LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Interrogazione a risposta scritta 4-01522 [inaccessibilit Archivio di Stato di Faenza]
2014-01-21


Atto Senato

presentata da
STEFANO COLLINA
marted 21 gennaio 2014, seduta n.170

COLLINA, MARCUCCI, DI GIORGI, DE MONTE, PAGLIARI, LO GIUDICE, MOSCARDELLI, CUCCA, GOTOR, MASTRANGELI, ASTORRE, RICCHIUTI, IDEM - Al Ministro dei beni e delle attivit culturali e del turismo - Premesso che:

dopo alcuni mesi un cui si sono susseguite brevi chiusure, dalla data del 26 luglio 2013 all'archivio di Stato della citt di Faenza (Ravenna) del tutto inaccessibile;

nel 1957 il Comune di Faenza e le opere pie depositarono i loro archivi presso l'archivio di Stato, unificando, in tal modo, 3 imponenti fondi. Il nuovo archivio di Stato di Faenza veniva istituito nell'ambito di una sezione della biblioteca comunale della citt ma gestito autonomamente. A differenza degli altri archivi della regione Marche, gestiti a livello provinciale, l'archivio di Stato di Faenza una sezione distaccata dell'archivio di Ravenna, analogamente a quanto avviene per l'archivio di Imola che collegato con quello di Bologna;

fino al mese di agosto 2013 relativamente al personale e all'orario di apertura la situazione degli archivi di Stato dell'Emilia-Romagna era la seguente: Ravenna, 4 dipendenti, 33 ore a settimana; Imola, 8 dipendenti, 39 ore a settimana; Cesena, 9 dipendenti, 42 ore a settimana; Forl, 7 dipendenti; Faenza, 2 dipendenti, 28 ore a settimana;

considerato che:

la chiusura dell'archivio senz'altro da attribuire alla grave carenza di organico che non consente all'archivio la prosecuzione di tutte le importanti attivit fin ora svolte con estrema competenza, oltre all'erogazione di servizi fondamentali per il territorio;

un gruppo di ricercatori della citt sarebbe disponibile a cooperare con l'archivio di Stato di Faenza mediante una forma di supporto volontario, sulla base di convenzioni da stipulare in base alle leggi esistenti. A tal fine, iniziative analoghe sono gi state attivate, negli anni '80, in alcune citt quali Ferrara, Massa, Torino e Vercelli;

nell'archivio si conserva la memoria storica della citt e del territorio come l'archivio storico comunale, l'archivio notarile, le congregazioni religiose, i dati di riferimento degli ospedali e molto altro;

anche l'archivio diocesano risulta chiuso da mesi e Faenza rischia di perdere la propria identit storica, anche in ragione dei molti ricercatori di altre citt che spesso vengono a compiere i loro studi nella citt;

considerato, inoltre, che la soluzione del problema dovrebbe spettare all'amministrazione statale e i cittadini da tempo auspicano che si possa tornare alla normalit con il ripristino del servizio istituzionale,

si chiede di sapere quali strumenti il Ministro in indirizzo intenda porre in essere a tutela dell'archivio di Stato di Faenza, ai fini della sua riapertura, anche in riferimento ai servizi per i cittadini.

(4-01522)
Atto Senato

Risposta scritta pubblicata nel fascicolo n. 037
all'Interrogazione 4-01522

Risposta. - Il Ministero, consapevole della carenza di personale che caratterizza da alcuni mesi l'archivio di Stato di Ravenna, che ha determinato anche la temporanea chiusura della sezione di Faenza, ha gi provveduto a porre in essere alcuni primi interventi finalizzati a garantire la prosecuzione del servizio.

In particolare, l'assegnazione, di recente disposta dalla competente Direzione regionale, di 2 idonei dell'ultimo concorso per l'area di vigilanza e la stipula di un protocollo d'intesa con l'amministrazione comunale, hanno consentito di riattivare il servizio pubblico presso la sede di Faenza, per alcuni giorni della settimana. La sala studio, ubicata presso la sede della sezione dell'archivio di Stato, viene aperta al pubblico il luned, dalle ore 9 alle ore 13, mentre il servizio di consultazione disponibile, presso la sala Sabbatani della biblioteca comunale, nei giorni di mercoled e venerd, dalle ore 9 alle ore 13. Per agevolare, inoltre, l'attivit dei professionisti interessati alla stesura del nuovo regolamento edilizio, la documentazione pertinente stata temporaneamente messa a disposizione del competente ufficio comunale.

Per quanto concerne l'asserita disponibilit di taluni ricercatori locali a fornire supporto volontario, si comunica che nessuna offerta formale in tal senso pervenuta alla direzione dell'archivio di Stato di Ravenna. Qualora pervenisse una proposta in tal senso, si assicura che essa sar favorevolmente accolta.

FRANCESCHINI DARIO Ministro dei beni e delle attivit culturali e del turismo

24/03/2014

http://aic.camera.it/


news

15-12-2017
Seconda interrogazione parlamentare su libere riproduzioni: il caso di Palermo

15-12-2017
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 15 DICEMBRE 2017

13-12-2017
Interrogazione parlamentare su libere riproduzioni. I casi di Napoli e Palermo

06-12-2017
Premio Silvia Dell'Orso 2017

03-12-2017
Novità editoriale - La struttura del paesaggio. Una sperimentazione multidisciplinare per il Piano della Toscana

22-11-2017
Fotografie libere. Lettera di utenti dell'ACS di Palermo al Ministro Franceschini

22-11-2017
COMUNICATO di Cunsta, della Società italiana di Storia della Critica dell'Arte e della Consulta di Topografia Antica sulla Biblioteca di Palazzo Venezia

20-11-2017
Intervento di Enzo Borsellino sulla mostra di Bernini

13-11-2017
Maestri: Emiliani ricorda Edoardo Detti

01-11-2017
Nella sezione Interventi e recensioni un nuovo intervento di Vittorio Emiliani sulla legge sfasciaparchi

01-11-2017
A un anno dal terremoto, dossier di Emergenza Cultura

29-10-2017
Petizione per salvare il Museo d'Arte Orientale dalla chiusura

20-10-2017
Crollo Santa Croce, l'esperto:INTERVISTA - "Da anni chiediamo fondi per consolidare pietre, inascoltati"

20-10-2017
Bonsanti sul passaggio di Schmidt da Firenze a Vienna

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

30-08-2017
Settis sui servizi aggiuntivi nei musei

29-08-2017
Carla Di Francesco il nuovo Segretario Generale - MIBACT

25-08-2017
Fotografie libere per i beni culturali: nel dettaglio le novit apportate dalla nuova norma

21-08-2017
Appello di sessanta storici dell'arte del MiBACT per la messa in sicurezza e la salvaguardia del patrimonio monumentale degli Appennini devastato dagli eventi sismici del 2016

19-08-2017
Dal 29 agosto foto libere in archivi e biblioteche

19-08-2017
Cosenza, brucia casa nel centro storico: tre persone muoiono intrappolate. Distrutte decine di opere d'arte

12-08-2017
Antonio Lampis, nuovo direttore generale dei musei del MiBACT

06-08-2017
L'appello al Presidente Mattarella: i beni culturali non sono commerciali. Come aderire

04-08-2017
Istat: mappa rischi naturali in Italia

03-08-2017
APPELLO - COSA SI NASCONDE NELLA LEGGE ANNUALE PER IL MERCATO E LA CONCORRENZA

31-07-2017
Su eddyburg intervento di Maria Pia Guermandi sulle sentenze del Consiglio di Stato e su Bagnoli- Stadio di Roma

31-07-2017
Comunicato EC Il Colosseo senza tutela: sulle recenti sentenze del Consiglio di Stato

30-07-2017
Dal blog di Giuliano Volpe: alcuni interventi recenti

Archivio news