LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Archeologia, archeologi e conservazione
26-07-2010
Umberto Broccoli

Discorso di presentazione al

Tavolo tecnico per la definizione della tipologia di opere ricadenti nella tipologia OS2.
Presentazione di uno studio tecnico per la tutela delle superfici di pregio in Italia, Associazione Restauratori d'Italia

Abituiamoci. Abituiamoci a riscoprire e a conservare il nostro passato: un paese senza rispetto per il passato un paese senza futuro. Abituiamoci a vivere quel passato e (chi ci lavora dentro) a considerare vivo quel passato. Non imbalsamiamo i monumenti: lasciamoli alla gente, perch sono nati con il lavoro degli uomini e hanno ospitato gli uomini. Crearne delle reliquie lontano dagli uomini, significa tradirne il significato. Far parlare le pietre antiche e spiegarsi come fare per ascoltare e farsi raccontare le storie della nostra storia. Chiaramente, pacatamente, semplicemente. Noi ci abbiamo provato, riscoprendo quanti son venuti qui e hanno visto quelle pietre, amato quei colori, rubato emozioni.
Per questo il restauro indispensabile. Ho lavorato un tempo sufficiente in questo settore. Sufficiente per vedere l'evoluzione delle tecniche nel restauro, sempre meno stregonerie sull'antico, sempre pi professionalit al servizio dell'antico. I restauratori italiani: i migliori del mondo. Ho sperimentato direttamente tutto questo ad Acco, in Galilea, (Israele). L 1'Israel Antiquities Autority (IAA) ha voluto un "Centro di restauro Citt di Roma", dove far confluire le esperienze dei tecnici italiani per collaborare con gli studiosi israeliani. Spesso non ci rendiamo conto di quanto abbiamo: non ci rendiamo conto n del nostro patrimonio, n del patrimonio dei nostri specialisti: ambedue risorse per la cultura internazionale. Per cui diamo per scontato il Colosseo, nonch chi sul Colosseo ha lavorato per fare in modo di conservarne 1e strutture come messaggio del mondo antico al mondo moderno. Presentare questo convegno, per me significa recuperare il passato: anche il mio passato.
Quello dell'archeologo militante che, alle prese con lo scavo, compie due gesti: scopre e ricostruisce. II primo con le mani, il secondo con il pensiero.
Ogni ricerca delle origini ricerca di futuro. E quando con le mani nella terra si scova un frammento di passato la fantasia ad entrare in gioco. Non dobbiamo aver paura di ricostruire. Pi o meno filologicamente. Ogni opera dell'ingegno una costruzione dal nulla o una ricostruzione. Basata s su elementi e dati scientifici, ma anche libera, audace, capace di immaginare ... come quel monumento era in origine, come lo aveva voluto l'artista, come lo vedeva la gente. Che si tratti del Colosseo (ricoperto di marmo e "riempito" di statue) del colore michelangiolesco della Sistina o di quello di un affresco appannato dal tempo. E' questo sforzo di fantasia che ci avvicina all'artista, ce lo rende amico. Ed per questo che necessario recuperare quellamicizia: con il restauro.
Cos accaduto a me quando affrontavo le campagne di scavo. E immaginavo mondi lontanissimi. Quei mondi di cui sai pochissimo e dei quali sei alla ricerca dalle tracce pi semplici: un frammento di terracotta, un resto di metallo, uno scarto qualsiasi. Allora - scavando - sogni di riascoltare le voci di ci ha tenuto in mano quelloggetto, messaggio muto arrivato in diretta dai secoli del passato. Scavando, pensi di poter sognare di nuovo i movimenti delle persone, sparite in quella stessa terra millenni prima.
Ti senti avvolto dalla storia, senza essere oppresso dai nomi ridondanti della storia. La storia ti circonda con le vicende quotidiane degli uomini come noi, alle prese con una tazza, con un bicchiere, con un pezzo di pane, con la voglia di vivere senza immaginare - minimamente - di dover rientrare nella terra, per essere riscoperti, per caso, dagli strumenti degli archeologi. E ti rendi conto di essere piccolo nei confronti della storia, anche se sai di appartenere - pur piccolo - alla storia.
... poi ti svegliano. Ti svegliano i colleghi, rigorosi, rigoristi, sempre contraddetti fra seriet e seriosit e, inconsapevoli prigionieri della seconda. Persone seriose, non serie. E, non senza qualche supponenza, ti ricordano come tutto questo deve essere scienza, che nella scienza non entrano le emozioni, che 1e ricostruzioni si devono fondare sulla tecnica, che necessario parlare con il linguaggio scientifico, che non bisogna sorridere troppo, che le ipotesi vanno documentate, che alla fine se al museo ci vanno in pochi "chissenefrega" perch noi archeologi sappiamo, decidiamo, discutiamo, scaviamo, esponiamo, ci riconosciamo tra di noi, noi, noi, noi...
...in una grandinata esponenziale di insicurezze vestite di seriosit, piovute a spegnere gli entusiasmi delle passioni verso il mondo antico. E, tradizionalmente, alla pioggia e alla grandine ho preferito il sole. Anche perch (fortunatamente) dopo la pioggia possibile vedere l'arcobaleno.
Chi restaura permette tutto questo: permette di rivedere oggi, il mondo di ieri. Permette quel viaggio nel tempo con biglietto di andata e ritorno. All'andata, senza bagagli. Al ritorno, con tanti ricordi recuperati da quei mondi lontanissimi dove gente come noi, ha vissuto, amato, sofferto, sorriso, pianto nel transito terrestre chiamato vita. Conservare e restaurare il passato il biglietto di viaggio per il futuro.
Umberto Broccoli
Sovraintendente ai Beni Culturali del Comune di Roma



news

20-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 20 settembre 2019

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news