LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Interrogazione a risposta scritta 4-00732
2013-08-07

Atto Senato


presentata da
ROSETTA ENZA BLUNDO
mercoledì 7 agosto 2013, seduta n.091

BLUNDO, BOCCHINO, SERRA, MONTEVECCHI, BENCINI, ROMANI Maurizio, FUCKSIA, CASALETTO, MORONESE, LEZZI, NUGNES, FATTORI, TAVERNA, CIAMPOLILLO, PUGLIA, COTTI, BUCCARELLA, MUSSINI, BULGARELLI, PETROCELLI, MOLINARI, GAETTI, BERTOROTTA, MANGILI, CASTALDI, CATALFO, VACCIANO, BATTISTA, GIARRUSSO, SIMEONI, AIROLA - Al Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo - Premesso che in un'apposita relazione, riguardante la parte meridionale dell'agro romano, il Ministero dei beni e delle attività culturali attesta esplicitamente che l'area compresa, a Roma, tra via Laurentina e Castel di Leva si contraddistingue per "un'alta qualità paesaggistica, riconducibile ai tratti tipici del paesaggio agrario della Campagna romana, caratterizzato dall'ampiezza dei quadri panoramici, dalla ricca e stratificata articolazione del sistema insediativo storico e dalla diffusione tanto di beni archeologici che architettonici, questi ultimi rappresentati da antichi casali, sorti a partire dai secoli XV-XVI attorno a nuclei fortificati medievali e da quelli più recenti risalenti alle bonifiche realizzate a cavallo tra Otto e Novecento";

considerato che, per quanto risulta agli interroganti:

l'area comprende anche Tor Chiesaccia, importante complesso monumentale di proprietà comunale, sottoposta a tutela ai sensi del codice dei beni culturali e del paesaggio di cui al decreto legislativo 22 gennaio 2004, n. 42. La zona, nonostante sia vincolata all'inedificabilità dal Piano territoriale paesistico della Regione Lazio n. 15/3, è oggetto di innumerevoli violazioni e difformità urbanistiche, a causa di alcune concessioni edilizie, la n. 102 protocollo 12432 e la n. 103 protocollo 12433, assegnate al gruppo imprenditoriale Caltagirone;

tali permessi edificatori hanno prodotto la costruzione di palazzi molto più alti, fino a 5 piani in più rispetto alle prescrizioni contenute nella valutazione d'impatto ambientale regionale, dalla quale risulta che l'area è destinata a verde e servizi pubblici. A tal proposito, era stato anche indetto dal Comune di Roma un concorso, dal titolo "Adotta un monumento", al fine di adibire l'intero complesso monumentale di Tor Chiesaccia ad aula didattica all'aperto per gli alunni delle scuole del quartiere Fonte Laurentina;

tali costruzioni, oltre ad essere innalzate su una necropoli, derogherebbero al divieto di edificare o alterare i terreni nel raggio di 100 metri dal punto di collocazione di Tor Chiesaccia, come invece stabilito in un decreto della Direzione regionale della Soprintendenza per i beni architettonici e paesaggistici (DDR 18 novembre 2009) con il quale si vieta la costruzione di edifici che "precludano la percezione ed il profilo della Torre" e che "non siano strettamente in aderenza ai palazzi del quartiere limitrofo". A ciò si aggiunge, infine, il proliferare di incendi dolosi volti a danneggiare i monumenti ed il crollo di una parte della chiesa medievale, verificatosi nel gennaio 2013, a causa delle vibrazioni prodotte da escavatori e camion operanti nel cantiere;

considerato inoltre che, per quanto risulta agli interroganti:

la vicenda ha suscitato l'attenzione di numerosi organi di informazione e giornalisti locali, in particolar modo del giornalista Silvio Talarico, da molto tempo impegnato nella raccolta di informazioni e filmati che documentino gli abusi compiuti sull'area. Durante uno dei suoi reportage Talarico, nel gennaio 2011, dopo aver documentato il mancato rispetto delle più elementari norme di sicurezza sul lavoro all'interno del cantiere di via Lapardiello/via Nanni, fu vittima di un violento pestaggio da parte degli stessi operai. Sempre secondo quanto risulta agli interroganti, una precedente ispezione nel cantiere da parte del Servizio di prevenzione e sicurezza ambienti di lavoro della Regione Lazio, il 9 dicembre 2010, avrebbe inoltre evidenziato violazioni alla normativa antinfortunistica con contestuale redazione di verbale e comunicazione del reato alla Procura della Repubblica di Roma. Inoltre lo stesso Talarico dal 2008 ad oggi ha presentato numerose segnalazioni, solleciti, esposti e denunce agli organi di vigilanza e alla procura della Repubblica di Roma, senza purtroppo ottenere alcun effetto;

una recente istruttoria prodotta dal responsabile di zona della Soprintendenza per i beni architettonici e paesaggistici per il Comune di Roma, l'architetto Nicandro Gnarra, rilevando i vincoli riferiti all'ex articolo 10, comma 1, ed ex parte II del decreto legislativo n. 42 del 2004, richiedeva la sospensione di ogni opera urbanistica sull'area. Tale istruttoria risulterebbe misteriosamente smarrita ed il funzionario risulterebbe essere stato frettolosamente trasferito ad altro incarico. Anche le denunce presentate dallo stesso Gnarra, nelle quali verrebbe evidenziato il sofisticato sistema costruito all'interno della Soprintendenza di Roma per la gestione delle istruttorie e pratiche, caratterizzato da una organizzazione estremamente accentratrice, dall'assenza di registri di passaggio e protocolli interni, non hanno avuto alcun seguito,

si chiede di sapere:

quali iniziative concrete il Ministro in indirizzo intenda assumere, al fine di garantire il rispetto dei vincoli paesaggistici esistenti in un'area dalla notevole rilevanza storica, archeologica e architettonica, come quella di Tor Chiesaccia;

se sia a conoscenza del misterioso smarrimento dell'istruttoria redatta dal responsabile di zona della Soprintendenza per i beni architettonici e paesaggistici per il Comune di Roma, con la quale si chiedeva la sospensione di qualsiasi opera urbanistica nell'area;

se non ritenga opportuno, nell'ambito delle proprie competenze, intervenire perché siano sospese le concessioni, rilasciate dal Comune di Roma, relative alla citata area dell'agro romano, nell'attesa dell'espletamento delle necessarie verifiche.

(4-00732)

http://aic.camera.it/


news

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

11-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 11 gennaio 2021

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news