LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Sicilia: abusivismo a colori
03-03-2006
Prof. Arch. Teresa Cannarozzo

Al Presidente della Regione
On.le Salvatore Cuffaro

Illustre Presidente, mi sono rivolta a Lei, per lo stesso argomento già nel 2003, e speravo che la proposta cosmetica come strumento salvifico per la riqualificazione del territorio siciliano fosse stata del tutto accantonata dal suo governo a favore di argomenti più seri.
Evidentemente le mie critiche argomentate e quelle di molti colleghi dell’Università esperti in urbanistica, riqualificazione territoriale e urbana, recupero edilizio, progettazione architettonica e restauro, formulate a mezzo stampa nel 2003, non hanno scalfito minimamente le sue convinzioni e quelle dell’Assessore Pagano, tanto da arrivare alla presentazione delle linee guida del “Piano di riqualificazione territoriale della Sicilia” (1 marzo c. a.).
Se l’obiettivo della riqualificazione del territorio siciliano è certamente condivisibile è invece del tutto improprio pensare di raggiungerlo attraverso tinteggiature e colori.
Infatti ogni contesto o manufatto da riqualificare necessita di strategie e progetti specifici. Se ci si vuole occupare della riqualificazione del paesaggio il ruolo del colore di uno o più edifici, di un viadotto o di un ponte sono assolutamente secondari rispetto alla conservazione e alla valorizzazione delle risorse naturali: flora, fauna, rarità geologiche, risorse idriche, etc… e alle ipotesi di una corretta fruizione delle stesse.
Se scegliamo come campo di applicazione il contesto urbano, la riqualificazione deve passare prima di tutto attraverso una verifica della funzionalità del centro urbano, della conservazione del patrimonio edilizio e della qualità della vita a cominciare dalla dotazione minima di verde pubblico, scuole e parcheggi di cui le nostre città sono cronicamente carenti per via di uno sviluppo distorto.
Se consideriamo gli edifici storici monumentali, questi devono essere prima restaurati, riutilizzati e rifiniti attraverso l’uso di materiali e coloriture derivanti da apposite ricerche condotte da esperti di restauro. La definizione delle facciate degli edifici, attraverso l’uso di materiali e colori adeguati, è una procedura da ubicare a valle delle scelte urbanistiche, che può essere legittimamente ancorata e approfondita all’interno dei Regolamenti Edilizi Comunali che accompagnano i Piani Regolatori.
Non credo che Ella ritenga che basti colorare vivacemente i palazzi abusivi multipiani di Favara o di Palma di Montechiaro o le villette costiere di Triscina o di Tre Fontane per riqualificare il paesaggio di quelle contrade.
Pertanto se Ella vuole raggiungere l’obiettivo della riqualificazione del territorio siciliano che sta a cuore a tutti, si adoperi per contrastare decisamente l’abusivismo edilizio e per rendere più credibile e più qualificata la pianificazione urbanistica ordinaria, finalizzata anche alla salvaguardia e alla valorizzazione delle risorse naturalistiche, ambientali e paesaggistiche; si impegni anche a finanziare la redazione dei piani per i centri storici, mettendo nel bilancio regionale adeguati contributi destinati ai comuni per eseguire i rilievi delle strutture edilizie storiche e idoneo sostegno finanziario ai privati che vogliono recuperare il proprio patrimonio edilizio; si impegni a finanziare l’attuazione del miglioramento antisismico delle strutture edilizie dei centri storici.
Qualunque buona intenzione progettuale più o meno colorata si scontra infatti con la mancanza di ricerche storiche, di verifiche sui materiali locali, con l’assenza di rilievi architettonici sui quali ipotizzare piani particolareggiati di recupero, progetti di restauro e ipotesi di finitura delle facciate. Si scontra anche con la mancanza di risorse finanziarie.
Il degrado del territorio e delle città siciliane non si contrastano con operazioni cosmetiche ma con analisi in grado di individuare le vere cause del degrado e con proposte di interventi adeguati sicuramente meno epidermici di quelli fin qui ipotizzati dal suo governo.

Palermo 4 marzo 2006

Prof. Arch. Teresa Cannarozzo
Direttore Dipartimento Città e Territorio
Presidente del Corso di Laurea in Restauro, recupero e riqualificazione dell’architettura



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news