LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Niccola Gabiani tra promozione delle memorie civiche e trasformazioni urbanistiche nella città di Asti
arch. Alessandro Cutelli (ale.arch@libero.it)
Politecnico di Torino
Scuola di Specializzazione in Storia, Analisi e Valutazione dei Beni Architettonici e Ambientali, Relatori: prof.ssa Vera Comoli Mandracci/ arch. Chiara Devoti

tutela, urbanistica

Niccola Gabiani, geometra-agrimensore diplomato all’Istituto Tecnico di Asti – fucina di personalità che avranno un ruolo di rilievo nella vita politica, amministrativa e sociale della città tra la fine del XIX e i primi decenni del XX secolo – viene assunto nel 1880 in qualità di applicato al Civico Ufficio d’Arte.
Sebbene Gabiani abbia una formazione tecnica, la sua ambizione e i suoi interessi lo portano a intrecciare diversi rapporti nella cerchia dei “notabili” astigiani: i legami con i canonici Carlo Vassallo, Giovanni Battista Longo e col funzionario degli Archivi di Stato Giacomo Gorrini risultano decisivi per la sua formazione di storiografo della città di Asti, pur rimanendo un autodidatta.
Nella figura di Gabiani, il tecnico comunale con esperienza nel campo del rilevamento topografico convive con lo storiografo: due profili diversi eppure conciliati perché sostenuti da una sincera passione per la città e i suoi simboli identitari. E’ possibile allora rintracciare la sua eclettica formazione culturale nelle scelte urbanistiche? Possiamo ritrovare nei suoi progetti le differenti anime della sua formazione, quella dell’agrimensore e dello storiografo? Quali sono le motivazioni che hanno evidenziato alcune contraddizioni tra l’attività di Gabiani “urbanista” e l’operosità di Gabiani “promotore delle memorie civiche”?
La tesi vuole indurre a ripensare il giudizio e le valutazioni della critica su Niccola Gabiani sottolineando come l’approccio dell’urbanista e quello del promotore delle memorie civiche si saldino nel suo operato, in particolar modo nella redazione degli Schemi di Piano Regolatore del 1900 e del 1906, là dove emergono chiaramente le differenti posizioni progettuali.
Lo studio si suddivide in quattro capitoli, di cui i primi due relativi alla formazione culturale di Gabiani e alla situazione urbanistica astigiana di fine Ottocento, mentre il terzo capitolo approfondisce alcune analogie strutturali tra il piano regolatore del 1900 e quello curato da Camillo Riccio nel 1885, analizzando inoltre il ruolo e l’azione della Cassa di Risparmio di Asti in fase di stesura dei piani regolatori di inizio Novecento. Il quarto capitolo, infine, riflette sulle differenze tra il modus operandi di Gabiani nei confronti della città antica e il modo d’intervenire nei settori di ampliamento, confronto da cui emergono definitivamente la competenza tecnica e la sensibilità storica di un importante protagonista della storia astigiana del Novecento.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news