LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

VII Commissione Senato - Resoconto della 244a seduta- Schema di decreto legislativo recante: Riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (n. 287) 11 novembre 2003
2003-11-11

ISTRUZIONE PUBBLICA, BENI CULTURALI (7a)

MARTEDÌ 11 NOVEMBRE 2003
244a Seduta

Presidenza del Presidente
ASCIUTTI


Intervengono i sottosegretari di Stato per i beni e le attività culturali Bono e per l'istruzione, l'università e la ricerca Caldoro.


La seduta inizia alle ore 15,10.

IN SEDE CONSULTIVA

Schema di decreto legislativo recante: Riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali" (n. 287)
(Osservazioni alla Commissione parlamentare consultiva in ordine all'attuazione della riforma amministrativa. Seguito e conclusione dell'esame. Osservazioni favorevoli con rilievi)

Riprende l'esame, sospeso nella seduta del 6 novembre scorso.

Nel dibattito generale interviene il senatore D'ANDREA (Mar-DL-U), il quale sottolinea anzitutto l'opportunità di valutare gli effetti che la modifica del decreto legislativo n. 368 del 1998 ha sulla normativa vigente in materia di organizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali, criticando in particolare il mancato richiamo al decreto del Presidente della Repubblica n. 441 del 2000, attuativo dello stesso decreto legislativo n. 368 del 1998.
Egli si sofferma poi sulle ragioni che indussero nella passata legislatura ad adottare, per il Ministero, il modello basato sulle direzioni generali, coordinate dal segretario generale, sostenendo in particolare che si intendevano così privilegiare le esigenze di programmazione e di coordinamento dell'attività amministrativa.
Inoltre, con tale modello si voleva garantire un'articolazione più flessibile sul territorio, considerata necessaria alla luce del processo di trasferimento alle regioni delle competenze e delle funzioni ministeriali, in base al decreto legislativo n. 112 del 1998. Si tratta peraltro di un'esigenza, avverte il senatore, diventata ancor più importante a seguito del nuovo Titolo V della Costituzione.
Egli rileva indi che, con il modello organizzativo basato sui dipartimenti, l'attuale Esecutivo intende perseguire una filosofia del tutto differente, ancorché legittima. Infatti, a suo avviso, si sposta l'attenzione, dalla fase di programmazione dell'attività amministrativa e di relazione nei confronti del territorio, all'esigenza di assicurare una maggiore omogeneità gestionale delle attività del Ministero.
Egli lamenta tuttavia la presenza di alcune incongruenze, come ad esempio la previsione di due uffici di livello dirigenziale generale alle dipendenze del Gabinetto, che, a suo avviso, contrasta con il principio della separazione tra gli uffici di diretta collaborazione e quelli che presiedono alle attività di gestione.
Inoltre egli sottolinea che il modello dipartimentale non assicura un effettivo coordinamento tra centri di spesa e le diverse aree di competenza dell'Amministrazione.
Egli si sofferma indi sulla trasformazione delle sovrintendenze regionali in uffici di livello dirigenziale generale, osservando che ad essa consegue un'articolazione dell'Amministrazione su tre livelli, atteso che i sovrintendenti regionali sono subordinati al Dipartimento per le antichità, le belle arti e il paesaggio. Pur condividendo l'opportunità che i sovrintendenti regionali divengano anche dal punto di vista del ruolo organico dirigenti generali, lamenta che tale previsione appesantisce ulteriormente l'organizzazione del Ministero.
Egli critica inoltre la mancata individuazione sia di un dipartimento con competenze in materia di Archivi e Biblioteche, sia di una struttura cui attribuire le competenze ministeriali in materia di sport. Quanto a quest'ultimo aspetto, egli sottolinea che, attesa la qualificazione pubblicistica dell'attività sportiva, risulta senz'altro indispensabile individuare nel Ministero una sede di coordinamento politico dove affrontare le rilevanti problematiche che concernono il settore dello sport, come conferma l'intensità del dibattito in corso.
Egli esprime altresì la propria contrarietà alla previsione, recata dall'articolo 5, comma 6, che consente ai sovrintendenti regionali di essere contemporaneamente titolari delle soprintendenze dotate di autonomia, istituite ai sensi dell'articolo 8 del decreto legislativo n. 368 del 1998.
Quanto alle restanti parti del decreto legislativo, egli si associa alle considerazioni critiche già emerse nel dibattito ed in particolare alla richiesta di sostituire la parola: "etnoantropologico" con la parola: "demoetnoantropologico". Invita conclusivamente il Presidente relatore a tener conto delle criticità emerse, preannunciando sin d'ora che, in questo caso, il suo Gruppo potrebbe assumere un atteggiamento convergente.

Concluso il dibattito, agli intervenuti replica il presidente ASCIUTTI (FI), il quale illustra il seguente schema di osservazioni favorevoli con rilievi:
"La Commissione,
esaminato, per quanto di competenza, lo schema di decreto in titolo,
premesso che:
la Commissione è chiamata ad esprimere osservazioni alla Commissione bicamerale per la riforma amministrativa,
lo schema di decreto in titolo è stato adottato in base all'articolo 1, comma 1, della legge n. 137 del 2002, con cui sono stati riaperti i termini per l'attuazione della delega legislativa - contenuta nell'articolo 11, comma 1, lettera a), della legge n. 59 del 1997 (cosiddetta legge Bassanini 1) - relativa alla razionalizzazione dell'ordinamento della Presidenza del Consiglio dei ministri e dei Ministeri,
sulla base di detta delega, erano già stati adottati, fra gli altri, due decreti legislativi: il n. 368 del 1998, con cui è stato istituito il Ministero per i beni e le attività culturali, e il n. 300 del 1999, con cui è stata riordinata l'organizzazione dei Ministeri,
con il decreto legislativo n. 368 del 1998 vennero accorpate nel nuovo dicastero le attribuzioni in precedenza spettanti al Ministero dei beni culturali ed ambientali, nonché quelle spettanti alla Presidenza del Consiglio dei ministri in materia di spettacolo, sport e impiantistica sportiva,
con il decreto legislativo n. 300 del 1999 fu introdotta, per la maggior parte dei dicasteri, la struttura dipartimentale, caratterizzata dalla presenza di strutture di coordinamento degli uffici di livello dirigenziale generale (denominate dipartimenti), con compiti finali concernenti grandi aree di materie omogenee, inclusa la diretta gestione delle risorse strumentali, finanziarie ed umane necessarie per lo svolgimento ed il perseguimento della propria missione,
per il Ministero per i beni e le attività culturali, così come del resto per il Ministero degli affari esteri e per il Ministero della difesa, fu invece prevista una struttura basata sulle direzioni generali, a loro volta coordinate da un segretario generale, mantenendo così una distinzione tra strutture con funzioni finali e strutture con funzioni strumentali (quali la gestione del personale o la gestione delle risorse finanziarie),
valutate positivamente
la scelta di estendere al Ministero per i beni e le attività culturali il modello dipartimentale, che risulta senz'altro più idoneo al fine di assicurare il corretto funzionamento amministrativo,
la riorganizzazione, a livello periferico, delle soprintendenze regionali,
esprime osservazioni favorevoli con i seguenti rilievi.
1. Con riferimento all'articolo 1, nonché all'articolo 4, si osserva che la scelta, in linea teorica condivisibile, di fissare a tre il numero dei dipartimenti, appare insufficiente attesa l'istituzione di un dipartimento per la ricerca, l'innovazione e l'organizzazione che, senz'altro apprezzabile sul piano generale, rischia tuttavia di comprimere eccessivamente l'articolazione delle funzioni ordinarie del Ministero. Il settore degli Archivi, delle Biblioteche e degli Istituti di cultura, ad esempio, risulta inadeguatamente valorizzato, inserito com'è nel più ampio e già affollato contesto del Dipartimento per le antichità, le belle arti e il paesaggio. Se si ritiene di mantenere ferma l'istituzione del dipartimento per la ricerca, come peraltro deve essere senz'altro, e non solo con riferimento al Ministero per i beni e le attività culturali ma anche agli altri Ministeri, si suggerisce quindi di ampliare il numero dei dipartimenti ad almeno quattro, onde consentire una più omogenea ripartizione delle funzioni esercitate dal Ministero ed una più specifica autonomia degli Archivi, delle Biblioteche e degli Istituti di cultura. Ciò, nell'evidente rispetto del principio di invarianza della spesa.
2. Sempre con riferimento all'articolo 1, nonché all'articolo 4, commi 2 e 3, si suggerisce un maggiore raccordo fra i commi 1 e 2 del novellato articolo 54 del decreto legislativo n. 300 del 1999, con particolare riguardo alla puntuale indicazione degli uffici dirigenziali generali. Si invita altresì a valutare l'opportunità, in questa sede come in sede di articolo 4, di modificare la dizione di "soprintendenze regionali" in "direzioni regionali", a fini di omogeneità rispetto all'articolazione degli altri Dicasteri e di migliore utilizzazione anche di capacità gestionali e amministrative. Ciò, anche e soprattutto in considerazione delle sempre più spiccate qualità manageriali richieste alla dirigenza dalle più recenti innovazioni normative.
3. Con riferimento all'articolo 3, si sollecita una più chiara definizione dei compiti delle istituende Conferenze permanenti presso le soprintendenze regionali.
4. Con riferimento all'articolo 4, oltre ai rilievi già espressi al punto 1, si suggerisce di modificare l'anacronistica dizione di "dipartimento per le antichità, le belle arti ed il paesaggio" in "dipartimento per i beni culturali". Analoga modifica si suggerisce evidentemente con riferimento alla denominazione delle soprintendenze regionali. Si suggerisce inoltre di modificare la denominazione della "direzione generale per il patrimonio storico, artistico ed etnoantroplogico" del predetto dipartimento in "direzione generale per il patrimonio storico, artistico e demoetnoantroplogico". Quanto al dipartimento per lo spettacolo e lo sport, si osserva anzitutto criticamente che il testo non attribuisce esplicitamente ad alcun ufficio di livello dirigenziale le sia pur diminuite competenze sullo sport. La denominazione della "direzione generale per la musica ed il teatro" trascura inoltre altri settori dello spettacolo, di altrettanto rilievo. Si suggerisce quindi di modificare la denominazione della "direzione generale per la musica ed il teatro" del predetto dipartimento in "direzione generale per lo spettacolo dal vivo", al fine di attribuirle competenza su tutti i settori dello spettacolo dal vivo.
5. Con riferimento all'articolo 5, capoverso 6, si sollecita la soppressione delle parole "del decreto legislativo 20 ottobre 1998, n. 368", in quanto l'articolo 5 reca appunto una novella al decreto legislativo n. 368 del 1998.
6. Con riferimento all'articolo 6, comma 5, si sollecita la sostituzione delle parole "di cui al comma 2" con le seguenti "di cui al comma 3", atteso che il principio di invarianza della spesa è richiamato appunto al comma 3.
7. Con riferimento all'articolo 7, si suggerisce di inserire il rinvio all'entrata in vigore della novella recata dall'articolo 5 nell'ambito dell'articolo 5 medesimo, ai fini di maggiore organicità".

Replica altresì il sottosegretario BONO , il quale comunica che il Governo è in linea di massima favorevole al parere illustrato dal Presidente relatore e si impegna a dedicare particolare attenzione all'istituzione di un quarto dipartimento con competenze su Archivi e Biblioteche. Del resto, il Governo non ha fino ad ora dimenticato l'importanza di tali settori di attività del Ministero per i beni e le attività culturali. Al contrario, li ha valutati di non minore importanza rispetto a quelli di vera e propria tutela del patrimonio culturale, attraverso la loro collocazione in un unico dipartimento competente sulla tutela del patrimonio culturale. Le ragioni di questa scelta sono peraltro da individuarsi, fra l'altro, nell'esigenza di rispettare il principio dell'invarianza della spesa, come espressamente prevede la legge di delega 6 luglio 2002, n. 137.

In sede di dichiarazione di voto il senatore D'ANDREA (Mar-DL-U) registra con soddisfazione che nello schema di parere illustrato sono state recepite le osservazioni relative all'esigenza di un quarto Dipartimento con competenza su Archivi, Biblioteche ed Istituti di cultura, sulla tutela del patrimonio demoetnoantropologico e sulla laconicità in ordine alle competenze sullo sport. Invita tuttavia il Presidente relatore ad inserire anche i richiami relativi rispettivamente all'inopportunità degli uffici dirigenziali generali previsti presso il Gabinetto (che ribadisce essere in contrasto con il principio di distinzione fra direzione politica e gestione amministrativa, pur richiamato dall'articolo 4, capoverso 1) e sull'autonomia finanziaria delle soprintendenze regionali. In questo caso, rinnova la disponibilità dell'opposizione ad assumere un atteggiamento convergente sullo schema illustrato.

Si associa la senatrice Vittoria FRANCO (DS-U), la quale osserva in particolare che il richiamo all'autonomia finanziaria delle soprintendenze regionali appare conseguente alla proposta, già contenuta nel rilievo n. 2, di trasformare le soprintendenze stesse in direzioni regionali.

Il presidente relatore ASCIUTTI (FI) si dichiara disponibile ad accogliere il rilievo relativo alla soppressione degli uffici dirigenziali presso il Gabinetto, mentre manifesta un orientamento contrario sull'autonomia delle soprintendenze regionali. Invita comunque il rappresentante del Governo ad esprimere la propria opinione.

Il sottosegretario BONO si dichiara disponibile ad accogliere un invito a valutare l'opportunità di sopprimere le figure dirigenziali previste presso il Gabinetto. Quanto all'ipotesi di attribuire autonomia alle soprintendenze regionali, si dichiara invece contrario. Al riguardo, ricorda peraltro che le forme di autonomia già previste nell'ordinamento con riguardo a specifici poli museali si riferiscono a siti caratterizzati da un particolare afflusso turistico e sono legate assai più alla loro fruizione che alla loro tutela. Né rendere autonome tutte le soprintendenze rappresenterebbe un servizio al Paese, tanto più che è la Costituzione stessa ad assegnare i compiti di tutela del suo patrimonio culturale allo Stato, che li esercita attraverso le sue strutture periferiche. Mette quindi in guardia dall'introdurre elementi di disomogeneità sul territorio nazionale con riferimento ai compiti di tutela.

Il senatore D'ANDREA (Mar-DL-U) conviene con le argomentazioni del Sottosegretario. Chiarisce peraltro che non è intenzione dell'opposizione rendere autonome le funzioni di tutela. L'invito è invece a rafforzare l'autonomia contabile e gestionale delle sovrintendenze regionali, come del resto senz'altro avverrebbe qualora esse fossero trasformate in direzioni regionali.

La senatrice ACCIARINI (DS-U) ricorda che nel parere reso sul medesimo atto dalla Commissione cultura della Camera dei deputati è stato inserito un richiamo ancor più stringente all'autonomia delle soprintendenze regionali.

Il sottosegretario BONO ribadisce l'orientamento contrario del Governo su questo punto.

Conclusivamente, il presidente relatore ASCIUTTI (FI) dichiara di modificare lo schema di osservazioni precedentemente illustrato aggiungendo il seguente periodo al rilievo n. 1: "Si invita altresì a valutare l'opportunità di sopprimere i due uffici dirigenziali generali presso il Gabinetto del Ministro".

Si passa alla votazione dello schema di osservazioni favorevoli con rilievi, come modificato.

La senatrice ACCIARINI (DS-U) ne chiede la votazione per parti separate, al fine di esprimere un orientamento diverso sul rilievo n. 2.

Dopo che il PRESIDENTE ha accertato la presenza del numero legale ai sensi dell'articolo 30, comma 2, del Regolamento, la Commissione accoglie all'unanimità il dispositivo dello schema di parere dalle parole: "La Commissione" fino a: "esprime osservazioni favorevoli con i seguenti rilievi", nonché il rilievo n. 1, come modificato.

Sul rilievo n. 2, la senatrice ACCIARINI (DS-U) dichiara il voto contrario in considerazione del mancato accoglimento del richiamo relativo all'autonomia delle soprintendenze regionali, che a suo giudizio era peraltro coerente con la prospettata trasformazione delle soprintendenze stesse in direzioni regionali. Senza il richiamo all'autonomia, il rilievo n. 2 rischia invece di restare ambiguo quanto agli obiettivi che si intendono effettivamente perseguire.

Il rilievo n. 2 è infine posto ai voti ed accolto a maggioranza.

La Commissione accoglie poi all'unanimità i restanti rilievi da n. 3 a n. 7.

Accoglie infine a maggioranza lo schema di osservazioni nel suo complesso, come modificato.

http://www.senato.it/Commissioni/Comm07/home2.htm


news

25-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news