LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

INTERPELLANZA 2/00429 - Oneri di urbanizzazione - Risposta
2016-05-03

Resoconto stenografico dell'Assemblea -
Seduta n. 618 di marted 3 maggio 2016

------------------------------


(Iniziative per la corretta interpretazione delle disposizioni relative alla destinazione dei proventi derivanti dal rilascio dei permessi di costruire e dalle sanzioni previste dal decreto del Presidente della Repubblica 6 giugno 2001, n. 380 n. 2-00429)
  PRESIDENTE. Passiamo all'interpellanza Mannino ed altri n. 200429 (Vedi All. A), concernente iniziative per la corretta interpretazione delle disposizioni relative alla destinazione dei proventi derivanti dal rilascio dei permessi di costruire e dalle sanzioni previste dal decreto del Presidente della Repubblica 6 giugno 2001, n. 380 (Vedi l'allegato A Interpellanze e interrogazione).
  Chiedo all'onorevole Mannino se intenda illustrare la sua interpellanza o se si riservi di intervenire in sede di replica.
  CLAUDIA MANNINO. S, grazie Presidente, brevissimamente: semplicemente, questa interpellanza chiede al Ministero di dare un'univoca interpretazione con riferimento ai proventi che i comuni incassano in termini di oneri di urbanizzazione. Questo perch, alla luce di almeno tre normative vigenti nel nostro Paese, questi oneri possono essere utilizzati in maniera differente e, nonostante abbiano destinazioni di utilizzo ben precise, per ci sono delle normative che si contraddicono o comunque che si sovrappongono, in particolare parlo dell'articolo 10 della legge n. 64 del 2013, dell'articolo 4 della legge n. 10 del 2013 e, infine, dell'articolo 2 della legge n. 244 del 2007. A queste tre normative si contrappongono anche delle attivit da parte degli enti locali, che, in maniera autonoma, interpretano queste tre norme e utilizzano i proventi derivanti dagli oneri di urbanizzazione in maniera differente.
  Quindi, semplicemente chiedevamo al Ministero se valutasse necessaria la possibilit o, comunque, l'esigenza di dare un'univoca interpretazione all'utilizzo di questi fondi, al fine di non incorrere ad errori da parte degli enti locali.
  PRESIDENTE. Il sottosegretario di Stato per l'economia e le finanze, Pier Paolo Beretta, ha facolt di rispondere.
  PIER PAOLO BARETTA, Sottosegretario di Stato per l'economia e le finanze. Grazie, Presidente. Con riferimento all'interpellanza, faccio presente che la disposizione di cui al comma 3 dell'articolo 4 della legge n. 10 del 2013 che stabiliva che le maggiori entrate derivanti dai contributi per il rilascio dei permessi di costruire e dalle sanzioni previste dal Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia, di cui al decreto del Presidente della Repubblica 6 giugno 2001, n. 380, sono destinate alla realizzazione di opere pubbliche di urbanizzazione, di recupero urbanistico e di manutenzione del patrimonio comunale, in misura non inferiore al 50 per cento del totale annuo stata abrogata, a decorrere dal 1o gennaio 2015, dall'articolo 77, comma 1, lettera g) del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, aggiunto dall'articolo 1, comma 1, lettera aa) del decreto legislativo 10 agosto 2014, n. 126.
  Inoltre, il disegno di legge in materia di contenimento di consumo di suolo e riuso del suolo edificato (atto Camera 2039 ed abbinati), attualmente in discussione presso quest'Aula, prevede all'articolo 10, che i proventi dei titoli abilitativi edilizi e delle sanzioni di cui all'articolo 7 della presente legge, nonch quelli delle sanzioni previste dal Testo unico di cui al Presidente della Repubblica 6 giugno 2001, n. 380 sono destinati esclusivamente e senza vincoli temporali alla realizzazione e alla manutenzione ordinaria e straordinaria delle opere di urbanizzazione primaria e secondaria, al risanamento di complessi edilizi compresi nei centri storici, ad interventi di riuso e di rigenerazione, a interventi di demolizione di costruzioni abusive, all'acquisizione e alla realizzazione di aree verdi destinate ad uso pubblico, ad interventi di tutela e riqualificazione dell'ambiente e del paesaggio, anche ai fini della messa in sicurezza delle aree esposte alla prevenzione e alla mitigazione del rischio idrogeologico e sismico e della tutela e riqualificazione del patrimonio rurale e pubblico, nonch ad interventi volti a favorire l'insediamento di attivit in agricoltura in ambito urbano.
   Il comma 8 dell'articolo 2 della legge 24 dicembre 2007 n. 244 e successive modificazioni abrogato. Sono comunque fatte salve le previsioni di spesa contenute nei bilanci annuali approvati sulla base della norma abrogata.
   Si segnala infine che il citato comma 8 dell'articolo 2 della legge n. 244 del 2007 ha cessato di essere efficace per ragioni di carattere temporale, in quanto prevedeva che, per gli anni dal 2008 al 2015, i proventi delle concessioni edilizie e delle sanzioni previste dal testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia, di cui al decreto del Presidente della Repubblica 6 giugno 2001 n. 380, possono essere utilizzati per una quota non superiore del 50 per cento per il finanziamento di spese correnti e una quota non superiore ad un ulteriore 25 per cento esclusivamente le spese di manutenzione ordinaria del verde delle strade del patrimonio comunale. Il Governo pertanto dell'avviso che i citati provvedimenti vadano nel senso indicato dall'interpellanza, contribuendo a rendere pi organica la disciplina del settore.
  PRESIDENTE. L'onorevole Mannino ha facolt di dichiarare se sia soddisfatto per la risposta alla sua interrogazione.
  CLAUDIA MANNINO. Grazie, Presidente. Sinceramente non so se classificabile, ma mi ritengo parzialmente soddisfatta per il semplice motivo che il riferimento alla norma abrogata nel 2015 dovuto al fatto che questa una interpellanza depositata il 4 marzo 2014 e quindi questo si collega anche un po'con i tempi con cui il Governo risponde agli atti parlamentari ma questo ovviamente legato anche al numero di atti parlamentari che tutti noi depositiamo ma, a parte questo, non mi ritengo soddisfatta perch mi parso di capire dalla risposta del Governo che si fa riferimento ad un provvedimento, l'atto camera sul consumo di suolo, che ancora in fase di discussione, un provvedimento che ancora alla prima lettura alla Camera dei deputati da tre anni e che ancora deve superare tutto l'iter, deve essere avallato dall'Aula e va in discussione questa settimana e poi deve essere anche avallato ipoteticamente senza modifiche dal Senato. Quindi, la risposta non mi sembra soddisfacente perch nel frattempo credo le amministrazioni locali utilizzino secondo le proprie interpretazioni questi fondi, fermo restando appunto che un provvedimento del 2015 ha anche soppresso o comunque portato a scadenza quello che era previsto dalla legge n. 244 del 2007.
  PRESIDENTE. cos esaurito lo svolgimento delle interpellanze e delle interrogazioni all'ordine del giorno.

http://www.camera.it/leg17/410?idSeduta=0618&tipo=stenografico#sed0618.stenografico.tit00050


news

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

14-11-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 14 NOVEMBRE 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

Archivio news