LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Bozza del Nuovo Codice assegnato a Commissioni Camera e Senato (artt. 117-130)
2003-12-06

Capo II
Principi della valorizzazione dei beni culturali
Articolo 117 Attivit di valorizzazione
1. Lattivit di valorizzazione dei beni culturali ad iniziativa pubblica o privata.
2. Lattivit di valorizzazione ad iniziativa pubblica consiste nella costituzione ed organizzazione stabile di risorse, strutture o reti, nonch nella messa a disposizione di competenze tecniche o risorse finanziarie e strumentali, finalizzate allesercizio delle funzioni ed al perseguimento delle finalit indicate allarticolo 6. A tale attivit possono concorrere o cooperare soggetti privati.
3. Qualora lattivit di valorizzazione ad iniziativa pubblica abbia ad oggetto beni culturali altrui, pubblici o privati, costituisce servizio pubblico di valorizzazione e si conforma ai principi di libert di partecipazione, pluralit dei soggetti, continuit di esercizio, parit di trattamento, economicit e trasparenza della gestione.
4. Lattivit di valorizzazione ad iniziativa privata attivit socialmente utile e ne riconosciuta la finalit di solidariet sociale.

Articolo 118 Valorizzazione dei beni culturali di appartenenza pubblica
1. Al fine di coordinare, armonizzare ed integrare le attivit e i servizi di valorizzazione dei beni del patrimonio culturale di appartenenza pubblica, lo Stato, per il tramite del Ministero, le regioni e gli enti pubblici territoriali proprietari dei beni o comunque interessati stipulano appositi accordi di programma o altre forme di accordi o intese.
2. Qualora, entro i tempi stabiliti, gli accordi non siano raggiunti tra i competenti organi, la loro definizione, per quel che riguarda le linee generali della valorizzazione, rimessa alla decisione congiunta del Ministro, del presidente della Regione, del presidente della Provincia e dei sindaci dei comuni interessati. Se gli accordi non sono raggiunti neppure in tale sede, ciascun soggetto pubblico provvede alla valorizzazione dei beni che ha in uso, in conformit alle disposizioni del presente codice.
3. Qualora le attivit e i servizi di cui al comma 1 abbiano ad oggetto beni di propriet privata, sulla base degli accordi di programma di cui al comma 1 i soggetti pubblici interessati concludono appositi accordi di cooperazione con i privati proprietari.
4. Per le finalit di cui al comma 1 i soggetti pubblici interessati possono altres stipulare apposite convenzioni con le associazioni di volontariato che svolgono attivit di promozione e diffusione della conoscenza dei beni culturali.

Articolo 119 Valorizzazione dei beni culturali di propriet privata
1. Le attivit e le strutture di valorizzazione, ad iniziativa privata, di beni culturali di propriet privata possono beneficiare del sostegno pubblico da parte dello Stato, delle regioni e degli altri enti pubblici territoriali.
2. Le misure di sostegno sono adottate tenendo conto della rilevanza dei beni culturali ai quali si riferiscono.
3. Le modalit della fruizione sono stabilite con accordo da stipularsi con il proprietario, possessore o detentore del bene in sede di adozione della misura di sostegno.

Articolo 120 Livelli di valorizzazione
1. Il Ministero, le regioni e gli altri enti pubblici territoriali, anche con il concorso delle Universit, fissano i livelli minimi della valorizzazione e ne curano laggiornamento periodico.
2. I livelli di cui al comma 1 sono adottati con decreto del Ministero previa intesa in sede di Conferenza unificata.
3. I soggetti che, ai sensi dellarticolo 121, hanno la gestione delle attivit e dei servizi pubblici di valorizzazione sono tenuti ad assicurare il rispetto dei livelli adottati.

Articolo 121 Forme di gestione
1. Le attivit ad iniziativa pubblica e i servizi pubblici di valorizzazione dei beni culturali sono gestiti ordinariamente in forma diretta o indiretta.
2. La gestione in forma diretta svolta per mezzo di strutture organizzative interne alle amministrazioni, dotate di adeguata autonomia scientifica, organizzativa, finanziaria e contabile, e provviste di idoneo personale tecnico.
3. Qualora per assicurare un migliore livello di fruizione pubblica dei beni culturali non sia possibile utilizzare la forma diretta prevista dal comma 1, si provvede alla gestione in forma indiretta mediante affidamento o concessione ad altri soggetti.
4. Le forme di gestione di cui al comma 3 sono attuate, previa valutazione comparativa degli obiettivi di valorizzazione che si intendono conseguire e dei relativi mezzi, metodi e tempi:
a) tramite affidamento diretto a fondazioni, associazioni, consorzi, societ di capitali o altri soggetti, costituiti o partecipati, in misura prevalente, dallamministrazione pubblica cui i beni pertengono;
b) tramite concessione a terzi, scelti mediante valutazione comparativa sulla base dei progetti presentati.
5. Previo accordo tra i titolari delle attivit o dei servizi, laffidamento o la concessione previsti al comma 4 possono essere disposti in modo congiunto ed integrato.
6. Il rapporto tra il titolare dellattivit o del servizio e laffidatario od il concessionario regolato con contratto di servizio, nel quale sono specificati, tra laltro, i livelli qualitativi di erogazione del servizio e di professionalit degli addetti nonch i poteri di indirizzo e controllo spettanti al titolare dellattivit o del servizio.
7. Il titolare dellattivit o del servizio pu partecipare al patrimonio o al capitale dei soggetti di cui al comma 4, lettera a), anche con il conferimento in uso del bene culturale oggetto di valorizzazione. Gli effetti del conferimento si esauriscono, senza indennizzo, in tutti i casi di cessazione totale dalla partecipazione da parte del titolare dellattivit o del servizio, di estinzione del soggetto partecipato ovvero di cessazione, per qualunque causa, dellaffidamento dellattivit o del servizio. I beni conferiti in uso non sono soggetti a garanzia patrimoniale specifica se non in ragione del loro controvalore economico.
8. Allaffidamento o alla concessione di cui al comma 4 pu essere collegata la concessione in uso del bene culturale oggetto di valorizzazione. La concessione perde efficacia, senza indennizzo, in qualsiasi caso di cessazione dellaffidamento o della concessione del servizio o dellattivit.
9. Il Ministero e le regioni definiscono dintesa modalit e criteri di attuazione delle disposizioni di cui al presente articolo. In mancanza di accordo, essi provvedono al riguardo ai sensi dellarticolo 118, comma 2, ultimo periodo.

Articolo 122 Tutela dei beni culturali conferiti o concessi in uso
1. I beni culturali che siano stati conferiti o concessi in uso ai sensi dellarticolo 121, commi 7 e 8, restano a tutti gli effetti assoggettati al regime giuridico loro proprio. Le funzioni di tutela sono esercitate dal Ministero, che provvede anche su richiesta ovvero nei confronti del soggetto conferitario o concessionario delluso dei beni medesimi.

Articolo 123 Servizi aggiuntivi
1. Nei luoghi della cultura indicati allarticolo 101 possono essere istituiti servizi di assistenza culturale e di ospitalit per il pubblico.
2. Rientrano tra i servizi di cui al comma 1:
a) il servizio editoriale e di vendita riguardante i cataloghi e i sussidi catalografici, audiovisivi e informatici, ogni altro materiale informativo, e le riproduzioni di beni culturali;
b) i servizi riguardanti beni librari e archivistici per la fornitura di riproduzioni e il recapito del prestito bibliotecario;
c) la gestione di raccolte discografiche, di diapoteche e biblioteche museali;
d) la gestione dei punti vendita e lutilizzazione commerciale delle riproduzioni dei beni;
e) i servizi di accoglienza, ivi inclusi quelli di assistenza e di intrattenimento per linfanzia, i servizi di informazione, di guida e assistenza didattica, i centri di incontro;
f) i servizi di caffetteria, di ristorazione, di guardaroba;
g) lorganizzazione di mostre e manifestazioni culturali, nonch di iniziative promozionali.
3. I servizi di cui al comma 2 1 possono essere gestiti in forma integrata con i servizi di pulizia, di vigilanza e di biglietteria.
4. La gestione dei servizi medesimi attuata nelle forme previste dallarticolo 121.
5. I canoni di concessione dei servizi sono incassati e ripartiti ai sensi dellarticolo 116.

Articolo 124 Promozione di attivit di studio e ricerca
1. Il Ministero, le regioni e gli altri enti pubblici territoriali, anche con il concorso delle universit e di altri soggetti pubblici e privati, realizzano, promuovono e sostengono, anche congiuntamente, ricerche, studi ed altre attivit conoscitive aventi ad oggetto il patrimonio culturale.
2. Al fine di garantire la raccolta e la diffusione sistematica dei risultati degli studi, delle ricerche e delle altre attivit di cui al comma 1, il Ministero e le regioni possono stipulare accordi per istituire, a livello regionale o interregionale, centri permanenti di studio e documentazione del patrimonio culturale, prevedendo il concorso delle universit e di altri soggetti pubblici e privati.

Articolo 125 Diffusione della conoscenza del patrimonio culturale nelle scuole
1. Il Ministero, Il Ministero per listruzione, luniversit e la ricerca, le regioni e gli altri enti pubblici territoriali interessati possono concludere accordi per diffondere la conoscenza e favorire la fruizione del patrimonio culturale da parte degli studenti.
2. Sulla base degli accordi previsti al comma 1, le autorit che hanno in consegna i luoghi della cultura di cui allarticolo 101 possono stipulare con le scuole di ogni ordine e grado, appartenenti al sistema nazionale di istruzione, apposite convenzioni per la elaborazione di percorsi didattici, la predisposizione di materiali e sussidi audiovisivi, nonch per la formazione e laggiornamento dei docenti. I percorsi, i materiali e i sussidi tengono conto della specificit della scuola richiedente e delle eventuali particolari esigenze determinate dalla presenza di alunni disabili.

Articolo 126 Sponsorizzazione di beni culturali
1. E sponsorizzazione di beni culturali ogni forma di contributo in beni o servizi da parte di soggetti privati alla progettazione o allattuazione di iniziative del Ministero, delle regioni e degli altri enti pubblici territoriali, ovvero di soggetti privati, nel campo della tutela e valorizzazione del patrimonio culturale, con lo scopo di promuovere il nome, il marchio, limmagine, lattivit o il prodotto dellattivit dei soggetti medesimi.
2. La promozione di cui al comma 1 avviene attraverso lassociazione del nome, del marchio, dellimmagine, dellattivit o del prodotto alliniziativa oggetto del contributo, in forme compatibili con il carattere artistico o storico, laspetto e il decoro del bene culturale da tutelare o valorizzare, da stabilirsi con il contratto di sponsorizzazione.
3. Con il contratto di sponsorizzazione sono altres definite le modalit di erogazione del contributo nonch le forme del controllo, da parte del soggetto erogante, sulla realizzazione delliniziativa cui il contributo si riferisce.

Articolo 127 Accordi con le fondazioni bancarie
1. Il Ministero, le regioni e gli altri enti pubblici territoriali, ciascuno nel proprio ambito, possono stipulare, anche congiuntamente, protocolli di intesa con le fondazioni che abbiano effettuato il conferimento dellazienda bancaria, ai sensi delle vigenti disposizioni per la ristrutturazione e la disciplina del gruppo creditizio, e che statutariamente perseguano scopi di utilit sociale nel settore dellarte e delle attivit e beni culturali, al fine di coordinare gli interventi di valorizzazione sul patrimonio culturale e, in tale contesto, garantire lequilibrato impiego delle risorse finanziarie messe a disposizione. La parte pubblica pu concorrere, con proprie risorse finanziarie, per garantire il perseguimento degli obiettivi dei protocolli di intesa.

TITOLO III Norme transitorie e finali
Articolo 128 Notifiche effettuate a norma della legislazione precedente
1. I beni culturali di cui allarticolo 10, comma 3, per i quali non sono state rinnovate e trascritte le notifiche effettuate a norma delle leggi 20 giugno 1909, n. 364 e 11 giugno 1922, n. 778, sono sottoposti al procedimento di cui allarticolo 14. Fino alla conclusione del procedimento medesimo, dette notifiche restano comunque valide agli effetti di questa Parte.
2. Conservano altres efficacia le notifiche effettuate a norma degli articoli 2, 3, 5 e 21 della legge 1 giugno 1939, n. 1089 e le dichiarazioni adottate e notificate a norma dellarticolo 36 del decreto del Presidente della Repubblica 30 settembre 1963, n. 1409 e degli articoli 6, 7, 8 e 49 del decreto legislativo 29 ottobre 1999, n. 490.
3. In presenza di elementi di fatto sopravvenuti ovvero precedentemente non conosciuti o non valutati, il Ministero pu rinnovare, dufficio o a richiesta del proprietario, possessore o detentore interessati, il procedimento di dichiarazione dei beni che sono stati oggetto delle notifiche di cui al comma 2, al fine di verificare la perdurante sussistenza dei presupposti per lassoggettamento dei beni medesimi alle disposizioni di tutela.
4. Avverso il provvedimento di rigetto dellistanza di rinnovo del procedimento di dichiarazione, prodotta ai sensi del comma 3, ovvero avverso la dichiarazione conclusiva del procedimento medesimo, anche quando esso sia stato avviato dufficio, ammesso ricorso amministrativo ai sensi dellarticolo 16.

Articolo 129 Provvedimenti legislativi particolari
1. Sono fatte salve le leggi aventi ad oggetto singole citt o parti di esse, complessi architettonici, monumenti nazionali, siti od aree di interesse storico, artistico od archeologico.
2. Restano altres salve le disposizioni relative alle raccolte artistiche ex-fidecommissarie, impartite con legge 28 giugno 1871, n. 286, legge 8 luglio 1883, n. 1461, regio decreto 23 novembre 1891, n. 653 e legge 7 febbraio 1892, n. 31.

Articolo 130 Disposizioni regolamentari precedenti
1. Fino allemanazione dei decreti e dei regolamenti previsti dal presente decreto legislativo, restano in vigore, in quanto applicabili, le disposizioni dei regolamenti approvati con regi decreti 2 ottobre 1911, n. 1163 e 30 gennaio 1913, n. 363, e ogni altra disposizione regolamentare attinente alle norme contenute in questa Parte.



news

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

25-08-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 agosto 2019

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

Archivio news