LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Interrogazione a risposta orale 3-00813
2014-03-13


Atto Senato

Interrogazione a risposta orale 3-00813
presentata da
MICHELA MONTEVECCHI
gioved 13 marzo 2014, seduta n.209

MONTEVECCHI, AIROLA, LUCIDI, FUCKSIA, BERTOROTTA, SERRA, CAPPELLETTI, TAVERNA, MORONESE, SIMEONI, PAGLINI - Al Ministro dei beni e delle attivit culturali e del turismo - Premesso che:

Cinecitt nacque nel 1937 e negli anni '50 e '60 divenne un'industria di rilevanza economica per il Paese al punto di divenire un riferimento per la cinematografia nazionale ed internazionale. Nonostante il grande valore culturale ed economico di questo sito, gli interessi di vari imprenditori, come quelli del settore edile, non sono mancati;

nel 1983 fu alienata un'area di circa 20 ettari, per la costruzione del centro commerciale "Cinecitt 2", vendita che da pi parti apparve una forzatura in quanto presentata come unica soluzione ad una crisi economica che invece si ridimension proprio dopo la cessione;

negli anni '90, con la fine della prima Repubblica, le teorie liberiste investirono il Paese e portarono in breve tempo a svendere pezzi importanti e strategici delle attivit dello Stato;

nel 1997 la stessa Cinecitt venne considerata dal Ministro del tesoro pro tempore Carlo Azeglio Ciampi e dal Ministro pro tempore per i beni culturali Walter Veltroni non pi strategica ed un costo non pi sopportabile. Si procedette alla privatizzazione dando mandato a Luigi Abete, col vincolo di garantire la continuit della missione storica del complesso. Nel 1997 a seguito del mandato conferito, nacque la "Cinecitt privata", la cui presidenza venne affidata a Luigi Abete;

attualmente fanno parte del consiglio di amministrazione, tra gli altri, imprenditori quali Aurelio De Laurentis e Diego Della Valle. Nel 1998 Abete ha presentato subito un progetto per la cementificazione dell'area attraverso la realizzazione di un centro commerciale, giustificandolo con la costruzione di un cinema multisala. Il Consiglio comunale ha bocciato il progetto non ritenendolo in linea con la missione;

considerato che:

i nuovi imprenditori non sviluppando un'adeguata politica commerciale di costi e di investimenti, previsti dagli accordi sottoscritti con la parte pubblica, al momento della privatizzazione hanno spinto anche i clienti pi affezionati a scegliere altri competitor, comportando il rischio della sparizione di tutta la manodopera altamente specializzata e del patrimonio professionale che da sempre il mondo invidia all'Italia;

in particolare, con una lettera raccomandata datata 26 aprile 2010, Cinecitt Studios SpA ha comunicato ai signori De Angelis (scultore) e Sanchini (tappezziere) la revoca del contratto di locazione. La fabbrica di plastica e sculture della famiglia De Angelis presente a Cinecitt da 4 generazioni, con 3 capannoni e circa 30.000 sculture ed , tra le fabbriche di Cinecitt, la pi grande e la pi gloriosa;

gi allora la situazione destava particolare preoccupazione non solo tra le tante professionalit che da anni prestavano la propria attivit presso gli stessi studi di Cinecitt, che vedevano fortemente compromesso il loro futuro lavorativo, ma, in generale, tra tutti coloro che ne riconoscevano il grande valore storico, artistico e culturale;

lo stesso Riccardo Tozzi, presidente dell'Associazione nazionale industrie cinematografiche audiovisive e multimediali, in un'intervista al "Giornale dello spettacolo", ha espresso la necessit crescente di dover tornare a lavorare a Cinecitt per abbattere i costi e i tempi di produzione dei film italiani che per motivi organizzativi e d'impatto sul territorio non possono essere girati "con sei camion a Piazza Mazzini, nel cuore di Roma";

la situazione precipitata negli anni successivi tanto che i lavoratori sono costretti dal 4 luglio al 26 settembre 2012, per respingere il progetto presentato da Luigi Abete, a 90 giorni di sciopero con occupazione e manifestazioni portate anche alla mostra del cinema di Venezia;

in data 4 dicembre 2012 a Roma si sono incontrate le parti sociali che successivamente hanno siglato un accordo che prevede l'assunzione dei seguenti impegni: per quanto riguarda il Ministero per i beni e le attivit culturali), piano di investimenti per rilanciare gli studios, ottenere la conferma delle attuali agevolazioni fiscali, costituzione di appositi gruppi di lavoro per rafforzare la produzione in Italia. Per quanto riguarda Cinecitt Studios SpA e Cinecitt Luce SpA, piano di investimento di circa 7 milioni di euro ammodernamento dei teatri di posa eccetera, assunzione giovani risorse con il miglioramento del contesto economico, monitoraggio accordo e sviluppo del mercato con incontri periodici con cadenza semestrale. Per quanto riguarda i lavoratori, l'accordo di solidariet biennale con decorrenza del 14 gennaio 2013 fino al 13 gennaio 2015, una riduzione oraria del lavoro nella misura del 40 per cento;

i numeri dello sperpero economico sono stati resi noti attraverso i bilanci delle societ che peraltro sono sotto il vaglio ed il controllo della Corte dei conti. Nella delibera n. 108 del 13 dicembre 2013 si dava atto della composizione e delle partecipazioni del gruppo;

considerato inoltre che:

a tutt'oggi le partecipazioni sono rimaste in capo a Cinecitt Luce SpA. Le societ partecipate da Cinecitt Luce al 31 dicembre 2012 sono Cinecitt Studios SpA e Circuito Cinema Srl. Cinecitt Studios SpA (partecipata al 20 per cento) una societ costituita nel 1997 alla quale Cinecitt Luce ha affittato il ramo d'azienda relativo all'utilizzo degli studi cinematografici, prima esercitato direttamente, esclusi soltanto gli immobili utilizzati invece esclusivamente dalla stessa Cinecitt Luce. anche in atto fra le parti un contratto di licenza ad uso esclusivo del marchio "Cinecitt". La restante parte del capitale azionario di Cinecitt Studios, detenuta per l'80 per cento da azionisti privati;

a sua volta Cinecitt Studios possiede l'85 per cento del capitale sociale di Cinecitt digital factory SpA (che si occupa delle attivit di sviluppo e stampa prima curate direttamente dalla medesima Cinecitt Studios), il 60 per cento del capitale di Cinecitt Papigno Srl, il 30 per cento del capitale sociale di CLA Studios (Marocco), il 20 per cento del capitale sociale di Image GMBH, il 97,727 per cento del capitale di Cine District entertainment Srl, il 70 per cento di Cinecitt allestimenti tematizzazioni Srl e il 66,66 per cento dell'associazione in compartecipazione Nicomax;

il bilancio di Cinecitt Studios si chiuso nel 2012 con una perdita di 5.601.666 euro, a fronte del risultato negativo di 3.684.625 euro dell'anno precedente. Al riguardo da considerare che dal 1 gennaio 2009 dalla societ stato scorporato il settore sviluppo e stampa, con cui si dato luogo alla costituzione della societ Cinecitt digital factory Srl;

considerato altres che:

in data 18 febbraio 2014 il Ministero, nella persona del dottor Nicola Borreli, ha convocato le organizzazioni sindacali nazionali con le rispettive rappresentanze sindacali unitarie e l'azienda Cinecitt Studios nella persona del presidente dottor Porcelli, nonch l'amministratore delegato Giuseppe Basso, per evidenziare le problematiche sottese alle verifiche periodiche che il Ministero si era impegnato ad effettuare, sottoscrivendo un accordo nel dicembre 2012 nel quale a sua volta il Ministero si era impegnato a lavorare per il rilancio del comparto di Cinecitt; tali impegni, se rispettati, consentirebbero di evitare la "solidariet" dei lavoratori e rilanciare l'intero comparto di Cinecitt;

ad oggi la condizione dei lavoratori di Cinecitt la seguente: una parte dei lavoratori continua con il contratto di solidariet; i lavoratori "in affitto" alla multinazionale Deluxe Italia holding sono stati riconsegnati alla Cinecitt digital factory Srl, allorquando il 27 marzo 2014 verranno riaperte le procedure di cassa integrazione guadagni; i lavoratori "in affitto" alla Deluxe digital Rome sono stati licenziati;

considerato infine che risulta agli interroganti che: nessun investimento di 7 milioni di euro previsti sarebbe stato effettuato; nessun progetto industriale di sviluppo sarebbe stato presentato; le aziende affittate e cedute a multinazionali Deluxe e Panalight, nonostante gravi segni di sofferenza non avrebbero portato il previsto valore aggiunto; da circa 2 anni esiste un'inadempienza contrattuale per il mancato pagamento dei canoni di locazione di alcuni milioni di euro,

si chiede di sapere:

se il Ministro in indirizzo sia a conoscenza delle gravi condizioni di crisi in cui versano gli storici studi cinematografici di Cinecitt nonostante l'accordo e se quanto esposto corrisponda al vero;

quali siano le sue valutazioni in merito e come intenda intervenire al fine di rilanciare gli studios di Cinecitt, preservandoli da ulteriori atti, a parere degli interroganti, di sciacallaggio, che nuocciono alla collettivit nonch all'immagine di Cinecitt, non solo nell'interesse delle tante professionalit che vi operano e contribuiscono all'eccellenza del settore cinematografico, ma anche in favore della cultura, della salvaguardia del made in Italy nel mondo e del rilancio dell'economia del nostro Paese.

(3-00813)

http://aic.camera.it/aic/scheda.html?core=aic&numero=3/00813&ramo=S&leg=17&gruppoPartecipanti=5&grup


news

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

15-10-2017
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 15 OTTOBRE 2017

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

30-08-2017
Settis sui servizi aggiuntivi nei musei

29-08-2017
Carla Di Francesco il nuovo Segretario Generale - MIBACT

25-08-2017
Fotografie libere per i beni culturali: nel dettaglio le novit apportate dalla nuova norma

21-08-2017
Appello di sessanta storici dell'arte del MiBACT per la messa in sicurezza e la salvaguardia del patrimonio monumentale degli Appennini devastato dagli eventi sismici del 2016

19-08-2017
Dal 29 agosto foto libere in archivi e biblioteche

19-08-2017
Cosenza, brucia casa nel centro storico: tre persone muoiono intrappolate. Distrutte decine di opere d'arte

12-08-2017
Antonio Lampis, nuovo direttore generale dei musei del MiBACT

06-08-2017
L'appello al Presidente Mattarella: i beni culturali non sono commerciali. Come aderire

04-08-2017
Istat: mappa rischi naturali in Italia

03-08-2017
APPELLO - COSA SI NASCONDE NELLA LEGGE ANNUALE PER IL MERCATO E LA CONCORRENZA

31-07-2017
Su eddyburg intervento di Maria Pia Guermandi sulle sentenze del Consiglio di Stato e su Bagnoli- Stadio di Roma

31-07-2017
Comunicato EC Il Colosseo senza tutela: sulle recenti sentenze del Consiglio di Stato

30-07-2017
Dal blog di Giuliano Volpe: alcuni interventi recenti

27-07-2017
MiBACT, presto protocollo di collaborazione con le citt darte per gestione flussi turistici

26-07-2017
Franceschini in audizione alla Commissione Cultura del Senato

25-07-2017
Franceschini domani in audizione alla Commissione Cultura del Senato

25-07-2017
Franceschini: Musei italiani verso il record di 50 milioni di ingressi

25-07-2017
COLOSSEO, oggi conferenza stampa di Franceschini

20-07-2017
Questa legge contro i parchi e le aree protette, fermatela: appello di Italia Nostra alla Commissione Ambiente del Senato

18-07-2017
CAMERA DEI DEPUTATI - COMMISSIONE PERIFERIE - Audizione esperti (Bovini e Settis)

15-07-2017
Ricordo di Giovanni Pieraccini, di Vittorio Emiliani

12-07-2017
Comunicato di API-MIBACT sui Responsbili d'Area nelle Soprintendenze Archeologia, Belle Arti, Paesaggio

11-07-2017
Rassegna Stampa di TERRITORIALMENTE sul patrimonio territoriale della Toscana

10-07-2017
Il tradimento della Regione Toscana nella politica sui fiumi

06-07-2017
Per aderire all'appello sul Parco delle Alpi Apuane

05-07-2017
Appello al Presidente Enrico Rossi per la nomina del Presidente Parco regionale delle Alpi Apuane

Archivio news