LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Architettura rurale: valorizzazione delle masserie
Francesco Giordano (francesco@giordanodesign.it)
Universit degli Studi di Napoli Federico II
Facolt di Architettura, Urbanistico
Relatori: Prof. Arch. Claudio Grimellini

Masserie; architettura rurale, valorizzazione

Metodologia di Studio

Con questo studio sintende proporre un metodo scientifico per poter giungere alla migliore rifunzionalizzazione delle masserie, nonch a fornire le principali indicazioni tecnologiche per un loro corretto ripristino.

Tale metodologia, si applica seguendo progressivamente le fasi descritte nel "Diagramma operativo" e pu, con opportuni e dovuti accorgimenti, essere applicata in qualunque caso di.

Per applicare tale metodologia, basata sull'analisi prestazionale, bisogna approntare due modelli:



1. Il MODELLO DELLA PREESISTENZA, ottenuto mediante la definizione delle prestazioni della preesistenza architettonica, lette nell'ambito della scomposizione sistemica applicata agli edifici monumentali e mediante la lettura delle schede di unit edilizia;

2. Il MODELLO DELLA DESTINAZIONE DUSO, ottenuto dallo studio schematico dei requisiti normativi e legislativi generali di funzionamento delle attrezzature prescelte per ledificio.

Per ottenere il modello della preesistenza si analizzato il territorio dintervento, Volla; lo si scomposto in aree funzionali, dopodich per motivi di studio si scelto di approfondire una sola area.

Larea dintervento scelta la zona agricola caratterizzata dalla presenza di alcune masserie. Queste masserie, come ci ha dimostrato lindagine storica, erano in passato relazionate tra loro. Si scelto quindi di studiare come erano e come si presentavano oggi le masserie e le loro aree dinfluenza, cercando, con la proposta del Parco delle Masserie di ristabilire questi originali e primari nodi viari, culturali, ecc.. presenti nel territorio di Volla.

Ogni masseria stata pertanto censita e schedata come elemento del sottosistema extraurbano agricolo con una numerazione progressiva, Mn, collegata al sistema extraurbano agricolo dappartenenza (area dinfluenza).

Questa schedatura delle masserie ha reso possibile la catalogazione delle stesse fornendo sia alcuni dati conoscitivi di base che pi approfonditi, come gli elementi ricorrenti.

Grazie agli elementi ricorrenti si potuto individuare la masseria maggiormente significativa presente sul territorio: la Masseria Rossi.

La masseria Rossi stata scelta per continuare lo studio stata scomposta in funzioni, individuando quelle maggiormente caratterizzanti, infine la si analizzata vano per vano individuando le principali caratteristiche tecniche ed ambientali. Queste caratteristiche vengono poi raccolte, insieme a quelle funzionali, in una scheda delle Prestazioni.

Concluso le fasi di conoscenza e di analisi si quindi completato lo studio della Preesistenza, a questo punto si incominciano a valutare le possibili nuove destinazioni duso compatibili con la masseria di studio e con il progetto complessivo del parco. Queste nuove destinazioni duso sono precedute da una lettura di tutte le leggi, normative specifiche e di settore, che vengono sintetizzate in una scheda dei Requisiti.

Approntati i due modelli vengono confrontate le caratteristiche tipologiche e fisiche della preesistenza architettonica in esame, le prestazioni, con le caratteristiche funzionali delle varie attrezzature e le attivit connesse alle destinazione prescelte,i requisiti.

Il risultato di tale confronto Prestazioni/Requisiti viene espresso attraverso un diagramma della compatibilit che ci permette di redigere una classifica di compatibilit, delle funzioni della destinazione prescelta, con la preesistenza.

Prese in considerazione le due funzioni maggiormente compatibili con la preesistenza vengono sviluppate vari soluzioni progettuali e tecnologiche che portano allo sviluppo di due ipotesi dintervento.

Definite due ipotesi, la scelta di quella finale da realizzare, risulta quella che secondo il criterio del minimo impatto comporta le minori trasformazioni del preesistente, cio la meno invadente tecnologicamente.

A quel punto, scelta la destinazione finale, si redige un primo progetto, "metaprogetto", con norme e prescrizioni sulle modalit d'intervento e ripristino, e successivamente si d via libera al progetto definitivo.

In merito agli eventuali interventi tecnologici e consolidativi, utilizzando unappropriata scomposizione tecnologica degli edifici in muratura, si proposta una serie dinterventi non invasivi, attraverso la redazione di un Abaco degli elementi tecnologici e di un conseguente Abaco degli interventi di ripristino degli elementi tecnologici esistenti.

Come anticipato, per applicare la metodologia suddetta, bisogna costruire il modello della preesistenza ed il modello della destinazione, confrontarli e giungere al progetto definitivo.

Tale metodologia suddivisa in fasi, come descritte nel "Diagramma operativo", in totale 9, di cui le prime sei servono per approntare il modello della preesistenza, la fase -7-, per approntare il modello della destinazione, la fase -8- per il confronto prestazioni/requisiti e lultima, la fase -9- per la scelta del progetto definitivo.

Scomposizione sistemica, fase -1-

Conoscenza, fase -2-

Analisi tipologica, fase -4-

Analisi degli elementi ricorrenti, fase -5-

Analisi a livello edilizio, fase -6-

Studio delle normative tecniche e legislative plurisettoriali, fase -7-

Confronto prestazioni/requisiti, fase -8-

Definizione degli interventi e progetto definitivo fase -9-



Per la Masseria Rossi, la destinazione finale scelta, stata quella di "Centro studi e convegni"; in quanto quella che maggiormente la valorizza e contemporaneamente comporta i minori interventi tecnologici e quindi un minor impatto sul preesistente.



news

09-11-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 09 NOVEMBRE 2018

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

Archivio news