LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Interrogazione a risposta orale 3-00643
2014-01-16


Atto Senato


presentata da
MICHELA MONTEVECCHI
gioved 16 gennaio 2014, seduta n.169

MONTEVECCHI, SERRA, BLUNDO, SCIBONA - Ai Ministri dei beni e delle attivit culturali e del turismo e delle infrastrutture e dei trasporti - Premesso che:

attraverso il decreto del Presidente della Repubblica del 30 ottobre 2013, visto il ricorso straordinario dell'8 aprile 2011, proposto da Agi (Associazione imprese generali), si dispone l'annullamento di alcune norme del regolamento sugli appalti pubblici, di cui al decreto del Presidente della Repubblica n. 207 del 2010, di attuazione del decreto legislativo n. 163 del 2006, in materia di affidamento ed esecuzione di lavori specialistici;

attraverso un comunicato stampa, il 13 dicembre l'associazione "la Ragione del Restauro" (ARR) e l'Associazione nazionale archeologi (ANA) a seguito dell'intervento operato mediante il citato decreto del Presidente della Repubblica del 30 ottobre 2013, hanno espresso grande preoccupazione e denunciato un grave rischio a danno delle piccole e medie imprese specialistiche nel campo del restauro e degli scavi archeologici;

considerato che:

con il decreto menzionato stato accolto il ricorso straordinario al Presidente della Repubblica promosso dall'AGI, con il conseguente annullamento degli articoli 107, comma 2, e 109, comma 2 (in relazione all'allegato A), del decreto del Presidente della Repubblica n. 207 del 2010, che prevedevano l'obbligo per l'affidatario di subappaltare i lavori specialistici (scavi archeologici, restauri) alle imprese in possesso di adeguata qualificazione;

la modifica normativa consente ora all'affidatario dei lavori in possesso della qualificazione nella categoria prevalente di eseguire direttamente tutte le lavorazioni di cui si compone l'opera o il lavoro, anche se privo delle relative qualificazioni;

le associazioni ARR ed ANA, nel comunicato, hanno evidenziato che per le grandi imprese viene meno il divieto, prima previsto, di eseguire direttamente le lavorazioni secondarie per cui non si possiede la qualificazione, nell'ipotesi in cui l'importo dei lavori sia superiore al 10 per cento dell'importo complessivo dell'opera, ovvero superiore a 150.000 euro, e si rientri in una delle categorie di opere generali o specializzate individuate nell'Allegato A) del decreto del Presidente della Repubblica n. 207 del 2010 come categorie a qualificazione obbligatoria. Pertanto, venuto meno l'obbligo di subappaltare tali lavorazioni e, nel caso di lavori rientranti nelle categorie speciali, cosiddette lavorazioni super-specialistiche, venuta meno anche la necessit di costituire associazioni temporanee tra le imprese generali e quelle specialistiche, la conseguenza che si determiner sar quella di un inesorabile rischio di cessazione di attivit per migliaia di piccole e medie imprese che sono specializzate proprio per tali lavorazioni ed interventi di restauro;

a parere degli interroganti, tale situazione determiner inevitabilmente un grave problema che rischia di paralizzare un settore di alta professionalit che ha contribuito non poco a ridonare splendore alle opere di pregio del nostro Paese; infatti le piccole e medie imprese, pur potendo vantare un'alta specializzazione nella realizzazione di determinate lavorazioni, si vedrebbero privare anche della possibilit di ottenere lavori in subappalto, o di partecipare alle gare, in tutti quei casi in cui l'impresa generalista (qualificata per la categoria prevalente) decida di eseguire direttamente i lavori;

la modifica legislativa introdotta espone gli archeologi ed i restauratori al rischio estinzione, anche se l'esistenza stessa delle categorie a qualificazione obbligatoria verr garantita e tutelata dall'ARR e dall'ANA, associazioni nate proprio per la tutela della qualit degli interventi sul patrimonio culturale italiano, che non mancheranno di evidenziare i punti di criticit mettendo in atto qualsiasi azione atta all'individuazione di una soluzione idonea a colmare il vuoto normativo che si venuto a creare;

considerato inoltre che affinch nel mercato operino soltanto le imprese effettivamente in grado di garantire la migliore qualit delle opere, a giudizio degli interroganti parrebbe ragionevole considerare anche la possibilit di promuovere un ricorso per l'annullamento delle previsioni del regolamento che consentono all'impresa affidataria di utilizzare i lavori subappaltati, non solo ai fini della qualificazione nella categoria prevalente, ma anche per la qualificazione nella categoria scorporabile,

si chiede di sapere se i Ministri in indirizzo siano a conoscenza dei fatti esposti e quali urgenti iniziative intendano assumere, nell'ambito delle rispettive competenze, per la salvaguardia della professionalit degli archeologi e dei restauratori, alla luce della modifica legislativa intervenuta.

(3-00643)
Classificazione EUROVOC:

http://aic.camera.it/


news

15-12-2017
Seconda interrogazione parlamentare su libere riproduzioni: il caso di Palermo

15-12-2017
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 15 DICEMBRE 2017

13-12-2017
Interrogazione parlamentare su libere riproduzioni. I casi di Napoli e Palermo

06-12-2017
Premio Silvia Dell'Orso 2017

03-12-2017
Novità editoriale - La struttura del paesaggio. Una sperimentazione multidisciplinare per il Piano della Toscana

22-11-2017
Fotografie libere. Lettera di utenti dell'ACS di Palermo al Ministro Franceschini

22-11-2017
COMUNICATO di Cunsta, della Società italiana di Storia della Critica dell'Arte e della Consulta di Topografia Antica sulla Biblioteca di Palazzo Venezia

20-11-2017
Intervento di Enzo Borsellino sulla mostra di Bernini

13-11-2017
Maestri: Emiliani ricorda Edoardo Detti

01-11-2017
Nella sezione Interventi e recensioni un nuovo intervento di Vittorio Emiliani sulla legge sfasciaparchi

01-11-2017
A un anno dal terremoto, dossier di Emergenza Cultura

29-10-2017
Petizione per salvare il Museo d'Arte Orientale dalla chiusura

20-10-2017
Crollo Santa Croce, l'esperto:INTERVISTA - "Da anni chiediamo fondi per consolidare pietre, inascoltati"

20-10-2017
Bonsanti sul passaggio di Schmidt da Firenze a Vienna

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

30-08-2017
Settis sui servizi aggiuntivi nei musei

29-08-2017
Carla Di Francesco il nuovo Segretario Generale - MIBACT

25-08-2017
Fotografie libere per i beni culturali: nel dettaglio le novit apportate dalla nuova norma

21-08-2017
Appello di sessanta storici dell'arte del MiBACT per la messa in sicurezza e la salvaguardia del patrimonio monumentale degli Appennini devastato dagli eventi sismici del 2016

19-08-2017
Dal 29 agosto foto libere in archivi e biblioteche

19-08-2017
Cosenza, brucia casa nel centro storico: tre persone muoiono intrappolate. Distrutte decine di opere d'arte

12-08-2017
Antonio Lampis, nuovo direttore generale dei musei del MiBACT

06-08-2017
L'appello al Presidente Mattarella: i beni culturali non sono commerciali. Come aderire

04-08-2017
Istat: mappa rischi naturali in Italia

03-08-2017
APPELLO - COSA SI NASCONDE NELLA LEGGE ANNUALE PER IL MERCATO E LA CONCORRENZA

31-07-2017
Su eddyburg intervento di Maria Pia Guermandi sulle sentenze del Consiglio di Stato e su Bagnoli- Stadio di Roma

31-07-2017
Comunicato EC Il Colosseo senza tutela: sulle recenti sentenze del Consiglio di Stato

30-07-2017
Dal blog di Giuliano Volpe: alcuni interventi recenti

Archivio news