LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Interrogazione a risposta in commissione 5-02367 [Ponte Romano oraziano sito nell'agro di Sant'Agata di Puglia]
2014-03-13


Atto Camera
presentato da
MONGIELLO Colomba
testo di
Gioved 13 marzo 2014, seduta n. 189

  MONGIELLO e DI GIOIA.

Al Ministro dei beni e delle attivit culturali e del turismo .
Per sapere premesso che:
gi nel luglio del 2009, la prima firmataria del presente atto di sindacato ispettivo, aveva trasmesso una propria lettera al Ministro per i beni e le attivit culturali pro tempore, con cui si chiedeva un intervento del Ministero stesso per fare fronte allo stato di totale abbandono in cui versava il Ponte Romano oraziano sito nell'agro di Sant'Agata di Puglia il cui estremo grado di disfacimento e di precariet aveva fatto nascere una campagna di sensibilizzazione da parte dell'associazione Santagatesi nel Mondo (che cura i rapporti tra i cittadini pugliesi emigrati e la loro terra di origine), affinch l'opera fosse recuperata, ristrutturata e conservata;
l'iniziativa dell'Associazione Santagatesi nel Mondo a favore della messa in sicurezza e del recupero dell'antico ponte oraziano continuata negli anni ed oggi si mostra con maggiore evidenza con una specifica lettera aperta che cerca di richiamare l'attenzione delle istituzioni competenti sulla incresciosa vicenda dell'abbandono dell'importante opera storico-monumentale;
nella lettera in oggetto si illustrano i maggiori contesti storici, la grandiosit architettonica ed i fasti epico-culturali del ponte romano e del territorio in cui stato realizzato;
il ponte in oggetto risale al I secolo avanti Cristo, in et repubblicana, e per secoli ha rappresentato un'importante opera viaria, di analoga strategicit delle autostrade di oggi;
il ponte Romano di Palino insiste in un ambito territoriale posto ai confini tra Puglia, Campania e Basilicata tra Sant'Agata di Puglia, Candela e Rocchetta Sant'Antonio ed noto anche come Ponte Oraziano perch Quinto Orazio Fiacco lo percorreva regolarmente per tornare alla natia Venosa e lo citava persino nella quinta Satira;
oggi il ponte si mostra quasi come un rudere in balia dell'abbandono mentre potrebbe rappresentare non solo un bene architettonico utile ad arricchire il patrimonio culturale di questa zona, ma anche un richiamo formidabile per avvicinare visitatori e turisti e cos accrescere l'economia locale;
due millenni fa, quando Sant'Agata di Puglia era ancora chiamata Castrum Artemisium, in cui l'intera zona era centro nevralgico di una vasta viabilit romana che ruotava proprio intorno al ponte, l'infrastruttura serviva per attraversare il fiume Calaggio, oggi privo di risorsa idrica;
il ponte stato costruito in mattoni e pietra con tre archi e fu edificato per collegare Aeclanum (l'attuale Mirabella Eclano) con Herdonia (ora Ordona) quando si costru la strada Aurelia Aeclanensis, che congiungeva la via Appia con la via Traiana, il Tirreno e l'Adriatico;
il luogo in cui sorge, in agro di Sant'Agata, costituisce da millenni un itinerario strategico che mette in comunicazione l'Irpinia, la Lucania e la Daunia. La rilevanza delle infrastrutture di epoca romana testimonia l'importanza innegabile della zona dal punto di vista architettonico, storico e culturale;
l'importanza culturale del territorio in questione altres testimoniata dall'essere un elemento della terra della Via Francigena del Sud, che collega i santuari dedicati al culto di San Michele dalla Francia fino a Monte Sant'Angelo. Trattasi di strade materiali e immateriali che per lungo tempo hanno reso ricca la terra della Capitanata, costituendo un passaggio obbligato e un ponte culturale tra l'Europa e il Mediterraneo;
la linea architettonica del ponte, semplice e robusta, stata teatro di viaggi storicamente significativi come quello di Pirro, che proprio ad Ausculum vinse la famosa battaglia contro i Romani;
da circa dieci anni, da quando anche il fiume Calaggio ha deviato il suo letto, a causa dei danni del tempo, come una frana del 2005, e soprattutto della memoria, il ponte si ridotto in labili macerie, con rischio di crollo tra l'indifferenza generale :
se sia a conoscenza dello stato di abbandono e di degrado in cui versa il ponte romano di Palino di cui in premessa;
quali interventi urgenti intenda adottare per mettere in sicurezza e ridare splendore al ponte romano di Palino di Sant'Agata di Puglia e renderlo cos un'opportunit di sviluppo culturale del territorio nonch un vero collegamento tra il passato e il presente del Subappennino dauno. (5-02367)



news

08-12-2017
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 08 DICEMBRE 2017

06-12-2017
Premio Silvia Dell'Orso 2017

03-12-2017
Novità editoriale - La struttura del paesaggio. Una sperimentazione multidisciplinare per il Piano della Toscana

22-11-2017
Fotografie libere. Lettera di utenti dell'ACS di Palermo al Ministro Franceschini

22-11-2017
COMUNICATO di Cunsta, della Società italiana di Storia della Critica dell'Arte e della Consulta di Topografia Antica sulla Biblioteca di Palazzo Venezia

20-11-2017
Intervento di Enzo Borsellino sulla mostra di Bernini

13-11-2017
Maestri: Emiliani ricorda Edoardo Detti

01-11-2017
Nella sezione Interventi e recensioni un nuovo intervento di Vittorio Emiliani sulla legge sfasciaparchi

01-11-2017
A un anno dal terremoto, dossier di Emergenza Cultura

29-10-2017
Petizione per salvare il Museo d'Arte Orientale dalla chiusura

20-10-2017
Crollo Santa Croce, l'esperto:INTERVISTA - "Da anni chiediamo fondi per consolidare pietre, inascoltati"

20-10-2017
Bonsanti sul passaggio di Schmidt da Firenze a Vienna

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

30-08-2017
Settis sui servizi aggiuntivi nei musei

29-08-2017
Carla Di Francesco il nuovo Segretario Generale - MIBACT

25-08-2017
Fotografie libere per i beni culturali: nel dettaglio le novit apportate dalla nuova norma

21-08-2017
Appello di sessanta storici dell'arte del MiBACT per la messa in sicurezza e la salvaguardia del patrimonio monumentale degli Appennini devastato dagli eventi sismici del 2016

19-08-2017
Dal 29 agosto foto libere in archivi e biblioteche

19-08-2017
Cosenza, brucia casa nel centro storico: tre persone muoiono intrappolate. Distrutte decine di opere d'arte

12-08-2017
Antonio Lampis, nuovo direttore generale dei musei del MiBACT

06-08-2017
L'appello al Presidente Mattarella: i beni culturali non sono commerciali. Come aderire

04-08-2017
Istat: mappa rischi naturali in Italia

03-08-2017
APPELLO - COSA SI NASCONDE NELLA LEGGE ANNUALE PER IL MERCATO E LA CONCORRENZA

31-07-2017
Su eddyburg intervento di Maria Pia Guermandi sulle sentenze del Consiglio di Stato e su Bagnoli- Stadio di Roma

31-07-2017
Comunicato EC Il Colosseo senza tutela: sulle recenti sentenze del Consiglio di Stato

30-07-2017
Dal blog di Giuliano Volpe: alcuni interventi recenti

27-07-2017
MiBACT, presto protocollo di collaborazione con le citt darte per gestione flussi turistici

26-07-2017
Franceschini in audizione alla Commissione Cultura del Senato

Archivio news