LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Interrogazione a risposta in commissione 5-02026 [Creative Europe]
2014-01-30


Atto Camera

presentato da
ASCANI Anna
testo di
Gioved 30 gennaio 2014, seduta n. 163

  ASCANI e PICCOLI NARDELLI.
Al Ministro dei beni e delle attivit culturali e del turismo
Per sapere
premesso che:
i settori culturali e creativi (SCC), oltre ad avere una dimensione economica, rappresentando il 4,5 per cento del prodotto interno lordo dell'Unione europea e dando lavoro a pi di 8 milioni di persone, sono anche patrimonio culturale tangibile intangibile;
la diversit culturale europea rappresenta la peculiarit di ogni Paese. Il programma denominato Creative Europe, avviato dalla Commissione europea il 5 novembre 2013, un programma che mira a salvaguardare le diversit e a potenziare le competitivit del settore culturale sostenendo tutti gli operatori e le organizzazioni attive nell'ambito degli SCC, dalla cultura al cinema, dalla televisione alla musica, dalla letteratura alle arti dello spettacolo, dal patrimonio culturale ai settori affini, apportando benefici in tutti i campi;
il nuovo programma dispone di un bilancio di 1,46 miliardi di euro per i prossimi sette anni (2014-2020) il 9 per cento in pi rispetto ai livelli attuali. Esso andr a coprire gli attuali programmi MEDIA e Cultura, ogni progetto che verr sviluppato avr i propri obiettivi ed i propri criteri di valutazione;
Creative Europe, inoltre, lancer un nuovo strumento di garanzia finanziaria, che consentir anche alle piccole imprese nei settori creativi e culturali di avere un pi facile accesso a prestiti bancari. In totale il programma contribuir a finanziare almeno 250mila artisti e operatori culturali, 2000 cinema, 800 film e 4500 traduzioni di libri;
il decreto-legge n. 91 del 2013 (convertito dalla legge n. 112 del 2013) reca disposizioni per la tutela e la valorizzazione del patrimonio culturale italiano, nonch disposizioni per il rilancio del cinema, delle attivit musicali e dello spettacolo dal vivo;
nell'articolo 8, comma 9, del decreto-legge n. 91 del 2013 di cui sopra deliberato che in riferimento al programma promosso dalla Commissione europea per il periodo 2014-2020 denominato Europa Creativa, finalizzato a sostenere l'industria culturale e creativa, a migliorare l'accesso al credito degli operatori e a proteggere e promuovere la diversit culturale e linguistica europea, istituito presso il Ministero dei beni e delle attivit culturali e del turismo un tavolo tecnico operativo, con il coinvolgimento diretto dei soggetti potenziali destinatari del programma. La composizione del suddetto tavolo definita con decreto del Ministro dei beni e delle attivit culturali e del turismo, da adottare entro sessanta giorni dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del decreto;
il periodo di sessanta giorni a decorrere dall'entrata in vigore della legge (8 ottobre 2013), indicato nel sopracitato articolo 8, comma 9, come termine ultimo per l'emissione del decreto ministeriale per la composizione di un tavolo tecnico operativo, risulta trascorso :
quali azioni il Ministro intenda adottare al fine di sostenere il programma denominato Europa Creativa migliorando di conseguenza l'accesso al credito degli operatori e proteggendo e promuovendo la diversit culturale e linguistica europea ovvero in quali tempi intenda istituire il tavolo tecnico di cui all'articolo 9, comma 8, del decreto-legge n. 91 del 2013. (5-02026)
Atto Camera

Risposta scritta pubblicata Gioved 27 marzo 2014
nell'allegato al bollettino in Commissione VII (Cultura)
5-02026

Mi riferisco all'interrogazione con la quale l'Onorevole Ascani richiede notizie in merito al programma denominato Europa Creativa.
Vorrei precisare che il Ministero dei beni e delle attivit culturali e del turismo ha piena consapevolezza della necessit di agganciare la Cultura alla Strategia Europa 2020 e ai suoi tre pilastri fondamentali: crescita intelligente, sostenibile e inclusiva.
Come correttamente riferito dall'onorevole interrogante, i settori culturali e creativi riflettono il patrimonio culturale dell'Europa, immensamente ricco e variegato, e contribuiscono allo sviluppo delle nostre societ. Questi settori svolgono un ruolo determinante nell'economia europea e contribuiscono a generare crescita e occupazione.
I finanziamenti afferenti a Europa Creativa sono definiti di tipo diretto, in quanto direttamente erogati dalla Commissione Europea al beneficiario, qualora costui abbia redatto un progetto giudicato dalla Commissione stessa ammissibile e come tale finanziabile. L'erogazione e la distribuzione di tali fondi non quindi frutto di una strategia Ministeriale, ma pi semplicemente dell'interesse di quelle organizzazioni nazionali, fra cui le piccole e medie imprese, che hanno interesse a partecipare ai bandi europei del Programma in questione.
Come sottolineato il Programma Europa Creativa offre al tessuto nazionale di ciascuno Stato Membro anche la possibilit di usufruire dal 2016 del cosiddetto Strumento di Garanzia. In base ad esso, le organizzazioni che vogliono partecipare al suddetto Programma possono pi agevolmente accedere al credito bancario, seguendo un iter procedurale specifico che ad oggi in fase di definizione da parte della Commissione.
Il programma ben conosciuto:
Protegge e promuove la diversit culturale e linguistica europea e incoraggia la ricchezza culturale d'Europa.
Contribuisce a realizzare gli obiettivi europei per una crescita economica intelligente, sostenibile e inclusiva.
Aiuta i settori culturali e creativi nella fase di adattamento all'era digitale ed alla globalizzazione.
Apre nuove opportunit, mercati e pubblici internazionali.
Si fonda sul successo dei Programmi MEDIA, MEDIA Mundus e Cultura.

Il Ministero fortemente determinato e impegnato nella ricezione e diffusione degli Strumenti finanziari attraverso l'organizzazione di una struttura di coordinamento e di sostegno a tutti i possibili interessati.
I caratteri della struttura:
unicit della struttura rispetto all'Unione europea (attuata mediante il coordinamento del Segretariato generale);
differenziazione nazionale tra le due anime del programma, media e cultura.

L'azione di diffusione e sostegno avverr attraverso apposite giornate informative (info day) alcune gi svolte a partire dal mese di novembre scorso, nonch attraverso un'azione di sportello e di facilitazione nella costruzione dei partenariati.

LE ASPETTATIVE DEI BENEFICIARI

Registi, distributori, agenti di vendita e altri professionisti del settore audiovisivo beneficeranno del supporto allo sviluppo, alla promozione ed alla distribuzione di migliaia di film europei.
Gli amanti del cinema potranno vedere film provenienti da ogni parte d'Europa in centinaia di sale cinematografiche e festival europei.
Fino a 250.000 artisti e professionisti del settore culturale.
Potranno far conoscere il loro lavoro oltre i confini nazionali.
Migliaia di organizzazioni creative e di professionisti del settore audiovisivo acquisiranno nuove competenze e rafforzeranno la loro capacit a operare a livello internazionale.
Le case editrici potranno usufruire di finanziamenti per tradurre oltre 4.500 opere letterarie.
Chi ama la lettura potr leggere i suoi autori stranieri preferiti nella propria lingua.
Milioni di persone saranno raggiunte attraverso i progetti finanziati dal Programma.

http://aic.camera.it/


news

15-06-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 15 giugno 2019

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

Archivio news