LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Interrogazione a risposta scritta 4-01472 [Scrovegni]
2014-01-14


Atto Senato


presentata da
MASSIMO BITONCI
marted 14 gennaio 2014, seduta n.164

BITONCI - Al Ministro dei beni e delle attivit culturali e del turismo - Premesso che:

la cappella degli Scrovegni senza dubbio un luogo di grande pregio storico ed artistico non solo della citt di Padova, dove si trova, ma di tutto il Paese, nota a livello internazionale per la serie di cicli di affreschi trecenteschi in essa contenuta e che rappresentano un patrimonio figurativo di artisti di straordinaria importanza, tra cui, in primis, Giotto, oltre a Guariento, Giusto de' Menabuoi, Altichiero e Jacopo da Verona, tanto che ad oggi i cicli trecenteschi sono all'interno di una lista di osservazione di siti passibili di inserimento nel patrimonio Unesco;

organi di stampa locale di Padova di questi ultimi giorni ("Corriere del Veneto" del 10, 11 e 12 gennaio 2014, "Il Gazzettino" e "Il Mattino" di Padova) riportano la notizia della querelle sorta tra il celebre artista teatrale Dario Fo e l'amministrazione comunale di Padova relativamente allo stato di conservazione della cappella degli Scrovegni;

secondo quanto riportato dagli organi di stampa, infatti, alle sollecitazioni rivolte dall'artista lombardo alla stessa amministrazione comunale di porre maggiore attenzione relativamente alla situazione delle infiltrazioni d'acqua presenti nella cappella, rappresentanti istituzionali del Comune avrebbero risposto evidenziando come le accuse di incuria risultavano prive di fondamento;

l'11 febbraio 2013, presso il Kunsthistorisches Institut di Firenze, stata dedicata una giornata di studio alla cappella e alla cripta degli Scrovegni di Padova;

a far riemergere l'interesse degli scienziati il caso Scrovegni stata la decisione del Comune di Padova di valutare la possibilit di edificare un'area pubblica di 143.000 metri cubi in stretta prossimit della cappella, con scavi ingentissimi che prevedono la costruzione di due grattacieli e un poderoso auditorium;

nello specifico, secondo gli studiosi che hanno partecipato al convegno, il progetto rischia di provocare gravi deformazioni volumetriche e distorsive al sottosuolo e alle falde acquifere, con cedimenti assoluti e differenziali che potrebbero manifestarsi in periodi lunghi e successivi, e che l'innalzamento progressivo del livello del canale Piovego, adiacente alla cappella (forse ancora maggiore da quando il canale non pi dragato per la navigazione), porta al costante semiallagamento di quell'ambiente;

la cappella degli Scrovegni, pertanto, versa in uno stato di grave degrado a causa della permanente presenza nella cripta dell'acqua che ha cominciato a risalire anche alle pareti, tanto che numerosi cittadini, anche organizzati in comitati, chiedono interventi urgenti da parte delle autorit competenti e dell'universit di Padova, nonch la pubblicit sulle proposte formulate e sui dati provenienti dai piezometri, rivendicando il diritto della popolazione all'accessibilit della cripta, che ad oggi pu essere visitata solo facendo domanda al Comune;

l'amministrazione comunale di Padova, per voce del sindaco Ivo Rossi, avrebbe dichiarato come "La Cappella di Giotto il monumento pi monitorato d'Italia: il microclima interno regolato per mantenere i migliori parametri di umidit relativa e temperatura, il monitoraggio oggetto delle costanti attenzioni di una commissione apposita della quale fa parte anche l'istituto centrale del restauro, del ministero dei Beni culturali e sovrintendenze unitamente ai tecnici del Comune", ricordando altres come "da quando diventata propriet del Comune, alla fine dell'800, nota la presenza di acqua all'interno della cripta",

si chiede di sapere se, in ragione della valenza storica ed artistica della cappella degli Scrovegni e alla luce della vicenda descritta, il Ministro in indirizzo intenda adottare interventi urgenti di competenza per tutelare un bene monumentale unico come quello della cappella del Cenobio di Padova, verificando altres al contempo la correttezza dei sistemi e degli interventi fino ad oggi conseguiti da parte delle autorit e dell'amministrazione comunale al fine di garantire l'integrit e la conservazione del monumento.

(4-01472)
Atto Senato

Risposta scritta pubblicata nel fascicolo n. 037
all'Interrogazione 4-01472

Risposta. - La cappella degli Scrovegni da tempo sottoposta ad un'attivit di monitoraggio costante delle sue condizioni strutturali, idrauliche e geotecniche, consistente nella rilevazione e nell'elaborazione, gradualmente implementate per effetto dell'installazione e dell'attivazione di nuovi dispositivi, dei dati e dei parametri che le discipline e la letteratura scientifiche pi aggiornate assumono significativi ai fini della valutazione delle condizioni di conservazione dei manufatti storici, sulla base dei protocolli internazionali pi accreditati.

Tali attivit, ferme restando le competenze istituzionali in capo a questo Dicastero, sono promosse e coordinate dalla commissione interdisciplinare e scientifica per la conservazione e la gestione della cappella degli Scrovegni, presieduta dal direttore regionale per i beni culturali e paesaggistici del Veneto e composta dai soprintendenti di settore, dal direttore dell'Istituto superiore per il restauro e la conservazione, da docenti di ingegneria, tecnica delle costruzioni, idraulica, fisica tecnica e geotecnica degli atenei di Padova e Venezia, dal direttore dei musei civici e dai dirigenti dell'amministrazione comunale a vario titolo interessati.

In ordine all'attuale stato di conservazione della cappella, appare opportuno rappresentare quanto segue.

Al presente, nessuno dei parametri oggetto di rilevazione indica la sussistenza di situazioni, in essere o ragionevolmente prevedibili, tali da richiedere l'adozione di provvedimenti che vadano oltre le ordinarie pratiche manutentive richieste da un edificio di tale vetust e di tali caratteristiche architettoniche, strutturali e decorative. Questo vale sia per gli aspetti idraulici, sia per quelli che attengono al comportamento statico dell'edificio, sia, infine, per quelli che riguardano lo stato di conservazione degli affreschi.

Con particolare riguardo alla presenza di acqua nel cenobio, si evidenzia che la medesima riflette una situazione documentata da quasi un secolo e mezzo, ovvero da quando il bene culturale stato acquisito alla propriet del Comune (1880).

La condizione idraulica attuale della cripta oggetto di un'attenzione costante, che muove dalla consapevolezza che tale tipologia di vani ipogei veniva realizzata anche al fine di evitare problemi di umidit alle pareti soprastanti.

Alcune recentissime indagini, tra le quali il prelievo di campioni all'interno delle murature su cui sono state eseguite le decorazioni parietali e l'effettuazione di una termografia all'infrarosso, hanno dimostrato che la presenza di acqua non reca, al presente, alcun danno agli affreschi giotteschi. Un mutamento dello status quo, oltre a comportare complessi e costosi interventi di ingegneria idraulica che, allo stato, appaiono del tutto ingiustificati, esporrebbe il bene culturale al rischio di effetti pregiudizievoli, a causa dell'impossibilit di prevedere il comportamento dei terreni di fondazione conseguente alla bonifica. I terreni, infatti, impregnati per secoli dall'acqua della falda, muterebbero pi o meno repentinamente il proprio comportamento meccanico, con conseguenze inevitabili (ancorch dai contorni al momento non precisabili) sulle strutture architettoniche e, dunque, sugli stessi apparati decorativi. Effetti allo stesso modo non valutabili si avrebbero sulle superfici delle murature della cripta, a seguito dei fenomeni legati alla cristallizzazione dei sali al loro interno, al presente in stato solubile.

La funzione delle pompe presenti in loco quella di mantenere il livello dell'acqua entro limiti ritenuti non pregiudizievoli, anche solo in via ipotetica, alla conservazione dell'aula affrescata.

Si sono appena concluse le verifiche annuali da parte dell'Istituto superiore per la conservazione e il restauro, condotte centimetro per centimetro sulla superficie dei dipinti e a breve ne verr reso noto il rapporto conclusivo. Si pu comunque anticipare l'esito assolutamente positivo dei controlli, che incoraggia a proseguire negli attuali protocolli di indagine e monitoraggio.

Inoltre, la commissione interdisciplinare, nella seduta del 28 gennaio 2014, ha preso atto delle risultanze delle indagini archeologiche effettuate, con la direzione scientifica della Soprintendenza competente, in aree adiacenti al bene culturale. Tali indagini, programmate da tempo e finora rinviate per mancanza di risorse finanziarie, si appalesano di interesse notevole per la storia costruttiva del bene, consentendo ora di correlare le sostruzioni di et classica alle strutture ipogee dell'edificio trecentesco.

Quanto alla possibilit di edificazione di un vasto complesso in prossimit del bene culturale, si rappresenta che, dalle informazioni assunte dalla Direzione regionale per i beni culturali e paesaggistici del Veneto, il Comune di Padova ha accantonato l'idea di realizzare il progetto.

FRANCESCHINI DARIO Ministro dei beni e delle attivit culturali e del turismo

24/03/2014

http://aic.camera.it/


news

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

15-10-2017
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 15 OTTOBRE 2017

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

30-08-2017
Settis sui servizi aggiuntivi nei musei

29-08-2017
Carla Di Francesco il nuovo Segretario Generale - MIBACT

25-08-2017
Fotografie libere per i beni culturali: nel dettaglio le novit apportate dalla nuova norma

21-08-2017
Appello di sessanta storici dell'arte del MiBACT per la messa in sicurezza e la salvaguardia del patrimonio monumentale degli Appennini devastato dagli eventi sismici del 2016

19-08-2017
Dal 29 agosto foto libere in archivi e biblioteche

19-08-2017
Cosenza, brucia casa nel centro storico: tre persone muoiono intrappolate. Distrutte decine di opere d'arte

12-08-2017
Antonio Lampis, nuovo direttore generale dei musei del MiBACT

06-08-2017
L'appello al Presidente Mattarella: i beni culturali non sono commerciali. Come aderire

04-08-2017
Istat: mappa rischi naturali in Italia

03-08-2017
APPELLO - COSA SI NASCONDE NELLA LEGGE ANNUALE PER IL MERCATO E LA CONCORRENZA

31-07-2017
Su eddyburg intervento di Maria Pia Guermandi sulle sentenze del Consiglio di Stato e su Bagnoli- Stadio di Roma

31-07-2017
Comunicato EC Il Colosseo senza tutela: sulle recenti sentenze del Consiglio di Stato

30-07-2017
Dal blog di Giuliano Volpe: alcuni interventi recenti

27-07-2017
MiBACT, presto protocollo di collaborazione con le citt darte per gestione flussi turistici

26-07-2017
Franceschini in audizione alla Commissione Cultura del Senato

25-07-2017
Franceschini domani in audizione alla Commissione Cultura del Senato

25-07-2017
Franceschini: Musei italiani verso il record di 50 milioni di ingressi

25-07-2017
COLOSSEO, oggi conferenza stampa di Franceschini

20-07-2017
Questa legge contro i parchi e le aree protette, fermatela: appello di Italia Nostra alla Commissione Ambiente del Senato

18-07-2017
CAMERA DEI DEPUTATI - COMMISSIONE PERIFERIE - Audizione esperti (Bovini e Settis)

15-07-2017
Ricordo di Giovanni Pieraccini, di Vittorio Emiliani

12-07-2017
Comunicato di API-MIBACT sui Responsbili d'Area nelle Soprintendenze Archeologia, Belle Arti, Paesaggio

11-07-2017
Rassegna Stampa di TERRITORIALMENTE sul patrimonio territoriale della Toscana

10-07-2017
Il tradimento della Regione Toscana nella politica sui fiumi

06-07-2017
Per aderire all'appello sul Parco delle Alpi Apuane

05-07-2017
Appello al Presidente Enrico Rossi per la nomina del Presidente Parco regionale delle Alpi Apuane

Archivio news