LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

VII Commissione Camera - Resoconto della seduta del 13 novembre 2003
2003-11-13

VII Commissione - Resoconto di gioved 13 novembre 2003

SEDE CONSULTIVA
Gioved 13 novembre 2003. - Presidenza del presidente Ferdinando ADORNATO. - Intervengono i sottosegretari di Stato per i beni e le attivit culturali Mario Pescante e Nicola Bono.

La seduta comincia alle 14.05.

Decreto-legge n. 269/2003: Disposizioni urgenti per favorire lo sviluppo e per la correzione dell'andamento dei conti pubblici.
C. 4447 Governo, approvato dal Senato.
(Parere alla V Commissione).
(Seguito dell'esame e conclusione - Parere favorevole).

Legge finanziaria per il 2004.
S. 2512 Governo.

Bilancio dello Stato per l'anno 2004 e bilancio pluriennale 2004-2006.
S. 2513 Governo.

Tabella 2: Stato di previsione del Ministero dell'economia e delle finanze (limitatamente alle parti di competenza).

Tabella 7: Stato di previsione del Ministero dell'istruzione, dell'universit e della ricerca.

Tabella 14: Stato di previsione del Ministero per i beni e le attivit culturali.
(Seguito dell'esame congiunto, ai sensi dell'articolo 120, comma 5, del regolamento).

La Commissione prosegue l'esame congiunto dei provvedimenti, rinviato, da ultimo, nella seduta dell'11 novembre 2003.

Ferdinando ADORNATO, presidente, dichiara concluso l'esame congiunto.
Avverte, pertanto, che la Commissione proceder alla deliberazione di competenza sul disegno di legge C. 4447.

Fabio GARAGNANI (FI), relatore, formula una proposta di parere favorevole.

Ferdinando ADORNATO, presidente, avverte che stata presentata una proposta alternativa di parere dai deputati Grignaffini, Colasio, Titti De Simone, Bulgarelli e Damiani (vedi allegato 1).

Franca BIMBI (MARGH-U), dopo aver espresso un giudizio profondamente negativo sulla manovra finanziaria in esame, chiede alla presidenza l'autorizzazione a pubblicare in calce al resoconto della seduta odierna il testo integrale del proprio intervento.

Ferdinando ADORNATO, presidente, in via del tutto eccezionale, lo consente (vedi allegato 2).

Andrea COLASIO (MARGH-U), sottolineata preliminarmente l'inutilit della discussione in corso avendo il Governo gi preannunciato l'intenzione di porre la questione di fiducia, esprime il proprio rammarico poich ritiene che su alcune questioni, come quelle relative ai settori dell'innovazione e della ricerca, sarebbe stato possibile individuare dei punti di mediazione. Rispetto alla proposta di defiscalizzazione per il 2004 nei suddetti settori, richiama alcune recenti dichiarazioni rese dai rappresentanti della Confindustria, secondo le quali gli investimenti per l'innovazione e la ricerca necessiterebbero di una programmazione di medio e lungo periodo. Sottolinea quindi l'esigenza di prevedere defiscalizzazioni pi consistenti e una spalmatura degli incentivi almeno nell'ambito di un periodo di tre anni. Dalla lettura di alcuni dati statistici, si evince la scarsa propensione delle piccole e medie imprese ad investire nei settori, strategici per la competitivit del paese, dell'innovazione e della ricerca. Paventa quindi il rischio che le grandi imprese del paese possano svolgere in tale settore una parte da leone.
Entrando nel merito dell'articolo 3 del decreto-legge n. 269 del 2003, recante incentivi per il rientro in Italia di ricercatori residenti all'estero, esprime la convinzione che tale norma abbia una rilevanza particolare sul piano simbolico; a suo avviso, sarebbe stato invece preferibile intervenire prevedendo una pi estesa defiscalizzazione del lavoro, quanto meno con riferimento all'IRAP. In particolare, sarebbe stato, a suo avviso, preferibile, per garantire l'efficacia della defiscalizzazione, se essa fosse stata prevista per un arco temporale pi significativo e, se fosse stata destinata una quota parte delle risorse (almeno del 30 per cento) alle piccole e medie imprese.
In merito ai contenuti dell'articolo 4 del suddetto provvedimento, con il quale si prevede l'istituzione dell'Istituto italiano di tecnologia, lamenta l'assoluta genericit di tale previsione, anche rispetto alle funzioni ed alla struttura che si intende dare a tale istituto, e soprattutto la mancanza di una precisa visione strategica.
Esprime le proprie perplessit sui contenuti dell'articolo 27 del decreto-legge, in materia di verifica dell'interesse culturale del patrimonio immobiliare pubblico, con il quale viene introdotto, contrariamente a quanto pi volte affermato dal ministro Urbani, il principio del silenzio-assenso rispetto all'accertamento della sussistenza del requisito di interesse culturale con riferimento ad un determinato bene. Giudica, peraltro, inaccettabile la tempistica prevista per l'espressione della relativa valutazione (centoventi giorni) che comporter, a suo avviso, un sovraccarico di lavoro per le soprintendenze regionali che, peraltro, presentano notevoli carenze nella pianta organica. Ritiene, quindi, che, in tal modo, esse non saranno messe nelle condizioni di rispettare il termine temporale previsto.
Per quanto riguarda la questione dell'incremento del 3 per cento delle risorse finanziarie previste a favore del Ministero dei beni e delle attivit culturali, precisa che esso riguarder i buoni pasto ed il personale e non i beni culturali.
Con riferimento al parere unanimemente espresso dalla VII Commissione sullo schema di decreto legislativo per la riorganizzazione del Ministero dei beni e delle attivit culturali, rileva che, dalla lettura della Tabella 14 (relativa allo stato di previsione del Ministero), si evince implicitamente l'esistenza di un Dipartimento per le antichit, le belle arti e il paesaggio. Ricorda che nella proposta di rilievi approvata, nella seduta del 4 novembre 2003, dalla VII Commissione era prevista la sostituzione della suddetta denominazione con quella di Dipartimento per i beni culturali.
In conclusione, dopo aver rilevato l'assoluta inadeguatezza delle risorse finanziarie previste per il settore della scuola, preannuncia il voto contrario del suo gruppo sulla proposta di parere del relatore.

Carlo CARLI (DS-U) sottolinea preliminarmente l'esigenza che i deputati della maggioranza ed il presidente della VII Commissione sollecitino il Governo, in particolare il ministro Tremonti, a garantire un forte impulso al Ministero per i beni e le attivit culturali, per la tutela e per lo sviluppo culturale del paese. Dopo aver richiamato i provvedimenti negativi assunti dal Governo nel settore dei beni e delle attivit culturali, chiede al Governo di sapere che fine abbia fatto quel 3 per cento degli investimenti per le infrastrutture da destinare al settore dei beni culturali. Chiede inoltre al Governo di conoscere le ragioni per le quali sia stata disattesa quella parte della proposta di rilievi (relativa allo schema di decreto legislativo per la riorganizzazione del Ministero dei beni e delle attivit culturali), approvata all'unanimit dalla VII Commissione, che prevedeva di sostituire la denominazione del Dipartimento per le antichit, le belle arti e il paesaggio, con la denominazione Dipartimento per i beni culturali.
In conclusione, dopo aver preannunciato il voto contrario del suo gruppo sulla proposta di parere del relatore, chiede alla presidenza l'autorizzazione a pubblicare in calce al resoconto della seduta odierna il testo integrale del proprio intervento.

Ferdinando ADORNATO, presidente, in via del tutto eccezionale, lo consente (vedi allegato 3).

Piera CAPITELLI (DS-U), dopo aver giudicato inaccettabile la procedura di esame della manovra finanziaria, si sofferma in particolare sui contenuti del disegno di legge finanziaria relativi al settore della scuola ed alla legge di riforma n. 53 del 2003. Sottolinea, prioritariamente, che con i provvedimenti in esame si continua a seguire la strada avviata con le precedenti leggi finanziarie: quella dei tagli ai finanziamenti per la scuola e agli organici del personale docente e di quello amministrativo, che comporter pesanti effetti anche nel 2004. A fronte dei 4 miliardi di euro previsti dalle precedenti finanziarie per il periodo 2004-2008, dei quali non vi traccia alcuna, per il settore della scuola viene prevista una somma complessiva di soli 90 milioni di euro per tecnologie multimediali, lotta alla dispersione scolastica, istruzione tecnica superiore ed educazione degli adulti.
Per quanto riguarda l'edilizia scolastica, ricorda che, per le esigenze di adeguamento e di messa a norma, era stato previsto un piano pluriennale straordinario di investimenti per 7,5 miliardi di euro; mentre il disegno di legge finanziaria in esame stanzia una cifra di 30 milioni di euro all'anno per l'ammortamento dei mutui e indica una somma difficile da quantificare (comma 4 dell'articolo 14) per dare attuazione a quanto previsto dalla precedente legge finanziaria per le zone a rischio.
Sottolinea che i provvedimenti in esame non prevedono alcuno stanziamento per le assunzioni a tempo indeterminato del personale, per il concorso dei dirigenti scolastici e per la valorizzazione professionale dei docenti. Non solo, ma per l'autoaggiornamento dei docenti viene confermata la cancellazione di quella timida previsione - contenuta nella legge finanziaria per il 2002 - di 35 milioni di euro, indicando un programma poco credibile di fornitura di computer per i docenti.
Sottolinea inoltre che il disegno di legge finanziaria in esame affronta, in maniera del tutto esorbitante e impropria, alcune questioni specifiche che si sarebbe potuto agevolmente affrontare con un apposito regolamento. Si tratta, a suo avviso, di un ulteriore giro di vite finalizzato a colpire l'autonomia delle scuole, come nel caso della previsione relativa agli esoneri e ai semiesoneri per i collaboratori dei dirigenti scolastici.
Per quanto riguarda la previsione di corsi di specializzazione intensivi per i docenti sopranumerari, sottolinea che non previsto un finanziamento specifico e che si dovr quindi intaccare le scarse risorse previste per la formazione del personale.
Rileva in maniera positiva che, per il contributo alle famiglie che scelgono le scuole private-paritarie per i propri figli, sono stati previsti limiti di reddito per l'attribuzione.
In merito alla questione della esenzione dal pagamento delle tasse scolastiche per gli studenti del primo anno della seconda superiore, ricorda che, prima dell'approvazione della legge n. 53 del 2003, quegli studenti erano obbligati - ai sensi della legge n. 9 del 1999 - ad andare a scuola e, pertanto, avevano il diritto alla gratuit.
Dopo aver preannunciato la presentazione di alcuni emendamenti anche sulle questioni test richiamate, esprime l'auspicio che su di essi vi sia la disponibilit della maggioranza ad accoglierli, nella direzione di una valutazione comune dei bisogni effettivi del mondo della scuola.

Il sottosegretario Mario PESCANTE, intervenendo in merito alle osservazioni dei deputati Rusconi e Lolli su una indiretta sottrazione di risorse al CONI, segnala che sar inserita nel disegno di legge finanziaria una somma di 7,5 milioni di euro per ciascuno degli anni dal 2004 al 2010.

Fabio GARAGNANI (FI), relatore, ribadisce la proposta di parere favorevole, formulata all'inizio della seduta.

Piera CAPITELLI (DS-U), nell'associarsi in particolare alle argomentazioni proposte dal deputato Grignaffini, dichiara il voto contrario del suo gruppo sulla proposta di parere del relatore e raccomanda l'approvazione della proposta di parere alternativa presentata dai gruppi di opposizione.

Nessun altro chiedendo di intervenire, la Commissione approva la proposta di parere favorevole del relatore, risultando pertanto preclusa la proposta alternativa di parere contrario dei deputati Grignaffini, Colasio, Titti De Simone, Bulgarelli e Damiani.

La seduta termina alle 14.50

[per gli allegati vedere http://www.camera.it/chiosco.asp?source=/attivita/lavori/02.commissioni/07.cultura.asp&content=/_dati/leg14/lavori/bollet/07r.htm]

http://www.camera.it/chiosco.asp?source=/attivita/lavori/02.commissioni/07.cultura.asp&content=/_dat


news

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

15-10-2017
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 15 OTTOBRE 2017

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

30-08-2017
Settis sui servizi aggiuntivi nei musei

29-08-2017
Carla Di Francesco il nuovo Segretario Generale - MIBACT

25-08-2017
Fotografie libere per i beni culturali: nel dettaglio le novit apportate dalla nuova norma

21-08-2017
Appello di sessanta storici dell'arte del MiBACT per la messa in sicurezza e la salvaguardia del patrimonio monumentale degli Appennini devastato dagli eventi sismici del 2016

19-08-2017
Dal 29 agosto foto libere in archivi e biblioteche

19-08-2017
Cosenza, brucia casa nel centro storico: tre persone muoiono intrappolate. Distrutte decine di opere d'arte

12-08-2017
Antonio Lampis, nuovo direttore generale dei musei del MiBACT

06-08-2017
L'appello al Presidente Mattarella: i beni culturali non sono commerciali. Come aderire

04-08-2017
Istat: mappa rischi naturali in Italia

03-08-2017
APPELLO - COSA SI NASCONDE NELLA LEGGE ANNUALE PER IL MERCATO E LA CONCORRENZA

31-07-2017
Su eddyburg intervento di Maria Pia Guermandi sulle sentenze del Consiglio di Stato e su Bagnoli- Stadio di Roma

31-07-2017
Comunicato EC Il Colosseo senza tutela: sulle recenti sentenze del Consiglio di Stato

30-07-2017
Dal blog di Giuliano Volpe: alcuni interventi recenti

27-07-2017
MiBACT, presto protocollo di collaborazione con le citt darte per gestione flussi turistici

26-07-2017
Franceschini in audizione alla Commissione Cultura del Senato

25-07-2017
Franceschini domani in audizione alla Commissione Cultura del Senato

25-07-2017
Franceschini: Musei italiani verso il record di 50 milioni di ingressi

25-07-2017
COLOSSEO, oggi conferenza stampa di Franceschini

20-07-2017
Questa legge contro i parchi e le aree protette, fermatela: appello di Italia Nostra alla Commissione Ambiente del Senato

18-07-2017
CAMERA DEI DEPUTATI - COMMISSIONE PERIFERIE - Audizione esperti (Bovini e Settis)

15-07-2017
Ricordo di Giovanni Pieraccini, di Vittorio Emiliani

12-07-2017
Comunicato di API-MIBACT sui Responsbili d'Area nelle Soprintendenze Archeologia, Belle Arti, Paesaggio

11-07-2017
Rassegna Stampa di TERRITORIALMENTE sul patrimonio territoriale della Toscana

10-07-2017
Il tradimento della Regione Toscana nella politica sui fiumi

06-07-2017
Per aderire all'appello sul Parco delle Alpi Apuane

05-07-2017
Appello al Presidente Enrico Rossi per la nomina del Presidente Parco regionale delle Alpi Apuane

Archivio news