LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Audizione informale di ECCOM sul Nuovo Codice - Camera dei Deputati
2004-01-09

ECCOM-Centro Europeo per l'Organizzazione e il Management Culturale, in seguito alla richiesta di audizione da parte di codesta Commissione, inoltra le seguenti osservazioni in merito al progetto di codice dei Beni Culturali attualmente in discussione.

Il progetto di codice dei Beni Culturali predisposto dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali appare limitato, discutibile e contraddittorio sia nella filosofia di fondo sia nel dettaglio dei singoli specifici indirizzi normativi, per almeno due ordini di ragioni:

a) la materia dei beni culturali aspetta da alcuni decenni un sistematico ridisegno normativo che adegui il quadro istituzionale, la responsabilità e l'autonomia finanziaria, nonché le relazioni tra Stato ed Enti subcentrali e tra settore pubblico e privato alle mutate e più complesse esigenze del comparto culturale. Il codice ignora del tutto questa necessità, limitando il proprio campo d'intervento a una parte della materia la cui efficacia è fortemente legata al funzionamento complessivo del comparto. In sintesi, emanare delle norme sui beni culturali senza adeguare la disciplina delle organizzazioni culturali e della loro autonomia finanziaria e gestionare appare il sintomo di una scarsa volontà di riforma;

b) la lettura del progetto di codice mostra con chiarezza l'unica evidente preoccupazione del governo, cui il legislatore dovrebbe opporre un fermo rifiuto: ridurre progressivamente le responsabilità statali sui beni culturali, soprattutto sulla base di considerazioni finanziarie; la dismissione dei beni culturali, o in subordine la loro concessione a non meglio identificati privati e sulla base di norme ambigue e generiche, sembra essere l'unica priorità del governo, che con questo progetto inverte disinvoltamente il principio di fondo che ha sempre dominato il campo culturale: i beni culturali sono inalienabili, e la loro alienazione può soltanto rappresentare un'eccezione adeguatamente motivata; al contrario, il governo rende i beni culturali di norma alienabili, salvo che non si dimostri - con un procedimento frettoloso e fondato su indirizzi generici - l'interesse specifico alla loro permanenza nel demanio statale.

In questo senso, appare paradossale - anche in seguito ad una serie di dichiarazioni formali del Ministro Urbani sull'importanza dei beni culturali in Italia - che il patrimonio culturale venga considerato alla stregua di una fastidiosa zavorra, mentre la generalità dei Paesi tende sempre di più a ritenerlo un efficace volano di sviluppo economico e di crescita del benessere, elaborando intorno al patrimonio stesso una strategia complessiva di ridisegno dei centri urbani e del paesaggio, di integrazione tra conservazione e valorizzazione, di osmosi tra la fertilità creativa e la crescita del turismo interno e internazionale. L'Italia, che si vanta di possedere un patrimonio culturale unico al mondo, stranamente rinuncia a promuoverne un'effettiva e organica valorizzazione, limitandosi a disciplinarne l'uscita dall'alveo e dalla responsabilità statale per godere di qualche effimero sollievo sul piano finanziario.

Nel quadro dell'insoddisfazione più netta per i motivi di fondo appena esposti, va rilevato che, nel dettaglio della normativa proposta, il codice che si minaccia di introdurre appare ugualmente debole, costituendo un chiaro rischio per i beni culturali del Paese, dal momento che la disciplina prevista può realisticamente generare dei danni irreversibili sia a singoli beni culturali sia al patrimonio culturale nel suo complesso. In questo senso, si possono svolgere alcune osservazioni, chiedendo agli Onorevoli Commissari di riflettere senza pregiudizi sui gravi guasti al sistema culturale italiano che possono derivare dall'approvazione del codice.

Né vale ad attenuare la delusione per un provvedimento a lungo annunciato, e in sostanza così fragile e pericoloso, la rassicurazione - che il governo ha talvolta usato nel corso di questa legislatura - che eventuali problemi creati dal disegno del codice possono essere corretti successivamente con interventi di adeguamento della normativa introdotta: nel caso dei beni culturali lo stesso verificarsi di un problema coincide di norma con l'irreversibile perdita - giuridica, economica o addirittura materiale - dei beni culturali interessati.

ECCOM, nella consapevolezza che numerosi esperti, operatori del settore e studiosi hanno rivolto critiche molto specifiche al codice proposto, si associa al sentimento di sgomento per un provvedimento che ribalta radicalmente l'attenzione dello Stato per i beni culturali; propone comunque le proprie riflessioni sui punti seguenti:

il codice appare contraddittorio già nella definizione di bene culturale e di interesse (o rilevanza) culturale, limitando la propria prospettiva all'identità nazionale e trascurando del tutto le molteplici valenze dei beni culturali, ad esempio quali fattori di integrazione sociale; inoltre ignora del tutto il patrimonio culturale immateriale, accreditando un'accezione obsoleta e parziale del campo culturale;

il codice sposta il fulcro dell'azione statale da una pervasiva tutela del patrimonio culturale alla sua notarile dismissione; che il bene culturale diventi per effetto del codice alienabile salvo prova contraria ne indebolisce la rilevanza e il ruolo cruciale ai fini del benessere individuale e nazionale;

il codice disciplina esclusivamente casi e modalità di diminuzione del patrimonio culturale italiano, rigettando in nuce la possibilità che quanto meno il patrimonio possa anche aumentare attraverso l'acquisizione di nuovi beni culturali;

il codice opera un ulteriore ribaltamento delle priorità, disciplinando in modo estremanente impreciso gli interventi istituzionali: non indica quali organi del Ministero per i Beni e le Attività Culturali sono preposti a svolgere le azioni previste, e soprattutto lascia le decisioni finali, in caso di controversia con altre istituzioni, al Presidente del Consiglio, che è privo per definizione di competenze tecniche e che deve tendere al raggiungimento di posizioni comuni: in questo senso si può realisticamente prevedere il "sacrificio" del beni culturali ogni qual volta si presenterà un'esigenza del Ministero per le Infrastrutture;

il codice prevede una serie di obblighi e divieti, senza però introdurre alcuna disciplina correttiva: sia le altre istituzioni pubbliche sia i privati, sottoposti ad esempio al vincolo di destinazione, non trovano nel codice alcuna norma che preveda l'effettuazione di controlli e verifiche, né alcuna sanzione nel caso di violazione; in molti casi basterebbe prevedere la nullità del contratto di cessione del bene nel caso di inadempimento;

il codice chiede al Ministero per i Beni e le Attività Culturali una serie di interventi tecnici, senza mai specificare quali debbano essere gli organi preposti; in ogni caso, ritenendosi ragionevolmente che non possa trattarsi che delle Soprintendenze, il codice non indica con quali nuove risorse umane e finanziarie esse potrebbero svolgere i compiti assegnati, anzi tende a depauperare gli organi periferici del Ministero di una serie importante di competenze e professionalità delle quali essi godono da lungo tempo;

il codice mostra uno scarsissimo interesse per la fruizione: i beni culturali sembrano essere oggetti da vendere, e in subordine da conservare; il diritto alla loro fruizione va non soltanto garantito sul piano formale, ma incentivato in termini concreti; ne soffrono tra gli altri il settore della didattica culturale, per la quale si prevedono accordi con le scuole ma nessun tipo di valorizzazione efficace delle risorse interne in modo da accrescere notevolmente il grado di soddisfazione dei fruitori;

il codice appare ambiguo e impreciso in molti punti; per fare un esempio, all'art. 120 parla di "livelli di valorizzazione", introducendo così un concetto proteiforme e indeterminato; il grado di confusione introdotto in questo modo rischia di rendere ancora più complessa, problematica e costosa la tutela, la gestione e la valorizzazione dei beni culturali italiani;

il codice ignora i problemi inerenti la dotazione di risorse umane da parte dell'amministrazione statale, sia in termini di adeguamento dei percorsi formativi e dei profili professionali, sia sotto il profilo della valorizzazione effettiva dei professionisti operanti all'interno del Ministero e delle Soprintendenze attraverso un sostanziale allentamento dei vincoli e delle rigidità attualmente presenti; anche soltanto realizzare la normativa proposta dal codice risulta di enorme difficoltà con l'attuale assetto del personale.

ECCOM


news

20-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 20 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news