LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Preventiva autorizzazione dell'amministrazione dello Stato per l'alienazione di beni immobili (Interrogazione a risposta orale del dep. DS Bielli)
2003-03-20

Al Ministro per i beni e le attivit culturali. - Per sapere - premesso che:

l'obbligo di preventiva autorizzazione, da parte della competente amministrazione dello Stato, per l'alienazione di beni immobili di propriet degli enti assoggettati de iure alla normativa di tutela gi sancita dagli articoli 24 e 25 della legge n. 108 del 1989, stata pienamente confermata dal testo unico (T.U.), 490 del 1999, articoli 55 e 57;

tale preventiva autorizzazione - d'altronde assolutamente necessaria perch il passaggio della propriet di ciascun bene da un ente ad un soggetto privato operazione delicata e non priva di pericoli, visto che, se ignorata dall'amministrazione preposta alla tutela, in grado di provocare effetti devastanti od irreversibili, con pregiudizio definitivo e non pi recuperabile dell'interesse pubblico;

l'obbligo di preventiva autorizzazione, in un sistema che tale preventiva autorizzazione individua come unico strumento di possibile salvaguardia di un patrimonio culturale immobiliare in vasta misura ancora sconosciuta, si pone come coessenziale per il perseguimento del fine pubblico oggetto del principio costituzionale affermato nell'articolo 9 Costituzione;

d'altronde, tale preventiva autorizzazione, in caso di accertamento positivo dell'interesse culturale, comporta l'obbligo di dichiarazione e quello, consequenziale, di notifica all'Ente proprietario, con la relativa trascrizione, che funger da garanzia per gli interessi tutelati e per lo stesso acquirente, accompagnando il bene nella sua successiva, pressoch libera, circolazione in regime di propriet privata;

l'importanza dell'adempimento dell'obbligo di preventiva autorizzazione rimarcata dal fatto che, ai sensi dell'articolo 122 del testo unico (T.U.), la sua violazione costituisce ipotesi delittuosa penalmente sanzionata;

nell'attuale incontrollabile frenesia di dismissione del patrimonio immobiliare che sta interessando tutti gli enti, ed in specie quelli pubblici, la necessit della preventiva autorizzazione appare largamente elusa;


la dismissione di tali beni pu avvenire non solo in via diretta, da parte dell'Ente, ai sensi del decreto del Presidente della Repubblica 283 del 2000, articolo 21 e 2 e 7, ma anche, ai sensi del decreto legge n. 351 del 2001 convertito con modifiche nella legge n. 410 del 2001, tramite il trasferimento degli immobili a societ di cartolarizzazione al fine della loro commercializzazione (con la previsione articolo 3 comma 17 che i trasferimenti e le successive rivendite non siano soggette alle cartolarizzazioni previste dal testo unico, essendosi introdotta, in tal modo, una facolt preoccupante e certamente incostituzionale);

la situazione appare, in parte, modificata dall'articolo 7, comma 10, del decreto legislativo n. 112 del 2002 che ha riesumato, nei fatti, l'istituto del demanio culturale e che il trasferimento degli immobili a societ di cartolarizzazione pu, quindi, avvenire solo previa ricognizione dei singoli beni da parte della competente soprintendenza regionale;

appare, ad avviso dell'interrogante, di straordinaria gravit la sistematica violazione del presidio di salvaguardia sopraindicato, con tutela nei fatti dismessa, all'insaputa del Ministro per i beni e le attivit culturali e degli organi centrali e regionali di quel Ministero, con un decreto interministeriale del Ministro dell'economia e delle finanze emanato di concerto con il Ministro del lavoro e delle politiche sociali;

gi numerosi beni sono stati, in tal modo dispersi, con sicuro e grave pregiudizio dell'interesse pubblico, confondendo in un unico calderone privo di controlli beni di valore storico/artistico e beni privi di tale valore;
mero esempio, l'Agenzia USL n. 10 di Firenze ha alienato ben sette complessi immobiliari di singolare bellezza siti sui colli a ridosso della citt, in comune di Bagno a Ripoli (tra i quali, uno solo era gi stato oggetto di dichiarazione di interesse), costituiti da antiche fattorie e storici poderi, aggiudicandoli, in unico blocco (unico lotto, a corpo), a circa 13 milioni di euro, ad un'immobiliare, all'insaputa del soprintendente regionale della Toscana, e che quindi, al momento, l'intero compendio per il quale stato, nei fatti, impedito ogni accertamento specifico, corre il rischio di totale dispersione o perdita della relativa qualit;

l'INAIL di Forl ha comunicato ai conduttori di un antico Palazzo di sua propriet ubicato nel centro storico di quella citt, di averlo alienato alla SCIP, con decreto interministeriale del 21 novembre 2002 del Ministro dell'economia e delle finanze di concerto con il Ministro del lavoro e delle politiche sociali, all'insaputa - quindi - del Ministro per i beni e le attivit culturali e senza che la competente Soprintendenza Regionale fosse stata informata e messa nelle condizioni di espletare la necessaria attivit ricognitiva;

vi sono, ormai, numerosi casi di grave lesione dell'interesse pubblico con azzeramento di ogni protezione preventiva ivi inclusa quella assicurata de iure dalle disposizioni normative attuative del principio costituzionale che ha inteso costituire lo Stato italiano come, stato di cultura;

in tali ormai numerosissimi casi, non si mette in discussione il regime proprietario come tale (la tutela del patrimonio questione di tutela e vincoli, prima ancora che di propriet), ma la stessa salvaguardia e sopravvivenza del patrimonio culturale nazionale ammesso in tal modo alla pi incondizionata commercializzazione senza alcuna preventiva attenzione ricognitiva e/o valutativa dell'amministrazione per i beni culturali, unica competente;

vi ragione di ritenere che i casi siano gi numerosissimi, caratterizzati da un comportamento troppo spesso omissivo e assai disinvolto da parte degli Enti proprietari nell'urgenza di far cassa e, nei fatti, non vi quella prevalenza e quel carattere assolutamente prioritario che la Corte costituzionale ha pi volte affermato debba far capo all'interesse culturale, non subordinato ad altri interessi;


se il ministro intenda farsi carico di tutto ci e, in caso affermativo, come ritenga di poter ovviare alla situazione di segnalato ma, evidente pericolo e quali iniziative intenda varare per porre rimedio ai guasti gi verificatisi e per ricondurre a legittimit le alienazioni suddette, tenendo presente a tal proposito che la nullit che affligge, i rapporti negoziali cos posti in essere, pur essendo radicale, a norma del disposto dell'articolo 135 del testo unico per giurisprudenza del tutto pacifica e costante di tipo relativo e cio pu essere fatta valere solo dall'amministrazione per i beni e le attivit culturali, risultandone con ci rimarcata la funzione di insostituibile mezzo, o strumento con il quale viene esercitato il potere-dovere di tutela del patrimonio culturale.



news

23-09-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 23 SETTEMBRE 2018

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

Archivio news