LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Interrogazione a risposta scritta 4-01522 [inaccessibilità Archivio di Stato di Faenza]
2014-01-21


Atto Senato

presentata da
STEFANO COLLINA
martedì 21 gennaio 2014, seduta n.170

COLLINA, MARCUCCI, DI GIORGI, DE MONTE, PAGLIARI, LO GIUDICE, MOSCARDELLI, CUCCA, GOTOR, MASTRANGELI, ASTORRE, RICCHIUTI, IDEM - Al Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo - Premesso che:

dopo alcuni mesi un cui si sono susseguite brevi chiusure, dalla data del 26 luglio 2013 all'archivio di Stato della città di Faenza (Ravenna) è del tutto inaccessibile;

nel 1957 il Comune di Faenza e le opere pie depositarono i loro archivi presso l'archivio di Stato, unificando, in tal modo, 3 imponenti fondi. Il nuovo archivio di Stato di Faenza veniva istituito nell'ambito di una sezione della biblioteca comunale della città ma gestito autonomamente. A differenza degli altri archivi della regione Marche, gestiti a livello provinciale, l'archivio di Stato di Faenza è una sezione distaccata dell'archivio di Ravenna, analogamente a quanto avviene per l'archivio di Imola che è collegato con quello di Bologna;

fino al mese di agosto 2013 relativamente al personale e all'orario di apertura la situazione degli archivi di Stato dell'Emilia-Romagna era la seguente: Ravenna, 4 dipendenti, 33 ore a settimana; Imola, 8 dipendenti, 39 ore a settimana; Cesena, 9 dipendenti, 42 ore a settimana; Forlì, 7 dipendenti; Faenza, 2 dipendenti, 28 ore a settimana;

considerato che:

la chiusura dell'archivio è senz'altro da attribuire alla grave carenza di organico che non consente all'archivio la prosecuzione di tutte le importanti attività fin ora svolte con estrema competenza, oltre all'erogazione di servizi fondamentali per il territorio;

un gruppo di ricercatori della città sarebbe disponibile a cooperare con l'archivio di Stato di Faenza mediante una forma di supporto volontario, sulla base di convenzioni da stipulare in base alle leggi esistenti. A tal fine, iniziative analoghe sono già state attivate, negli anni '80, in alcune città quali Ferrara, Massa, Torino e Vercelli;

nell'archivio si conserva la memoria storica della città e del territorio come l'archivio storico comunale, l'archivio notarile, le congregazioni religiose, i dati di riferimento degli ospedali e molto altro;

anche l'archivio diocesano risulta chiuso da mesi e Faenza rischia di perdere la propria identità storica, anche in ragione dei molti ricercatori di altre città che spesso vengono a compiere i loro studi nella città;

considerato, inoltre, che la soluzione del problema dovrebbe spettare all'amministrazione statale e i cittadini da tempo auspicano che si possa tornare alla normalità con il ripristino del servizio istituzionale,

si chiede di sapere quali strumenti il Ministro in indirizzo intenda porre in essere a tutela dell'archivio di Stato di Faenza, ai fini della sua riapertura, anche in riferimento ai servizi per i cittadini.

(4-01522)
Atto Senato

Risposta scritta pubblicata nel fascicolo n. 037
all'Interrogazione 4-01522

Risposta. - Il Ministero, consapevole della carenza di personale che caratterizza da alcuni mesi l'archivio di Stato di Ravenna, che ha determinato anche la temporanea chiusura della sezione di Faenza, ha già provveduto a porre in essere alcuni primi interventi finalizzati a garantire la prosecuzione del servizio.

In particolare, l'assegnazione, di recente disposta dalla competente Direzione regionale, di 2 idonei dell'ultimo concorso per l'area di vigilanza e la stipula di un protocollo d'intesa con l'amministrazione comunale, hanno consentito di riattivare il servizio pubblico presso la sede di Faenza, per alcuni giorni della settimana. La sala studio, ubicata presso la sede della sezione dell'archivio di Stato, viene aperta al pubblico il lunedì, dalle ore 9 alle ore 13, mentre il servizio di consultazione è disponibile, presso la sala Sabbatani della biblioteca comunale, nei giorni di mercoledì e venerdì, dalle ore 9 alle ore 13. Per agevolare, inoltre, l'attività dei professionisti interessati alla stesura del nuovo regolamento edilizio, la documentazione pertinente è stata temporaneamente messa a disposizione del competente ufficio comunale.

Per quanto concerne l'asserita disponibilità di taluni ricercatori locali a fornire supporto volontario, si comunica che nessuna offerta formale in tal senso è pervenuta alla direzione dell'archivio di Stato di Ravenna. Qualora pervenisse una proposta in tal senso, si assicura che essa sarà favorevolmente accolta.

FRANCESCHINI DARIO Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo

24/03/2014

http://aic.camera.it/


news

22-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 22 gennaio 2021

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news