LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Parco archeologico Agrigento
06-07-2010
Autori Vari

La riforma delle strutture intermedie del Dipartimento dei Beni Culturali e dell’Identità Siciliana, così come definita nell’allegato al D.D.G: n. 1436 del 29.06.2010 prevede, al punto n. 19, un assetto organizzativo del Parco che non tiene conto, non solo delle sue peculiarità istituzionali, ma della vigenza della Legge Regionale 20/2000 e degli atti prodotti dal Consiglio di Amministrazione sin dal suo insediamento (28 gennaio 2002): regolamento interno, regolamento Amministrativo-contabile, regolamento di organizzazione, atti regolarmente approvati dall’Organo tutorio (Assessorato Regionale BB.CC. e I.S.).
Inoltre si ritiene utile evidenziare che la previsione, nel sopra citato Decreto Dirigenziale, di Unità Operative di base all’interno della Soprintendenza di Agrigento che dovranno curare la Contabilità, il Legale e contenzioso, l’ufficio rogante, la sicurezza e protezione civile delle strutture dipartimentali provinciali”, e quindi anche del Parco, contrasta con quanto espressamente previsto dai criteri di gestione di cui all’art. 13 della Legge Regionale 20/2000.
Inoltre il Parco, secondo quanto previsto dalla vigente L.R. 20/2000, ha una sua autonomia gestionale egli atti prodotti sono sottoposti alla sola vigilanza da parte dell’Assessorato Regionale BB.CC. e I.S..
Il Consiglio del Parco, già all’inizio della sua attività, aveva articolato la sua organizzazione in funzione dei compiti istituzionali a cui era chiamato dalla legge regionale istitutiva 20/2000, deliberando la sua dotazione organica e il regolamento di organizzazione previsto dall’art. 9, comma 1, lett. d.
Diversamente da altri istituti periferici del Dipartimento come le Soprintendenze e i Musei, il Parco assume funzione non solo di tutela del patrimonio, ma anche di valorizzazione e promozione del territorio, interfacciandosi non solo con la realtà locale e i suoi rappresentanti istituzionali, ma anche con organismi regionali e sovra regionali, con le Università, Istituti di ricerca, etc.
Con l’adozione del Piano del Parco, si troverà poi a gestire un territorio ben più vasto di un normale sito archeologico e più complesso anche degli altri istituendi Parchi archeologici, per le funzioni diverse che è chiamato a svolgere, quali la pianificazione del territorio, la regolamentazione e il controllo di tutte le attività che vi si svolgono da parte dei privati.
Nella sua azione, che si esplica anche attraverso azioni concertate con gli Enti Locali, è chiamato a gestire risorse finanziarie autonome con un proprio Bilancio con criteri di economicità e di risultato (art. 13 della Legge istitutiva) che comportano un impegno costante nella ricerca delle soluzioni più appropriate. Ciò comporta una organizzazione amministrativo-contabile molto più complessa rispetto agli altri Istituti, discendente dalla riscossione di oneri concessori e da altri introiti per i servizi a carico dei visitatori, nonché la programmazione dell’ attività annuale e triennale per la utilizzazione di fondi propri, e la conseguente attivazione delle procedure di spesa.
Discende da ciò che i dirigenti responsabili dei servizi in cui si articola l’organizzazione degli uffici, assumono anche la funzione di coordinamento delle varie attività svolte dalle UU. OO. per le scelte operative e l’attuazione dalla programmazione di cui sopra. Detta funzione difficilmente potrebbe essere svolta dal Direttore, se a lui si dovesse far capo da parte di ogni singola U.O., dal momento che nella figura del Direttore si concentrano, come previsto dall’art. 10 della Legge 20/2000, anche funzioni e attività diverse quali l’organizzazione di tutta l’attività amministrativa, il coordinamento del personale e dell’organizzazione dei servizi, l’attuazione delle direttive del Consiglio in ordine anche alla attività progettuale di restauro archeologico, ambientale e paesaggistico del patrimonio gestito.
Da quanto sopra si evidenzia che il Parco è una struttura assimilabile alle aree previste all’art.4 della l.r. 10/2000 in quanto svolge funzioni complesse anche di coordinamento dei vari istituti territoriali, mentre nei servizi, tecnico-scientifici e amministrativi, rimangono aggregate funzioni e compiti omogenei delle varie UU.OO



news

01-03-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 01 marzo 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news