LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

caratterizzazione chimico-fisica di scorie di fusione provenienti dalla spiaggia di Baratti (Populonia)
Stefano Pagnotta (stefanopagnotta@yahoo.it)
Universit degli studi S.Orsola Benincasa (Na)
conservazione dei BB.CC., Archeologia, curriculum delle tecniche e della diagnostica
Relatori: Giolj F. Guidi

scorie,microscopio, sem, analisi, mineralogia

La presente tesi ha lo scopo di dimostrare in che modo sia utile effettuare analisi di tipo mineralogico e chimico - fisico sulle scorie di fusione rinvenute in contesti archeologici poich queste possono fornire. In particolare il presente studio, prende in esame alcune scorie di fusione provenienti dalla spiaggia di Baratti (Livorno) raccolte prive di contesto e quindi, probabilmente, appartenenti a diverse epoche e contesti culturali. Sono state utilizzate due tecniche che al giorno doggi possono essere richieste con un bagaglio minimo di conoscenze in materia e risultano essere, anche, tra le pi economiche a disposizione degli archeologi. La microscopia ottica su sezioni lucide, ha permesso di individuare grossomodo le tipologie strutturali dei campioni in esame sfruttando la luce polarizzata mentre, con la luce semplice si sono individuati i minerali pi grossolani presenti attraverso losservazione di forma ,colore e modo di riflettere la luce. Il SEM ( microscopio a scansione elettronica) ha permesso di indagare la natura intima dei campioni lavorando ( con immagini generate da fasci elettronici e non pi dalla riflessione della luce) in un range dimensionale molto basso ( nellordine dei micron), con la microsonda accoppiata al SEM siamo riusciti ad indagare anche la natura elementare tracciando cos un quadro dinsieme generale ma utilissimo per trarre un discreto numero di informazioni.
Ad un esame macroscopico preliminare stato possibile dividere le scorie in tre gruppi: scorie vetrose, dal colore verdolino e basso peso specifico; scorie ferrose, molto pesanti, con forma corrugata ( Slag Tapped ), e non ( furnace Slags ), ed alto contenuto di ossidi di ferro; scorie non ferrose , pesanti, dall aspetto terroso, con bollosit diffusa ed evidente ossidazione superficiale. Nel sito sono maggiormente diffuse le scorie ferrose e quelle vetrose, le prime probabilmente hanno prodotto ferro in un periodo tecnologicamente inesperto, le seconde, denotano un grado tecnologico avanzatissimo in quanto quasi del tutto prive di metallo, leggerissime, con una matrice vetrosa ricca di potassio ( dovuto allutilizzo di sabbia come scarificante). Le scorie non ferrose, quelle che hanno prodotto sicuramente rame, testimoniano una abilit notevole nellutilizzo dei solfuri misti come minerale primario; il contenuto di solfuri pressoch nullo e la presenza di tormaline nella matrice in associazione agli ossidi di rame certifica la provenienza del minerale primario dai giacimenti del campigliese



news

16-03-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 16 marzo 2019

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

Archivio news