LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Documenti sulla ricostruzione del paese di Spaccaforno dopo il terremoto del 1693
Fratantonio Concetta (bagheera3@libero.it)
Università degli Studi di Siena
Conservazione dei Beni Culturali, Beni Mobili ed Artistici
Relatori: Chiar.mo prof. Michele Rak

ricostruzione terremoto 1693 sicilia ispica val di noto

Ispica, l’antica Hispicaefundus, chiamata fino al 1935 Spaccaforno, è sita sul lembo della Sicilia sudorientale, su una collina, leggermente in pendio, a 170 m. sul livello del mare da cui dista 6 km.
Il suo nome Spaccaforno, corruzione volgare dell’etimo Hispicaefundus, fu attribuito all’antica cittadina per ragioni topografiche vista la posizione in cui si trovava, in pratica nella fine “fundus” della cava, o valle dell’Hispa, il fiume che circondava la città. Altri lo fanno derivare dal termine “spacca”, derivazione fonetica d’Ispica, e “forno”, la voce latina adoperata per significare le tombe a forma di forno che si trovavano vicino all’abitato. L’odierna città nasce dal cambiamento di sito dovuto al sisma che colpì la Sicilia, ma in particolare il Val di Noto, nel 1693.
Questo lavoro intende, partendo dalla descrizione dei giorni del 9 e 11 gennaio, analizzare quali furono i sostanziali cambiamenti della città. Nella prima parte del testo, si prende in esame quello che era l’antico centro abitato con le sue chiese, il suo castello e la vita intorno ad essi. Il terremoto viene dapprima analizzato come evento che distrusse l’intero Regno di Sicilia, non solo come fatto ma come un mondo da scoprire. La distruzione comunica a questa società, che viene volentieri accusata di essere in ritardo, un impulso innovatore. Ed è proprio questa terra distrutta che nella prima metà del settecento riversa in se stessa tutte le sue ricchezze per restituire in una sola volta la grandezza e la miseria, il palazzo del barone e la casa del contadino, la chiesa gesuita, e quella della confraternita.
Nella seconda parte del testo lo sguardo verrà ristretto sulla cittadina di Spaccaforno. Per una visione più completa si è fatto uso dei documenti conservati con cura negli archivi di Stato ed in quelli parrocchiali, così da poter capire come il paese di Spaccaforno visse quelle giornate.
La terza ed ultima parte continua con la descrizione della ripresa della vita della cittadina, la costruzione delle prima chiese, la chiesa Madre, quella della SS. Annunziata e quella di S. Maria Maggiore attorno alle quali si sviluppò nel corso dei secoli seguenti l’intera città.



news

01-03-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 01 marzo 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news