LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Interrogazione di F. Chiaromonte e risposta in Commission VII del sottosegretario N. Bono: Alienazione di beni del demanio storico, artistico e paesaggistico
2003-10-01

Il 1 ottobre, in Commissione Cultura della Camera il sottosegretario on. Nicola Bono ha risposto all'interrogazione presentata da Chiaromonte ed altri: Alienazione di beni del demanio storico, artistico e paesaggistico.

TESTO DELL'INTERROGAZIONE presentata marted 30 settembre 2003 nella seduta n.364
al Ministro per i beni e le attivit culturali.

- Per sapere - premesso che:


con la legge 15 giugno 2002 n. 112, veniva convertito il decreto-legge 15 aprile 2002 n. 63 recante disposizioni finanziarie e fiscali urgenti in materia di riscossione, razionalizzazione del sistema di formazione del costo dei prodotti farmaceutici, adempimenti ed adeguamenti comunitari, cartolarizzazioni, valorizzazione del patrimonio e finanziamento delle infrastrutture e con il quale si istituivano le societ Patrimonio dello Stato SPA e Infrastrutture SPA;


il dibattito parlamentare e generale che si accompagnato al processo di conversione in legge del citato decreto-legge stato accesissimo e che ai richiami rivolti all'Esecutivo, provenienti dall'opposizione in Parlamento, dalla societ civile, da eminenti esponenti del mondo della cultura - italiani e non - nonch dalle pi alte cariche dello Stato in merito alla totale approssimazione con la quale si affrontava il tema delicatissimo dell'alienazione dei beni del demanio storico artistico, il Ministro e il Governo - ad avviso degli interroganti - non hanno mai risposto con argomentazioni adeguate e convincenti n hanno reso noti i criteri con i quali si sarebbe proceduto all'individuazione dei beni inalienabili;


il Gruppo parlamentare dei Democratici di Sinistra, a causa delle ovvie preoccupazioni che il provvedimento sull'istituzione della Patrimonio dello Stato SPA ha sollevato in quanto rende, di fatto alienabile, senza alcuna esplicita esclusione dei beni culturali, ogni bene appartenente al pubblico demanio e patrimonio, ha pi volte richiamato il Governo e la maggioranza, come risulta dagli atti parlamentari e dalle proposte emendative del testo, alla necessit di prevedere che nella legge di conversione si esplicitasse l'applicazione del decreto del Presidente della Repubblica 7 settembre 2000, n. 283 (Regolamento recante disciplina delle alienazioni di beni immobili del demanio storico e artistico, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 240 del 13 ottobre 2000) per il settore dei beni culturali;


non avendo avuto dal Governo sufficienti ed approfonditi riscontri sulla certa applicabilit del regolamento di cui al punto precedente in vigenza della citata legge n. 112 del 2002, l'opposizione parlamentare decise di depositare alla Camera dei deputati una proposta di legge (disciplina delle alienazioni di beni immobili del demanio storico, artistico e paesaggistico) che consiste nella ripetizione integrale di contenuti del decreto del Presidente della Repubblica n. 283 del 2000;


il disegno di legge finanziaria 2003-2005 presentato in Parlamento prevedeva che gli investimenti per 4 miliardi di euro necessari per la realizzazione di infrastrutture fossero finanziati proprio a partire dai proventi della cos detta valorizzazione del patrimonio pubblico e con capitali presi sul mercato attraverso la finanza di progetto;


il deputato Franca Chiaromonte (DS-l'Ulivo) presentava il 10 giugno 2003 un'interrogazione a risposta immediata in VII Commissione al Ministro Urbani nella quale si chiedeva al Ministro se non ritenesse necessario intervenire e accertare quanto stesse accadendo in seguito alla pubblicazione di un avviso di gara bandita da Massimo Ponzellini, amministratore della Patrimonio dello Stato SPA, per la selezione di una societ di gestione del risparmio alla quale sarebbe stato affidato l'incarico di gestire un fondo di investimento chiuso;


alla citata interrogazione rispondeva il sottosegretario Nicola Bono nel corso della seduta della VII Commissione dell'11 giugno 2003 il quale precisava che riguardo all'indagine che il ministero dovrebbe svolgere presso il Ministero dell'economia e delle finanze, precisa che nessun bene pu essere alienato senza una specifica autorizzazione del Ministro; non pertanto necessario procedere alla verifica richiesta poich il Ministero dell'economia e delle finanze, per poter agire nel caso in specie, deve ricevere un decreto liberatorio da parte del Ministero per i beni e le attivit culturali;


nell'ultimo periodo si sviluppata un'accesa polemica intorno all'intenzione del Governo di attuare un nuovo condono edilizio;


il Ministro Urbani intervenuto nel dibattito dichiarando che qualunque condono costituirebbe un insulto al paesaggio e una devastazione dello Stato di diritto;


lo stesso Ministro Urbani, in un'intervista rilasciata a Il Sole 24 ore il 17 settembre 2003 propone, in alternativa al condono, il completamento del censimento dei beni demaniali alienablli e, quindi, la vendita di questi beni;


il censimento dei beni alienabili, a parere del Ministro, sarebbe possibile solo con l'attuazione del Codice dei beni culturali, al quale il ministero sta lavorando e che dovrebbe prevedere la divisione dei beni demaniali in tre categorie una delle quali ricomprender, appunto, i beni che il demanio pu vendere;


nella medesima intervista il Ministro Urbani afferma che: La Patrimonio SPA si muove nell'ambito della normativa pre-Codice, che rende tutto alienabile;


il citato decreto del Presidente della Repubblica n. 283 del 2000, all'articolo 1 (Alienazione degli immobili del demanio artistico e storico) recita: 1. I beni immobili di interesse storico e artistico di propriet dello Stato, delle regioni, delle province e dei comuni, costituenti il demanio artistico e storico a norma dell'articolo 822 del codice civile, non possono essere alienati e formare oggetto di diritti a favore di terzi, se non nei limiti e con le modalit stabiliti dal presente regolamento e, ovviamente, fornisce nei successivi articoli i criteri e le modalit attraverso le quali individuare i beni del demanio inalienabili e quelli alienabili -:


se il Ministro non ritenga di avere gi a disposizione gli strumenti normativi, regolamentari e tecnico-scientifici adeguati a individuare i beni del demanio storico artistico inalienabili e se non ritenga, altres, che sia giunto il momento di discutere i progetti dell'esecutivo in materia di beni culturali nelle sedi istituzionali adeguate, oltre che previste ed esistenti.

TESTO DELLA RISPOSTA

Onorevoli colleghi! Come sicuramente a Voi gi noto, il trasferimento di beni del demanio storico-artistico dello Stato alla Patrimonio dello Stato S.p.A. effettuato d'intesa con il Ministro per i beni e le attivit culturali, ai sensi dell'articolo 7, comma 10, del decreto-legge 15 aprile 2002, n. 63, convertito dalla legge 15 giugno 2002, n. 112.

Quindi nessun bene avente valenza culturale pu e potr essere trasferito senza l'assenso del Ministero per i beni e le attivit culturali.

Il tema della alienabilit dei beni del demanio storico-artistico dello Stato, peraltro, non stato trattato per la prima volta dalle norme introdotte da questo Governo.

Infatti la prima disposizione normativa che ha disciplinato l'alienabilit dei beni del demanio storico-artistico contenuta nell'articolo 3 della legge 23 dicembre 1996, n. 662 (legge finanziaria del Governo Prodi per l'anno 1997) nell'ambito della generale previsione di una dismissione programmata dei beni del patrimonio immobiliare pubblico.

A questa norma hanno poi fatto seguito le disposizioni di cui all'articolo 12 della legge 15 maggio 1997, n. 127 (pi nota come legge Bassanini II) e quelle degli articoli 19, 32 e 44 della legge 23 dicembre 1998, n. 448 (legge finanziaria del Governo D'Alema per il 1999).

Tale normativa, dunque, aveva gi previsto che l'alienabilit dei beni pubblici di interesse culturale ammessa in via di principio, sia pure previa autorizzazione dei competenti organi del Ministero.

Bisogna poi aggiungere che una regolamentazione ancora pi dettagliata del meccanismo di alienazione di questo tipo di beni pubblici contenuta nel decreto del Presidente della Repubblica 7 settembre 2000, n. 283, adottato in attuazione dell'articolo 32 della prima citata legge n. 448/1998.

Anche tale regolamento sposa in pieno il principio della alienabilit di questi beni (condizionandola ad un procedimento autorizzatorio), introducendo il principio che solo alcune tipologie di beni pubblici di interesse culturale sono espressamente esclusi da ogni ipotesi di vendita.

Al riguardo, i medesimi principi generali in tema di vendita dei beni pubblici di interesse culturale sono stati ripresi dallo schema di decreto legislativo recante Codice dei beni culturali e paesaggistici approvato in via preliminare dal Consiglio dei Ministri di luned scorso ai sensi della
delega contenuta nell'articolo 10 della legge n. 137 del 2002.

Al contrario della precedente normativa, le novit, peraltro rimarchevoli, introdotte in materia consistono nell'ampliamento delle categorie di beni culturali pubblici sottratte all'alienabilit e nella semplificazione del procedimento autorizzatorio per i beni vendibili.

altres da aggiungere che la alienabilit di questi beni sar disciplinata dal nuovo Codice all'interno di un sistema pi ampio che si fonda sull'istituto della verifica dell'interesse culturale di tutti i beni del patrimonio pubblico (da espletarsi obbligatoriamente, anche d'ufficio) e sulla sottoposizione medio tempore di detti beni, in via cautelare, alle disposizioni di tutela e al regime di inalienabilit.

Tutto ci a dimostrazione che - al di l del principio di alienabilit di questi beni, introdotto precedentemente a questo Esecutivo - i criteri d'ora in poi vigenti in materia saranno rigorosissimi.

Alla luce di quanto detto, attesa la limitatezza degli strumenti ereditati dal passato, il Governo ritiene di aver potenziato gli strumenti normativi di controllo sull'alienazione dei beni appartenenti al demanio storico-artistico.



Franca CHIAROMONTE (DS-U), replicando, esprime la convinzione che la contraddittoriet delle dichiarazioni pubbliche rese dal ministro Urbani possa essere sanata in Parlamento nel corso della discussione sullo schema di decreto legislativo recante Codice dei beni culturali e paesaggistici, recentemente approvato dal Consiglio dei ministri.

www.senato.it


news

17-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 17 settembre 2019

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news