LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Senato della Repubblica - XIV Legislatura n 1508. Disegno di legge diniziativa dei senatori Ripamonti, De Petris, Boco, Carella, Cortina, Donati, Martone e Zancan
2002-06-18

Modifiche al decreto-legge 15 aprile 2002, n. 63, convertito, con modificazioni, dalla legge 15 giugno 2002, n. 112, per garantire la tutela dei beni culturali e ambientali

--
Onorevoli Senatori. Come noto, il decreto-legge 15 aprile 2002, n. 63, convertito, con modificazioni, dalla legge 15 giugno 2002, n. 112, istituendo la societ Patrimonio dello Stato Spa, consente il trasferimento a questa di ogni bene dello Stato. Nonostante lesplicito richiamo al sistema vincolistico dei beni che potranno essere trasferiti alla Patrimonio dello Stato Spa, il decreto-legge in oggetto lascia aperti pericolosissimi varchi che potrebbero compromettere essenziali elementi di tutela che su questi beni devono essere garantiti. Pur essendo vero, infatti, che il trasferimento dei beni, ed in particolare di quelli demaniali, non comporter automaticamente una loro dichiarazione di alienabilit, altrettanto vero che, nella sostanza, i meccanismi di individuazione di questi beni e la definizione dei relativi elenchi risultano essere propedeutici alle procedure di cui allarticolo 829 del codice civile che prevede, appunto, la possibilit di rendere disponibili i beni demaniali, con il passaggio di beni dal demanio al patrimonio dello Stato. Il problema, dunque, non sta solo nella propriet dei beni stessi, ma anche (e soprattutto) nella loro individuazione e nella loro futura gestione. Da ci lesigenza di avere una completa ricognizione dei beni dello Stato (a tuttoggi sconosciuta) e lopportunit di individuare, tra questi, i beni cedibili in gestione o addirittura alienabili. Inoltre, non assolutamente possibile che i beni vengano individuati e vengano dati in gestione senza il necessario coinvolgimento dei soggetti preposti alla loro tutela. Il decreto-legge, di fatto, attribuisce ogni potere al Ministero delleconomia e delle finanze, e prevede per lindividuazione dei soli beni storici ed artistici il coinvolgimento del Ministero per i beni e le attivit culturali. Questo assolutamente insufficiente e grave.
In particolare, lintesa prevista con il Ministero per i beni e le attivit culturali riguarda solo lindividuazione dei beni storici ed artistici che potranno essere trasferiti alla Patrimonio dello Stato Spa; nessun accordo per richiamato relativamente alla gestione di questi beni ed ai criteri con cui questi dovranno essere valorizzati; pur essendo trasferibili anche i beni demaniali, e costituendo questi in molti casi parti essenziali del nostro paesaggio, non prevista alcuna intesa con il Ministero per i beni e le attivit culturali neppure quando le parti del demanio trasferito dovessero costituire beni paesaggistici. Non mai richiamata alcuna competenza del Ministero dellambiente e della tutela del territorio eppure, non essendo mai affermato il contrario, potrebbero essere trasferiti beni che rientrano sotto le dirette competenze di questo Dicastero o perch ricadenti in aree naturali protette (come ad esempio i parchi o i siti di importanza comunitaria) o perch riguardanti zone di interesse naturalistico (ad esempio le foreste demaniali). Non sono richiamate mai le competenze delle regioni e degli enti locali, neppure per i possibili trasferimenti di beni territoriali che coinvolgono direttamente questi enti sia nella tutela sia nella gestione; non previsto alcun criterio di prelazione nelleventualit che soggetti pubblici volessero acquisire i beni dello Stato eventualmente dichiarati alienabili. Come si pu ben vedere, si tratta di elementi tuttaltro che secondari che non solo aumenterebbero le garanzie sui beni trasferiti alla Patrimonio dello Stato Spa, ma che rispetterebbero anche le attribuzioni istituzionali sia dei Ministeri preposti alla tutela, sia delle regioni e degli enti locali, anche secondo quanto recentemente disposto con la riforma del Titolo V della Costituzione.
Il presente disegno di legge, con le novelle di cui allarticolo 1, esclude esplicitamente che i beni appartenenti al demanio e al patrimonio indisponibile possano, proprio per il loro carattere giuridico di beni inalienabili, essere trasferiti alla Patrimonio dello Stato Spa con le modalit stabilite dal decreto-legge 25 settembre 2001, n. 351, convertito, con modificazioni, dalla legge 23 novembre 2001, n. 410, che prevede la cessione dei beni immobili alla societ veicolo e la successiva cartolarizzazione che determina il passaggio automatico dei beni al patrimonio disponibile. Ai fini di una maggiore tutela dei beni culturali e ambientali, le modifiche di cui allarticolo 1 stabiliscono, inoltre, linalienabilit dei beni riconosciuti come monumenti nazionali, dei beni di interesse archeologico, degli edifici destinati ad uso amministrativo dello Stato, delle regioni e degli enti locali fino a quando ne sussista luso, dei beni di particolare importanza per il loro riferimento con la storia politica, militare, della letteratura, dellarte e della cultura in genere, ai sensi dellarticolo 2 della legge 1 giugno 1939, n. 1089, come recepito nel Titolo I del testo unico delle disposizioni legislative in materia di beni culturali e ambientali, di cui al decreto legislativo 29 ottobre 1999, n. 490, e di ogni altro bene, riconosciuto con proprio decreto dal Ministro per i beni e le attivit culturali, che documenti o testimoni lidentit e la storia delle istituzioni pubbliche, collettive, ecclesiastiche.
Lo stesso articolo 1 prevede altres che il trasferimento di beni di particolare valore artistico, storico e paesaggistico, cos come definiti e individuati dal citato testo unico di cui al decreto legislativo n. 490 del 1999, effettuato dintesa con il Ministero per i beni e le attivit culturali che dovr preventivamente approvare lelenco dei beni trasferibili, nonch i criteri di valorizzazione con cui questi potranno essere gestiti e leventuale cambio di destinazione duso.
Qualora i beni trasferiti rientrino nellambito di aree naturali protette, ai sensi della legge 6 dicembre 1991, n. 394, o allinterno di aree di particolare pregio naturalistico, individuate ai sensi della normativa comunitaria, per il loro trasferimento, nonch per la definizione dei criteri di valorizzazione occorre lintesa con il Ministero dellambiente e della tutela del territorio.
Prima del definitivo trasferimento dei beni alla societ Patrimonio dello Stato Spa, lelenco di questi dovr essere approvato dalla Conferenza unificata Stato regioni enti locali che dovr essere altres interpellata relativamente agli elenchi dei beni su cui si intendesse procedere allalienazione, anche attraverso eventuale applicazione delle procedure di sdemanializzazione. Infine, per tutti i soggetti pubblici, si prevede il diritto di prelazione sui beni immobili oggetto di alienazione.
Larticolo 1 dispone inoltre che nellambito della definizione dei beni che possono essere trasferiti alla societ Patrimonio dello Stato Spa dal Ministero delleconomia e delle finanze con mero decreto ministeriale, vi sia il parere obbligatorio delle Commissioni parlamentari nonch il visto sia del Consiglio di Stato sia della Corte dei conti, ex lege 23 agosto 1988, n. 400. Per esigenze di pubblicit si richiede inoltre la pubblicazione del decreto nella Gazzetta Ufficiale.
Infine, larticolo 2 sancisce che i beni patrimoniali che possono essere trasferiti alla societ Infrastrutture Spa, e che la stessa pu adibire a garanzia dellemissione di titoli di debito per i finanziamenti di propria competenza, non possono essere che beni alienabili, affinch la garanzia sia effettiva. Questo porta implicitamente ad escludere tutti i principali beni pubblici, dei quali appare necessario preservare lindisponibilit.


DISEGNO DI LEGGE

Art. 1.
(Trasparenza e pubblicit nella definizione dei beni trasferiti alla Societ Patrimonio dello Stato Spa. Tutela dei beni culturali e ambientali)
1. Allarticolo 7, comma 10, del decreto-legge 15 aprile 2002, n. 63, convertito, con modificazioni, dalla legge 15 giugno 2002, n. 112, sono apportate le seguenti modificazioni:
a) al secondo periodo, dopo le parole: con decreto del Ministro delleconomia e delle finanze, sono inserite le seguenti: previo parere vincolante delle Commisisoni parlamentari competenti e del Consiglio di Stato, sottoposto al visto e alla registrazione della Corte dei conti, e pubblicato nella Gazzetta Ufficiale,;
b) al terzo periodo, dopo le parole: Il trasferimento sono inserite le seguenti: ad esclusione dei beni appartenenti al demanio individuati ai sensi dellarticolo 822 del codice civile nonch di quelli appartenenti al patrimonio indisponibile dello Stato;
c) il quarto periodo sostituito dai seguenti: Sono comunque inalienabili i beni riconosciuti come monumenti nazionali, i beni di interesse archeologico, gli edifici destinati ad uso amministrativo dello Stato, delle regioni e degli enti locali fino a quando ne sussista luso, i beni di particolare importanza per il loro riferimento con la storia politica, militare, della letteratura, dellarte e della cultura in genere, ai sensi dellarticolo 2 della legge 1 giugno 1939, n. 1089, cos come recepito nel Titolo I del testo unico delle disposizioni legislative in materia di beni culturali e ambientali, di cui al decreto legislativo 29 ottobre 1999, n. 490, nonch ogni altro bene, riconosciuto con proprio decreto dal Ministro per i beni e le attivit culturali, che documenti o testimoni lidentit e la storia delle istituzioni pubbliche, collettive, ecclesiastiche. Il trasferimento di beni di particolare valore artistico, storico e paesaggistico, cos come definiti e individuati dal citato testo unico di cui al decreto legislativo n. 490 del 1999, effettuato dintesa con il Ministero per i beni e le attivit culturali che dovr preventivamente approvare lelenco dei beni trasferibili, nonch i criteri di valorizzazione con cui questi potranno essere gestiti e leventuale cambio di destinazione duso. Qualora i beni trasferiti rientrino nellambito di aree naturali protette, ai sensi della legge 6 dicembre 1991, n. 394, e successive modificazioni, o allinterno di aree di particolare pregio naturalistico, individuate ai sensi della normativa comunitaria, per il loro trasferimento, nonch per la definizione dei criteri di valorizzazione, occorre lintesa con il Ministero dellambiente e della tutela del territorio. Prima del definitivo trasferimento dei beni alla societ Patrimonio dello Stato Spa, lelenco di questi dovr essere approvato dalla Conferenza unificata Stato-regioni-enti locali che dovr essere altres interpellata relativamente agli elenchi dei beni su cui si intendesse procedere allalienazione anche attraverso eventuale applicazione delle procedure di sdemanializzazione. Tutti i soggetti pubblici hanno diritto di prelazione sulle eventuali alienazioni.
2. Allarticolo 7, comma 12, del citato decreto-legge n. 63 del 2002, convertito, con modificazioni, dalla legge n. 112 del 2002, aggiunto, in fine, il seguente periodo: comunque escluso il trasferimento alla societ di cui allarticolo 8 di beni appartenenti al demanio, individuati dallarticolo 822 del codice civile, nonch di beni appartenenti al patrimonio indisponibile dello Stato.
Art. 2.
(Garanzie)
1. Allarticolo 8 del decreto-legge 15 aprile 2002, n. 63, convertito, con modificazioni, dalla legge 15 giugno 2002, n. 112, dopo il comma 2 inserito il seguente:
2-bis. I beni dello Stato che sono trasferiti alla societ Infrastrutture Spa e che la stessa pu utilizzare a garanzia dellemissione di titoli di debito per i finanziamenti di cui alle lettere a) e b) del comma 3, non possono, in nessun caso, appartenere al demanio e al patrimonio indisponibile dello Stato.



news

23-08-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 23 agosto 2019

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

Archivio news