LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Il territorio a nord-ovest di Taranto (VII-III secolo a.C.)
Giulia De Napoli (giuliadenapoli@virgilio.it)
universit di lecce
Conservazione dei beni culturali, beni architettonici,archeologici e dell'ambiente
Relatori: prfssa Grazia Semeraro

Taranto

TITOLO DELLA TESI

Il territorio a nord-ovest di Taranto (VII-III secolo a.C.)

MATERIA
Archeologia della Magna Grecia.

Relatore: prof.ssa Grazia Semeraro
Correlatore: prof. Francesco DAndria

ARGOMENTO E METODO DI INDAGINE
La tesi da me discussa ha come oggetto lindagine e lo studio della parte del territorio di Taranto, conosciuta come lanfiteatro tarantino, meno indagata archeologicamente,a differenza di quella sud orientale interessata da numerosi studi e ripetute campagne archeologiche.
Nel territorio di Taranto,infatti, a differenza di altri centri antichi come per esempio Metaponto, non mai stata condotta unindagine programmata con interventi sistematici e prospezioni archeologiche che permettano di elaborare un quadro costruttivo dellantica frequentazione umana.

Lindagine stata portata avanti su base bibliografica, archivistica e cartografica. Il lavoro,infatti, consistito nellindividuare i siti presenti nella fascia territoriale oggetto della mia tesi, il cui interesse archeologico ricadesse nellarco cronologico compreso tra il VII e il III secolo a.C.,ovvero quello delloccupazione greca,cercando di leggere in modo obiettivo i dati che sono emersi poich il carattere molto lacunoso della documentazione di scavo limita sensibilmente la possibilit di proporre una lettura organica dei dati.

Ogni sito stato singolarmente schedato indicandone lestensione,il tipo di evidenza archeologica individuata,e la sua ubicazione sulla cartina topografica IGM.Preciso che questo ambito geografico corrisponde a unarea del territorio occupata in anntico sia dai coloni greci,sia dagli indigeni,i Peuceti.
La natura delle relazioni tra i nuovi arrivati e la popolazione locale ancora materia di discussione;tuttavia in situazioni in cui una rapida integrazione tra gruppi con differenti sfondi culturali ha avuto luogo ,come inevitabile,i tentativi e gli sforzi di separare i relativi ambiti territoriali risultano irrilevanti ai fini di uno studio del territorio. Il mio lavoro quindi consistito nel registrare e censire i siti individuati e le relative evidenze archeologiche.
Lindagine stata portata avanti suddividendo i periodi di occupazione: et arcaica, classica ed ellenistica. Per ognuno di essi ho redatto una carta archeologica indicando i siti, la tipologia dei ritrovamenti archeologici,e la loro estensione relativa a quel periodo calcolata dai dati offerti dallevidenza archeologica.

La densit di occupazione da parte di genti greche sembra aumentare di pari passo con la crescita del ruolo occupato dalla citt di Taranto nelle vicende belliche e politiche della Magna Grecia.
Nel periodo arcaico loccupazione del territorio in questione si riscontra in particolare in due zone: quella corrispondente allattuale citt vecchia e quella alla localit Amastuola, ricadente nel comune di Crispiano, interessata dalla presenza di una vastissima necropoli, in parte devastata dallattivit clandestina, e dallabitato, indagato in maniera minore.
Fino al VI secolo loccupazione greca del territorio attestata per lo pi dalla presenza di sepolture,isolate o raccolte in necropoli di dimensioni a volte davvero consistenti (come per esempio la necropoli di montecamplo in provincia di Laterza che conta ben 700 sepolture purtroppo in gran parte devastata dallattivit clandestina che non ha permesso di recuperare molto materiale).
Nellet classica (V secolo a.C.) si riscontra un calo sensibile delloccupazione greca,probabilmente ascrivibile alla crisi politica del 470 a.C. di cui parlano le fonti,o probabilmente alla mancanza di unindagine programmata che potrebbe far luce sulloccupazione del territorio in questo periodo.
Il periodo di maggiore occupazione del territorio sembra registrarsi nellet ellenistica (IV secolo). La Taranto del IV secolo sicuramente una delle citt pi vitali e fiorenti nella compagine delle colonie dellItalia meridionale.E questo il periodo in cui Archita attua nella citt riforme in senso democratico portando avanti una politica agraria rivolta alla chora.
lL periodo di floridezza vissuto dalla citt attestato dalle ricche sepolture rinvenute non solo nella citt ma anche nel territorio a testimonianza del fatto che il territorio fosse occupato anche da coloni che ricoprivano ruoli di importanza.
Attestazioni della presenza greca nel territorio si riscontrano nelle zone ricadenti negli attuali comuni di Massafra, Crispiano, Palagiano, Palagianello, Mottola,Ginosa, Castellaneta, Laterza.
Non stato tuttavia possibile -allo stato attuale della ricerca- individuare il limite esistente tra il territorio di Taranto e quello confinante di Metaponto.
Il IV secolo un periodo di grandi mutamenti anche nel mondo indigeno:molti siti vengono muniti di cinte murarie (Passo di Giacobbe, in provincia di Ginosa ne lesempio pi emblematico,oltre che il sito pi indagato archeologicamente).
Nel momento in cui,tra la fine del IV e gli inizi del III secolo a.C. si creano le premesse per la perdita di autonomia da parte di Taranto,le operazioni di guerra contro Romani e Lucani interessano sempre pi il fronte nord occidentale determinando labbandono o la riduzione di divesi centri di occupazione indigena mentre si riscontra un incremento dello sfruttamento agricolo della fascia litoranea da parte di Taranto.
La mia ricerca si arresta al 272 a.C., anno della conquista di Taranto da parte dei Romani. Da quella data in poi il territorio tarantino viene inglobato nellarea di influenza romana e si assiste a una ristrutturazione politica del territorio connessa alla penetrazione romana.



news

17-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 17 settembre 2019

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news