LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

caratterizzazione chimico-fisica di scorie di fusione provenienti dalla spiaggia di Baratti (Populonia)
Stefano Pagnotta (stefanopagnotta@yahoo.it)
Università degli studi S.Orsola Benincasa (Na)
conservazione dei BB.CC., Archeologia, curriculum delle tecniche e della diagnostica
Relatori: Giolj F. Guidi

scorie,microscopio, sem, analisi, mineralogia

La presente tesi ha lo scopo di dimostrare in che modo sia utile effettuare analisi di tipo mineralogico e chimico - fisico sulle scorie di fusione rinvenute in contesti archeologici poiché queste possono fornire. In particolare il presente studio, prende in esame alcune scorie di fusione provenienti dalla spiaggia di Baratti (Livorno) raccolte prive di contesto e quindi, probabilmente, appartenenti a diverse epoche e contesti culturali. Sono state utilizzate due tecniche che al giorno d’oggi possono essere richieste con un bagaglio minimo di conoscenze in materia e risultano essere, anche, tra le più economiche a disposizione degli archeologi. La microscopia ottica su sezioni lucide, ha permesso di individuare grossomodo le tipologie strutturali dei campioni in esame sfruttando la luce polarizzata mentre, con la luce semplice si sono individuati i minerali più grossolani presenti attraverso l’osservazione di forma ,colore e modo di riflettere la luce. Il SEM ( microscopio a scansione elettronica) ha permesso di indagare la natura intima dei campioni lavorando ( con immagini generate da fasci elettronici e non più dalla riflessione della luce) in un range dimensionale molto basso ( nell’ordine dei micron), con la microsonda accoppiata al SEM siamo riusciti ad indagare anche la natura elementare tracciando così un quadro d’insieme generale ma utilissimo per trarre un discreto numero di informazioni.
Ad un esame macroscopico preliminare è stato possibile dividere le scorie in tre gruppi: scorie vetrose, dal colore verdolino e basso peso specifico; scorie ferrose, molto pesanti, con forma corrugata ( Slag Tapped ), e non ( furnace Slags ), ed alto contenuto di ossidi di ferro; scorie non ferrose , pesanti, dall’ aspetto terroso, con bollosità diffusa ed evidente ossidazione superficiale. Nel sito sono maggiormente diffuse le scorie ferrose e quelle vetrose, le prime probabilmente hanno prodotto ferro in un periodo tecnologicamente inesperto, le seconde, denotano un grado tecnologico avanzatissimo in quanto quasi del tutto prive di metallo, leggerissime, con una matrice vetrosa ricca di potassio ( dovuto all’utilizzo di sabbia come scarificante). Le scorie non ferrose, quelle che hanno prodotto sicuramente rame, testimoniano una abilità notevole nell’utilizzo dei solfuri misti come minerale primario; il contenuto di solfuri è pressoché nullo e la presenza di tormaline nella matrice in associazione agli ossidi di rame certifica la provenienza del minerale primario dai giacimenti del campigliese…



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news