LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Appello-Denuncia cementificazione collina Bellosguardo a Firenze
04-08-2010
Mario Bencivenni

Via Arnoldi-Soffiano: la colata di cemento sulla collina di Bellosguardo continua indisturbata. La colata di cemento documentata dalla foto (1) si riferisce alla gettata in corso d’opera delle fondamenta di un complesso di tre piani di appartamenti da vendere a mercato libero. Il tutto in un’area di vincolo diretto paesaggistico e storico culturale stabilito con Decreto Ministeriale 1951, integralmente confermato dal PIT adottato dal Consiglio regionale nel Luglio 2009 come piano paesaggistico. Si tratta di un’area di pregio paesaggistico e storico artistico dove nel 2004, grazie alla nuova stagione politica di “urbanistica contrattata” adottata anche dalll’amministrazione comunale fiorentina e in nome di un presunto interesse collettivo, l’impresa Le Quinte spa nell’ambito del progetto “20.000 abitazioni in affitto” aveva proposto la realizzazione di un edificio di tre piani per un totale di 46 appartamenti, met in vendita a prezzi di mercato e met ad affitto calmierato cinque anni. Questa manomissione di un’area super-vincolata da leggi nazionali e dagli atti di pianificazione territoriale provinciale e comunale, autorizzata da un accordo di programma delle amministrazioni locali, stata allora sventata da un ricorso dei cittadini al Tar Toscano e dalla conseguente esemplare sentenza. Infatti dei nove interventi fiorentini inseriti nel piano dei “20.000 abitazioni in affitto” stato l’unico a non essere realizzato e a rimanere allo stato di scavo delle fon damenta. Questo anche perch il lotto che si intendeva edificare un lotto intercluso e non ha accesso alla viabilit pubblica se non attraverso una strada di privati che allora non hanno legittimamente consentito il passaggio dei mezzi della ditta costruttrice. Nel 2009 con una sentenza che dovrebbe essere attentamente studiata dagli esperti di giustizia amministrativa, Il Consiglio di Stato su istanza della ditta costruttrice e con lei del Comune di Firenze e della Provincia di Firenze ha annullato la sentenza del Tar Toscano. A seguito di questa sentenza e sulla base di una dichiarazione di variante al progetto originario la Impresa costruttrice senza attendere la risposta autorizzativa e sulla scorta di quanto dichiarato dal progettista nella relazione ha ripreso i lavori cominciando nel giugno scorso a completare i movimenti di terra delle fondamenta e a gettare il massetto e poi le fondamenta dell’edificio. Tutto questo nonostante la non definizione delle pratiche edilizie e urbanistiche, e anche paesaggistiche, dal momento che con l’adozione del PIT come piano paesaggistico la vecchia autorizzazione della Sovrintendenza non era pi sufficiente. Ma non basta proprio alla ripresa dei lavori su denuncia dei cittadini intervenuta la Soprintendenza archeologica che lungo il lato est delle fondamenta (fig.2) ha attivato un’ area di scavo che sta rimettendo in luce testimonianze probabilmente di epoca romana ( pozzi, cisterne ed altri ambienti collegati a questo importante sito agricolo pedecollinare dove anche nel Medioevo sorgeva un convento di Clarisse distrutto durante l’assedio del 1529). Da circa un mese, cittadini, comitati, associazioni ambientaliste come Italia Nostra, consiglieri comunali e di quartiere stanno chiedendo all’Amministrazione Comunale e alla Soprintendenza ai beni ambientali, architettonici e del paesaggio di intervenire per bloccare il cantiere in attesa di chiarire se esso ha avuto le dovute autorizzazioni edilizie e urbanistiche: ma ancora oggi nessuna risposta, nessun intervento e il cemento continua a colare disturbato, appena appena, solo da avverse condizioni atmosferiche dei due nubifragi verificatesi gioved 29 luglio. Se tutto questo avviene in un’ area di grande pregio storico, artistico e paesaggistico tutelata con vincolo diretto, dove sono affiorati resti archeologici di rilevante importanza, in un lotto intercluso e confinante con una scuola materna dove anche in assenza di vincoli di natura paesaggistica sarebbe difficile poter edificare, mi domando se ancora oggi gli scenari denunciati negli anni Cinquanta da Antonio Cederna nella sua campagna contro i “vandali in casa” non sia ancora tragicamente attuali. Quello che non si era riusciti a fare con la Giunta Domenici e mentre imperversava il sistema “Quadra”, cio quel sistema che oggi al centro di un’indagine della Procura della Repubblica di Firenze denominata “Le mani sulla citt”, si sta facendo oggi con la Giunta Renzi, cio col Sindaco dello slogan “nemmeno un metro di cemento in pi a Firenze”. Nonostante queste tristi considerazioni, la difesa di un bene paesaggistico di questa rilevanza per l’interesse collettivo richiede di non cessare questa battaglia di tutela dal basso, e credo sia necessario invitare tutti i cittadini di buona volont , il mondo della cultura, le associazioni ambientaliste e tutti coloro che sentono il bisogno di tutelare i beni comuni a mobilitarsi e ad inviare messaggi di protesta al Sindaco di Firenze e alle autorit di tutela per sollecitare un loro intervento. Mario Bencivenni cell. 3280658924 PS: le fig. 01, 02 allegate sono state scattate dallo scrivente il 28 luglio 2010. Le foto Arnoldi 00 e 00bis scattate nel giugno 2010 descrivono il contesto collinare dove inserito il cantiere.



news

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

15-10-2017
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 15 OTTOBRE 2017

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

30-08-2017
Settis sui servizi aggiuntivi nei musei

29-08-2017
Carla Di Francesco il nuovo Segretario Generale - MIBACT

25-08-2017
Fotografie libere per i beni culturali: nel dettaglio le novit apportate dalla nuova norma

21-08-2017
Appello di sessanta storici dell'arte del MiBACT per la messa in sicurezza e la salvaguardia del patrimonio monumentale degli Appennini devastato dagli eventi sismici del 2016

19-08-2017
Dal 29 agosto foto libere in archivi e biblioteche

19-08-2017
Cosenza, brucia casa nel centro storico: tre persone muoiono intrappolate. Distrutte decine di opere d'arte

12-08-2017
Antonio Lampis, nuovo direttore generale dei musei del MiBACT

06-08-2017
L'appello al Presidente Mattarella: i beni culturali non sono commerciali. Come aderire

04-08-2017
Istat: mappa rischi naturali in Italia

03-08-2017
APPELLO - COSA SI NASCONDE NELLA LEGGE ANNUALE PER IL MERCATO E LA CONCORRENZA

31-07-2017
Su eddyburg intervento di Maria Pia Guermandi sulle sentenze del Consiglio di Stato e su Bagnoli- Stadio di Roma

31-07-2017
Comunicato EC Il Colosseo senza tutela: sulle recenti sentenze del Consiglio di Stato

30-07-2017
Dal blog di Giuliano Volpe: alcuni interventi recenti

27-07-2017
MiBACT, presto protocollo di collaborazione con le citt darte per gestione flussi turistici

26-07-2017
Franceschini in audizione alla Commissione Cultura del Senato

25-07-2017
Franceschini domani in audizione alla Commissione Cultura del Senato

25-07-2017
Franceschini: Musei italiani verso il record di 50 milioni di ingressi

25-07-2017
COLOSSEO, oggi conferenza stampa di Franceschini

20-07-2017
Questa legge contro i parchi e le aree protette, fermatela: appello di Italia Nostra alla Commissione Ambiente del Senato

18-07-2017
CAMERA DEI DEPUTATI - COMMISSIONE PERIFERIE - Audizione esperti (Bovini e Settis)

15-07-2017
Ricordo di Giovanni Pieraccini, di Vittorio Emiliani

12-07-2017
Comunicato di API-MIBACT sui Responsbili d'Area nelle Soprintendenze Archeologia, Belle Arti, Paesaggio

11-07-2017
Rassegna Stampa di TERRITORIALMENTE sul patrimonio territoriale della Toscana

10-07-2017
Il tradimento della Regione Toscana nella politica sui fiumi

06-07-2017
Per aderire all'appello sul Parco delle Alpi Apuane

05-07-2017
Appello al Presidente Enrico Rossi per la nomina del Presidente Parco regionale delle Alpi Apuane

Archivio news