LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Disposizioni correttive ed integrative al Decreto Legislativo 22 gennaio 2004. Spunti di riflessione su alcune novit contenute negli schemi di decreti legislativi
12-03-2006
Alessandro Ferretti

Disposizioni correttive ed integrative al Decreto Legislativo 22 gennaio 2004
Spunti di riflessione su alcune novit contenute negli schemi di decreti legislativi.

di Alessandro Ferretti


A distanza di due anni dalla sua entrata in vigore, possibile affrontare nuovamente la questione relativa allapplicazione e alle prospettive legate al Codice dei beni culturali e del paesaggio alla luce delle nuove disposizioni correttive ed integrative - che il legislatore sta adottando in base allart. 10, comma 4 della legge n. 137/2002(1).
Infatti, il 2 marzo 2006 il Consiglio dei Ministri ha dato il via libera a due decreti legislativi aventi ad oggetto le disposizioni correttive ed integrative del d. lgs. n. 42/2004 (da adesso Codice) relative sia al terreno dei beni culturali sia a quello del paesaggio.
Si trattato di un ampio lavoro di coordinamento e di inserimento delle disposizioni che sono state adottate nel corso dei due anni successivi allemanazione del Codice (2) e di alcune necessarie correzioni al dettato legislativo, evidenziate dalle prime applicazioni delle norme codicistiche.
In definitiva, si trattato di un compito necessario da realizzare, vista anche la cadenza temporale prevista dallart. 10, comma 4 della l. n. 137/2002 ,fissata in due anni dallentrata in vigore del Codice (3), per poter effettuare correzioni ed integrazioni della norma originaria.
In linea generale, non possibile esimersi dallosservazione che le nuove disposizioni, correttive ed integrative, non nascono in unottica di condivisione tra Stato e regioni, quanto alle disposizioni contenute nella Parte Terza, dedicata ai beni paesaggistici. Nella procedura prevista dallart. 10, comma 3 della legge delegata, la n. 137/2002, risulta indispensabile acquisire i pareri della Conferenza Unificata Stato-regioni (4), delle Commissioni parlamentari competenti per materia e del Consiglio di Stato (5), pur essendo prevista lipotesi di adozione del decreto legislativo. in caso di mancata espressione di uno dei pareri entro un dato termine dalla richiesta. Come si accennato, il parere della Conferenza unificata stato negativo in riferimento alla parte terza dedicata ai beni paesaggistici. Questo dato rappresenta indubbiamente un elemento non positivo di valutazione in quanto, a prescindere dalle motivazioni del dissenso tra Stato e regioni, di cui si ritiene opportuna la trattazione in altra sede, segna inevitabilmente lapertura di una nuova stagione di conflitti che sfoceranno in una serie di contenziosi tra Stato e regioni, per la determinazione delle rispettive attribuzioni in tema di paesaggio, con ovvi motivi di incertezza e confusione sul piano applicativo (6).
Affrontando nel dettaglio le novit pi significative, si deve procedere dalle disposizioni della Parte prima, relativa alle disposizioni generali. Lart. 5, in particolare, stato corretto con lintento di chiarire la consistenza ed i limiti del conferimento alle regioni delle funzioni di tutela dei cc.dd. beni librari (7), riservando alla competenza statale il potere di revisione delle notificazioni adottate con provvedimento del Ministero. Interessante appare il tentativo di coniugare la nozione di valorizzazione anche con riferimento ai beni paesaggistici, includendovi sia il recupero che la riqualificazione delle aree (8).
Con riferimento alla Parte Seconda, dedicata ai beni culturali, si registrano alcune modifiche importanti. Lart. 10, riferito espressamente ai beni culturali, fatto oggetto di modifiche al comma 3 lett. e) e al comma 4, lett. b; in entrambi i casi si accoglie unesigenza sentita nel settore del collezionismo, verificando o accertando, in via generale, la valenza culturale delle collezioni attraverso la rilevanza artistica, storica, archeologica, numismatica o etnoantropologica e, in via specifica, per linteresse numismatico, facendo riferimento alla rarit e pregio delle cose, giudicati in rapporto allepoca, alle tecniche e ai materiali di produzione (9).
Di rilievo la modifica del comma 10 dellart. 12, dedicato alla verifica dellinteresse culturale. In questo caso, si assiste ad una piccola rivoluzione dellimpostazione che era stata data a questo procedimento dal Codice. Infatti, nellultimo comma dellart. 12 era stato inserito un deciso richiamo alle disposizioni contenute nel D.L. n. 269/2003, che aveva introdotto tra laltro il c.d. silenzio-assenso nel procedimento de quo. In buona sostanza, si tratta di una sorta di silenzio significativo da parte della P.A. che nel caso specifico si colorato di valenze negative, legate al mancato effettivo accertamento della sussistenza dellinteresse culturale del patrimonio immobiliare pubblico (10).
Lintroduzione della norma contenente il principio generale in base al quale il c.d. meccanismo del silenzio-assenso non pu essere applicato agli atti e procedimenti riguardanti il patrimonio culturale e paesaggistico(11), ha permesso al legislatore di espungere il riferimento implicito al silenzio-assenso contenuto nel comma 10 dellart. 12, disponendo soltanto la durata procedimentale fissata in 120 giorni (12) e configurandosi leventuale silenzio dellAmministrazione come silenzio-inadempimento.
Di rilievo anche le norme dedicate alla conservazione ed, in particolare, alla figura del restauratore di beni culturali in riferimento alla formazione professionale. In particolare, lart. 29 prevede il regime ordinario di acquisizione della qualifica professionale di restauratore, che potr avvenire solo in base alla disciplina contenuta nei decreti attuativi previsti dai commi 7, 8 e 9 dellarticolo in commento (13). In attesa della loro adozione, lart. 182, a cui si rinvia per unattenta lettura, pone una disciplina transitoria che individua dettagliatamente chi siano i soggetti che acquisiscono la qualifica di restauratore di beni culturali.
Si segnalano novit anche per quanto riguarda gli interventi contributivi da parte dello Stato per quanto riguarda i mutui concessi per la realizzazione di interventi conservativi autorizzati. In particolare, stata superata la limitazione della possibilit di erogazione di contributi in conto interessi, estendendola a tutti i beni culturali, immobili e mobili (art. 37) (14).
Interventi correttivi si devono registrare anche per quanto riguarda le alienazioni di beni culturali e la possibilit di esercizio del diritto di prelazione. Sotto il primo aspetto, si provveduto a precisare la portata di alcune norme la cui applicazione ha prodotto dubbi interpretativi. E il caso, ad esempio, della decorrenza del termine per la denuncia del legatario, che dovr avvenire entro trenta giorni dalla comunicazione notarile effettuata ai sensi dellart. 623 c.c.(15) e non nel momento in cui si apre la successione (art. 59, comma 2, lett. c). E anche il caso, ad esempio, della precisazione relativa ai conferimenti di beni (culturali) in societ, che sono considerati a tutti gli effetti come alienazioni e, pertanto, ricadono nella disciplina prevista dalla sezione II dedicata alla prelazione (artt. 60 e ss.).
Sotto il secondo aspetto, non appare del tutto opportuna una delle modifiche effettuate in riferimento alla fattispecie prevista dallart. 62 del Codice. Infatti, si provveduto a comprimere ulteriormente la durata del termine per la regione e gli altri enti pubblici (da trenta a venti giorni dalla denuncia di alienazione), trascurando il fatto che la denuncia effettuata presso gli uffici periferici del Ministero, che in ogni caso devono provvedere ad unulteriore comunicazione nei confronti degli enti pubblici territoriali per portarli a conoscenza dellavvenuta alienazione, in ci riducendo inevitabilmente il tempo a disposizione dellente per leventuale formulazione della proposta di prelazione (16). Inoltre, nello stesso termine di venti giorni dalla denuncia, il Ministero ha la facolt di rinunciare allesercizio di prelazione, trasferendone la facolt in capo allente interessato. Positiva, al contrario, la novit relativa alla indicazione da parte dellente interessato alla prelazione delle specifiche finalit di valorizzazione culturale del bene, che implica anche una valutazione della fondatezza della richiesta di prelazione dellente al fine dellaccoglimento.
Un dato confortante segnato dalla reintroduzione nel sistema dellautorizzazione da parte del Ministero per i beni culturali dati in concessione duso da parte di Stato, regioni ed altri enti pubblici territoriali. La norma, gi presente nel D.P.R. n. 283/2000, era stata espunta dl sistema del Codice con chiari problemi applicativi in merito alle concessioni di beni culturali date da soggetti pubblici.
Una modifica che gi fonte di discussioni e polemiche e che in questa sede appena il caso di segnalare, rinviando ad unapposita trattazione lindividuazione dei termini del contrasto, quella relativa allart. 115 del Codice. Si opta, a grandi linee, per una ancor pi accentuata attivit di valorizzazione del bene culturale attraverso forme di gestione diretta ed indiretta. Queste ultime attraverso concessioni a terzi [..] anche in forma congiunta e integrata, da parte delle amministrazioni cui beni pervengono [..] mediante procedure di evidenza pubblica. La scelta operata dal legislatore nel caso de quo attraverso anche la realizzazione di forme di cooperazione tra soggetti pubblici e privati (art. 112) sembra decisamente orientata verso una massiccia utilizzazione del bene culturale ai fini di una maggiore valorizzazione, anche economica, capace di attivare ed organizzare strutture sempre pi efficienti tra soggetti pubblici e privati (17).
Per quanto riguarda le modifiche alla Parte Terza, riferite ai beni paesaggistici, come si gi osservato allinizio del presente contributo, esse si vengono a realizzare in un contesto di mancata condivisione di scelte tra Stato e regioni. Il Consiglio dei Ministri del 2 marzo ha deciso di adottare due diversi decreti legislativi, uno per i beni culturali, laltro per i beni paesaggistici. Di queste ultime modifiche sembra ancora prematuro poterne trattare, vista la loro genesi. Si pu in ogni caso fare riferimento alla nota dellUfficio Legislativo del MiBAC del 26 gennaio 2006, per individuare alcune delle novit maggiormente rilevanti (18). La prima relativa ad una maggior razionalizzazione e previsione di termini certi per il procedimento di vincolo ( rectius, procedimento di dichiarazione di notevole interesse pubblico). Ad esempio, lart. 138 prevede un nuovo comma il 3 in base al quale la Commissione delibera entro 60 giorni dalla presentazione dellatto di iniziativa ed in assenza di tale delibera nel termine indicato, la proposta di dichiarazione di notevole interesse pubblico formulata in via principale dallorgano richiedente, entro i successivi 30 giorni. Ulteriori riduzioni di termini si hanno ad esempio per la proposta di eventuali osservazioni termine da 60 a 30 giorni e per la dichiarazione di notevole interesse pubblico. La seconda, diretta ad individuare un indirizzo generale per le Regioni per orientare leventuale delega dellesercizio della funzione autorizzatoria paesaggistica verso specifici livelli (19). Altre novit riguardano la previsione, in via transitoria, del carattere vincolante del parere della Soprintendenza fino alladeguamento congiunto del piano paesaggistico alle prescrizioni del Codice (20) ed, infine, una razionalizzazione del sistema sanzionatorio, a causa e per effetto della l. n. 308/2004 (21).
Sin qui le novit di maggior significato che verranno introdotte dai due citati decreti legislativi. Si tratta ora di vedere se al momento della pubblicazione dei provvedimenti legislativi vi saranno ulteriori modifiche, per poterne permettere una compiuta analisi.


1. Legge 6 luglio 2002, n. 137 "Delega per la riforma dell'organizzazione del Governo e della Presidenza del Consiglio dei ministri, nonch di enti pubblici".
ART. 10, comma 4. Disposizioni correttive ed integrative dei decreti legislativi di cui al comma 1 possono essere adottate, nel rispetto degli stessi princpi e criteri direttivi e con le medesime procedure di cui al presente articolo, entro due anni dalla data della loro entrata in vigore.

2. Il Codice entrato in vigore il primo maggio del 2004.

3. Recentemente, la cadenza temporale prevista dallart. 10, comma 4 stata ampliata e portata da due a quattro anni. Cfr. art. 1, comma 3 della L. 23 febbraio 2006, n. 51 ("Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 30 dicembre 2005, n. 273, recante definizione e proroga di termini, nonche' conseguenti disposizioni urgenti. Proroga di termini relativi all'esercizio di deleghe legislative"

4. Per una lettura integrale dei pareri, v. http://www.governo.it/backoffice/allegati/27309-2822.pdf (beni culturali) e http://www.governo.it/backoffice/allegati/27310-2823.pdf (beni paesaggistici)

5. Pur essendo previsto, non vi stata espressione del parere del Consiglio di Stato n per il d. lgs. n. 42/2004 n per gli attuali decreti integrativi e correttivi.

6. Sul punto, v. la nota 4 e, soprattutto, la nota 20.

7. Sul punto cfr. la Relazione illustrativa al Decreto Legislativo correttivo e integrativo del Decreto legislativo 22 gennaio 2004, n. 42.

8. V. art. 6 del Codice

9. Cfr. sul punto, il resoconto dellaudizione sulle modifiche al codice dei beni culturali e del paesaggio, presso la VII Commissione del Senato, a cui hanno partecipato con le loro osservazioni l'Associazione Bianchi Bandinelli, l'Assotecnici e l'Associazione Italiana Biblioteche.

10. Cfr., ex multis, Sciullo, La verifica dellinteresse culturale (art. 12), in Aedon 1/2004; M. S. Palieri, Patrimonio SOS La grande svendita del tesoro degli italiani, Roma, 2004; M. Torsello, Silenzio-assenso? No problem, in Il Sole 24 ore, 8 febbraio 2004, 37.

11. Cos lart. 3, comma 6-ter del d.l. 14 marzo 2005, n. 35, di modifica alla legge n.241/1990 sul procedimento amministrativo.

12. Secondo i principi di ordine generale cos come confermato anche da alcune disposizioni contenute ad esempio nel DM 25 gennaio 2005 e nel DM 28 febbraio 2005 leventuale silenzio dellAmministrazione verr a configurarsi come silenzio-inadempimento, con il possibile ricorso al giudice ai sensi della l. 1034 del 1971.

13. I decreti attuativi sono ormai in fase conclusiva di elaborazione e pertanto pronti per instaurare il regime ordinario di formazione per i restauratori.

14. Correlativamente stato imposto lobbligo di visita pubblica anche per quei beni mobili oggetto di contributi in conto interessi (art. 38).

15. 623. Comunicazioni agli eredi e legatari. Il notaio che ha ricevuto un testamento pubblico, appena gli nota la morte del testatore, o, nel caso di testamento olografo o segreto, dopo la pubblicazione, comunica lesistenza del testamento agli eredi e legatari di cui conosce il domicilio o la residenza.

16. Come gi accaduto in occasione della elaborazione del Codice, le disposizioni sembrano non tenere in alcuna considerazione la struttura del Ministero preposto allapplicazione delle disposizioni. In particolare, per quanto riguarda la norma commentata, gli organi preposti e coinvolti nel procedimento relativo alla prelazione sono tre: la soprintendenza competente alla ricezione della denuncia da parte del privato la direzione regionale competente a proporre lesercizio della prelazione o la rinuncia ad essa la direzione generale competente indica alle direzione regionali la comunicazione allente interessato della rinuncia dellesercizio della prelazionecfr. D.P.R. n. 173/2004, art. 20, comma 4, lett. n) e o). E evidente lappesantimento della procedura che viene necessariamente gravata dalla riduzione dei termini di cui alla modifica indicata.

17. Per una migliore comprensione del problema, si rinvia alla sezione news del sito www.patrimoniosos.it, dove si pu apprezzare la complessit e la portata delle modifiche di cui al testo. Sul punto, si veda anche, criticamente, SETTIS, Al mercato dei beni culturali, La Repubblica del 16 novembre 2005.

18. Il testo raggiungibile al seguente link http://www.governo.it/backoffice/allegati/27310-2823.pdf

19. Art. 146, comma 3 _ Le regioni, ove stabiliscano di non esercitare direttamente la funzione autorizzatoria di cui al presente articolo, ne possono delegare lesercizio alle province, o a forme associative e di cooperazione degli enti locali in ambiti sovracomunali alluopo definite ai sensi degli articoli 24, 31 e 32 del decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267, al fine di assicurarne ladeguatezza e garantire la necessaria distinzione tra la tutela paesaggistica e le competenze urbanistiche ed edilizie comunali. La regione pu delegare ai comuni il rilascio delle autorizzazioni paesaggistiche nel caso in cui abbia approvato il piano paesaggistico ai sensi dellarticolo 143, comma 3 e a condizione che i comuni abbiano provveduto al conseguente adeguamento degli strumenti urbanistici. In ogni caso, ove le regioni deleghino ai comuni il rilascio delle autorizzazioni paesaggistiche, il parere della soprintendenza, di cui al comma 8 del presente articolo resta vincolante.

20. Al fine di comprendere lesatta portata del contrasto tra Stato e regioni in merito alle modifiche apportate alla parte terza del Codice, sia consentito riportare uno stralcio del parere presentato dalla Conferenza Unificata in merito al carattere vincolante dellautorizzazione della Soprintendenza, di cui al testo. Si esprime altres una valutazione profondamente negativa sulla previsione contenuta nel comma 8 ( art. 146 NdA ) di un parere vincolante della Soprintendenza in merito alla autorizzazione ambientale; lespressione di un parere vincolante difatti riporta del tutto nella competenza delle Soprintendenze la valutazione di merito sulle autorizzazioni ambientali, riducendo le Regioni, ovvero gli Enti locali meri delegati delle decisioni assunte da altri. Per lintero parere, si veda http://www.governo.it/backoffice/allegati/27310-2823.pdf.

21. Questultimo aspetto non sembra del tutto conforme ai criteri dettati dalla legge 137/2002, che non ha compreso laspetto sanzionatorie nella materia delegata. Da qui, potranno sorgere probabili contenziosi in merito ad un presunto eccesso di delega, da parte del legislatore delegato.



news

16-11-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 16 NOVEMBRE 2018

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

Archivio news