LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Interrogazione a risposta orale 3-00561 [servizi museali]
2014-01-16


Atto Camera
presentato da
PIAZZONI Ileana Cathia
testo di
Gioved 16 gennaio 2014, seduta n. 153

  PIAZZONI e PILOZZI. Al Ministro dei beni e delle attivit culturali e del turismo . Per sapere premesso che:
come riportato dall'edizione online del quotidiano La Repubblica in data 5 gennaio, i magistrati della sezione di controllo della Corte dei conti del Lazio avrebbero evidenziato delle anomalie sulla gestione di alcuni servizi museali relativi a beni culturali e aree archeologiche della Capitale;
liter di controllo sarebbe iniziato il 4 ottobre 2013, in relazione a un decreto della direzione regionale per i beni culturali e paesaggistici del Ministero dei beni e delle attivit culturali e del turismo, con cui veniva approvato un incremento di 3 euro sui biglietti dell'area archeologica che interessa il Palatino, il Colosseo, i Fori imperiali e fissato a 10 euro il costo dell'ingresso per la visita alla mostra Carlo Saraceni, presso palazzo Venezia;
l'esame del provvedimento in questione avrebbe fatto emergere l'assenza di indicazioni in merito ai criteri utilizzati dalle soprintendenze per quantificare il prezzo degli ingressi ai due poli culturali. Per determinare il costo dei biglietti sarebbe, infatti, necessario considerare la qualit degli allestimenti, l'offerta dei servizi aggiuntivi, la media annua degli ingressi, le caratteristiche del territorio, la vocazione turistica del medesimo e la presenza di altri spazi culturali;
la successiva risposta della direzione regionale per i beni culturali, a seguito della richiesta di delucidazioni sulla ripartizione degli incassi della biglietteria e sui rapporti contrattuali con i privati, non avrebbe chiarito la questione in esame, confermando invece vizi di legittimit del provvedimento. Non verrebbero menzionati i criteri di cui sopra e la dichiarata assegnazione ai privati del 14 per cento degli introiti non corrisponderebbe a quanto contenuto nella documentazione pervenuta ai giudici;
secondo i magistrati della Corte dei conti, invece, ben il 69,8 per cento dei 12 euro del biglietto di ingresso all'area archeologica menzionata entrerebbe nelle casse del gestore privato, nello specifico il Gruppo Mondadori attraverso la controllata Electa. Per la mostra a palazzo Venezia invece, 7 euro e 75 centesimi, sui 10 euro totali del biglietto, andrebbero a vantaggio di Civita Cultura e Munus, a loro volta parti contrattuali private;
in particolare sarebbero violati i decreti ministeriali sulla redistribuzione degli incassi delle biglietterie che fissano un tetto del 30 per cento per gli affidatari del servizio. Se ci non bastasse per i magistrati contabili, il contratto di concessione per l'area archeologica situata alle spalle del Campidoglio, che prosegue a favore di Electa ininterrottamente da almeno 16 anni, dovrebbe ritenersi ormai invalido, in quanto contrario alla normativa europea sulla concorrenza;
occorre sottolineare, inoltre, come il mancato rinnovo di appalti e la mancata emanazione da parte della direzione generale per la valorizzazione delle apposite linee guida per pubblicare nuovi bandi di gara, ha impedito la concessione di servizi in alcuni siti di importantissima rilevanza archeologica e culturale, come Villa d'Este, Villa Adriana o il Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia;
dall'articolo apparso il giorno 6 gennaio, sempre sull'edizione online del quotidiano La Repubblica, venivano annunciate nuove azioni della sezione regionale di controllo della Corte dei conti al fine di individuare ulteriori, possibili, anomalie gestionali sui beni culturali di Roma e del Lazio :
se non ritenga opportuno approfondire i rilievi sollevati dalla Corte dei conti e verificare le presunte violazioni sulla distribuzione degli incassi tra pubblico e privato inerenti ai servizi museali di Roma e del Lazio;
se non ritenga opportuno accertarsi della correttezza dei controlli negli affidamenti descritti in premessa, in particolare riguardo alla congruit tra concessione e servizi essenziali che devono essere garantiti per la fruizione pubblica del bene, ai sensi dell'articolo 115 del decreto legislativo n. 42 del 2004, Codice dei beni culturali e del paesaggio;
quali iniziative intenda intraprendere affinch i contratti di concessione a gestori privati, relativi ai servizi museali, inerenti a beni culturali appartenenti al patrimonio pubblico, siano stipulati nel pieno rispetto della normativa nazionale e comunitaria;
quali iniziative intenda intraprendere per sollecitare la pubblicazione dei nuovi bandi di gara per la concessione di servizi inerenti ai siti di interesse culturale citati in premessa. (3-00561)
Classificazione EUROVOC:



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news