LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Atlante topografico informativo della città di Nola
Maria Carmela Polisi (mcpolisi@tiscali.it)
Conservazione dei Beni Culturali, Archeologico
Relatori: Stefania Quilici Gigli

Topografia e GIS

Questo progetto di tesi ha avuto come presupposto, la realizzazione di un GIS archeologico. Il lavoro è stato strutturato in diversi momenti.
La prima fase della tesi si è concentrata sull’analisi geomorfologia del territorio interessato, tenendo conto dei condizionamenti che possono derivare dalla morfologia e dalla geologia del sito al fine di comprendere i motivi che hanno spinto gli antichi abitanti di questo territorio a sceglierlo da più di 4000 anni, com’è testimoniato dall’evidenza archeologica.
Nella seconda fase ha concentrato l’attenzione sullo studio delle fonti letterarie ed epigrafiche che hanno notevolmente contribuito all’analisi storico – archeologica dell’area, partendo dal testo del nolano Ambrogio Leone risalente al 1514, fino ai nostri giorni, con le opere di Donceel e Bonghi Jovino.
La terza fase è stata indirizzata nella raccolta dei dati disponibili, relativi alle scoperte avvenute nella città e dei resti ancora riconoscibili. Lo studio si propone come limiti cronologici il periodo compreso tra l’età del Bronzo antico, quando compaiono i segni di un insediamento stabile ad Ovest della città, e lo sviluppo del territorio in epoca imperiale .
La complessità della raccolta dei dati è provata dal fatto che la città di Nola presenta una storia delle scoperte archeologiche molto antica, risalente alla metà del 1500, e che è proseguita ininterrottamente fino ai nostri giorni, tant’è che molti siti risultano ancora non pubblicati.
Si è proseguito comunque nell’operare una lettura complessiva dei dati, tenendo conto delle diverse epoche storiche che si susseguono nel territorio, dei limiti che spesso derivano da pochi ritrovamenti, come per esempio per l’età del ferro e arcaica, dalla morfologia del terreno, e dai rinvenimenti archeologici dei paesi limitrofi che spesso indicano i limiti urbani del nolano .
La lettura dei dati archeologici e letterari raccolti, ha così permesso di condurre una ricostruzione topografica e di poter comprendere gli spostamenti e le evoluzioni della città di Nola.
La quarta fase ha visto la realizzazione del progetto GIS diviso in due viste :
1-Carta archeologica ( fig. 1);
2- Carta di fase ( fig. 2 ).
La divisione in due viste è stata scelta per consentire una più facile lettura dell’evidenza archeologica sia nel complesso, cioè prendendo in considerazione tutti i rinvenimenti dell’area e creando in questo modo una carta archeologica, sia dividendo i siti in base alle fasi storiche : Età del Bronzo, Età del ferro e arcaica, Età repubblicana e infine, Età imperiale.
Ciò ha consentito di effettuare uno studio topografico della città, e di osservare le mutazioni urbane che si sono succedute nel corso dei secoli e , analizzando i resti all’esterno del circuito urbano, comprenderne i limiti territoriali.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news