LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

caratterizzazione chimico-fisica di scorie di fusione provenienti dalla spiaggia di Baratti (Populonia)
Stefano Pagnotta (stefanopagnotta@yahoo.it)
Universit degli studi S.Orsola Benincasa (Na)
conservazione dei BB.CC., Archeologia, curriculum delle tecniche e della diagnostica
Relatori: Giolj F. Guidi

scorie,microscopio, sem, analisi, mineralogia

La presente tesi ha lo scopo di dimostrare in che modo sia utile effettuare analisi di tipo mineralogico e chimico - fisico sulle scorie di fusione rinvenute in contesti archeologici poich queste possono fornire. In particolare il presente studio, prende in esame alcune scorie di fusione provenienti dalla spiaggia di Baratti (Livorno) raccolte prive di contesto e quindi, probabilmente, appartenenti a diverse epoche e contesti culturali. Sono state utilizzate due tecniche che al giorno doggi possono essere richieste con un bagaglio minimo di conoscenze in materia e risultano essere, anche, tra le pi economiche a disposizione degli archeologi. La microscopia ottica su sezioni lucide, ha permesso di individuare grossomodo le tipologie strutturali dei campioni in esame sfruttando la luce polarizzata mentre, con la luce semplice si sono individuati i minerali pi grossolani presenti attraverso losservazione di forma ,colore e modo di riflettere la luce. Il SEM ( microscopio a scansione elettronica) ha permesso di indagare la natura intima dei campioni lavorando ( con immagini generate da fasci elettronici e non pi dalla riflessione della luce) in un range dimensionale molto basso ( nellordine dei micron), con la microsonda accoppiata al SEM siamo riusciti ad indagare anche la natura elementare tracciando cos un quadro dinsieme generale ma utilissimo per trarre un discreto numero di informazioni.
Ad un esame macroscopico preliminare stato possibile dividere le scorie in tre gruppi: scorie vetrose, dal colore verdolino e basso peso specifico; scorie ferrose, molto pesanti, con forma corrugata ( Slag Tapped ), e non ( furnace Slags ), ed alto contenuto di ossidi di ferro; scorie non ferrose , pesanti, dall aspetto terroso, con bollosit diffusa ed evidente ossidazione superficiale. Nel sito sono maggiormente diffuse le scorie ferrose e quelle vetrose, le prime probabilmente hanno prodotto ferro in un periodo tecnologicamente inesperto, le seconde, denotano un grado tecnologico avanzatissimo in quanto quasi del tutto prive di metallo, leggerissime, con una matrice vetrosa ricca di potassio ( dovuto allutilizzo di sabbia come scarificante). Le scorie non ferrose, quelle che hanno prodotto sicuramente rame, testimoniano una abilit notevole nellutilizzo dei solfuri misti come minerale primario; il contenuto di solfuri pressoch nullo e la presenza di tormaline nella matrice in associazione agli ossidi di rame certifica la provenienza del minerale primario dai giacimenti del campigliese



news

12-01-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 12 GENNAIO 2018

11-01-2018
Firenze, il David di Michelangelo "vestito" dalle proiezioni di Felice Limosani

09-01-2018
E' on line il bando il bando di selezione allievi del Corso "Scuola del Patrimonio"

09-01-2018
Lettera dei vincitori e degli idonei del concorso 500 Mibact

07-01-2018
Un intervento di Guzzo. Tutela e valorizzazione: unite o separate?

27-12-2017
Lettera ANAI a Franceschini sulla mancata entrata in servizio funzionari archivisti MiBACT

23-12-2017
XX Premio "Calabria e Ambiente" 2017 a SALVATORE SETTIS

15-12-2017
Seconda interrogazione parlamentare su libere riproduzioni: il caso di Palermo

13-12-2017
Interrogazione parlamentare su libere riproduzioni. I casi di Napoli e Palermo

06-12-2017
Premio Silvia Dell'Orso 2017

03-12-2017
Novità editoriale - La struttura del paesaggio. Una sperimentazione multidisciplinare per il Piano della Toscana

22-11-2017
Fotografie libere. Lettera di utenti dell'ACS di Palermo al Ministro Franceschini

22-11-2017
COMUNICATO di Cunsta, della Società italiana di Storia della Critica dell'Arte e della Consulta di Topografia Antica sulla Biblioteca di Palazzo Venezia

20-11-2017
Intervento di Enzo Borsellino sulla mostra di Bernini

13-11-2017
Maestri: Emiliani ricorda Edoardo Detti

01-11-2017
Nella sezione Interventi e recensioni un nuovo intervento di Vittorio Emiliani sulla legge sfasciaparchi

01-11-2017
A un anno dal terremoto, dossier di Emergenza Cultura

29-10-2017
Petizione per salvare il Museo d'Arte Orientale dalla chiusura

20-10-2017
Crollo Santa Croce, l'esperto:INTERVISTA - "Da anni chiediamo fondi per consolidare pietre, inascoltati"

20-10-2017
Bonsanti sul passaggio di Schmidt da Firenze a Vienna

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

30-08-2017
Settis sui servizi aggiuntivi nei musei

29-08-2017
Carla Di Francesco il nuovo Segretario Generale - MIBACT

25-08-2017
Fotografie libere per i beni culturali: nel dettaglio le novit apportate dalla nuova norma

21-08-2017
Appello di sessanta storici dell'arte del MiBACT per la messa in sicurezza e la salvaguardia del patrimonio monumentale degli Appennini devastato dagli eventi sismici del 2016

19-08-2017
Dal 29 agosto foto libere in archivi e biblioteche

19-08-2017
Cosenza, brucia casa nel centro storico: tre persone muoiono intrappolate. Distrutte decine di opere d'arte

12-08-2017
Antonio Lampis, nuovo direttore generale dei musei del MiBACT

Archivio news