEL MUSEO EGIZIO

09-02-2018
Italia '900. Settima edizione di Visioni d'Arte organizzata dall'Associazione Culturale Silvia Dell'Orso

09-02-2018
Lettera di API (Archeologi Pubblico Impiego) MiBACT al Ministro sulla Scuola del Patrimonio

23-01-2018
Museo Egizio, solidarietà dal Consiglio Superiore dei beni culturali

19-01-2018
La Dea di Morgantina in tournée? Una lettera dell'archeologo Malcolm Bell con una nota di Pier Giovanni Guzzo

11-01-2018
Firenze, il David di Michelangelo "vestito" dalle proiezioni di Felice Limosani

09-01-2018
E' on line il bando il bando di selezione allievi del Corso "Scuola del Patrimonio"

09-01-2018
Lettera dei vincitori e degli idonei del concorso 500 Mibact

07-01-2018
Un intervento di Guzzo. Tutela e valorizzazione: unite o separate?

27-12-2017
Lettera ANAI a Franceschini sulla mancata entrata in servizio funzionari archivisti MiBACT

23-12-2017
XX Premio "Calabria e Ambiente" 2017 a SALVATORE SETTIS

15-12-2017
Seconda interrogazione parlamentare su libere riproduzioni: il caso di Palermo

13-12-2017
Interrogazione parlamentare su libere riproduzioni. I casi di Napoli e Palermo

06-12-2017
Premio Silvia Dell'Orso 2017

03-12-2017
Novità editoriale - La struttura del paesaggio. Una sperimentazione multidisciplinare per il Piano della Toscana

22-11-2017
Fotografie libere. Lettera di utenti dell'ACS di Palermo al Ministro Franceschini

22-11-2017
COMUNICATO di Cunsta, della Società italiana di Storia della Critica dell'Arte e della Consulta di Topografia Antica sulla Biblioteca di Palazzo Venezia

20-11-2017
Intervento di Enzo Borsellino sulla mostra di Bernini

13-11-2017
Maestri: Emiliani ricorda Edoardo Detti

01-11-2017
Nella sezione Interventi e recensioni un nuovo intervento di Vittorio Emiliani sulla legge sfasciaparchi

01-11-2017
A un anno dal terremoto, dossier di Emergenza Cultura

29-10-2017
Petizione per salvare il Museo d'Arte Orientale dalla chiusura

20-10-2017
Crollo Santa Croce, l'esperto:INTERVISTA - "Da anni chiediamo fondi per consolidare pietre, inascoltati"

20-10-2017
Bonsanti sul passaggio di Schmidt da Firenze a Vienna

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

30-08-2017
Settis sui servizi aggiuntivi nei musei

Archivio news