LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Interrogazione a risposta orale 3-00910
2014-04-22


Atto Senato

presentata da
MICHELA MONTEVECCHI
marted 22 aprile 2014, seduta n.234

MONTEVECCHI, CAPPELLETTI, BUCCARELLA, PUGLIA, MOLINARI, AIROLA, DE PIETRO, PAGLINI, MORRA, VACCIANO, SERRA, MANGILI, DONNO, MORONESE, BLUNDO - Al Ministro dei beni e delle attivit culturali e del turismo - Premesso che:

il decreto-legge n. 91 del 2013, convertito, con modificazioni, dalla legge n. 112 del 2013, all'art. 11 prevede "Disposizioni urgenti per il risanamento delle fondazioni lirico-sinfoniche e il rilancio del sistema nazionale musicale di eccellenza"; in particolare, al comma 1, reca tutta una serie di disposizioni per far fronte allo stato di precariet in cui ancora oggi versano le fondazioni lirico-sinfoniche, patrimonio culturale del nostro Paese, sebbene lo stesso testo normativo definisca un piano di risanamento delle gestioni;

alla lettera a) si legge: "la rinegoziazione e ristrutturazione del debito della fondazione che preveda uno stralcio del valore nominale complessivo del debito esistente al 31 dicembre 2012, comprensivo degli interessi maturati e degli eventuali interessi di mora, previa verifica che nei rapporti con gli istituti bancari gli stessi non abbiano applicato nel corso degli anni interessi anatocistici sugli affidamenti concessi alla fondazione stessa, nella misura sufficiente ad assicurare, unitamente alle altre misure di cui al presente comma, la sostenibilit del piano di risanamento, nonch gli equilibri strutturali del bilancio, sia sotto il profilo patrimoniale che economico-finanziario della fondazione";

tale inciso veniva gi posto all'attenzione del Dicastero, attraverso l'atto di sindacato ispettivo 3-00556, ove tra le altre questioni veniva rappresentato che nel testo del decreto-legge n. 91 del 2013, all'art. 11, comma 1, lettera g-bis), si prevede l'obbligo in seno alle fondazioni, nella persona del legale rappresentante pro tempore, di verificare che nel corso degli anni non siano stati corrisposti interessi anatocistici agli istituti bancari all'esito della corresponsione degli affidamenti alle fondazioni;

considerato che:

su "il Fatto Quotidiano" del 16 aprile 2014, si legge Delle 14 Fondazioni liriche (...) ben otto hanno chiesto di aderire al sostegno economico straordinario previsto dalla legge Valore cultura (legge n. 112 del 2013), ma le misure stentano a partire;

le fondazioni come noto hanno accumulato negli anni uno stato di disavanzo economico e lo stato delle passivit che si accumulato dovuto al taglio dei finanziamenti dello Stato (al Fondo unico per lo spettacolo) operato dai Governi succedutisi nel tempo, ma a parere degli interroganti anche avallato da una politica incapace di nominare dirigenti idonei alla funzione da svolgere, incapaci e scarsamente qualificati;

considerato inoltre che:

le nomine sono da imputare alle amministrazioni locali, le quali per il tramite dei sindaci, sono i soggetti deputate a scegliere il sovrintendente dei teatri delle proprie citt, quindi una responsabilit, come si suole dire, di tipo trasversale, di centro-destra e di centro-sinistra, spesso sostenute dal Governo e dal Ministero dei beni e delle attivit culturali e del turismo;

nello stesso articolo di stampa viene ribadito che: Degli 8 teatri che hanno chiesto il finanziamento di Valore cultura, solo il Maggio fiorentino ed il Lirico di Trieste hanno avuto risposta affermativa, sebbene tuttavia non abbiano ancora ricevuto quanto richiesto;

si legge ancora che Gli altri 6 teatri - Carlo Felice di Genova, Comunale di Bologna, Opera di Roma, San Carlo di Napoli, Petruzzelli di Bari, Massimo di Palermo - non hanno avuto risposta (...) E questo malgrado Valore cultura prescriva tempi rapidi e certi;

la legge "Valore cultura" era prevista per far fronte a situazioni vicine allo stato di insolvenza, come il "Maggio musicale fiorentino", ma data l'adesione di 8 teatri il fondo stanziato potrebbe non essere sufficiente;

considerato infine che:

molti teatri, per fronteggiare lo stato di necessit e l'emergenza liquidit ai quali sono esposti, con banche e fornitori, stanno intentando la strada della rinegoziazione dei mutui, come ad esempio il Maggio musicale fiorentino che nell'estate 2013 ha rinegoziato i suoi mutui con uno sconto del 40 per cento;

la situazione molto critica in quanto le banche hanno accettato perch rischiavano di non rientrare degli investimenti, ma per i fornitori si profila un epilogo diverso, poich chi ha prestato la propria opera difficilmente sar disposto ad accettare una rinegoziazione del compenso pattuito;

tutta la vicenda rischia di finire nelle aule di tribunale, mettendo in crisi un settore come quello del comparto lirico-sinfonico che da sempre l'immagine raffinata della cultura italiana,

si chiede di sapere:

se il Ministro in indirizzo sia a conoscenza dei fatti esposti;

quali siano i risultati delle verifiche relative agli accertamenti di cui all'art. 11, comma 1, lettera g-bis), del decreto-legge n. 91 del 2013, cosiddetto decreto Valore cultura, ottenuti in base al proprio potere di vigilanza e se non ritenga opportuno rendere pubblici i risultati delle stesse verifiche, nonch di rendere note le motivazioni in caso di mancato controllo del Ministero sull'operato dei legali rappresentanti;

se ritenga inoltre opportuno riferire in merito all'esito della relazione semestrale di cui al all'art. 11, comma 3, lettera b).

(3-00910)

http://aic.camera.it/


news

06-12-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 6 DICEMBRE 2019

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

Archivio news