LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

TROPPA EDILIZIA STORICA IN DEGRADO NELLA PROVINCIA PAVESE
30-08-2010
Mauro Manfrinato

Nell’articolo 9 della Costituzione italiana vi scritto che la Repubblica tutela il paesaggio storico/artistico della Nazione. Molto spesso si assiste invece ad un generalizzato degrado del Patrimonio monumentale antico. Le cause di questo regresso culturale sono molteplici, come la paradossale legge sul condono edilizio, la sanatoria degli illeciti in materia paesistica e il carente personale scientifico assunto nelle varie soprintendenze. Varie leggi sono spesso in favore di speculatori furbi senza scrupoli, totalmente indifferenti sul piano della cultura della conservazione; basta tirar su una decina di appartamenti in un fazzoletto di terra intanto il comune compiacente guadagna in oneri edilizi a scapito della storia materiale. Spesso l’edilizia storica disseminata nei piccoli centri viene definita superficialmente “d’entit minore” ma non lo affatto; essa un patrimonio latente molto spesso non ancora studiato, segno tangibile di secolare storia st ratificatasi nel territorio, un insieme d’arte, architettura, storia e archeologia inscindibile e per questo va tutelata e non distrutta. Quante cascine segno della civilt contadina, nel pavese ad esempio, gi sono state demolite quando potevano esser benissimo restaurate. Torri colombaie del Quattrocento e edifici antichi che celano affreschi lasciati in abbandono dai proprietari medesimi, invece, se recuperati sarebbero il fiore all’occhiello di un territorio ricchissimo di testimonianze storiche. La mancanza di persone che abbiano un pi ampio sguardo porta solamente conseguenze negative, oggi ci dovrebbe essere la consapevolezza che un’architettura storica storica indistintamente, dal poderoso castello alla casa del contadino del Settecento e non pi eseguire distinzioni di manufatti di serie a o serie b, di fatto qui si sta mettendo a rischio la nostra secolare cultura della conservazione. Occorre quindi anche una battaglia civile ed ogni libero cittadino pu nel suo piccolo, documentando e segnalando gli scempi e gli abbandoni agli enti di tutela competenti. Tuttavia non mai abbastanza, vista la furba possibilit di aggirare le leggi sulla conservazione del Patrimonio Culturale. Servono inoltre leggi nuove e in particolar modo fondi finanziari pi marcati nel settore cultura da destinarsi alle varie Soprintendenze, e per i proprietari dei manufatti, invogliandoli nel recupero dei loro beni. La salvaguardia dell’esistente architettonico inoltre, permetterebbe di consumare meno suolo con nuove edificazioni, spesso di scarsa qualit estetica ed in pieno contrasto con il contesto paesistico locale. Sensibilizzare sempre l’opinione pubblica importante in quanto occorre avere maggiore coscienza del valore inalienabile delle testimonianze del passato. Purtroppo,mi spiace dirlo ma vero, nella Provincia Pavese sembra che la strada sia ancora lunga per un serio programma di salvaguardia della cultura materiale.



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news