LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Interrogazione a risposta scritta 4-03794 [giardino Palazzo Spada]
2014-03-04


Atto Camera
presentato da
REALACCI Ermete
testo di
Marted 4 marzo 2014, seduta n. 182

  REALACCI e BONACCORSI.

Al Ministro dei beni e delle attivit culturali e del turismo .

Per sapere

premesso che:
si apprende da alcune agenzie di stampa locale e nazionale, dai maggiori canali di social media e da un articolo pubblicato da Il Fatto Quotidiano online del 25 febbraio 2014 comprensivo di chiaro video dimostrativo che il giardino seicentesco, del meraviglioso Palazzo Spada, in piazza Capo di Ferro a Roma, oggetto di lavori di eradicamento e movimentazione del relativo sottosuolo per la creazione di un parcheggio sotterraneo e alcuni locali di servizio da rendere disponibili al Consiglio di Stato;
come poi si evince dall'articolo ed anche dal sopraccitato video online alcune fontane originali di Palazzo Spada sono ad oggi in corso di smantellamento per far posto alle ruspe. Nel luogo dei lavori non presente alcun cartello informativo sulla natura del cantiere come informazione per i tanti turisti, oltrech a tutela della sicurezza sul lavoro;
Palazzo Spada uno splendido edificio di inestimabile valore storico e a architettonico, sottoposto a vincolo artistico (ex legge n. 1089 del 1939), nel quale hanno sede sia il Consiglio di Stato sia l'omonima Galleria Spada. Fu costruito nel 1540 per il cardinale Girolamo Capodiferro. Il palazzo fu comprato nel 1632 dal cardinale Bernardino Spada, il quale incaric Francesco Borromini di modificarlo secondo i nuovi gusti barocchi. Borromini cre, tra l'altro, il raro capolavoro di trompe-l'oeil della falsa prospettiva nell'androne dell'accesso al cortile, in cui la sequenza di colonne di altezza decrescente e il pavimento che si alza generano l'illusione ottica di una galleria lunga 37 metri (mentre di 8); in fondo alla galleria, in un giardino illuminato dal sole, si trova una scultura che sembra a grandezza naturale, mentre in realt alta solo 60 centimetri. Per creare la sua falsa prospettiva, Borromini fu aiutato da un matematico, Padre Giovanni Maria da Bitonto. Le decorazioni scultoree in stucco manieristiche della facciata del palazzo, ispirate a quelle di Palazzo Branconio dell'Aquila, e del cortile, con sculture all'interno di nicchie incorniciate da ghirlande di fiori e frutta, grottesche e scene di significato simbolico in bassorilievo fra le piccole finestre del mezzanino, ne fanno la pi ricca e bella facciata del Cinquecento romano. Nel cortile sono collocate le statue di Ercole, Marte, Venere, Giunone, Giove, Proserpina, Minerva, Mercurio, Anfitrite, Nettuno e Plutone. Il palazzo ospita anche una colossale scultura di Pompeo Magno, ritenuta essere quella ai cui piedi cadde Giulio Cesare. Fu trovata sotto le mura di confine di due case romane nel 1552: doveva essere decapitata per soddisfare le pretese di entrambe le famiglie, ma il cardinale Capodiferro, chiamato a dirimere la questione, intercedette a favore della scultura presso papa Giulio III, che la compr, donandola poi al cardinale Capodiferro. Palazzo Spada stato acquistato, con tutti gli arredi e la galleria, dallo Stato Italiano nel 1927;
oggi, come gi detto, tra false prospettive create da Francesco Borromini, quadri di Tiziano, Caravaggio e Rubens, fregi, colonne, stucchi e statue barocche ci si imbatte in qualcosa di pi inaspettato e mal segnalato: ovvero un cantiere aperto per smantellare un giardino seicentesco posto in fondo al cortile principale;
a Palazzo Spada sono state girate tra le pi intense scene del film pluripremiato e premio Oscar 2014 La Grande Bellezza di Paolo Sorrentino :
se il Ministro sia a conoscenza della questione; se intenda chiarire se i lavori di realizzazione di locali e parcheggi interrati ad uso del Consiglio di Stato siano provvisti della dovuta autorizzazione da parte della competente Soprintendenza per i beni architettonici e paesaggistici per il comune di Roma Capitale e del Lazio e con quali prescrizioni a tutela del giardino e dell'intero palazzo Spada; se sia prevista, a chiusura del cantiere, la ricostruzione del giardino come era e dove era e il ragionevole smantellamento del parcheggio di servizio al Consiglio di Stato collocato nell'antistante piazza Capo di Ferro, che peraltro visibilmente interrompe la visione della facciata di Palazzo Spada e del Ninfeo delle Mammelle, proseguo della scena artistica seicentesca della detta piazza; da ultimo, se il Ministro, per quanto di competenza e per tramite degli uffici territoriali del dicastero, non ritenga utile promuovere con il comune di Roma Capitale un tavolo tecnico al fine di implementare fattivamente un progetto organico per la salvaguardia dal degrado, dall'incuria, dalla criminalit organizzata il centro storico di Roma, gi patrimonio UNESCO, rivalorizzandolo, stante il continuo peggioramento delle sue condizioni di vivibilit e il calo turistico che subisce. (4-03794)
Atto Camera

Risposta scritta pubblicata Luned 5 maggio 2014
nell'allegato B della seduta n. 222
4-03794
presentata da
REALACCI Ermete

Risposta. Con l'interrogazione parlamentare in esame l'interrogante chiede se si sia a conoscenza dei lavori di realizzazione di un parcheggio sotterraneo nel cortile di palazzo Spada, se i lavori di realizzazione di locali e parcheggi interrati, ad uso del Consiglio di Stato, siano provvisti della dovuta autorizzazione da parte della competente soprintendenza e con quali prescrizioni a tutela del giardino e dell'intero palazzo Spada, se sia prevista, a chiusura del cantiere, la ricostruzione del giardino come era e dove era e il ragionevole smantellamento del parcheggio di servizio al Consiglio di Stato, collocato nell'antistante piazza Capo di Ferro e, infine, se, per quanto di competenza e per tramite degli uffici territoriali del dicastero, non si ritenga utile promuovere con il comune di Roma Capitale un tavolo tecnico al fine di implementare fattivamente un progetto organico per la salvaguardia dal degrado, dall'incuria, dalla criminalit organizzata del centro storico di Roma, gi patrimonio Unesco, rivalorizzandolo.
Al riguardo, si comunica quanto segue.
Gi nel 1994, il Consiglio di Stato manifest la propria intenzione di realizzare, con fondi propri, un parcheggio interrato al di sotto del giardino di palazzo Spada; trattandosi di bene vincolato ai sensi della legge 1o giugno 1939, n. 1089, l'intervento ha richiesto il nulla osta obbligatorio e vincolante delle soprintendenze interessate.
Il Consiglio di Stato, non avendo un proprio ufficio tecnico, espressamente richiese che il progetto fosse realizzato da tecnici delle soprintendenze.
Nel 1998, individuata l'area ritenuta pi idonea per la realizzazione del parcheggio interrato per numero trentadue autovetture, la Soprintendenza ai beni ambientali e architettonici di Roma predispose il progetto, unitamente alla consorella Soprintendenza archeologica di Roma.
Negli anni 1998-2000 vennero eseguite le palificate perimetrali, per consentire la prosecuzione degli scavi in sicurezza, altre palificate all'interno dell'area, per l'esecuzione della rampa di accesso al parcheggio, con la rimozione della parte del giardino interessata ai lavori del parcheggio sotterraneo, fino alla profondit di m. 4,30 e, infine, un solaio in cemento armato per la copertura dell'area.
Va, poi, precisato che, come attestato dal Direttore regionale per i beni culturali e paesaggistici del Lazio, la facies attuale del giardino non corrisponde a quella seicentesca, bens una ricomposizione dello stato del giardino monumentale, attuata, nel predetto periodo 1998-2000, dall'architetto Mario Lotti Ghetti, gi direttore generale del Ministero e all'epoca direttore dei lavori, su base documentale dell'architetto incisore francese Paul Letaroully, databile ai primi anni del XIX secolo. Lo stesso architetto Lolli Ghetti, nella conferenza stampa tenutasi il 5 marzo 2014, in merito ai lavori in corso a palazzo Spada, ha precisato che anche le fontane presenti nel giardino sono ricostruzioni recenti e non costruzioni realizzate nel 600.
La campagna di scavi archeologici stata eseguita sotto la sorveglianza della Soprintendenza speciale per i beni archeologici di Roma, competente per materia, allo scopo di verificare la fattibilit dell'intervento proposto dal Consiglio di Stato.
L'indagine archeologica, i cui esiti sono stati comunicati, come detto sopra, dall'architetto Mario Lotti Ghetti nel corso della sopra menzionata conferenza stampa, ha messo in luce strutture tardo antiche: un'aula absidata con pavimentazione in opus sectile, che insiste su un edificio di et imperiale ben conservato.
A seguito di tali ritrovamenti il progetto del parcheggio stato sottoposto dalle soprintendenze al parere del Comitato tecnico scientifico per i beni archeologici, massimo organo collegiale consultivo del Ministero.
Nel verbale della seduta del 16 aprile 2009, il predetto Comitato ha testualmente dichiarato che concorda con l'ipotesi di creare il parcheggio nell'area dei terrazzamenti e di musealizzare e valorizzare un monumento di eccezionale interesse quale l'aula con lopus sectile.
Il citato Direttore regionale per i beni culturali e paesaggistici del Lazio ha, poi, precisato che: I lavori ripresi attualmente, sempre con fondi del Consiglio di Stato, sono, quindi, la naturale prosecuzione di quanto proposto dal comitato tecnico scientifico per i beni archeologici e riguardano il completamento del parcheggio interrato secondo le indicazioni impartite. Tale adeguamento, prevedendo l'eliminazione di quattro pilastri in cemento armato al piano interrato, gi realizzati con i precedenti interventi, comporta necessariamente un consolidamento del solaio di copertura con conseguente intervento dal giardino sovrastante, che, come si ribadisce, non il giardino originario del palazzo e che comunque verr ripristinato nella situazione quo ante al termine dei lavori.
Per quanto concerne, infine, la richiesta avanzata dall'interrogante di promuovere con il Comune di Roma Capitale un tavolo tecnico al fine di implementare fattivamente un progetto organico per la salvaguardia dal degrado, dall'incuria, dalla criminalit organizzata il centro storico di Roma, si comunica che gi da un anno questa amministrazione ha attivato un tavolo tecnico con il comune di Roma Capitale in applicazione della direttiva ministeriale del 10 ottobre 2012, riguardante Esercizio di attivit commerciali e artigianali su aree pubbliche in forma ambulante o su posteggio, nonch di qualsiasi altra attivit non compatibile con le esigenze di tutela del patrimonio culturale.
I lavori del tavolo, dopo la sospensione dovuta alle elezioni amministrative per l'elezione del sindaco di Roma, sono ripresi nella prospettiva di un accordo interistituzionale, anche alla luce del decreto legislativo 18 aprile 2012, n. 61, in materia di ordinamento di Roma Capitale.
Il Ministro dei beni e delle attivit culturali e del turismo: Dario Franceschini.

http://aic.camera.it/


news

15-12-2017
Seconda interrogazione parlamentare su libere riproduzioni: il caso di Palermo

15-12-2017
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 15 DICEMBRE 2017

13-12-2017
Interrogazione parlamentare su libere riproduzioni. I casi di Napoli e Palermo

06-12-2017
Premio Silvia Dell'Orso 2017

03-12-2017
Novità editoriale - La struttura del paesaggio. Una sperimentazione multidisciplinare per il Piano della Toscana

22-11-2017
Fotografie libere. Lettera di utenti dell'ACS di Palermo al Ministro Franceschini

22-11-2017
COMUNICATO di Cunsta, della Società italiana di Storia della Critica dell'Arte e della Consulta di Topografia Antica sulla Biblioteca di Palazzo Venezia

20-11-2017
Intervento di Enzo Borsellino sulla mostra di Bernini

13-11-2017
Maestri: Emiliani ricorda Edoardo Detti

01-11-2017
Nella sezione Interventi e recensioni un nuovo intervento di Vittorio Emiliani sulla legge sfasciaparchi

01-11-2017
A un anno dal terremoto, dossier di Emergenza Cultura

29-10-2017
Petizione per salvare il Museo d'Arte Orientale dalla chiusura

20-10-2017
Crollo Santa Croce, l'esperto:INTERVISTA - "Da anni chiediamo fondi per consolidare pietre, inascoltati"

20-10-2017
Bonsanti sul passaggio di Schmidt da Firenze a Vienna

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

30-08-2017
Settis sui servizi aggiuntivi nei musei

29-08-2017
Carla Di Francesco il nuovo Segretario Generale - MIBACT

25-08-2017
Fotografie libere per i beni culturali: nel dettaglio le novit apportate dalla nuova norma

21-08-2017
Appello di sessanta storici dell'arte del MiBACT per la messa in sicurezza e la salvaguardia del patrimonio monumentale degli Appennini devastato dagli eventi sismici del 2016

19-08-2017
Dal 29 agosto foto libere in archivi e biblioteche

19-08-2017
Cosenza, brucia casa nel centro storico: tre persone muoiono intrappolate. Distrutte decine di opere d'arte

12-08-2017
Antonio Lampis, nuovo direttore generale dei musei del MiBACT

06-08-2017
L'appello al Presidente Mattarella: i beni culturali non sono commerciali. Come aderire

04-08-2017
Istat: mappa rischi naturali in Italia

03-08-2017
APPELLO - COSA SI NASCONDE NELLA LEGGE ANNUALE PER IL MERCATO E LA CONCORRENZA

31-07-2017
Su eddyburg intervento di Maria Pia Guermandi sulle sentenze del Consiglio di Stato e su Bagnoli- Stadio di Roma

31-07-2017
Comunicato EC Il Colosseo senza tutela: sulle recenti sentenze del Consiglio di Stato

30-07-2017
Dal blog di Giuliano Volpe: alcuni interventi recenti

Archivio news