LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Architettura rurale: valorizzazione delle masserie
Francesco Giordano (francesco@giordanodesign.it)
Università degli Studi di Napoli Federico II
Facoltà di Architettura, Urbanistico
Relatori: Prof. Arch. Claudio Grimellini

Masserie; architettura rurale, valorizzazione

Metodologia di Studio

Con questo studio s’intende proporre un metodo scientifico per poter giungere alla migliore rifunzionalizzazione delle masserie, nonché a fornire le principali indicazioni tecnologiche per un loro corretto ripristino.

Tale metodologia, si applica seguendo progressivamente le fasi descritte nel "Diagramma operativo" e può, con opportuni e dovuti accorgimenti, essere applicata in qualunque caso di.

Per applicare tale metodologia, basata sull'analisi prestazionale, bisogna approntare due modelli:



1. Il MODELLO DELLA PREESISTENZA, ottenuto mediante la definizione delle “prestazioni” della preesistenza architettonica, lette nell'ambito della scomposizione sistemica applicata agli edifici monumentali e mediante la lettura delle schede di unità edilizia;

2. Il MODELLO DELLA DESTINAZIONE D’USO, ottenuto dallo studio schematico dei “requisiti” normativi e legislativi generali di funzionamento delle attrezzature prescelte per l’edificio.

Per ottenere il “modello della preesistenza” si è analizzato il territorio d’intervento, Volla; lo si è scomposto in “aree funzionali”, dopodiché per motivi di studio si è scelto di approfondire una sola area.

L’area d’intervento scelta è la “zona agricola” caratterizzata dalla presenza di alcune masserie. Queste masserie, come ci ha dimostrato l’indagine storica, erano in passato relazionate tra loro. Si è scelto quindi di studiare come erano e come si presentavano oggi le masserie e le loro aree d’influenza, cercando, con la proposta del “Parco delle Masserie” di ristabilire questi originali e primari “nodi” viari, culturali, ecc.. presenti nel territorio di Volla.

Ogni masseria è stata pertanto censita e schedata come elemento del sottosistema extraurbano agricolo con una numerazione progressiva, Mn, collegata al sistema extraurbano agricolo d’appartenenza (area d’influenza).

Questa schedatura delle masserie ha reso possibile la catalogazione delle stesse fornendo sia alcuni dati conoscitivi di base che più approfonditi, come gli elementi ricorrenti.

Grazie agli elementi ricorrenti si è potuto individuare la masseria maggiormente significativa presente sul territorio: la “Masseria Rossi”.

La masseria Rossi è stata scelta per continuare lo studio è stata scomposta in “funzioni”, individuando quelle maggiormente caratterizzanti, infine la si è analizzata vano per vano individuando le principali caratteristiche “tecniche” ed “ambientali”. Queste caratteristiche vengono poi raccolte, insieme a quelle funzionali, in una scheda delle “Prestazioni”.

Concluso le fasi di conoscenza e di analisi si è quindi completato lo studio della “Preesistenza”, a questo punto si incominciano a valutare le possibili “nuove” destinazioni d’uso compatibili con la masseria di studio e con il progetto complessivo del parco. Queste “nuove destinazioni d’uso” sono precedute da una “lettura” di tutte le leggi, normative specifiche e di settore, che vengono sintetizzate in una scheda dei “Requisiti”.

Approntati i due modelli vengono “confrontate” le caratteristiche tipologiche e fisiche della preesistenza architettonica in esame, le prestazioni, con le caratteristiche funzionali delle varie attrezzature e le attività connesse alle destinazione prescelte,i requisiti.

Il risultato di tale confronto Prestazioni/Requisiti viene espresso attraverso un “diagramma della compatibilità” che ci permette di redigere una classifica di compatibilità, delle funzioni della destinazione prescelta, con la preesistenza.

Prese in considerazione le due funzioni maggiormente “compatibili” con la preesistenza vengono sviluppate vari “soluzioni” progettuali e tecnologiche che portano allo sviluppo di due ipotesi d’intervento.

Definite due ipotesi, la scelta di quella finale da realizzare, risulta quella che secondo il “criterio del minimo impatto” comporta le minori trasformazioni del preesistente, cioè la meno invadente tecnologicamente.

A quel punto, scelta la destinazione finale, si redige un primo progetto, "metaprogetto", con norme e prescrizioni sulle modalità d'intervento e ripristino, e successivamente si dà via libera al progetto definitivo.

In merito agli eventuali interventi tecnologici e consolidativi, utilizzando un’appropriata “scomposizione tecnologica degli edifici in muratura”, si è proposta una serie d’interventi non invasivi, attraverso la redazione di un “Abaco degli elementi tecnologici” e di un conseguente “Abaco degli interventi” di ripristino degli elementi tecnologici esistenti.

Come anticipato, per applicare la metodologia suddetta, bisogna costruire il “modello della preesistenza” ed il “modello della destinazione”, confrontarli e giungere al progetto definitivo.

Tale metodologia è suddivisa in fasi, come descritte nel "Diagramma operativo", in totale “9”, di cui le prime sei servono per approntare il “modello della preesistenza”, la fase -7-, per approntare il “modello della destinazione”, la fase -8- per il confronto “prestazioni/requisiti” e l’ultima, la fase -9- per la scelta del progetto definitivo.

· Scomposizione sistemica, fase -1-

· Conoscenza, fase -2-

· Analisi tipologica, fase -4-

· Analisi degli elementi ricorrenti, fase -5-

· Analisi a livello edilizio, fase -6-

· Studio delle normative tecniche e legislative plurisettoriali, fase -7-

· Confronto prestazioni/requisiti, fase -8-

· Definizione degli interventi e progetto definitivo fase -9-



Per la “Masseria Rossi”, la destinazione finale scelta, è stata quella di "Centro studi e convegni"; in quanto è quella che maggiormente la valorizza e contemporaneamente comporta i minori interventi tecnologici e quindi un minor impatto sul preesistente.



news

23-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 23 gennaio 2021

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news