LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Resoconto VII commissione (cultura) Senato 28 gennaio 2004 - nomina presidente Biennale
2004-01-28

ISTRUZIONE PUBBLICA, BENI CULTURALI (7a)

MERCOLED 28 GENNAIO 2004
262a Seduta

omissis

Proposta di nomina del Presidente della Fondazione della Societ di cultura La Biennale di Venezia (n. 91)
(Parere al Ministro per i beni e le attivit culturali. Esame. Non accolta la proposta di parere favorevole)

Riferisce alla Commissione il senatore FAVARO (FI) il quale, dopo aver ricordato che il decreto legislativo n. 1 del 2004 ha disposto la trasformazione in Fondazione della Societ di cultura La Biennale di Venezia, illustra la proposta di nomina in titolo, osservando che dal curriculum del dottor Davide Croff emerge con chiarezza come egli sia senz'altro in possesso di adeguate competenze per ricoprire il ruolo di Presidente della Fondazione.
In particolare, egli si sofferma sulle significative esperienze manageriali come confermano gli incarichi presso il Gruppo FIAT, presso la Banca nazionale del lavoro, nonch - in qualit di membro del consiglio di amministrazione - presso numerose fondazioni e l'universit C Foscari di Venezia.

Si apre il dibattito.

Il senatore TESSITORE (DS-U) esprime, a nome del Gruppo di appartenenza, dissenso sulla proposta di nomina del dottor Croff, affermando che le competenze, peraltro indiscutibili, sono prettamente di tipo economico-gestionale e non specificamente culturali, come invece richiederebbe il ruolo di presidente della Fondazione, anche alla luce di quanto stabilito nello stesso decreto legislativo n. 1 del 2004.
Oltre all'esperienza professionale, a suo avviso, anche le sue pubblicazioni sono scarsamente attinenti con le professionalit richieste per tale incarico.
Nel preannunciare quindi, a nome del suo Gruppo, un voto senz'altro non favorevole alla proposta di nomina, egli ribadisce la propria preoccupazione - gi manifestata in altra sede e confermata dalla proposta in esame - circa una concezione meramente aziendalistica di istituti che, per il loro spiccato carattere culturale, richiedono di contro competenze specifiche.

Il senatore BETTA (Aut), nell'associarsi alle considerazioni del senatore Tessitore, e senza quindi negare le competenze manageriali del dottor Croff, preannuncia il proprio voto di astensione, ricordando che si tratta della prima occasione nella quale egli nega il proprio sostegno ad una proposta di nomina.

Il senatore BEVILACQUA (AN), precisando di intervenire a titolo personale, dichiara di condividere le perplessit espresse in particolare dal senatore Tessitore, atteso che il curriculum del dottor Croff, ancorch da esso emergano indiscutibili competenze economico-finanziarie, non appare tuttavia adeguato per le funzioni richieste al presidente della Biennale. Preannuncia pertanto la propria astensione.
Conclusivamente, coglie l'occasione per lamentare la scarsa considerazione che il Governo mostra nei confronti delle Commissioni parlamentari con alcune scelte invero non sempre condivisibili.

Il senatore COMPAGNA (UDC) dichiara anzitutto di comprendere i rilievi mossi dai senatori intervenuti nel dibattito, ricordando al riguardo che egli stesso, in qualit di relatore sul precedente provvedimento di nomina del presidente della Biennale, ebbe modo di esprimere analoghe perplessit in ordine alla competenza nel settore culturale del dottor Bernab. Egli rammenta tuttavia che in quella occasione, per spirito di lealt nei confronti delle scelte del Governo, ritenne comunque opportuno raccomandare alla Commissione l'espressione di un parere favorevole sulla sua proposta di nomina anzich dimettersi dall'incarico di relatore.
Ritenendo che le medesime considerazioni siano valide anche in questa occasione, preannuncia voto favorevole sull'atto in titolo, senza tuttavia sottacere la situazione di sofferenza nei rapporti che intercorrono fra l'Esecutivo e la maggioranza parlamentare che lo sostiene.

Il presidente ASCIUTTI, pur prendendo atto delle considerazioni emerse nel dibattito, preannuncia il voto favorevole del proprio Gruppo. Invita inoltre la maggioranza a riflettere sulle implicazioni politiche di un eventuale mancato accoglimento della proposta di nomina, ricordando che al Senato l'astensione equivale a voto contrario.

Concluso il dibattito, agli intervenuti replica il sottosegretario BONO il quale afferma anzitutto che anche il precedente presidente, sulla cui proposta di nomina del resto la Commissione si espresse favorevolmente, aveva competenze spiccatamente gestionali.
Con la proposta di nomina del dottor Croff, egli prosegue, il Governo intende ribadire l'importanza di una gestione manageriale della Fondazione, anche al fine di favorire l'apporto di investimenti privati, indispensabile per il perseguimento delle finalit istituzionali dell'ente. Rispetto alla gestione tradizionale, basata esclusivamente sul capitale pubblico, egli giudica dunque senz'altro opportuna, anche alla luce delle modifiche normative recentemente introdotte, la scelta di una personalit di assoluta competenza nel settore della gestione amministrativa e finanziaria, in grado di meglio assicurare un effettivo sviluppo della Biennale, che rappresenta indubbiamente una istituzione di grande rilievo sia per l'importante tradizione che per l'acquisita dimensione internazionale.
Egli sottolinea altres che un altro elemento favorevole che ha condotto alla scelta del dottor Croff costituito dal suo radicamento, per le sue origini, nel contesto veneto. Si tratta, prosegue, di una caratteristica rilevante, spesso sottovalutata in passato.
Quanto poi alla necessit di assicurare adeguate competenze di natura tecnica nel settore artistico, egli fa presente che tale apporto assicurato gi dai direttori artistici.
Conclusivamente, nell'auspicare l'espressione di un parere favorevole sulla proposta di nomina in titolo, egli si rammarica per le affermazioni del senatore Bevilacqua in ordine alla presunta scarsa considerazione del Governo nei confronti della Commissione, mentre - di contro - egli ricorda il costruttivo spirito di collaborazione finora sempre registrato.

Si passa quindi alla votazione a scrutinio segreto, alla quale partecipano i senatori ACCIARINI, ASCIUTTI, BARELLI, BETTA, BEVILACQUA, COMPAGNA, DELOGU, FAVARO, Vittoria FRANCO, GUASTI (in sostituzione del senatore Dell'Utri), MODICA, SOLIANI, TESSITORE, TOGNI, TRAVAGLIA (in sostituzione del senatore Gentile) e VALDITARA.

La proposta di esprimere parere favorevole sulla nomina del dottor Davide Croff non approvata, risultando 6 voti favorevoli, 5 contrari, 4 astenuti e una scheda bianca.



news

10-08-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 10 agosto 2020

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news