LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Interrogazione a risposta in commissione 5-02791 [Venezia]
2014-05-13


Atto Camera

presentato da
DA VILLA Marco
testo di
Marted 13 maggio 2014, seduta n. 227

  DA VILLA, BRUGNEROTTO, ROSTELLATO, SPESSOTTO, D'INC e COZZOLINO. Al Ministro dei beni e delle attivit culturali e del turismo . Per sapere premesso che:
l'articolo 4, comma 1, del decreto legislativo n. 42 del 22 gennaio 2004 Codice dei beni culturali e del Paesaggio stabilisce che al fine di garantire l'esercizio unitario delle funzioni di tutela, ai sensi dell'articolo 118 della Costituzione, le funzioni stesse sono attribuite al Ministero dei beni e delle attivit culturali e del turismo, di seguito denominato Ministero, che le esercita direttamente o ne pu conferire l'esercizio alle regioni, tramite forme di intesa e coordinamento ai sensi dell'articolo 5, commi 3 e 4 (...);
l'articolo 146, comma 6, dispone poi che La regione esercita la funzione autorizzatoria in materia di paesaggio avvalendosi di propri uffici dotati di adeguate competenze tecnico-scientifiche e idonee risorse strumentali. Pu tuttavia delegarne l'esercizio, per i rispettivi territori, a province, a forme associative e di cooperazione fra enti locali come definite dalle vigenti disposizioni sull'ordinamento degli enti locali, ovvero a comuni, purch gli enti destinatari della delega dispongano di strutture in grado di assicurare un adeguato livello di competenze tecnico scientifiche nonch di garantire la differenziazione tra attivit di tutela paesaggistica ed esercizio di funzioni amministrative in materia urbanistico edilizia;
lo stesso articolo 146 chiarisce i compiti attribuiti a tali organi per il rilascio dell'autorizzazione paesaggistica. In particolare, al comma 3, si afferma che La documentazione a corredo del progetto preordinata alla verifica della compatibilit fra interesse paesaggistico tutelato ed intervento progettato e al comma 7: ...l'amministrazione verifica se l'istanza stessa sia corredata della documentazione di cui al comma 3, provvedendo, ove necessario, a richiedere le opportune integrazioni e a svolgere gli accertamenti del caso. Entro quaranta giorni dalla ricezione dell'istanza, l'amministrazione effettua gli accertamenti circa la conformit dell'intervento proposto con le prescrizioni contenute nei provvedimenti di dichiarazione di interesse pubblico e nei piani paesaggistici e trasmette al soprintendente la documentazione presentata dall'interessato, accompagnandola con una relazione tecnica illustrativa nonch dando comunicazione all'interessato dell'inizio del procedimento...;
i successivi commi 8 e 9 illustrano i passaggi procedurali tra amministrazione competente (la regione o l'ente locale delegato) e la Soprintendenza stabilendo che quest'ultima rende il parere limitatamente alla compatibilit paesaggistica... entro il termine di 45 giorni dalla ricezione degli atti e poi, entro 20 giorni, l'amministrazione rilascia l'autorizzazione o il preavviso di rigetto dell'istanza. Se tuttavia la Soprintendenza non si esprime entro i 45 giorni allora l'amministrazione potr indire una conferenza di servizi e spingerla a parteciparvi o a rendere comunque un parere scritto entro 15 giorni. In ogni caso, decorso il periodo di 60 giorni (45+15), l'amministrazione potr rilasciare o meno l'autorizzazione sulla base della sua sola istruttoria;
nella delibera della Giunta regionale Veneto n. 835 del 15 marzo 2010 sono dettati gli Indirizzi in merito alla verifica della sussistenza dei requisiti di organizzazione e di competenza tecnica/scientifica per l'esercizio delle funzioni paesaggistiche articolo 146 comma 6 del decreto legislativo 42 del 2004. Per l'attuazione della delega occorre, in particolare, che la responsabilit del procedimento di rilascio dell'autorizzazione paesaggistica sia posta in capo ad un soggetto diverso dal responsabile del procedimento urbanistico edilizio, anche se appartenente alla medesima struttura organizzativa; il/i soggetto/i che svolge/ono l'istruttoria sia/siano in possesso di appropriati requisiti di competenza ed esperienza;
con lettera del 6 luglio 2010, a firma del sindaco Giorgio Orsoni, il comune di Venezia ha comunicato alla regione una terna di nomi a cui stato deciso di affidare i compiti relativi ad istruttoria e rilascio delle autorizzazioni paesaggistiche. Tale designazione stata ritenuta idonea al conferimento della delega in materia;
i nomi espressi dal sindaco per la nuova struttura, competente per le istruttorie paesaggistiche e, soprattutto, per la stesura della relazione di accompagnamento dei documenti alla Soprintendenza, corrispondono a tre funzionari comunali che non sembrano corrispondere al profilo delineato dal codice Urbani all'articolo l46 comma 6 (adeguato livello di competenze tecnico-scientifiche), e dalla regione (appropriati requisiti di competenza ed esperienza). Trattasi infatti di due geometri e di un perito industriale che si sono occupati, fino alla nomina, di edilizia privata e che risultano subordinati, gerarchicamente, al dirigente della direzione sviluppo del territorio e urbanistica rispetto al quale dovrebbero invece essere indipendenti;
la citt di Venezia riconosciuta come patrimonio dell'UNESCO. Va ricordato, a tal proposito, che alcuni anni fa il National Geographic ha affidato ad una commissione di studiosi l'analisi di tutti i siti protetti e tale ricerca ha fornito un risultato piuttosto grave: il capoluogo lagunare una delle realt peggio gestite;
l'universit italiana offre alcuni corsi di laurea (architettura, storia, conservazione beni culturali, scienze ambientali) che potrebbero rivelarsi ben pi utili, per lo studio e il rilascio di autorizzazioni paesaggistiche, rispetto a un diploma di scuola media superiore;
nell'ipotesi di carenza di personale o di eccessivo carico di lavoro presso la Soprintendenza di Venezia, sar compito dei tre funzionari di cui sopra formulare le autorizzazioni paesaggistiche o comunque prepararne l'istruttoria che, in ogni caso, costituisce un elemento importante del procedimento e che se condotta male potrebbe inficiarne l'esito finale;
la questione stata posta anche in sede comunale (a mezzo d'interpellanza del consigliere GAVAGNIN n. 24 del 28 febbraio 2014) ma la risposta fornita dall'amministrazione ha confermato l'incompetenza dei soggetti indicati nonch la confusione dei ruoli tra tutela paesaggistica e funzioni urbanistico edilizie: l'assessore ha infatti sostanzialmente ammesso che la valutazione paesaggistica viene attuata col parere reso in sede di commissione edilizia integrata, eludendo cos la legge regionale. Inoltre tale organo meramente consultivo articoli 29 e seguenti del regolamento edilizio), facoltativo e i relativi componenti non sembrano avere le necessarie competenze tecniche;
inoltre, risulta lampante la subordinazione gerarchica dei funzionari e degli uffici incaricati: infatti la responsabilit dei procedimenti paesaggistici attribuita agli uffici atti autorizzativi terraferma, atti autorizzativi centro storico 1 e atti autorizzativi centro storico 2 incardinati rispettivamente nel settore sportello per l'edilizia terraferma e nel settore sportello per l'edilizia centro storico ed isole, tutti interni alla direzione sviluppo del territorio ed edilizia, come risulta dal relativo organigramma e dalla declaratoria delle funzioni pubblicati nel sito internet dell'amministrazione comunale. Infine, nel concreto, gli atti di autorizzazione paesaggistica risultano emessi dal dirigente del settore sportello per l'edilizia (terraferma, ovvero centro storico ed isole) :
se il Ministro sia al corrente dei fatti esposti in premessa e quali iniziative, nel rispetto delle competenze degli enti locali interessati, il Governo intenda adottare al fine di garantire realmente la tutela dei beni culturali e del paesaggio in una citt preziosissima ed unica come Venezia.
(5-02791)



news

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

15-10-2017
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 15 OTTOBRE 2017

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

30-08-2017
Settis sui servizi aggiuntivi nei musei

29-08-2017
Carla Di Francesco il nuovo Segretario Generale - MIBACT

25-08-2017
Fotografie libere per i beni culturali: nel dettaglio le novit apportate dalla nuova norma

21-08-2017
Appello di sessanta storici dell'arte del MiBACT per la messa in sicurezza e la salvaguardia del patrimonio monumentale degli Appennini devastato dagli eventi sismici del 2016

19-08-2017
Dal 29 agosto foto libere in archivi e biblioteche

19-08-2017
Cosenza, brucia casa nel centro storico: tre persone muoiono intrappolate. Distrutte decine di opere d'arte

12-08-2017
Antonio Lampis, nuovo direttore generale dei musei del MiBACT

06-08-2017
L'appello al Presidente Mattarella: i beni culturali non sono commerciali. Come aderire

04-08-2017
Istat: mappa rischi naturali in Italia

03-08-2017
APPELLO - COSA SI NASCONDE NELLA LEGGE ANNUALE PER IL MERCATO E LA CONCORRENZA

31-07-2017
Su eddyburg intervento di Maria Pia Guermandi sulle sentenze del Consiglio di Stato e su Bagnoli- Stadio di Roma

31-07-2017
Comunicato EC Il Colosseo senza tutela: sulle recenti sentenze del Consiglio di Stato

30-07-2017
Dal blog di Giuliano Volpe: alcuni interventi recenti

27-07-2017
MiBACT, presto protocollo di collaborazione con le citt darte per gestione flussi turistici

26-07-2017
Franceschini in audizione alla Commissione Cultura del Senato

25-07-2017
Franceschini domani in audizione alla Commissione Cultura del Senato

25-07-2017
Franceschini: Musei italiani verso il record di 50 milioni di ingressi

25-07-2017
COLOSSEO, oggi conferenza stampa di Franceschini

20-07-2017
Questa legge contro i parchi e le aree protette, fermatela: appello di Italia Nostra alla Commissione Ambiente del Senato

18-07-2017
CAMERA DEI DEPUTATI - COMMISSIONE PERIFERIE - Audizione esperti (Bovini e Settis)

15-07-2017
Ricordo di Giovanni Pieraccini, di Vittorio Emiliani

12-07-2017
Comunicato di API-MIBACT sui Responsbili d'Area nelle Soprintendenze Archeologia, Belle Arti, Paesaggio

11-07-2017
Rassegna Stampa di TERRITORIALMENTE sul patrimonio territoriale della Toscana

10-07-2017
Il tradimento della Regione Toscana nella politica sui fiumi

06-07-2017
Per aderire all'appello sul Parco delle Alpi Apuane

05-07-2017
Appello al Presidente Enrico Rossi per la nomina del Presidente Parco regionale delle Alpi Apuane

Archivio news