LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

SENTENZA 6171/2017 proposto da: PAOLOZZI MAIORCA STROZZI Giovanna (parte prima)
2017-05-24

Giustizia Amministrativa - Consiglio di stato Tribunali Amministrativi RegionaliGiustizia Amministrativa - Consiglio di stato Tribunali Amministrativi Regionali

Pubblicato il 24/05/2017

N. 06171/2017 REG.PROV.COLL.

N. 01117/2016 REG.RIC.


REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio

(Sezione Seconda Quater)

ha pronunciato la presente

SENTENZA

sul ricorso numero di registro generale 1117 del 2016, proposto da:
PAOLOZZI MAIORCA STROZZI Giovanna, rappresentata difesa dagli avv.ti Virginia Ripa Di Meana e Francesco Brizzi ed elettivamente domiciliata presso lo Studio Ripa Di Meana & Associati in Roma, Piazza dei Caprettari, n. 70;

contro

il MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITA CULTURALI E DEL TURISMO, in persona del Ministro pro tempore, rappresentato e difeso dallAvvocatura generale dello Stato, presso la cui sede domicilia per legge in Roma, Via dei Portoghesi, n. 12;

nei confronti di

di ASSMANN Peter e BAGNOLI Martina, non costituiti in giudizio;

per l'annullamento, previa sospensione dellefficacia

- della esclusione della ricorrente dalla selezione pubblica per il conferimento dellincarico di direttore degli istituti museali Palazzo Ducale di Mantova e Galleria Estense di Modena;

- degli esiti delle riunioni, rispetto alle quali non vi alcuna verbalizzazione, del 16 giugno 2015, 25 giugno 2015 e 29 giugno 2015;

- delle schede di valutazione di attribuzione dei punteggi secondo i criteri di cui allart. 5 del bando del 7 gennaio 2015 e alla delibera della commissione del 5 maggio 2015;

- del verbale conclusivo dei lavori della commissione di valutazione datato 11-29 luglio 2015 con cui la commissione ha individuato la terna dei candidati di cui allart. 5 del bando del 7 gennaio 2015;

- dei verbali e della conseguente decisione con cui la commissione di valutazione ha svolto la valutazione comparativa dei curriculum presentati dai partecipanti alla selezione pubblica;

- dei provvedimenti con cui il Ministero ha individuato i candidati cui conferire gli incarichi ed in particolare quelli relativi agli istituti museali Palazzo Ducale di Mantova e Galleria Estense di Modena;

- del bando del 7 gennaio 2015 con il quale il direttore generale Organizzazione del Ministero dei beni e delle attivit culturali e del turismo ha indetto una selezione pubblica per il conferimento dellincarico di direttore per 7 istituti museali di livello dirigenziale generale e di 13 istituti museali di livello dirigenziale non generale;

- dellart. 3, comma 2, del D.M. 27 novembre 2014 recante la disciplina per il conferimento degli incarichi dirigenziali;

- del verbale del 5 maggio 2015 della commissione di valutazione nella quale sono stati individuati i punteggi da attribuire ai titoli, con riferimento ai criteri indicati dal bando;

- della delibera della suddetta commissione di valutazione dell1 luglio 2015 con cui sono stati individuati, per ciascun istituto, i candidati ammessi al colloquio di cui allart. 5 del bando del 7 gennaio 2015;

- dei verbali e della conseguente delibera della suddetta commissione con cui stata selezionata la terna dei candidati per come previsto dallart. 5 del bando del 7 gennaio 2015;

- di tutti gli atti presupposti, conseguenti e comunque connessi ancorch al momento non conosciuti.


Visto il ricorso introduttivo con i relativi allegati;
Vista la costituzione in giudizio dellAmministrazione intimata nonch i documenti prodotti;
Vista lordinanza cautelare della Sezione 19 aprile 2016 n. 1852;
Esaminate le ulteriori memorie depositate in giudizio;
Visti gli atti tutti della causa;
Relatore nell'udienza pubblica del giorno 17 gennaio 2017 il dott. Stefano Toschei e uditi per le parti i difensori come specificato nel verbale;

Ritenuto e considerato in fatto e diritto quanto segue.

FATTO e DIRITTO

1. Premette la Signora Giovanna Paolozzi Maiorca Strozzi di avere partecipato alla selezione pubblica per il conferimento dellincarico di direttore di alcuni Musei italiani indetta con bando del 7 maggio 2015 dal direttore generale Organizzazione del Ministero dei beni e delle attivit culturali e del turismo (dora in avanti, per brevit, MIBACT) ed in particolare con riferimento al posto di direttore del Palazzo Ducale di Mantova e della Galleria Estense di Modena.

Riferisce la Signora Paolozzi Maiorca Strozzi di non essere stata ammessa alla valutazione finale e quindi di essere stata esclusa dalla ultima fase della selezione (costituita dalla valutazione espressa dal Ministro o dal Direttore generale Musei, ai sensi dellart. 5, commi 3 e 4, del bando), nonostante avesse superato la fase preliminare e fosse stata scrutinata favorevolmente per la partecipazione al colloquio intermedio della commissione, a causa della inadeguata valutazione operata dalla commissione medesima dei titoli presentati e del colloquio sostenuto.

Prospettando la illegittimit della scelta operata dalla commissione nonch di tutti gli atti della procedura, ivi compresi quelli presupposti contenenti la legge speciale del procedimento selettivo, la Signora Paolozzi Maiorca Strozzi chiedeva lannullamento dellatto di esclusione dalla fase di valutazione finale e degli esiti della selezione, nel frattempo conclusasi con la nomina dei nuovi direttori.

Quindi proponeva espressa domanda di annullamento dei decreti di nomina dei direttori dei Musei, limitatamente alle posizioni alle quali ella aspirava.

2. - Si costituiva in entrambi i gravami, per mezzo della difesa erariale, il MIBACT formulando eccezioni preliminari e comunque contestando analiticamente le avverse prospettazioni e ribadendo la correttezza dei percorsi selettivi svolti dallamministrazione procedente. Nel silenzio processuale dei controinteressati intimati, lamministrazione resistente chiedeva dichiararsi la inammissibilit dei ricorsi proposti e comune la reiezione degli stessi.

Con ordinanza cautelare 19 aprile 2016 n. 1852, la Sezione respingeva listanza cautelare proposta dalla parte ricorrente, ritenendo che poteva essere adeguatamente tutela la posizione della stessa con la diretta fissazione delludienza per la discussione del merito della controversia, ai sensi dellart. 55, comma 10, c.p.a..

3. In vista delludienza fissata per la discussione del merito, le parti costituite presentavano memorie e note di replica con le quali confermavano le gi rassegnate conclusioni.

Tenuta riservata la decisione alla udienza del 17 gennaio 2017, la riserva veniva sciolta alludienza del 28 febbraio 2017.

IL CONTESTO NORMATIVO CHE CARATTERIZZA LA CONTROVERSIA

4. Con il d.l. 31 maggio 2014, n. 83 convertito nella legge 29 luglio 2014, n. 104 il Governo dellepoca prima e il Parlamento in sede di conversione poi, hanno introdotto Disposizioni urgenti per la tutela del patrimonio culturale, lo sviluppo della cultura e il rilancio del turismo.

Nellambito di tale testo, allart. 14, comma 2-bis, per quanto qui di interesse, si legge che: Al fine di adeguare l'Italia agli standard internazionali in materia di musei e di migliorare la promozione dello sviluppo della cultura, anche sotto il profilo dell'innovazione tecnologica e digitale, con il regolamento di cui al comma 3 sono individuati, senza nuovi o maggiori oneri per la finanza pubblica e nel rispetto delle dotazioni organiche definite in attuazione del decreto-legge 6 luglio 2012, n. 95, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012, n. 135, i poli museali e gli istituti della cultura statali di rilevante interesse nazionale che costituiscono uffici di livello dirigenziale. I relativi incarichi possono essere conferiti, con procedure di selezione pubblica, per una durata da tre a cinque anni, a persone di particolare e comprovata qualificazione professionale in materia di tutela e valorizzazione dei beni culturali e in possesso di una documentata esperienza di elevato livello nella gestione di istituti e luoghi della cultura, anche in deroga ai contingenti di cui all'articolo 19, comma 6, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, e successive modificazioni, e comunque nei limiti delle dotazioni finanziarie destinate a legislazione vigente al personale dirigenziale del Ministero dei beni e delle attivit culturali e del turismo.

Il regolamento cui fa riferimento la surriprodotta disposizione legislativa, entrata in vigore il 31 luglio 2014, latto con il quale nello stesso anno si proceduto alla riorganizzazione del MIBACT: vale a dire attraverso il DPCM 29 agosto 2014, n. 191 recante il Regolamento di organizzazione del Ministero dei beni e delle attivit culturali e del turismo, degli uffici della diretta collaborazione del Ministro e dell'Organismo indipendente di valutazione della performance, a norma dell'articolo 16, comma 4, del decreto-legge 24 aprile 2014, n. 66, convertito, con modificazioni, dalla legge 23 giugno 2014, n. 89.

In particolare, lart. 20 del citato DPCM si occupa della disciplina della direzione generale Musei e al comma 5 puntualizza che La Direzione generale Musei si articola in due uffici dirigenziali di livello non generale centrali e in non pi di diciassette poli museali regionali, uffici di livello dirigenziale non generale periferici, individuati ai sensi dell'articolo 17, comma 4-bis, lettera e), della legge 23 agosto 1988, n. 400, e successive modificazioni, e dell'articolo 4, commi 4 e 4-bis, del decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300, e successive modificazioni.

Successivamente, con il D.M. 27 novembre 2014 (circolare n. 373 del 1 dicembre 2014, all. 2), il MIBACT ha introdotto, nel solco delloperazione di riorganizzazione, la Disciplina dei criteri e delle procedure per il conferimento degli incarichi dirigenziali stabilendo in particolare allart. 3 (relativo alla Procedura di conferimento degli incarichi dirigenziali relativi agli istituti della cultura statali di rilevante interesse nazionale), per quel che qui di interesse:

1. Ai sensi dell'articolo 14, comma 2-bis, del decreto legge 31 maggio 2014, n. 83, convertito, con modificazioni, dalla legge 29 luglio 2014, n. 106, il Ministro stabilisce quali incarichi dirigenziali relativi ai poli museali e agli istituti della cultura statali di rilevante interesse nazionale che costituiscono uffici di livello dirigenziale, come individuati con il regolamento di organizzazione del Ministero di cui al decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 29 agosto 2014, n. 171, o con successivi decreti ministeriali, possono essere conferiti con procedure di selezione pubblica, per una durata da tre a cinque anni, a persone di particolare e comprovata qualificazione professionale in materia di tutela e valorizzazione dei beni culturali e in possesso di una documentata esperienza di elevato livello nella gestione di istituti e luoghi della cultura, anche in deroga ai contingenti di cui all'articolo 19, comma 6, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, e successive modificazioni, e comunque nel rispetto delle dotazioni organiche del personale dirigenziale del Ministero dei beni e delle attivit culturali e del turismo e nei limiti delle dotazioni finanziarie destinate a legislazione vigente al personale dirigenziale del Ministero dei beni e delle attivit culturali e del turismo.

2. Per le finalit di cui al comma 1, il Ministero pu svolgere apposite procedure di selezione distinte da quelle dirette al conferimento degli altri incarichi dirigenziali. Oltre che in base ai criteri di cui all'articolo 19, comma 1, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165 e successive modificazioni, il conferimento degli incarichi di cui al presente articolo avviene in base ai criteri della verifica del possesso della particolare e comprovata qualificazione professionale in materia di tutela e valorizzazione dei beni culturali e della documentata esperienza di elevato livello nella gestione di istituti e luoghi della cultura. Conseguentemente, non si applicano i criteri di cui all'articolo 2, comma 4, previsti per il conferimento di incarichi di funzione dirigenziale ai sensi dell'articolo 19, comma 6, del decreto legislativo n. 165 del 2001 e successive modificazioni.

3. Per gli incarichi dirigenziali per il cui conferimento sia stata scelta la procedura di selezione pubblica di cui ai commi l e 2, il Ministro e il Direttore generale Musei, con riguardo rispettivamente agli incarichi di prima fascia e agli incarichi di seconda fascia, si avvalgono, ai fini della selezione, di una o pi commissioni nominate dal Ministro, composte ciascuna da tre a cinque membri esperti di chiara fama nel settore del patrimonio culturale.

4. La partecipazione alle commissioni di cui al comma 3 a titolo gratuito e non d diritto a corrispettivi o emolumenti di qualsiasi natura, salvo il rimborso delle spese effettivamente sostenute e documentate. Il funzionamento delle commissioni assicurato con le risorse strumentali e finanziarie disponibili, senza nuovi o ulteriori oneri a carico della finanza pubblica.

5. In virt di quanto sopra al MIBACT attribuito il potere di conferire incarichi dirigenziali, relativi agli istituti della cultura statali di rilevante interesse nazionale, a contratto e quindi anche al di fuori del novero dei dipendenti del Ministero, derogando alla disposizione ordinaria dettata per tale tipo di conferimento di incarico dirigenziale dallart. 19, comma 6, del d.lgs. 165/2001 in favore di persone di particolare e comprovata qualificazione professionale, non rinvenibile nei ruoli dell'Amministrazione, che abbiano svolto attivit in organismi ed enti pubblici o privati ovvero aziende pubbliche o private con esperienza acquisita per almeno un quinquennio in funzioni dirigenziali, o che abbiano conseguito una particolare specializzazione professionale, culturale e scientifica desumibile dalla formazione universitaria e postuniversitaria, da pubblicazioni scientifiche e da concrete esperienze di lavoro maturate per almeno un quinquennio, anche presso amministrazioni statali, ivi comprese quelle che conferiscono gli incarichi, in posizioni funzionali previste per l'accesso alla dirigenza, o che provengano dai settori della ricerca, della docenza universitaria, delle magistrature e dei ruoli degli avvocati e procuratori dello Stato.

In proposito il Collegio ritiene di poter evidenziare fin da subito ed in via anticipata rispetto a quello che sar il percorso valutativo sviluppato nella presente decisione, come dalla lettura del riprodotto articolo 3 del D.M. 27 novembre 2014, si segnala allattenzione dellinterprete che, per effetto della previsione contenuta nellart. 14, comma 2-bis, del d.l. 83/2014, convertito in l. 106/2014, per il MIBACT stata introdotta una disciplina derogatoria per il conferimento degli incarichi dirigenziali - relativi ai poli museali e agli istituti della cultura statali di rilevante interesse nazionale che costituiscono uffici dirigenziali - rispetto a quella ordinaria dettata dallart. 19, comma 6, del d.lgs. 165/2001, ma con le seguenti caratteristiche di piana interpretazione:

- la deroga non ha sicuramente quale bersaglio la necessit che lattribuzione dellincarico dirigenziale sia condizionata dallo svolgimento di una procedura di selezione pubblica per il conferimento di detti incarichi dirigenziali per la durata da tre a cinque anni, atteso che tale disciplina costituisce il presupposto per il conferimento anche degli incarichi dirigenziali attribuiti ai sensi dellart. 19, comma 6, del d.lgs. 165/2001, se non altro a causa dellapplicazione della regola generale fissata dallart. 12 della l. 241/1990 in ogni caso in cui una amministrazione debba attribuire vantaggi economici a persone fisiche (tenuto conto che nella specie a venire in emersione non tanto latto di conferimento dellincarico, quale momento di natura civilistica, bens la presupposta fase pubblicistica della procedura volta ad individuare il soggetto al quale verr conferito lincarico);

- la deroga inoltre non si riferisce alla circostanza che i nominati dovranno dimostrare il possesso di particolare e comprovata qualificazione professionale in materia di tutela e valorizzazione dei beni culturali e in possesso di una documentata esperienza di elevato livello nella gestione di istituti e luoghi della cultura, costituendo tale bagaglio culturale e professionale la conditio sine qua non per il conferimento dellincarico dirigenziale gi nella previsione del citato art. 19, comma 6, d.lgs. 165/2001;

- la deroga legislativa in questione non estende la sua potenzialit di previsione speciale costituente eccezione alla regola generale fino a raggiungere e derogare anche la previsione dellart. 38 del d.lgs. 165/2001, in particolare nella parte in cui al comma 1 (modificato da ultimo dall'art. 7, comma 1, lett. a), l. 6 agosto 2013, n. 97), estendendo ai cittadini comunitari e, in alcuni casi, non comunitari (e, pi precisamente, ai cittadini di Paesi terzi che siano titolari del permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo o che siano titolari dello status di rifugiato ovvero dello status di protezione sussidiaria , per come specifica il comma 3-bis dello stesso articolo, aggiunto dallart. 7, comma 1, lett. b, della l. 97/2013 e poi modificato dall'art. 3, comma 1, d.lgs. 13 febbraio 2014, n. 12), laccesso ai ruoli di impiego nelle Pubbliche amministrazioni, stabilisce che I cittadini degli Stati membri dell'Unione europea e i loro familiari non aventi la cittadinanza di uno Stato membro che siano titolari del diritto di soggiorno o del diritto di soggiorno permanente possono accedere ai posti di lavoro presso le amministrazioni pubbliche che non implicano esercizio diretto o indiretto di pubblici poteri, ovvero non attengono alla tutela dell'interesse nazionale, se non altro perch lart. 38 del d.lgs. 165/2001 non citato nel corpo dellart. 14, comma 2-bis, del d.l. 83/2014, convertito in l. 106/2014.

- fermo tutto quanto sopra illustrato, la deroga legislativa di cui allart. 14, comma 2-bis, appena citato, nei confronti delle disposizioni recate dallart. 19, comma 6, d.lgs. 165/2001, in quanto tale di stretta applicazione ed interpretazione, va dunque ricondotta limitatamente - nellalveo della opportunit attribuita al MIBACT di conferire anche ab externo incarichi dirigenziali (esclusivamente per gli istituti della cultura statali di rilevante interesse nazionale) oltrepassando i limiti dei contingenti fissati dal citato art. 19, comma 6, vale a dire il limite del 10 per cento della dotazione organica dei dirigenti appartenenti alla prima fascia e dell'8 per cento della dotazione organica di quelli appartenenti alla seconda fascia, mantenendo comunque fermo il rispetto delle dotazioni organiche del MIBACT e nei limiti delle dotazioni finanziarie destinate a legislazione vigente al personale dirigenziale del MIBACT.

Lentit e la portata della deroga in questione, dunque, va circoscritta al numero dei conferimenti di incarichi dirigenziale a soggetti esterni allamministrazione, ma non certo alle modalit di reperimento e di arruolamento funzionale dei destinatari degli incarichi dirigenziali n con riguardo ai requisiti da possedere per la partecipazione alle selezioni per lo svolgimento di incarichi dirigenziali.

6. - Nello stesso tempo per, sempre sotto il profilo della piana interpretazione della voluntas legis emergente dalle espressioni utilizzate dal legislatore nel 2014 e alla portata derogatoria delle stesse rispetto alla regola generale scolpita dallart. 19, comma 6, d.lgs. 165/2001 in materia di reclutamento di personale dirigenziale allesterno dellamministrazione, posto che il tenore letterale della norma derogatoria recata dallart. 14, comma 2.bis, d.l. 83/2014, rispetto alla norma derogata corrispondente allart. 19, comma 6, d.lgs. 165/2001, ripropone per buona parte il contenuto di detta disposizione derogata escludendo dalla stessa chiaramente - visto che non le riproduce pi - le parole collocate nel terzo periodo del comma in esame dallart. 40, comma 1, lett. e), d.lgs. 27 ottobre 2009, n. 150, appare evidente che il legislatore del 2014, oltre ad introdurre una rilevante eccezione, rispetto alla regola generale, in tema di contingenti per il reclutamento di dirigenti presso il MIBACT, ha voluto anche escludere con riguardo a tale amministrazione lapplicazione della previsione, sempre contenuta nella regola generale, secondo la quale la selezione deve avvenire solo dopo aver verificato la presenza o meno, nei ruoli dellamministrazione, di personale in possesso della qualificazione professionale che lamministrazione si accinge a ricercare allesterno.

In modo ancor pi analitico:

- lart. 19, comma 6, terzo periodo, d.lgs. 165/2001 stato cos riformulato dallart. 40, comma 1, lett. e), d.lgs. 150/2009: "Tali incarichi sono conferiti, fornendone esplicita motivazione, a persone di particolare e comprovata qualificazione professionale, non rinvenibile nei ruoli dell'Amministrazione, che abbiano svolto attivit in organismi ed enti pubblici o privati ovvero aziende pubbliche o private con esperienza acquisita per almeno un quinquennio in funzioni dirigenziali, o che abbiano conseguito una particolare specializzazione professionale, culturale e scientifica desumibile dalla formazione universitaria e postuniversitaria, da pubblicazioni scientifiche e da concrete esperienze di lavoro maturate per almeno un quinquennio, anche presso amministrazioni statali, ivi comprese quelle che conferiscono gli incarichi, in posizioni funzionali previste per l'accesso alla dirigenza, o che provengano dai settori della ricerca, della docenza universitaria, delle magistrature e dei ruoli degli avvocati e procuratori dello Stato (...)";

- lart. 14-bis d.l. 83/2014, pi volte richiamato in questa sede, stabilisce che: I relativi incarichi possono essere conferiti, con procedure di selezione pubblica, per una durata da tre a cinque anni, a persone di particolare e comprovata qualificazione professionale in materia di tutela e valorizzazione dei beni culturali e in possesso di una documentata esperienza di elevato livello nella gestione di istituti e luoghi della cultura. ().

E dunque chiaro, anche sotto il profilo di semplice analisi lessicale tra le due norme, che il legislatore del 2014, oltre a derogare rispetto a quanto stabilito dallart. 19, comma 6, d.lgs. 165/2001 in ordine alla percentuale che costituisce il contingente dirigenziale reclutabile ab externo, ha volutamente escluso, con fonte primaria eccezionale, che per i reclutamenti di personale dirigenziale da ricercarsi allesterno dei ruoli ministeriali, la cui procedura oggetto della disposizione derogatoria, il MIBACT non condizionato alla previa verifica dell'insussistenza all'interno dei ruoli organici di una professionalit equivalente a quella occorrente per l'incarico da assegnare e che il dirigente deve svolgere.

LA PROCEDURA SELETTIVA OGGETTO DI CONTROVERSIA

7. Puntualizzato quanto sopra, con nota del 5 gennaio 2015 il Ministro stabiliva di procedere alla selezione pubblica dei direttori dei 20 Musei aventi la qualifica di uffici dirigenziali ai sensi dellart. 30 del DPCM 171/2014. Conseguentemente con decreto del direttore generale della Direzione generale Organizzazione del 7 gennaio 2015 veniva bandita una selezione pubblica per il conferimento dellincarico di direttore per i 20 istituti in questione, suddivisi in 7 posti per dirigente di ufficio di livello dirigenziale generale e 13 posti di dirigente di ufficio di livello dirigenziale non generale.

Veniva quindi istituita e nominata una commissione di valutazione, ai sensi dellart. 3, commi 3 e 4, del D.M. 27 novembre 2014, con decreto ministeriale del 19 febbraio 2015.

La scadenza per la presentazione delle domande, in un primo tempo fissata per il 15 maggio 2015, era prorogata al 14 agosto 2015 con determinazione dirigenziale del 5 maggio 2015.

Il bando, per quel che qui di maggiore interesse, stabiliva le seguenti prescrizioni disciplinari della selezione.

Allart. 1, dopo avere individuato ed elencato i 7 istituti con dignit di uffici dirigenziali generali e i 13 istituti di livello dirigenziale non generale, rispetto ai quali era bandita la selezione per la individuazione dei rispettivi direttori, individuava analiticamente il complesso quadro dei compiti che caratterizzavano gli incarichi dirigenziali da assegnare: Il direttore responsabile della gestione del museo nel suo complesso, nonch dellattuazione e dello sviluppo del suo progetto culturale e scientifico e, particolare:

a) programma, indirizza, coordina e monitora tutte le attivit di gestione del museo, ivi inclusa lorganizzazione di mostre ed esposizioni, nonch di studio, valorizzazione, comunicazione e promozione del patrimonio museale;

b) cura il progetto culturale del museo, facendone un luogo vitale, inclusivo, capace di promuovere lo sviluppo della cultura;

c) ferme restando le competenze del direttore del Polo museale regionale, stabilisce limporto dei biglietti di ingresso, sentita la Direzione generale Musei e il Polo museale regionale e nel rispetto delle linee guida elaborate dal Direttore generale Musei;

d) stabilisce gli orari di apertura del museo in modo da assicurare la pi ampia fruizione, nel rispetto delle linee guida elaborate dal Direttore generale Musei;

e) assicura elevati standard qualitativi nella gestione e nella comunicazione, nellinnovazione didattica e tecnologica, favorendo la partecipazione attiva degli utenti e garantendo effettive esperienze di conoscenza;

f) assicura la piena collaborazione con la Direzione generale Musei, il segretario regionale, il direttore del Polo museale regionale e le Soprintendenze;

g) assicura una stretta relazione con il territorio, anche nellambito delle ricerche in corso e di tutte le altre iniziative, anche al fine di incrementare la collezione museale con nuove acquisizioni, di organizzare mostre temporanee e di promuovere attivit di catalogazione, studio, restauro, comunicazione, valorizzazione;

h) autorizza il prestito dei beni culturali delle collezioni di propria competenza per mostre od esposizioni sul territorio nazionale o allestero, ai sensi dellarticolo 48, comma 1, del Codice, anche nel rispetto degli accordi culturali eventualmente promossi dalla Direzione generale Musei finalizzati allorganizzazione di mostre e esposizioni, sentite le Direzioni generali competenti e, per i prestiti allestero, anche la Direzione generale Musei;

i) autorizza, sentito il soprintendente di settore, le attivit di studio e di pubblicazione dei materiali esposti e/o conservati presso il museo;

l) dispone laffidamento delle attivit e dei servizi pubblici di valorizzazione del museo, ai sensi dellarticolo 115 del Codice e del decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 29 agosto 2014, n. 171;

m) coadiuva la Direzione generale Bilancio e la Direzione generale Musei nel favorire lerogazione di elargizioni liberali da parte dei privati a sostegno della cultura, anche attraverso apposite convenzioni con gli istituti e i luoghi della cultura e gli enti locali; a tal fine, promuove progetti di sensibilizzazione e specifiche campagne di raccolta fondi, anche attraverso le modalit di finanziamento collettivo;

n) svolge attivit di ricerca, i cui risultati rende pubblici, anche in via telematica; propone alla Direzione generale Educazione e ricerca iniziative di divulgazione, educazione, formazione e ricerca legate alle collezioni di competenza; collabora altres alle attivit formative coordinate e autorizzate dalla Direttore generale Educazione e ricerca, anche ospitando attivit di tirocinio previste da dette attivit e programmi formative;

o) svolge le funzioni di stazione appaltante.

Il direttore inoltre presiede il Consiglio di amministrazione e il Comitato scientifico del museo.

Il direttore del Palazzo Reale di Genova, il direttore della Galleria Nazionale delle Marche e il direttore della Galleria Nazionale dellUmbria svolgono altres, senza ulteriori emolumenti accessori, la funzione di direttore del polo museale regionale, rispettivamente, della Liguria, delle Marche e dellUmbria. I compiti del direttore del polo museale regionale sono stabiliti dallarticolo 34 del decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 29 agosto 2014, n. 171, nonch dal decreto ministeriale 23 dicembre 2014.

Allart. 2 erano indicati i requisiti di partecipazione come segue: Per accedere alla selezione richiesto:

a) titolo di studio: laurea specialistica o magistrale, ovvero, diploma di laurea conseguito secondo l'ordinamento didattico previgente al regolamento di cui al decreto del Ministro dell'universit e della ricerca scientifica e tecnologica 3 novembre 1999, n. 509, ovvero titolo di studio equivalente conseguito allestero;

b) esperienza professionale: particolare e comprovata qualificazione professionale in materia di tutela e valorizzazione dei beni culturali, dimostrata dalla sussistenza di uno o pi dei seguenti requisiti:

- essere dirigente di ruolo del Ministero;

- avere ricoperto ruoli dirigenziali, per almeno un quinquennio, in organismi ed enti pubblici o privati, ovvero in aziende pubbliche o private, in Italia o allestero;

- essere in possesso di una particolare specializzazione professionale, culturale e scientifica desumibile dalla formazione universitaria e post universitaria, da pubblicazioni scientifiche e da concrete esperienze di lavoro maturate, per almeno un quinquennio, anche presso amministrazioni pubbliche, in Italia o allestero;

- provenienza dai settori della ricerca e della docenza universitaria in Italia o allestero.

La domanda di partecipazione alla selezione (art. 3) avrebbe dovuto essere corredata dal curriculum vitae e da una breve lettera di motivazione (per un massimo di 100 parole) scritta in italiano ed in inglese.

8. - Lart. 4 del bando individuava i criteri di composizione della commissione di valutazione e le modalit di nomina dei componenti nonch la disciplina del mandato assegnato a costoro, mentre lart. 5 elencava in via generale i criteri ed i titoli in base ai quali la commissione avrebbe dovuto procedere alla selezione, oltre ai criteri di cui allart. 19, comma 2, del d.lgs. 165/2001.

In particolare i titoli da valutare avrebbero potuto consistere nei seguenti:

1. laurea specialistica o magistrale, ovvero, diploma di laurea conseguito secondo l'ordinamento didattico previgente al regolamento di cui al decreto del Ministro delluniversit e della ricerca scientifica e tecnologica 3 novembre 1999, n. 509, ovvero titolo di studio equivalente conseguito allestero in materie attinenti la tutela, la gestione e la valorizzazione del patrimonio culturale;

2. altri titoli di studio (dottorato di ricerca, diploma di master e/o corsi di specializzazione) conseguiti in Italia o allestero in materie attinenti la tutela, la gestione e la valorizzazione del patrimonio culturale;

3. pubblicazioni e/o altri riconoscimenti scientifici in materie attinenti la tutela, la gestione e la valorizzazione del patrimonio culturale.

Le esperienze, maturate in Italia e/o allestero, che avrebbero potuto essere valorizzate dalla commissione erano raccolte nel seguente elenco:

1. specifica esperienza professionale documentata nellambito della tutela, della gestione e della valorizzazione del patrimonio culturale;

2. specifica esperienza professionale documentata di direzione e/o gestione di musei, comprendente attivit di conservazione e valorizzazione delle collezioni, pianificazione delle attivit, gestione delle risorse umane, finanziarie e strumentali;

3. complessit delle attivit e/o delle strutture gestite e risultati conseguiti;

4. specifica competenza attinente le collezioni e/o le raccolte del museo o dei musei per i quali si presentata domanda;

5. esperienza nellideazione e nellimplementazione di progetti di comunicazione;

6. esperienza nellideazione e nellimplementazione di progetti di fund raising;

7. esperienza di gestione di consigli di amministrazione e/o comitati scientifici;

8. esperienza nella predisposizione e attuazione di accordi con soggetti pubblici e privati.

Per quanto riguardava lo scrutinio delle ulteriori competenze, lart. 5, comma 1, del bando segnalava:

1. effettiva conoscenza e capacit di utilizzo delle tecnologie, in particolare nellambito museale;

2. capacit di comunicazione nei confronti di tutti gli interlocutori, interni ed esterni allistituto;

3. conoscenza della lingua italiana;

4. conoscenza di altre lingue;

5. conoscenza del patrimonio culturale italiano, con particolare riguardo al museo o ai musei per i quali si presentata domanda;

6. conoscenza dellorganizzazione del Ministero e del sistema amministrativo italiano.

Nello stesso tempo lart. 5, al comma 2, lasciava alla commissione la individuazione dei punteggi da assegnare a ciascun titolo che il candidato avrebbe dimostrato di possedere ed anche la facolt di individuare ulteriori criteri di valutazione nel distribuire i punteggi tra tutti gli aspiranti, fermo restando che peso preponderante avrebbe dovuto essere attribuito al possesso di particolare e comprovata qualificazione professionale in materia di tutela e valorizzazione dei beni culturali e di una documentata esperienza di elevato livello nella gestione degli istituti e luoghi di cultura, per come stabilito dallart. 14, comma 2-bis del d.l. 83/2014, convertito in l. 106/2014.

Quanto alle modalit di svolgimento della selezione il comma 3 del bando di concorso stabiliva che, una volta esaminate dalla commissione le domande pervenute e valutati il contenuto ed i titoli indicati nel curriculum e nelle lettere di motivazione, sarebbero stati individuati non pi di 10 candidati per ciascuna posizione dirigenziale messa a concorso da invitare ad un colloquio. Allesito del colloquio la commissione, sempre per ciascuna posizione da coprire, avrebbe proposto al Ministro o al direttore generale Musei una terna di candidati allinterno della quale sarebbe stato scelto il vincitore della selezione per ogni istituto museale (comma 4)

9. Insediatasi la commissione, nominata con D.M. 19 febbraio 2015, dopo una prima riunione del 23 marzo 2015, alla successiva riunione del 5 maggio 2015 venivano stabiliti i punteggi massimi da attribuire a ciascun criterio di valutazione come segue (riproducendosi qui, fedelmente, il contenuto del verbale della seduta del 5 maggio 2015 versato in atti):

a) titoli (max 20 punti)

- per a1): laurea specialistica o magistrale, ovvero, diploma di laurea conseguito secondo l'ordinamento didattico previgente al regolamento di cui al decreto del Ministro delluniversit e della ricerca scientifica e tecnologica 3 novembre 1999, n. 509, ovvero titolo di studio equivalente conseguito allestero in materie attinenti la tutela, la gestione e la valorizzazione del patrimonio culturale

(max 7 punti)

sull'evidenza da curriculum: fino a 7 punti;

- per a2): altri titoli di studio (dottorato di ricerca, diploma di master e/o corsi di specializzazione) conseguiti in Italia o allestero in materie attinenti la tutela, la gestione e la valorizzazione del patrimonio culturale

(max 7 punti)

sull'evidenza da curriculum: 3 punti per un altro titolo pi 2 per ogni ulteriore titolo di studio fino ad un massimo complessivo di 7;

- per a3): pubblicazioni e/o altri riconoscimenti scientifici in materie attinenti la tutela, la gestione e la valorizzazione del patrimonio culturale

(max 6 punti)

per un numero di pubblicazioni su riviste scientifiche inferiore a 10, fino a punti 2; per un numero superiore a 10 e in presenza di libri stampati monografici, ulteriori punti, fino ad un massimo complessivo di 6.

Nota: i punteggi relativi ai titoli di studio sono valutati in relazione al tipo, al settore scientifico disciplinare e alla votazione conseguita.

b) esperienza professionale

max 60 punti

- per b1): specifica esperienza professionale documentata nellambito della tutela, della gestione e della valorizzazione del patrimonio culturale

(max 15 punti)

per la complessiva attivit documentata svolta in settori della tutela e valorizzazione o gestione di beni culturali, fino a 10 punti, cui si sommano 5 punti se il candidato per almeno 5 anni ha svolto ruoli di direzione o equipollente (per es. nell'amministrazione pubblica di tutela e valorizzazione o in istituti o in musei);

- per b2): specifica esperienza professionale documentata di direzione e/o gestione di musei, comprendente attivit di conservazione e valorizzazione delle collezioni, pianificazione delle attivit, gestione delle risorse umane, finanziarie e strumentali;

- e b3): complessit delle attivit e/o delle strutture gestite e risultati conseguiti

(max 33 punti)

di cui

((max 13 punti))

(ulteriori) 5 punti nel caso in cui il ruolo di direzione svolto (secondo il criterio precedente), abbia riguardato, per almeno 5 anni, comunque il settore museale (anche se solo per attivit di autorizzazione);

fino a (ulteriori) 8 punti in caso di direzione di soprintendenze o di svolgimento di funzioni di direzione all'interno della gestione di musei, pubblici o privati, dotati di collezioni;

((max 20 punti))

(ulteriori) 5 punti se il candidato ha svolto per durata superiore a 5 anni funzioni di direttore di museo; si sommano ulteriori 2 punti se ha diretto pi musei, di cui uno almeno per 5 anni;

- cui si sommano, in alternativa:

- o fino a 5 punti in base alla rilevanza del museo (ad es., con riguardo ai musei statali, se la unit massima diretta o stata un museo di polo o una soprintendenza autonoma);

- o fino a 8 punti, se l'unit massima diretta una soprintendenza autonoma o un polo museale statali o un museo pubblico o privato di particolare rilevanza;

- cui si sommano fino a 5 punti, all'evidenza da curriculum o dalla lettera di motivazione, che ci sia stato significativo sviluppo di autonoma programmazione delle attivit con riferimento alle collezioni che formano l'unit massima diretta.

Nota: la commissione valuter la rilevanza o la particolare rilevanza sulla base della consistenza e dellimportanza delle collezioni, delle dimensioni delle strutture, della loro complessit gestionale, in coerenza con gli standard internazionali universalmente riconosciuti, tenendo conto delle specializzazioni, delle collocazioni, nonch tenendo presenti i musei di destinazione indicati nel bando e quelli rilevati nei curriculum o nelle lettere di motivazione.

- per b4): specifica competenza attinente le collezioni e/o le raccolte del museo o dei musei per i quali si presentata domanda

(max 7 punti)

fino a 7 punti da attribuire e in misura specifica in relazione a ciascun museo per cui ha fatto domanda, al riscontro nel candidato, di specifica competenza attinente le collezioni e/o le raccolte del museo e con riferimento sia alla eventuale specialit delle collezioni, sia alla eventuale complessit delle collezioni.

Nota: tale valutazione, compiuta sulla base delle evidenze di curricula e lettere di motivazione, potr essere dunque essere diversa da museo a museo, tra quelli per i quali il candidato ha presentato domanda.

- per b5): esperienza nellideazione e nellimplementazione di progetti di comunicazione;

- b6): esperienza nellideazione e nellimplementazione di progetti di fund raising;

- b7): esperienza di gestione di consigli di amministrazione e/o comitati scientifici;

- e b8): esperienza nella predisposizione e attuazione di accordi con soggetti pubblici e privati

(max 5 punti)

1 punto per ciascuno dei detti criteri alla evidenza in curriculum o nella motivazione pi un punto se attribuiti tutti e quattro.

c) altri criteri

max 8 punti

- per c3): conoscenza della lingua italiana;

- e c4): conoscenza di altre lingue

(max 2 punti)

1 punto per ogni lingua conosciuta oltre la madrelingua, fino a max 2; per il candidato di madrelingua straniera il max viene dato se tra queste c' l'italiano.

- per c1): effettiva conoscenza e capacit di utilizzo delle tecnologie, in particolare nellambito museale;

- c2): capacit di comunicazione nei confronti di tutti gli interlocutori, interni ed esterni allistituto

(max 2 punti)

1 punto ciascuno sulla evidenza in curriculum o nella lettera di motivazione.

- per c5): conoscenza del patrimonio culturale italiano, con particolare riguardo al museo o ai musei per i quali si presentata domanda

(max 2 punti)

2 punti sulla evidenza nel curriculum o nella lettera di motivazione.

- per c6): conoscenza dellorganizzazione del Ministero e del sistema amministrativo italiano

(max 2 punti)

2 punti sulla evidenza nel curriculum o nella lettera di motivazione.

d) criterio complessivo

max 12 punti

fino a 12 punti sulla scorta della valutazione complessiva fatta da ciascun commissario del curriculum e della lettera di motivazione, anche in relazione alla complessit o specificit dei musei e delle relative collezioni, per i quali si fatta domanda e dei risultati ottenuti.

Nota: anche questo punteggio potr essere, per uno stesso candidato, diverso da museo a museo tra quelli per i quali il candidato ha presentato domanda.

Totale 100 punti.

10. Il verbale della commissione relativo alla seduta del 5 maggio 2015 proseguiva specificando la procedura che sarebbe seguita alla fase di valutazione dei titoli e criteri.

La prosecuzione dei lavori era cos descritta:

1) ciascun commissario effettua la propria valutazione, sulla base delle evidenze di curricula e lettere di motivazione, usando lapposita piattaforma informatica predisposta dal Ministero;

2) saranno formate graduatorie specifiche per ciascun museo, con i relativi punteggi ottenuti dai candidati, risultato della media dei punteggi attribuiti da ciascun commissario;

3) saranno individuati i candidati da chiamare a colloquio nel numero max di 10 per museo. ()

La commissione, a seguito del colloquio, nel quale potr essere apprezzato direttamente il complesso del curriculum e della motivazione, nonch la potenzialit professionale nella gestione di un museo, con particolare riguardo allautonomia scientifico-culturale, anche alla luce dei risultati ottenuti in precedenza, e in relazione alle caratteristiche del museo, attribuir al candidato fino ad un massimo di 20 punti, per ciascuna sede per il quale ha fatto domanda. L'attribuzione del punteggio sar motivata.

Nota: nel caso dei musei archeologici si terr conto in misura particolare delle peculiarit del settore.

Con atto del 1 luglio 2015, la commissione stilava le graduatorie, con indicazione dei punteggi attribuiti a ciascun candidato, dei 10 aspiranti ammessi alla successiva fase del colloquio con riguardo a ciascun polo museale coinvolto nella selezione.

IL COMPLESSO DELLE CENSURE E DELLE ECCEZIONI CHE COSTITUISCONO LA PIATTAFORMA DECISORIA

11. La ricorrente, con un punteggio di 77 punti, stata inserita in entrambe le decine di candidati, riferite alle due graduatorie relative alle posizioni dirigenziali per lassegnazione delle quali aveva presentato la domanda (nella specie il Palazzo Ducale di Mantova e la Galleria Estense di Modena), restando quindi esclusa dallultima fase della selezione, vale a dire senza poter entrare nella rosa dei concorrenti da avviare alla terza fase, caratterizzata dalla valutazione da esprimersi a cura del Ministro ovvero del Direttore generale competente. Ella quindi proponeva ricorso prospettando le seguenti censure:

I) Violazione e falsa applicazione del D.M. 27 novembre 2014, dellart. 19, comma 6, d.lgs. 165/2001, dellart. 14, comma 2-bis, d.l. 83/2014, convertito in l. 106/2014, dellart. 22, comma 1, lett. d) della legge 7 agosto 1990, n. 241 e dellart. 1 D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445, Eccesso di potere sotto il profilo dello sviamento, della carenza di istruttoria e di motivazione, errore manifesto e illogicit manifesta, Illegittimit dellart. 3, comma 2, D.M. 27 novembre 2014, Violazione dellart. 19, comma 1-bis, d.lgs. 165/2001, in quanto i posti da attribuirsi con la selezione debbono essere ricondotti alla categoria dirigenziale, nella specie e con riferimento ai tre istituti museali per i quali la ricorrente aveva presentato domanda per uffici di livello dirigenziale non generale e quindi alla relativa disciplina, sicch il MIBACT non avrebbe potuto del tutto e nonostante la deroga contenuta nellart. 14, comma 2-bis, d.l. 83 /2014, convertito in l. 106/2014, escludere che la procedura di individuazione dei nuovi direttori fosse comunque preceduta dalla verifica della presenza o meno allinterno dellamministrazione di risorse umane interne in possesso dei requisiti professionali richiesti, per come pretende lart. 19, comma 6, d.lgs. 165/2001, tenuto anche conto dellimponente numero di dipendenti e di dirigenti che sono collocati nei ruoli del MIBACT (19.050 dipendenti, 24 dirigenti di prima fascia e 167 dirigenti di seconda fascia);

II) Violazione e falsa applicazione dellart. 19 d.lgs. 165/2001 e dei principi in materia di accesso alla dirigenza pubblica, dellart. 14, comma 2-bis, d.l. 83/2014, convertito in l. 106/2014 e dellart. 3 D.M. 27 novembre 2014, Eccesso di potere sotto il profilo del difetto di motivazione e della illogicit manifesta, sviamento, atteso che il bando, oltre che per le ragioni segnalate con il primo motivo di ricorso, va ritenuto illegittimo in quanto in sede di attribuzione dei punteggi non stata in alcun modo valorizzata lesperienza lavorativa alle dipendenze del MIBACT. Va tenuto infatti conto che lart. 19 d.lgs. 165/2001 privilegia laffidamento degli incarichi dirigenziali a dipendenti interni allamministrazione che siano in possesso della qualifica dirigenziale, escludendo che lente possa reclutarne allesterno se non dopo avere appurato lassenza di risorse adeguate allinterno. Ci posto, il bando e gli atti conseguenti hanno realizzato, nella individuazione dei punteggi da attribuire a cura della commissione alle domande dei candidati, una operazione di parificazione dellesperienza lavorativa presso il MIBACT con quella prestata allesterno, senza al contrario valorizzarla e privilegiarla in ossequio ai principi sul reclutamento della dirigenza pubblica discendenti dalle previsioni dellart. 19 d.lgs. 165/2001;

III) Violazione e falsa applicazione dellart. 14, comma 2-bis, d.l. 83/2014, convertito in l. 106/2014, dellart. 3 del D.M. 27 novembre 2014, Eccesso di potere sotto il profilo del difetto di motivazione e della illogicit manifesta, sviamento, perch la commissione, tenuto conto sia di quanto indicato dallart. 14, comma 2-bis, d.l. 83/2014, convertito in l. 106/2014, sia dallart. 3 del D.M. 27 novembre 2014 avrebbe dovuto stabilire i criteri di attribuzione dei punteggi, attribuendo particolare rilievo alla tutela e valorizzazione dei beni culturali oltre a valutare la documentata esperienza nella gestione dei luoghi di cultura (cos, testualmente, a pag. 20 del ricorso introduttivo). Al contrario, con la deliberazione assunta nel corso della seduta del 5 maggio 2015, la commissione ha errato nel prevedere la distribuzione dei punteggi tra i titoli e le esperienze da valutare, finendo per realizzare una sorta di sostanziale appiattimento nello scrutinio dei titoli e delle esperienze in possesso dei candidati, utile soltanto ad attribuire al colloquio il ruolo di effettivo mezzo di selezione per individuare la rosa dei tre candidati da sottoporre alla valutazione finale del Ministro o del direttore generale. Tenuto conto che il punteggio massimo da attribuire a ciascun curriculum era fissato in 100 punti e che sia la fonte primaria legislativa che quella secondaria regolamentare stabilivano inequivocabilmente che la valutazione dei candidati doveva effettuarsi ricercandosi il possesso di particolare e comprovata qualificazione professionale in materia di tutela e valorizzazione dei beni culturali, stride con tale obiettivo la decisione assunta dalla commissione nella seduta del 5 maggio 2015 di:

- prevedere un massimo, affatto preponderante da un punto di vista matematico, di soli 10 punti su 100 per la complessa attivit documentata svolta nei settori della tutela e valorizzazione dei beni culturali, cui si potevano sommare altri 5 punti dimostrando di avere svolto per almeno 5 anni ruoli di direzione o equipollente;

- prevedere ben 33 punti su 100 per la specifica esperienza professionale documentata di direzione e/o di gestione di musei, laddove la considerazione, ai fini dellattribuzione del punteggio per tale voce valutabile, dello svolgimento di funzioni di direzione era pianamente equiparata a quella, nella realt non sovrapponibile perch relativa a competenze oggettivamente ben diverse tra di loro, di gestione di un museo;

- prevedere il riconoscimento fino ad un massimo di 6 punti per le pubblicazioni o altri riconoscimenti scientifici in materie attinenti la tutela, la gestione e la valorizzazione del patrimonio culturale, precisandosi che sarebbero stati assegnabili fino a 2 punti nel caso in cui il numero di pubblicazioni su riviste scientifiche fosse stato inferiore a 10 e che per un numero superiore a 10 e in presenza di libri stampati monografici, sarebbe stato possibile riconoscere un numero massimo complessivo di 6 punti, laddove per il titolo di laurea i criteri di assegnazione dei punteggi stilati dalla commissione il 5 maggio 2015 prevedeva il riconoscimento di ben 7 punti, incomprensibilmente in quanto detto titolo costituiva un requisito per laccesso alla selezione e quindi non poteva essere annoverato tra le voci valutabili ai fini dellassegnazione dei punteggi di merito. A quanto sopra si aggiunga che lo scrutinio della voce pubblicazioni o altri riconoscimenti scientifici avrebbe dovuto realizzarsi da parte della commissione sulla scorta di un mero criterio numerico e non valutativo in ordine alla rilevanza scientifica del singolo scritto;

- prevedere lattribuzione di ben 20 punti per il colloquio che lart. 5, comma 2, del bando di selezione non includeva neppure tra i criteri selettivi e che comunque non lo riconosceva quale criterio di esame della idoneit dei candidati al quale attribuire un punteggio. Peraltro i dieci candidati che sarebbero stati selezionati per il colloquio avrebbero conseguito punteggi che tra di loro si sarebbero discostati per uno scarto minimo, di talch attribuire una decisiva rilevanza al colloquio costituiva una scelta operata dalla commissione che debordava dalle competenze ad essa assegnate che inevitabilmente dovevano essere sviluppate in ossequio alle indicazioni del bando, il quale non prevedeva lattribuzione al colloquio di un punteggio di merito;

IV) Eccesso di potere sotto il profilo del difetto di motivazione e della illogicit manifesta, sviamento, Violazione dei criteri di assegnazione dei punteggi come stabilito nella relativa delibera della commissione, perch questultima nel prevedere ulteriori criteri di valutazione ha ritenuto di introdurre un criterio complessivo di valutazione dei curriculum e delle lettere di motivazione presentati dai candidati, nonostante costituissero gi elementi valutati con i criteri ordinari previsti nella deliberazione del 5 maggio 2015, dai caratteri estremamente e latamente discrezionali e quindi non verificabili ab externo, assegnando a tale criterio una decisiva rilevanza visto che per esso era indicato un punteggio massimo fino a ben 12 punti. Peraltro nellapplicazione reale del criterio e nellattribuzione dei punteggi ai candidati da parte della commissione, anche con riferimento agli altri criteri di valutazione, emergono evidenti illegittimit;

V) Violazione e falsa applicazione dellart. 5 del decreto 7 gennaio 2015, Eccesso di potere sotto il profilo del difetto di motivazione e della illogicit manifesta, sviamento, in quanto l11 luglio 2015 la commissione si riunita preliminarmente rispetto alla fase di espletamento dei colloqui e nel corso della quale (per come risulta dalla documentazione versata in atti) si decise di individuare tre classi di giudizio in cui inserire, allesito dei colloqui, i candidati. Tale previsione non trova riscontro nel decreto 7 gennaio 2015, recante il bando della selezione, n nel verbale della riunione del 5 maggio 2015, nel corso della quale sono stati specificati dalla commissione i criteri di valutazione dei candidati ed stata definita la disciplina delle fasi della selezione. Tale operazione ha prodotto un inaccettabile ed ingiustificato innalzamento del livello di discrezionalit nella valutazione dei candidati da parte dei componenti della commissione, che si manifestato in modo evidente allesito dei colloqui, dal momento che non esiste alcuna motivazione sul contenuto, lesito e la valutazione dei singoli colloqui (cos, testualmente, a pag. 46 del ricorso), che peraltro si sono svolti (ancor pi illegittimamente) a porte chiuse ;

VI) Violazione e falsa applicazione dellart. 2 D.P.R. 9 maggio 1994, n. 487, dellart. 1 D.P.C.M. 7 febbraio 1994, n. 174, dellart. 38 d.lgs. 165/2001, Eccesso di potere sotto il profilo della illogicit, errore manifesto, sviamento, in quanto dalla delibera della commissione di valutazione del 1 luglio 2015, con la quale sono state individuate le decine dei candidati ammessi al colloquio per ciascun posto di direttore di istituto museale oggetto della selezione e nella quale compare il nome dellodierna parte ricorrente, che per stata esclusa nel prosieguo della procedura selettiva, emerge la presenza di numerosi candidati ammessi al colloquio che non sono cittadini italiani. Pi in particolare, quali aspiranti al posto di direttore per la Galleria estense di Modena risultano ammessi al ridetto colloquio gli stranieri Peter Assmann e Cecilie Holberg, mentre per il posto di direttore del Palazzo ducale di Mantova risultano ammessi al colloquio gli stranieri Peter Assmann, Peter Aufreiter e Katherine Getchell. Dalla lettura sia dellart. 2 del D.P.R. 487/1994 che dellart. 38 del d.lgs. 165/2001 stabilito il possesso della cittadinanza italiana quale requisito per laccesso agli impieghi civili delle pubbliche amministrazioni con talune eccezioni come, ad esempio, i cittadini degli Stati membri dell'Unione europea ed i loro familiari che siano titolari del diritto di soggiorno o del diritto di soggiorno permanente. Nondimeno ed in presenza di tale eccezione per i cittadini comunitari, eccezione pervero estesa ai titolari del permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo o che siano titolari dello status di rifugiato ovvero dello status di protezione sussidiaria (art. 38, comma 3-bis, d.lgs. 165/2001), il legislatore nazionale ha voluto circoscrivere lestensione dellaccesso allimpiego pubblico nel nostro Paese di cittadini non italiani, gi in via generale, con la previsione dellart. 38, comma 1, d.lgs. 165/2001, escludendolo rispetto ai posti di lavoro presso le amministrazioni pubbliche che () implicano esercizio diretto o indiretto di pubblici poteri, ovvero () attengono alla tutela dell'interesse nazionale, lasciando ad una fonte di normazione secondaria successiva la individuazione dei posti e le funzioni per i quali non pu prescindersi dal possesso della cittadinanza italiana, nonch i requisiti indispensabili all'accesso dei cittadini (comma 2) non italiani ai posti di pubblico impiego. Con il D.P.C.M. 174/1994, in esecuzione di tale disposto normativo, stato previsto, tra laltro, che:

- (art. 1, comma 1) I posti delle amministrazioni pubbliche per l'accesso ai quali non pu prescindersi dal possesso della cittadinanza italiana sono i seguenti:

a) i posti dei livelli dirigenziali delle amministrazioni dello Stato, anche ad ordinamento autonomo, individuati ai sensi dell'art. 6 del decreto legislativo 3 febbraio 1993, n. 29, nonch i posti dei corrispondenti livelli delle altre pubbliche amministrazioni;

b) i posti con funzioni di vertice amministrativo delle strutture periferiche delle amministrazioni pubbliche dello Stato, anche ad ordinamento autonomo, degli enti pubblici non economici, delle province e dei comuni nonch delle regioni e della Banca d'Italia;

c) i posti dei magistrati ordinari, amministrativi, militari e contabili, nonch i posti degli avvocati e procuratori dello Stato;

d) i posti dei ruoli civili e militari della Presidenza del Consiglio dei Ministri, del Ministero degli affari esteri, del Ministero dell'interno, del Ministero di grazia e giustizia, del Ministero della difesa, del Ministero delle finanze e del Corpo forestale dello Stato, eccettuati i posti a cui si accede in applicazione dell'art. 16 della L. 28 febbraio 1987, n. 56;

- (art. 2, comma 1) Le tipologie di funzioni delle amministrazioni pubbliche per il cui esercizio si richiede il requisito della cittadinanza italiana sono le seguenti:

a) funzioni che comportano l'elaborazione, la decisione, l'esecuzione di provvedimenti autorizzativi e coercitivi;

b) funzioni di controllo di legittimit e di merito.

Dalla piana lettura delle norme appena riprodotte emerge con chiarezza la illegittimit delle previsioni del bando che ammette alla selezione candidati che non siano cittadini italiani, atteso che i posti messi a concorso si riferivano a posizioni con incarico dirigenziale, di talch gli atti di ammissione al colloquio debbono essere ritenuti illegittimi nella parte in cui recano tra gli ammessi candidati stranieri.

12. In virt delle censure dedotte con il ricorso, la ricorrente poneva due domande giudiziali:

A) lannullamento della sua esclusione dalle fasi successive a quella preliminare della procedura selettiva nonch lannullamento del bando e degli altri atti presupposti a quello di non ammissione, ivi comprese le decisioni assunte dalla commissione valutativa;

B) lannullamento dei decreti di nomina dei direttori degli istituti museali rispetto ai quali ella aveva presentato la domanda di partecipazione alla relativa prova selettiva.

13. Nel silenzio processuale dei candidati intimati dalla parte ricorrente perch dalla stessa individuati quali controinteressati, si costituito in giudizio il MIBACT eccependo preliminarmente, con riferimento alla domanda di annullamento degli atti impugnati proposta dalla parte ricorrente, linammissibilit del ricorso per difetto di giurisdizione del giudice amministrativo adito, atteso che, vertendo la controversia in materia di attribuzione di incarichi dirigenziali, la giurisdizione va riconosciuta in capo al giudice ordinario in funzione di giudice del lavoro ai sensi dellart. 63 d.lgs. 165/2001. Ad ogni modo il ricorso andrebbe dichiarato irricevibile con riferimento alla impugnazione della delibera assunta dalla commissione in data 1 luglio 2015 con la quale sono state individuati i candidati ammessi alla fase successiva, in quanto tale atto risultava pubblicato sul sito web dellamministrazione e dunque era perfettamente conoscibile a tutti gli interessati. A ci si aggiunga che il ricorso andrebbe dichiarato inammissibile per la mancata impugnazione del D.M. 27 novembre 2014 con il quale stata attuata la previsione recata dallart. 14, comma 2-bis, d.l. 83/2014, convertito in l. 106/2014.

Nel merito la difesa erariale confermava la correttezza della procedura svolta dalla commissione di valutazione e la infondatezza delle censure dedotte dalla parte ricorrente, di talch chiedeva la reiezione del ricorso proposto.

INDIVIDUAZIONE DELLE TRAIETTORIE DECISIONALI DEL PRESENTE CONTENZIOSO

14. Il Collegio proceder ora allo scrutinio ed alla soluzione delle singole questioni sottoposte al suo esame dalle parti contendenti, tenendo scrupolosamente conto di quanto rammentato dallAdunanza plenaria del Consiglio di Stato nella sentenza 27 aprile 2015 n. 5 ed avviando quindi lesame delle questioni preliminari sollevate con riguardo al ricorso introduttivo per poi esaminare lo stesso nel merito e quindi procedere, solo in seguito, allo scrutinio del ricorso recante motivi aggiunti, definendo ciascuna delle singole domande proposte dalla parte ricorrente.

15. Il Collegio deve anzitutto farsi carico di valutare la fondatezza delle eccezioni preliminari sollevate dalla difesa erariale.

Questultima sostiene che in merito alla proposizione dellazione con la quale si contesta la legittimit dellattribuzione di incarichi dirigenziali nel c.d. pubblico impiego contrattualizzato la giurisdizione in materia assegnata dallart. 63 d.lgs. 165/2001 al giudice ordinario in funzione di giudice del lavoro e non al giudice amministrativo.

Leccezione infondata tenuto conto che con il ricorso introduttivo la parte ricorrente ha posto sotto i riflettori dello scrutinio contenzioso di legittimit non latto di natura privatistica con il quale si conferisce lincarico dirigenziale, bens il procedimento amministrativo ad esso prodromico che si compendia negli atti della procedura selettiva dei candidati aspiranti alla posizione dirigenziale ed in quelli ad essi presupposti costituenti il bando di selezione ed i criteri di valutazione delle domande e dei titoli presentati.

Va in materia ricordato come per la ferma giurisprudenza delle Sezioni unite della Corte di cassazione le controversie relative al conferimento degli incarichi dirigenziali, anche se tale conferimento implica l'assunzione a termine di soggetti esterni, sono di pertinenza del giudice ordinario in applicazione citato art. 63, comma 1, d.lgs. 165/2001 semprech, la selezione del destinatario dell'incarico, e quindi anche dell'assunzione a termine, non abbia carattere concorsuale (cfr. Cass. Sez. un., 29 maggio 2012 n. 8522 e 13 ottobre 2011 n. 21060). Infatti "in tema di lavoro pubblico contrattualizzato, come queste Sezioni unite hanno pi volte precisato, il D.Lgs. n. 165 del 2002, art. 63, comma 4, si interpreta, alla stregua dei principi enucleati dalla giurisprudenza costituzionale in relazione all'art. 97 Cost., nel senso che per "procedure concorsuali di assunzione", ascritte al diritto pubblico con la conseguente attribuzione delle relative controversie alla giurisdizione del giudice amministrativo, si intendono sia quelle preordinate alla costituzione ex novo dei rapporti di lavoro (essendo tali le procedure aperte ai candidati esterni, ancorch vi partecipino anche soggetti gi dipendenti pubblici), sia i procedimenti concorsuali interni, destinati a consentire l'inquadramento dei dipendenti in aree funzionali o categorie pi elevate, profilandosi in tal caso una novazione oggettiva dei rapporti di lavoro, mentre restano devolute alla giurisdizione del giudice ordinario le controversie relative a procedure riguardanti le progressioni all'interno di ciascuna area professionale o categoria (cfr., in termini, Cass. Sez. un., 30 ottobre 2008 n. 26021).

Ne deriva che, in disparte il caso in cui le controversie concernano selezioni espletate all'interno di categorie di personale gi dipendente della P.A. (cfr., ad esempio, Cons. Stato, Sez. V, 23 giugno 2016 n. 2815) ogni qualvolta lamministrazione proceda ad un reclutamento di personale, anche dirigente ed anche per la stipula di un contratto di lavoro a tempo determinato, individuando criteri e strumenti di valutazione selettiva dei candidati, la giurisdizione in merito alle relative controversie non pu che essere attribuita al giudice amministrativo, venendo in emersione, per un verso, un esercizio di potere autoritativo da parte dellamministrazione procedente e, per altro verso, posizioni soggettive di interesse legittimo in capo ai candidati-concorrenti. Su tale punto va anche rimarcato che la giurisprudenza ha sempre riconosciuto la giurisdizione del Giudice amministrativo laddove l'amministrazione abbia affidato la scelta di soggetti con i quali costituire rapporti di lavoro parasubordinato ad una procedura concorsuale di tipo comparativo, caratterizzata da scelte discrezionali per la valutazione dei titoli e delle eventuali incompatibilit dei candidati, destinata a culminare nella compilazione di una graduatoria di merito (cfr. Cons. Stato, Sez. V, 24 luglio 2014 n. 3297).

Va dunque confermata la giurisdizione del giudice amministrativo a scrutinare la presente controversia.

Segue qui: http://www.patrimoniosos.it/rsol.php?op=getlaw&id=1112

https://www.giustizia-amministrativa.it/cdsintra/cdsintra/AmministrazionePortale/DocumentViewer/inde


news

13-12-2017
Interrogazione parlamentare su libere riproduzioni. I casi di Napoli e Palermo

08-12-2017
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 08 DICEMBRE 2017

06-12-2017
Premio Silvia Dell'Orso 2017

03-12-2017
Novità editoriale - La struttura del paesaggio. Una sperimentazione multidisciplinare per il Piano della Toscana

22-11-2017
Fotografie libere. Lettera di utenti dell'ACS di Palermo al Ministro Franceschini

22-11-2017
COMUNICATO di Cunsta, della Società italiana di Storia della Critica dell'Arte e della Consulta di Topografia Antica sulla Biblioteca di Palazzo Venezia

20-11-2017
Intervento di Enzo Borsellino sulla mostra di Bernini

13-11-2017
Maestri: Emiliani ricorda Edoardo Detti

01-11-2017
Nella sezione Interventi e recensioni un nuovo intervento di Vittorio Emiliani sulla legge sfasciaparchi

01-11-2017
A un anno dal terremoto, dossier di Emergenza Cultura

29-10-2017
Petizione per salvare il Museo d'Arte Orientale dalla chiusura

20-10-2017
Crollo Santa Croce, l'esperto:INTERVISTA - "Da anni chiediamo fondi per consolidare pietre, inascoltati"

20-10-2017
Bonsanti sul passaggio di Schmidt da Firenze a Vienna

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

30-08-2017
Settis sui servizi aggiuntivi nei musei

29-08-2017
Carla Di Francesco il nuovo Segretario Generale - MIBACT

25-08-2017
Fotografie libere per i beni culturali: nel dettaglio le novit apportate dalla nuova norma

21-08-2017
Appello di sessanta storici dell'arte del MiBACT per la messa in sicurezza e la salvaguardia del patrimonio monumentale degli Appennini devastato dagli eventi sismici del 2016

19-08-2017
Dal 29 agosto foto libere in archivi e biblioteche

19-08-2017
Cosenza, brucia casa nel centro storico: tre persone muoiono intrappolate. Distrutte decine di opere d'arte

12-08-2017
Antonio Lampis, nuovo direttore generale dei musei del MiBACT

06-08-2017
L'appello al Presidente Mattarella: i beni culturali non sono commerciali. Come aderire

04-08-2017
Istat: mappa rischi naturali in Italia

03-08-2017
APPELLO - COSA SI NASCONDE NELLA LEGGE ANNUALE PER IL MERCATO E LA CONCORRENZA

31-07-2017
Su eddyburg intervento di Maria Pia Guermandi sulle sentenze del Consiglio di Stato e su Bagnoli- Stadio di Roma

31-07-2017
Comunicato EC Il Colosseo senza tutela: sulle recenti sentenze del Consiglio di Stato

30-07-2017
Dal blog di Giuliano Volpe: alcuni interventi recenti

27-07-2017
MiBACT, presto protocollo di collaborazione con le citt darte per gestione flussi turistici

Archivio news