LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Palazzo Bartoli-Langeli, Montefalco (PG): Lettura dell’edificio e impostazione degli interventi
Francesco Sartore, Giulio Testori (testorig@hotmail.com)
IUAV Università di Venezia
Storia e conservazione dei beni architettonici e ambientali, Relatori: Francesco Doglioni

L’intervento di restauro del palazzo Batoli-Langeli è motivato dallo stato di degrado
in cui versa l’edificio soprattutto dopo il terremoto del 1997 e il consecutivo e
progressivo abbandono.
Attraverso l’analisi del manufatto è possibile giungere agli obbiettivi del progetto,
momento fondamentale e premessa indispensabile al restauro; lo studio del
contesto urbano e territoriale, in cui si fonda l’edificio, permette di riconoscerne il
valore, infatti, con la conoscenza del ruolo che questo ricopre all’interno della
comunità in cui si trova, l’edificio, può acquisire un valore unico e inalienabile,
valore radicato nel ricordo della collettività. Lo studio dell’oggetto si basa su un
analisi divisa in diverse fasi conoscitive:
1- Conoscenza della fabbrica: permette di individuarne i caratteri; l’identità
dell’edificio può essere conosciuta attraverso l’analisi e la comparazione dei
caratteri dell’architettura sorta nello stesso contesto. La ricerca storica e
tipologica prodotta, tuttavia ,non può considerarsi conclusiva, valutando le
possibili implicazioni e connessioni che possono nascere tra le tematiche
affrontate durante lo studio. La ricerca si basa sull’ausilio di fonti documentarie e
storiche che serviranno poi a uno studio comparativo con il manufatto
architettonico, in quest’ambito le informazioni raccolte potranno essere utili
all’esame diretto delle componenti tecnologiche e materiche.
2- Il rilievo: fornisce i dati dimensionali e descrittivi dell’edificio che associato alla
fotogrammetria elementare ne permette un interpretazione più oggettiva; l’uso
centrale di un immagine diviene la parola di un linguaggio universale. Le tradizionali
procedure conoscitive e di trascrizione dei dati da registrare sono state
letteralmente rivoluzionate dall’ampliamento di valenze del segno grafico, le nuove
strumentazioni informatiche aggiungono al tradizionale ruolo del rilievo
architettonico un diverso contributo conoscitivo. Se per rilevamento si intende
quelle procedure che consentono la determinazione sistematica di un fenomeno
rispetto ad elementi di riferimento precostituiti, oggi la tecnica del disegno tra lettura
e comunicazione riveste anche il ruolo di tecnica della conservazione dei dati. La
rappresentazione tradizionale si basa sul modello di immagine in cui il significato
principe emerge dal contorno, la rappresentazione informatica rende rapida ed
efficace la raffigurazione attraverso le qualità metriche e cromatiche delle superfici.
I disegni non sono più tributari delle convenzioni basate sulle molteplici articolazioni

di significato assunte dal tratto nero sul fondo bianco, ma si instaura il nuovo
primato dell’immagine mimetica.
Si assiste al passaggio dal disegno inteso come modello astratto, immagine
idealistica di un mondo tutto volto alla costruzione di un identità attraverso codici
tecnici, ad una rappresentazione più realistica e quindi dotata di maggiore capacità
comunicativa. L’uso della fotografia unito al rilievo permette di conoscere l’edificio
nelle forme e caratteri che gli sono propri.
3- Analisi stratigrafica: permette di riconoscere le fasi di trasformazione dell’edificio
e delle vicende costruttive che lo hanno coinvolto.
4- Analisi delle patologie: processo fondamentale per comprendere le cause del
degrado; ha come fine l’individuazione degli interventi idonei ad arrestare i fenomeni
di degrado e dissesto.
Tali fasi che vanno a delineare gli obbiettivi principali del progetto di restauro si
traducono in attese:
Attese di conservazione dell’ edificio: attenzione volta principalmente a contrastare
il degrado della materia.
Attese di restauro: tradotte in Attese d’uso: considerano le problematiche
riguardanti le dotazioni funzionali che saranno condizionate dal rispetto delle diverse
qualità degli ambienti, è necessario comprendere i caratteri, le potenzialità
dell’edificio affinché la destinazione d’uso si inserisca armoniosamente nel contesto
materico dell’edificio.
Attesa di compatibilità: rispettata attraverso la scelta d’uso compatibile con le qualità
dell’edificio e la scelta di materiali e tecniche coerenti alle preesistenti.
Attesa di leggibilità: l’edificio si presenta come un testo, un sistema semiotico da
conoscere e comprendere, una lettura ravvicinata dell’intervento e delle parti che
sono state ridefinite. Il progetto interessa situazioni diversificate dai materiali alle
tecniche che costituiscono l’edificio; ciò porta ad una suddivisione per “ambiti” di
studio e intervento, senza perdere di vista l’unitarietà della costruzione, intesi come
parti architettoniche connotate da uguali elementi e tecniche costruttive o
omogeneità dei materiali. Tale suddivisione permette di articolare il progetto in un
insieme di opere, ciascuna rivolta ad una precisa finalità, pur essendo tra loro
complementari; lo studio prosegue con la selezione degli interventi ritenuti adatti a
raggiungere gli obbiettivi del progetto generale.

Tale suddivisione permette di articolare in un insieme d’opere il progetto di restauro,
che raggiunge lo scopo di porre in atto, con appropriati strumenti, le finalità del
progetto culturale. Il progetto di restauro diventa “un sistema al quale si attribuisce il
compito di rendere concreta e trasmissibile l’intervento, al tempo di verificarne la
fattibilità attraverso le forme di simulazione che il progetto consente”.
La precisione e la localizzazione dei contenuti d’ogni azione prevista portano ad un
approccio operativo degli interventi. L’obbiettivo è di comunicare una previsione del
progetto e simularne l’impatto descrivendo “un insieme ordinato d’azioni manuali
dotate d’alta carica concettuale”. Un approccio stratigrafico non solo alla sua lettura interpretazione
ma anche al progetto e al cantiere permette una redazione accurata
delle opere da realizzare. Un ulteriore vantaggio è di consentire un approccio
attraverso Unità di Riferimento, costituite non soltanto da murature, ma anche di
superfici orizzontali e spazi definiti. Quindi in questa logica il progetto di restauro si
focalizza in ambiti d’intervento rappresentativi dove si espleta gli obbiettivi e le finalità
definite nel ”progetto culturale”. “Perciò deve simulare l’impatto degli interventi
previsti sulla fabbrica esistente, impatto che può essere inteso come esito visibile
previsto al termine del restauro sia come grado di conservazione-alterazione distruzione
di materia e di dati di conoscenza”.



news

01-03-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 01 marzo 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news