LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Sicilia: abusivismo a colori
03-03-2006
Prof. Arch. Teresa Cannarozzo

Al Presidente della Regione
On.le Salvatore Cuffaro

Illustre Presidente, mi sono rivolta a Lei, per lo stesso argomento gi nel 2003, e speravo che la proposta cosmetica come strumento salvifico per la riqualificazione del territorio siciliano fosse stata del tutto accantonata dal suo governo a favore di argomenti pi seri.
Evidentemente le mie critiche argomentate e quelle di molti colleghi dellUniversit esperti in urbanistica, riqualificazione territoriale e urbana, recupero edilizio, progettazione architettonica e restauro, formulate a mezzo stampa nel 2003, non hanno scalfito minimamente le sue convinzioni e quelle dellAssessore Pagano, tanto da arrivare alla presentazione delle linee guida del Piano di riqualificazione territoriale della Sicilia (1 marzo c. a.).
Se lobiettivo della riqualificazione del territorio siciliano certamente condivisibile invece del tutto improprio pensare di raggiungerlo attraverso tinteggiature e colori.
Infatti ogni contesto o manufatto da riqualificare necessita di strategie e progetti specifici. Se ci si vuole occupare della riqualificazione del paesaggio il ruolo del colore di uno o pi edifici, di un viadotto o di un ponte sono assolutamente secondari rispetto alla conservazione e alla valorizzazione delle risorse naturali: flora, fauna, rarit geologiche, risorse idriche, etc e alle ipotesi di una corretta fruizione delle stesse.
Se scegliamo come campo di applicazione il contesto urbano, la riqualificazione deve passare prima di tutto attraverso una verifica della funzionalit del centro urbano, della conservazione del patrimonio edilizio e della qualit della vita a cominciare dalla dotazione minima di verde pubblico, scuole e parcheggi di cui le nostre citt sono cronicamente carenti per via di uno sviluppo distorto.
Se consideriamo gli edifici storici monumentali, questi devono essere prima restaurati, riutilizzati e rifiniti attraverso luso di materiali e coloriture derivanti da apposite ricerche condotte da esperti di restauro. La definizione delle facciate degli edifici, attraverso luso di materiali e colori adeguati, una procedura da ubicare a valle delle scelte urbanistiche, che pu essere legittimamente ancorata e approfondita allinterno dei Regolamenti Edilizi Comunali che accompagnano i Piani Regolatori.
Non credo che Ella ritenga che basti colorare vivacemente i palazzi abusivi multipiani di Favara o di Palma di Montechiaro o le villette costiere di Triscina o di Tre Fontane per riqualificare il paesaggio di quelle contrade.
Pertanto se Ella vuole raggiungere lobiettivo della riqualificazione del territorio siciliano che sta a cuore a tutti, si adoperi per contrastare decisamente labusivismo edilizio e per rendere pi credibile e pi qualificata la pianificazione urbanistica ordinaria, finalizzata anche alla salvaguardia e alla valorizzazione delle risorse naturalistiche, ambientali e paesaggistiche; si impegni anche a finanziare la redazione dei piani per i centri storici, mettendo nel bilancio regionale adeguati contributi destinati ai comuni per eseguire i rilievi delle strutture edilizie storiche e idoneo sostegno finanziario ai privati che vogliono recuperare il proprio patrimonio edilizio; si impegni a finanziare lattuazione del miglioramento antisismico delle strutture edilizie dei centri storici.
Qualunque buona intenzione progettuale pi o meno colorata si scontra infatti con la mancanza di ricerche storiche, di verifiche sui materiali locali, con lassenza di rilievi architettonici sui quali ipotizzare piani particolareggiati di recupero, progetti di restauro e ipotesi di finitura delle facciate. Si scontra anche con la mancanza di risorse finanziarie.
Il degrado del territorio e delle citt siciliane non si contrastano con operazioni cosmetiche ma con analisi in grado di individuare le vere cause del degrado e con proposte di interventi adeguati sicuramente meno epidermici di quelli fin qui ipotizzati dal suo governo.

Palermo 4 marzo 2006

Prof. Arch. Teresa Cannarozzo
Direttore Dipartimento Citt e Territorio
Presidente del Corso di Laurea in Restauro, recupero e riqualificazione dellarchitettura



news

15-02-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 15 febbraio 2019

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

Archivio news