LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Interrogazione a risposta scritta 4-04112 [borgo di San Pietro in Formis]
2014-03-19


Atto Camera


presentato da
BERNINI Massimiliano
testo di
Mercoledì 19 marzo 2014, seduta n. 193

  MASSIMILIANO BERNINI e GAGNARLI.
— Al Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo. — Per sapere
– premesso che:
ad Aprilia, in Località Campoverde nei pressi del chilometro 53,00 della strada regionale 148 Pontina si erge il borgo di San Pietro in Formis di rilevanza storica e archeologica;
teatro di avvenimenti importanti – uno dei quali la battaglia di Campo Morto (duca di Calabria contro le truppe pontificie) nel 1482 –, il sito fu insediamento antichissimo a partire circa dal 2000 a.C., sede di una villa romana (cisterne, opus reticulatum, iscrizioni) con una fra le più rare attestazioni del primo cristianesimo in area pontina (epigrafe del IV secolo d.C.);
iscrizioni autografe dei contumaci (circa 1700) al primo piano del cosiddetto granaio indicano l'antichità degli edifici; castello e chiesa sono noti dal 1201;
l'intero comprensorio, oltre al valore storico-archeologico ha rilevanza idrica, in quanto sono presenti condutture e raccolte d'acqua nell'intera area e sotto gli edifici; in tali presenze di condotte artificiali è da ricercare l'origine del nome «in formis»;
nonostante il comprovato valore storico-archeologico, il borgo non è sottoposto ad alcun vincolo storico-archeologico o architettonico, a minaccia della sua integrità;
nel 2007 la società «Fiamma 2000» ottiene dal comune di Aprilia il permesso per realizzare una stazione di servizio carburanti nei pressi del borgo di «San Pietro in Formis»; il permesso a costruire, firmato dal dirigente del IV settore, è ottenuto il 6 novembre 2009;
il 17 gennaio del 2013 e il 14 marzo 2013, sono protocollate al comune di Aprilia, a firma di centinaia di cittadini, due petizioni spontanee, con richiesta di sospensione delle attività edilizie a Campoverde – S. Pietro in Formis;
a seguito della prima petizione, depositata il 17 gennaio 2013, in data 1o febbraio 2013 la Soprintendenza per i beni archeologici del Lazio, a firma del funzionario responsabile e del soprintendente, emette una richiesta di chiarimenti al comune di Aprilia in merito all'attività edificatoria, iniziata senza l’iter procedurale consono per norma di legge –:
se intenda avviare le procedure affinché al sito del borgo di San Pietro in Formis sia garantita la tutela e riconosciuto lo status di sito di interesse culturale nazionale, sia storico-archeologico che architettonico-ambientale, attraverso il vincolo posto in essere, per quanto concerne i beni appartenenti a soggetti privati, dal decreto legislativo n. 42 del 2004 «Codice dei beni culturali e del paesaggio», nonché dal decreto legislativo n. 490 del 29 ottobre 1999 «Testo unico delle disposizioni legislative in materia di beni culturali e ambientali a norma dell'articolo 1 della legge 8 ottobre 1997 n. 352», dalla legge n. 1089 del 1o giugno 1939 «Tutela delle cose d'interesse artistico e storico», sia ai sensi delle leggi 20 giugno 1909, n. 364 e 19 maggio 1922, n. 778, tuttora in vigore, ai sensi dell'articolo 128 del decreto legislativo n. 42 del 2004. (4-04112)

http://aic.camera.it/


news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news