LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Interrogazione parlamentare sugli Archivi di Stato
2003-05-15

SENATO DELLA REPUBBLICA

XIV LEGISLATURA





397a SEDUTA PUBBLICA


RESOCONTO SOMMARIO




GIOVED 15 MAGGIO 2003


(Pomeridiana)




Presidenza del vice presidente FISICHELLA






Svolgimento di interpellanze e interrogazioni


PRESIDENTE. Passa allo svolgimento delle interrogazioni 3-00995, 3-01003, 3-01031 (gi 4-01770), 3-01038 (gi 4-04392) e 3-01042 sugli Archivi di Stato.



VENTUCCI, sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei ministri. Le manovre di contenimento della spesa degli ultimi anni hanno progressivamente diminuito gli stanziamenti di parte corrente per tutta la Pubblica amministrazione. Tale a situazione ha creato difficolt gestionali agli Archivi di Stato, colpiti oltre che dai tagli progressivi delle spese di funzionamento, dall'incremento delle spese per acquisti di beni strumentali e dalla tardiva riassegnazione dei proventi recepiti ai sensi della legge Ronchey (fattori che hanno investito l'intera l’Amministrazione dei beni culturali), anche dalla necessit di reperire spazi da adibire a depositi per la conservazione della documentazione, dalla numerosit degli uffici periferici, dall’obbligo di azzerare i debiti pregressi nella fase di gestione della spesa e dall'impossibilit di attingere alle risorse del fondo comune ministeriale per consumi intermedi. Ricordato che il Ministero ha in corso una serie di contratti aventi ad oggetto locazioni passive per far fronte alle necessit di accrescere gli spazi destinati a deposito con relativa richiesta al Ministero dell'economia di un’integrazione di risorse pari a 7.800.000 euro per far fronte agli obblighi contrattuali, fa presente che all'interno del Fondo previsto dall'articolo 23 della legge n. 289 del 2002 stata disposta una variazione in aumento in favore dell'unit previsionale di base riferita ai beni archivistici pari ad oltre 900.000 euro per il primo semestre del corrente anno, con la possibilit di pari assegnazione per il semestre successivo. Per effetto di tale stanziamento, la differenza percentuale nelle spese correnti del settore fra il 2002 e il 2003 passerebbe dall'attuale 22,27 al 14,67 per cento, equiparando la perdita di risorse a quella media di tutti gli altri settori della stessa Amministrazione. Il Governo si adoperer, infine, per iscrivere le spese di locazione per i depositi degli Archivi tra le spese di investimento.



SERVELLO (AN). E’ inconcepibile che una Nazione che vive della propria storia e delle proprie tradizioni e che dispone di un immenso patrimonio archivistico, che costituisce una fondamentale risorsa scientifica, lesini le risorse destinate al settore giungendo addirittura a metterne in difficolt la gestione ordinaria. Rivolge pertanto un appello al Governo (che non certo l'unico responsabile, dato che i tagli partono sin dal 1998) ad invertire la tendenza ed a fornire adeguate risposte agli archivi di Stato, se necessario distogliendo risorse da altri settori nei quali il denaro pubblico viene utilizzato per finalit meno meritorie.



FRANCO Vittoria (DS-U). Esprime totale insoddisfazione per la risposta del Governo che non si fa carico della gravit della situazione degli Archivi di Stato evidenziata in numerosi appelli di autorevoli istituzioni. La riduzione delle risorse, passate dai 7 milioni di euro del 1998 ai 3 milioni di euro dell'anno in corso, rischia di condurre alla chiusura di alcuni archivi, ha gi comportato l'interruzione del servizio pubblico e dell'erogazione della corrente elettrica e dei collegamenti telefonici in alcune sedi e rende precarie le funzioni di tutela e conservazione dei beni archivistici. Questa incomprensibile e nefasta logica dei tagli, che assegna al settore meno del 60 per cento del fabbisogno minimo, colpisce, peraltro, il diritto alla ricerca, storica in particolare, come segnalato con preoccupazione da studiosi di ogni parte del mondo. Le risorse richiamate dal sottosegretario Ventucci sono certamente importanti per affrontare le prime emergenze, ma appaiono largamente insufficienti rispetto alle necessit ed pertanto necessario che il Governo si faccia carico del futuro degli Archivi di Stato.



ACCIARINI (DS-U). Si associa all'insoddisfazione espressa dalla senatrice Franco, che nasce dalla constatazione che il Governo non sembra preoccuparsi della precariet nella quale il settore archivistico nazionale stato gettato. Se un’anticipazione del disastro si ebbe allorch il ministro Urbani enunci l'intenzione di trasformare il suo dicastero in un Ministero di ricavi, non considerando che per sua natura il settore dei beni culturali innanzitutto un comparto di spesa, che deve essere sostenuto da risorse costanti per la tutela dell'immenso patrimonio dell'umanit custodito in Italia, i tagli secchi apportati ai finanziamenti alle risorse destinate agli Archivi di Stato nelle ultime tre finanziarie hanno condotto ad una situazione drammatica, nei confronti della quale le soluzioni prospettate nella sua risposta dal Sottosegretario appaiono piccoli interventi contingenti per far fronte alle emergenze assolutamente indilazionabili. Ricordato che tra le situazioni di particolare difficolt va annoverata quella dell'Archivio di Stato di Genova, citt che il prossimo anno sar capitale europea della cultura, sottolinea il problema della limitazione delle spese e la necessit di affrontare in modo complessivo il tema dei canoni di locazione. Appare necessario imprimere una svolta radicale alla politica di tutela del patrimonio archivistico nazionale, ma occorre innanzitutto assicurare per l'anno in corso le risorse necessarie alla gestione ordinaria.



GUERZONI (DS-U). Il Sottosegretario ha riconosciuto la fondatezza dei problemi posti dalle interrogazioni, ma ci rende ancora pi sorprendente la risposta sostanzialmente negativa circa la possibilit concreta di affrontare la grave crisi che investe un settore di enorme importanza per la vita culturale e scientifica del Paese. Concordando sull'opportunit di iscrivere gli oneri di locazione come spese per investimenti in modo da ridurre per il prossimo anno la quota di spesa corrente sulla quale si esercitano le politiche di contenimento - le quali tuttavia debbono avere un limite - auspica che il Governo possa far fronte ad un impegno finanziario che non appare eccessivo per assicurare le risorse necessarie alla gestione ordinaria per l'anno in corso e determini le condizioni affinch dal prossimo anno tale situazione non abbia a ripetersi.




http://www.senato.it/bgt/ShowDoc.asp?leg=14&id=00067912&tipodoc=Resaula&modo=PRODUZIONE


news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news