LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Disegno di legge: Norme per la tutela dei beni culturali delle città capoluogo di provincia, già capitali di Stato, e dei centri d’arte nel Mezzogiorno d’Italia
2002-12-06

SENATO DELLA REPUBBLICA



XIV LEGISLATURA




N. 1879





DISEGNO DI LEGGE


d’iniziativa dei senatori SCALERA, COVIELLO, VERALDI
e LAURIA


COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 6 DICEMBRE 2002


Norme per la tutela dei beni culturali delle città capoluogo di provincia, già capitali di Stato, e dei centri d’arte nel Mezzogiorno d’Italia




Onorevoli Senatori. – La storia del nostro Paese è caratterizzata dallo sviluppo e dall’autonomia delle città. Già al tempo della repubblica e dell’impero romano molte città italiane erano autentiche città-stato dotate di autogoverno, pur nell’appartenenza a Roma di cui godevano la cittadinanza. Dopo la parentesi del tardo impero e dell’età gotica, l’invasione longobarda, creando vari ducati, tra cui due semi-indipendenti (Spoleto e Benevento), ridiede funzione di capitale alle principali città che in epoca feudale divennero sede di vescovadi e contee e in età comunale si trasformarono in liberi comuni.


Se nel sud la formazione dei regni di Napoli e Sicilia favorì lo sviluppo di due grandi capitali, Napoli e Palermo, nell’Italia centro-settentrionale si vennero formando signorie e principati destinati a diventare, durante il Rinascimento, centri politici e, soprattutto, culturali di primo ordine. Attorno ad essi si raccolsero scrittori, artisti e si crearono corti ed accademie di grande importanza. Alcune di queste città capitali coincidono con i capoluoghi di regione: Venezia, Genova, Torino, Milano, Firenze, la stessa Bologna, capitale culturale anche se non politica; altre, invece, sono ora capoluoghi di provincia e, se non si interviene sollecitamente, rischiano di essere ridotte ad una monotona vita provinciale, lasciando, così, in stato di abbandono innumerevoli tesori artistici, librari, archivistici, che costituiscono la più autentica ricchezza del nostro Paese. Per non dire dei centri d’arte del Mezzogiorno d’Italia. Paradossalmente, la maggiore autonomia data alle regioni rischia di annegare definitivamente tali città in un anonimato senza prospettive future.

Non credo necessario descrivere i beni culturali conservati in queste antiche capitali, nè come l’attuale situazione le mortifichi sul piano culturale e rischi di compromettere definitivamente la loro conservazione. È necessario anche tenere presente che tali beni sono divisi tra musei, biblioteche, archivi statali e strutture ecclesiastiche e private, spesso non coordinati tra loro e non sufficientemente aiutati e tutelati dalle autorità. Basterebbe pensare a preziosi fondi librari e museali, sottratti ai conventi, in mille modi, ed ora tenuti, perchè sarebbe improprio dire conservati, presso scuole ed istituti di vario ordine e grado. Nè miglior conservazione e sorte hanno avuto le grandi tradizioni musicali che alcune di queste città hanno valorizzato in modo assolutamente eccezionale nei secoli passati.

Per questi motivi, è urgente una legge che intervenga a riconoscere i valori peculiari di queste città, evitando la loro riduzione a centri minori, nell’ambito delle rispettive regioni di appartenenza, iniziando così una politica culturale a vasto raggio che si estenda poi ad altri centri, anche non capoluoghi di provincia, che abbiano avuto ruoli storici in campo civile o religioso.





DISEGNO DI LEGGE


Art. 1.


1. La Repubblica, riconoscendo che l’esercizio della funzione di capitale di Stato durante l’età moderna ha concentrato, nelle città capoluogo di provincia, quantità ingenti di beni culturali che necessitano di particolari cure per la conservazione e valorizzazione, ne garantisce la tutela. Garantisce altresì la tutela dei centri d’arte nel Mezzogiorno d’Italia.



Art. 2.


1. I musei, le biblioteche e gli archivi statali, esistenti nelle città di cui all’articolo 1, sono inseriti in un’apposita categoria al fine di incentivarne le dotazioni economiche e di personale.



Art. 3.


1. Nel rispetto delle singole autonomie, sono favorite forme di collaborazione tra i musei, le biblioteche e gli archivi statali delle città di cui all’articolo 1 e analoghe istituzioni, dipendenti da enti locali, ecclesiastici o privati, al fine di favorire la conservazione, l’utilizzazione e la valorizzazione dei beni culturali ivi conservati.



Art. 4.


1. Il Ministero per i beni e le attività culturali effettua il censimento dei beni artistici, librari ed archivistici esistenti presso enti pubblici, ecclesiastici e privati, situati nelle città di cui all’articolo 1, al fine della loro catalogazione e conservazione, anche tramite l’utilizzazione di strumenti informatici.



Art. 5.


1. Nelle città di cui all’articolo 1 è istituita una consulta, formata da enti ed istituzioni pubbliche, ecclesiastiche e private, al fine di studiare le modalità migliori per la conservazione e il restauro dei monumenti e dei beni culturali esistenti.



Art. 6.


1. Sono istituiti, anche in collaborazione con le università più vicine, in ciascuna delle città di cui all’articolo 1, corsi di laurea triennale in archivistica e diplomatica, in biblioteconomia e in conservazione dei beni culturali.



Art. 7.


1. I teatri delle città di cui all’articolo 1 possono ottenere particolari incentivi al fine di organizzare stagioni di significativo contenuto culturale, in armonia con la tradizione esistente nella città.



Art. 8.


1. All’onere derivante dall’attuazione della presente legge, si provvede mediante l’utilizzazione di una quota parte del gettito dell’8 per mille dell’imposta sul reddito delle persone fisiche a diretta gestione statale, ai sensi dell’articolo 48 della legge 20 maggio 1985, n. 222.

http://www.senato.it/bgt/ShowDoc.asp?leg=14&id=00049412&tipodoc=Ddlpres&modo=PRODUZIONE


news

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

11-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 11 gennaio 2021

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news