LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

DELIBERAZIONE n. 1/2004 concernente la programmazione delle attivit di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato per lanno 2004
2003-12-19

[Stralci concernenti il Patrimonio Culturale]

3.2 Conto del patrimonio
Lattivit di monitoraggio delle variazioni delle partite patrimoniali riguarder lacquisizione degli elementi necessari per valutare la coerenza e lattendibilit sostanziale dei dati esposti nel conto del patrimonio e la corretta applicazione delle norme. Il monitoraggio riguarder altres, sia il trasferimento di partite patrimoniali alla nuova societ Patrimonio S.p.A e lattivit svolta in proposito da questultima, sia i riflessi economici sulla gestione del patrimonio derivanti dallutilizzazione di strumenti privatistici.
Per facilitare lo svolgimento sistematico e tempestivo dellattivit di monitoraggio indispensabile che:
- i competenti Uffici Centrali del Bilancio forniscano anche su supporto magnetico o per via telematica la documentazione finora trasmessa solo su supporto cartaceo;
- il Servizio per lInformatica della Corte metta a punto una specifica procedura informatica per larchiviazione ed il trattamento dei dati acquisiti dalla Corte, con riguardo sia agli archivi esistenti, sia alla nuova documentazione che verr a mano a mano acquisita.

--------------------------------------------------


I.1. Risultati e costi del condono, del concordato e delle sanatorie fiscali.


Il mantenimento degli equilibri della finanza pubblica dellesercizio finanziario 2003 stato largamente affidato al condono tombale ed alle altre forme di sanatorie fiscali, il cui effetto di gettito peraltro destinato a farsi sentire sia pure in misura molto pi contenuta - anche nel 2004 e nel 2005.
Per il solo 2003 le previsioni iniziali di competenza indicavano un importo di 4.442,4 milioni di euro per le entrate derivanti da condoni, sanatorie ed introiti straordinari su tributi diretti e di 748,6 per le entrate derivanti da condoni, sanatorie ed introiti straordinari su tributi indiretti, per un totale di 5.191 milioni di euro. In sede di bilancio di assestamento tali importi sono stati variati, rispettivamente, di +6.348 milioni di euro per i tributi diretti e di +1.121 per i tributi indiretti. Conseguentemente, limporto complessivamente atteso per lesercizio finanziario 2003 da condoni e sanatorie ora di 12.660 milioni di euro.
Nellaudizione presso la Commissione bilancio del Senato di venerd 10 ottobre u.s. sulla finanziaria e sul bilancio per il 2004 il Presidente della Corte ha evidenziato come, sulla base dei dati attualmente disponibili e delle stesse variazioni apportate dal Governo in sede di assestamento alle previsioni di entrata, sembrerebbe configurarsi per le entrate straordinarie da condono un ruolo solo in parte aggiuntivo rispetto alle entrate ordinarie.
Un tale effetto sicuramente in parte ricollegabile alla fisiologica contrazione dei versamenti a titolo di accertamento e controllo, posto che la sanatoria ha investito, com noto, sia le liti pendenti e le liti potenziali, sia la riscossione delle cartelle di pagamento anche se non pi impugnabili. Oltre a quantificare tale impatto, andrebbero tuttavia valutati anche gli effetti che pi in generale un condono pu avere sul comportamento delle varie categorie di contribuenti, interessate o meno alle possibilit del condono.
Schematizzando, gli obiettivi dellindagine si possono cos riassumere:
1) verifica ed analisi del numero delle dichiarazioni integrative presentate e dei relativi introiti (per tipo di condono e di sanatoria e per categoria di contribuenti) rispetto a quelli attesi;
2) verifica ed analisi del numero e degli importi delle dichiarazioni integrative presentate in via riservata;
3) verifica dellincidenza della c.d. rottamazione dei ruoli in termini di importi versati e di crediti cancellati;
4) valutazione dei costi di gestione dei condoni e delle sanatorie in termini di capacit operativa utilizzata e di implicazioni in termini di capacit operativa utilizzabile per lespletamento delle altre missioni istituzionali del Dipartimento per le politiche fiscali e delle Agenzie fiscali (opportunity costs);
5) verifica delle iniziative e delle azioni poste in atto dallAmministrazione per indurre modificazioni in senso virtuoso nei comportamenti dei contribuenti che si sono avvalsi dei condoni e delle sanatorie;
6) effetti dei condoni e delle sanatorie sui comportamenti delle categorie di contribuenti che se ne sono avvalse;
7) valutazione degli eventuali effetti sulladempimento spontaneo dellobbligazione tributaria da parte delle categorie di contribuenti non interessati ai condoni ed alle sanatorie;
8) valutazione delleventuale effetto di sostituzione gi verificatosi e di quello prevedibile degli introiti straordinari da condono e sanatorie rispetto agli introiti ordinari da attivit di accertamento e controllo.

--------------------------------------------------

Categoria IV. Beni culturali

IV.1. Interventi per la salvaguardia e messa in sicurezza del patrimonio culturale (d.l. n. 117/97 e legge n. 237/1999, art. 8).
Al fine di realizzare impianti di prevenzione e sicurezza a tutela del patrimonio culturale, i provvedimenti normativi in epigrafe hanno autorizzato la destinazione di risorse finanziarie pari ad oltre 500 miliardi delle vecchie lire attraverso la realizzazione di un piano, di durata ventennale (dal 1997 al 2018).
Detti finanziamenti sono acquisiti dal Ministero per i beni e le attivit culturali attraverso la contrazione di mutui, stipulati anche direttamente dai sovrintendenti interessati, in relazione agli interventi di rispettiva competenza.
Lindagine volta a verificare anche attraverso metodologie selettive - il concreto dispiegarsi degli interventi, con specifico riguardo alle modalit di redazione del piano e sua attuazione; allo stato di avanzamento delle iniziative; alle procedure di affidamento dei lavori; ai risultati conseguiti.
--------------------------------------------------

VIII.3. Gestione delle spese in economia per beni e servizi nelle Amministrazioni dello Stato Ministero del Lavoro e delle politiche sociali; Ministero dei beni e attivit culturali e relativi organi periferici.
Lindagine ha quale principale obiettivo la verifica dellimpatto dellart. 24 della legge n. 289/2002 sulla gestione degli acquisti in economia effettuati dalle Amministrazioni dello Stato.
In particolare, attraverso la ricostruzione della serie storica dellultimo triennio, si intende valutare se levoluzione di detta spesa sia aumentata, non solo in valore assoluto ma anche mettendo a confronto la gestione in economia con quella attuata mediante adesione alle convenzioni Consip, nonch attraverso lesperimento di gare pubbliche.
Per lesercizio in corso, avvalendosi di tecniche di campionamento e di selezione, si ritiene di focalizzare lattivit di controllo sulle gestioni di pertinenza del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, del Ministero dei beni e delle attivit culturali e relativi organi periferici.

http://www.corteconti.it/


news

13-12-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 DICEMBRE 2019

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

Archivio news