LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Architettura rurale: valorizzazione delle masserie
Francesco Giordano (francesco@giordanodesign.it)
Universit degli Studi di Napoli Federico II
Facolt di Architettura, Urbanistico
Relatori: Prof. Arch. Claudio Grimellini

Masserie; architettura rurale, valorizzazione

Metodologia di Studio

Con questo studio sintende proporre un metodo scientifico per poter giungere alla migliore rifunzionalizzazione delle masserie, nonch a fornire le principali indicazioni tecnologiche per un loro corretto ripristino.

Tale metodologia, si applica seguendo progressivamente le fasi descritte nel "Diagramma operativo" e pu, con opportuni e dovuti accorgimenti, essere applicata in qualunque caso di.

Per applicare tale metodologia, basata sull'analisi prestazionale, bisogna approntare due modelli:



1. Il MODELLO DELLA PREESISTENZA, ottenuto mediante la definizione delle prestazioni della preesistenza architettonica, lette nell'ambito della scomposizione sistemica applicata agli edifici monumentali e mediante la lettura delle schede di unit edilizia;

2. Il MODELLO DELLA DESTINAZIONE DUSO, ottenuto dallo studio schematico dei requisiti normativi e legislativi generali di funzionamento delle attrezzature prescelte per ledificio.

Per ottenere il modello della preesistenza si analizzato il territorio dintervento, Volla; lo si scomposto in aree funzionali, dopodich per motivi di studio si scelto di approfondire una sola area.

Larea dintervento scelta la zona agricola caratterizzata dalla presenza di alcune masserie. Queste masserie, come ci ha dimostrato lindagine storica, erano in passato relazionate tra loro. Si scelto quindi di studiare come erano e come si presentavano oggi le masserie e le loro aree dinfluenza, cercando, con la proposta del Parco delle Masserie di ristabilire questi originali e primari nodi viari, culturali, ecc.. presenti nel territorio di Volla.

Ogni masseria stata pertanto censita e schedata come elemento del sottosistema extraurbano agricolo con una numerazione progressiva, Mn, collegata al sistema extraurbano agricolo dappartenenza (area dinfluenza).

Questa schedatura delle masserie ha reso possibile la catalogazione delle stesse fornendo sia alcuni dati conoscitivi di base che pi approfonditi, come gli elementi ricorrenti.

Grazie agli elementi ricorrenti si potuto individuare la masseria maggiormente significativa presente sul territorio: la Masseria Rossi.

La masseria Rossi stata scelta per continuare lo studio stata scomposta in funzioni, individuando quelle maggiormente caratterizzanti, infine la si analizzata vano per vano individuando le principali caratteristiche tecniche ed ambientali. Queste caratteristiche vengono poi raccolte, insieme a quelle funzionali, in una scheda delle Prestazioni.

Concluso le fasi di conoscenza e di analisi si quindi completato lo studio della Preesistenza, a questo punto si incominciano a valutare le possibili nuove destinazioni duso compatibili con la masseria di studio e con il progetto complessivo del parco. Queste nuove destinazioni duso sono precedute da una lettura di tutte le leggi, normative specifiche e di settore, che vengono sintetizzate in una scheda dei Requisiti.

Approntati i due modelli vengono confrontate le caratteristiche tipologiche e fisiche della preesistenza architettonica in esame, le prestazioni, con le caratteristiche funzionali delle varie attrezzature e le attivit connesse alle destinazione prescelte,i requisiti.

Il risultato di tale confronto Prestazioni/Requisiti viene espresso attraverso un diagramma della compatibilit che ci permette di redigere una classifica di compatibilit, delle funzioni della destinazione prescelta, con la preesistenza.

Prese in considerazione le due funzioni maggiormente compatibili con la preesistenza vengono sviluppate vari soluzioni progettuali e tecnologiche che portano allo sviluppo di due ipotesi dintervento.

Definite due ipotesi, la scelta di quella finale da realizzare, risulta quella che secondo il criterio del minimo impatto comporta le minori trasformazioni del preesistente, cio la meno invadente tecnologicamente.

A quel punto, scelta la destinazione finale, si redige un primo progetto, "metaprogetto", con norme e prescrizioni sulle modalit d'intervento e ripristino, e successivamente si d via libera al progetto definitivo.

In merito agli eventuali interventi tecnologici e consolidativi, utilizzando unappropriata scomposizione tecnologica degli edifici in muratura, si proposta una serie dinterventi non invasivi, attraverso la redazione di un Abaco degli elementi tecnologici e di un conseguente Abaco degli interventi di ripristino degli elementi tecnologici esistenti.

Come anticipato, per applicare la metodologia suddetta, bisogna costruire il modello della preesistenza ed il modello della destinazione, confrontarli e giungere al progetto definitivo.

Tale metodologia suddivisa in fasi, come descritte nel "Diagramma operativo", in totale 9, di cui le prime sei servono per approntare il modello della preesistenza, la fase -7-, per approntare il modello della destinazione, la fase -8- per il confronto prestazioni/requisiti e lultima, la fase -9- per la scelta del progetto definitivo.

Scomposizione sistemica, fase -1-

Conoscenza, fase -2-

Analisi tipologica, fase -4-

Analisi degli elementi ricorrenti, fase -5-

Analisi a livello edilizio, fase -6-

Studio delle normative tecniche e legislative plurisettoriali, fase -7-

Confronto prestazioni/requisiti, fase -8-

Definizione degli interventi e progetto definitivo fase -9-



Per la Masseria Rossi, la destinazione finale scelta, stata quella di "Centro studi e convegni"; in quanto quella che maggiormente la valorizza e contemporaneamente comporta i minori interventi tecnologici e quindi un minor impatto sul preesistente.



news

12-01-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 12 GENNAIO 2018

11-01-2018
Firenze, il David di Michelangelo "vestito" dalle proiezioni di Felice Limosani

09-01-2018
E' on line il bando il bando di selezione allievi del Corso "Scuola del Patrimonio"

09-01-2018
Lettera dei vincitori e degli idonei del concorso 500 Mibact

07-01-2018
Un intervento di Guzzo. Tutela e valorizzazione: unite o separate?

27-12-2017
Lettera ANAI a Franceschini sulla mancata entrata in servizio funzionari archivisti MiBACT

23-12-2017
XX Premio "Calabria e Ambiente" 2017 a SALVATORE SETTIS

15-12-2017
Seconda interrogazione parlamentare su libere riproduzioni: il caso di Palermo

13-12-2017
Interrogazione parlamentare su libere riproduzioni. I casi di Napoli e Palermo

06-12-2017
Premio Silvia Dell'Orso 2017

03-12-2017
Novità editoriale - La struttura del paesaggio. Una sperimentazione multidisciplinare per il Piano della Toscana

22-11-2017
Fotografie libere. Lettera di utenti dell'ACS di Palermo al Ministro Franceschini

22-11-2017
COMUNICATO di Cunsta, della Società italiana di Storia della Critica dell'Arte e della Consulta di Topografia Antica sulla Biblioteca di Palazzo Venezia

20-11-2017
Intervento di Enzo Borsellino sulla mostra di Bernini

13-11-2017
Maestri: Emiliani ricorda Edoardo Detti

01-11-2017
Nella sezione Interventi e recensioni un nuovo intervento di Vittorio Emiliani sulla legge sfasciaparchi

01-11-2017
A un anno dal terremoto, dossier di Emergenza Cultura

29-10-2017
Petizione per salvare il Museo d'Arte Orientale dalla chiusura

20-10-2017
Crollo Santa Croce, l'esperto:INTERVISTA - "Da anni chiediamo fondi per consolidare pietre, inascoltati"

20-10-2017
Bonsanti sul passaggio di Schmidt da Firenze a Vienna

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

30-08-2017
Settis sui servizi aggiuntivi nei musei

29-08-2017
Carla Di Francesco il nuovo Segretario Generale - MIBACT

25-08-2017
Fotografie libere per i beni culturali: nel dettaglio le novit apportate dalla nuova norma

21-08-2017
Appello di sessanta storici dell'arte del MiBACT per la messa in sicurezza e la salvaguardia del patrimonio monumentale degli Appennini devastato dagli eventi sismici del 2016

19-08-2017
Dal 29 agosto foto libere in archivi e biblioteche

19-08-2017
Cosenza, brucia casa nel centro storico: tre persone muoiono intrappolate. Distrutte decine di opere d'arte

12-08-2017
Antonio Lampis, nuovo direttore generale dei musei del MiBACT

Archivio news